Luca Annunziata

Intel si butta su ARM

Come si vociferava da tempo, Santa Clara inizia a produrre altri chip nelle proprie fonderie. Si inizia con un quad-core 64bit disegnato da Altera, che incorpora recentissimi design di ARM

Roma - La collaborazione tra Altera e Intel si arricchisce di una novità assoluta: a partire dal 2014 il chipmaker di Santa Clara produrrà nelle proprie fonderie il SoC Stratix 10, impiegando lo stato dell'arte della sua tecnologia per realizzare quello che probabilmente è il processore ARM più potente e moderno sul mercato. In altre parole, Intel abbandona il rapporto monogamico con x86 per offrire al pubblico quanto da tempo chiede a gran voce: chip a basso consumo ARM realizzati con la qualità e le innovazioni sviluppate dai tecnici del chipmaker.

Intel e Altera avevano già iniziato tempo addietro a interagire nella produzione di FPGA (field programmable gate array), ovvero processori parzialmente modificabili dall'acquirente dopo la produzione: lo Stratix 10 è un prodotto di questa linea, e sarà realizzato sfruttando i design ARM Cortex-A53 declinato in una versione quad-core a 64bit da oltre 1GHz di frequenza, con un processo di miniaturizzazione da 14nm e giunture Tri-gate. In altre parole, Altera mette in comune le doti dell'architettura ARMv8 (che è retro-compatibile con il codice 32bit scritto per Cortex-A9) e le tecnologie disponibili nelle fonderie di Santa Clara: il risultato potrebbe essere un prodotto dalle performance e dai consumi da primo della classe.

Più significativa ancora, comunque, è la decisione di Intel di offrire le proprie fabbriche a committenti esterni per costruire chip non solo x86: il mercato, sia quello consumer che quello professionale ed enterprise, chiede a gran voce chip ARM, e un chipmaker che si rispetti non può essere sordo a queste richieste (AMD ha già accolto queste richieste). Inoltre, Altera potrebbe essere solo l'inizio: in giro ci sono parecchie aziende che potrebbero accogliere di buon grado la notizia che Intel produce chip ARM, una su tutte Apple che potrebbe così tagliare i ponti che la tengono legata a Samsung per la produzione del chip A7 che è presente nelle ultime versioni di iPhone e iPad.
La decisione di Intel di fare la fonderia per i chip altrui è senz'altro motivata da una presa di coscienza della realtà del mercato dell'elettronica di consumo: l'Internet delle cose, i micro-server, il mobile e altri settori stanno sperimentando o confermando la supremazia di ARM, e Intel nonostante i suoi sforzi non è riuscita ancora a scalfire il primato altrui. Il nuovo corso varato dal CEO Krzanich pare dunque votato ad abbracciare l'intero panorama dell'elettronica tentando di far fruttare le competenze e le tecnologie di Intel: una scelta che la pone in diretta concorrenza con Samsung, TSMC e Global Foundries per ottenere le commesse di importanti marchi come Nvidia o Qualcomm.

Luca Annunziata
Notizie collegate
  • HardwareIntel e il computing a basso consumoAtom per i datacenter e Core per ultrabook che consumano come un tablet. Santa Clara prova a tenere testa alla concorrenza con molti meno watt del solito
  • HardwareCon Galileo Intel scopre ArduinoIl chipmaker si lancia nell'open-hardware. Migliaia di schede con chip di Santa Clara distribuite a università e centri di ricerca. Punto Informatico intervista Mike Bell, a capo della divisione che ha sviluppato il progetto
  • HardwareARM inaugura un biennio a base di CPU e DRMIl designer britannico annuncia la nuova architettura A12 per smartphone di fascia media. Poi ci sono GPU per tutti i gusti. E un chip progettato su richiesta e su misura per Hollywood
122 Commenti alla Notizia Intel si butta su ARM
Ordina
  • - Scritto da: Alex
    > Olivetti quando ha venduto arm era orba non miope
    >Sorride
    >
    > http://it.m.wikipedia.org/wiki/Acorn_Computers
    era in mano ad un pescecane all'epoca In lacrime
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alex
    > Olivetti quando ha venduto arm era orba non miope
    >Sorride
    >
    > http://it.m.wikipedia.org/wiki/Acorn_Computers

    E' difficile trovare una scelta lungimirante nella storia recente di Olivetti.
    non+autenticato
  • sarebbe uscito il Nexus 5A bocca aperta

    e dai primi bench, sembra andare quanto l'iphone 5s!! mhm, poveri x86A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > sarebbe uscito il Nexus 5A bocca aperta
    >
    > e dai primi bench, sembra andare quanto l'iphone
    > 5s!! mhm, poveri x86
    >A bocca aperta

    Impossibile!
    Costa la metà!!!
    non+autenticato
  • Non credo che un eventuale passaggio ad ARM sia un problema per MS.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 31 ottobre 2013 20.10
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10893
  • - Scritto da: FDG
    > Non credo che un eventuale passaggio ad ARM sia
    > un problema per
    > MS.

    considerando che hanno ben altri problemiA bocca aperta

    comunque non saprei, perchè molto software windows è saldamente legato all'architettura x86

    al tempo di windows rt e compagnia, molti dicevano che era tutto .net e quindi portabile, invece sembra che il fratello handicappato di windows non abbia manco il 10% del software windows disponibile ( segno che gli sviluppatori windows usano in maggioranza c++ e codice nativo invece di c# e .net)
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: FDG
    > > Non credo che un eventuale passaggio ad ARM
    > sia
    > > un problema per
    > > MS.
    >
    > considerando che hanno ben altri problemiA bocca aperta
    >
    > comunque non saprei, perchè molto software
    > windows è saldamente legato all'architettura
    > x86
    >
    > al tempo di windows rt e compagnia, molti
    > dicevano che era tutto .net e quindi portabile,
    > invece sembra che il fratello handicappato di
    > windows non abbia manco il 10% del software
    > windows disponibile ( segno che gli sviluppatori
    > windows usano in maggioranza c++ e codice nativo
    > invece di c# e
    > .net)
    chiediti perchéA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione

    > al tempo di windows rt e compagnia, molti
    > dicevano che era tutto .net e quindi portabile,
    > invece sembra che il fratello handicappato di
    > windows non abbia manco il 10% del software
    > windows disponibile ( segno che gli sviluppatori
    > windows usano in maggioranza c++ e codice nativo
    > invece di c# e .net)

    Non mi aspetto che ci sia compatibilità binaria. A parte questo, quanto è portabile il software? MS sarebbe in grado di gestire un tale passaggio o no?
    FDG
    10893
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: collione
    >
    > > al tempo di windows rt e compagnia, molti
    > > dicevano che era tutto .net e quindi
    > portabile,
    > > invece sembra che il fratello handicappato di
    > > windows non abbia manco il 10% del software
    > > windows disponibile ( segno che gli
    > sviluppatori
    > > windows usano in maggioranza c++ e codice
    > nativo
    > > invece di c# e .net)
    >
    > Non mi aspetto che ci sia compatibilità binaria.
    > A parte questo, quanto è portabile il software?
    > MS sarebbe in grado di gestire un tale passaggio
    > o
    > no?
    se c'è riuscita applez con rosetta...
    non+autenticato
  • e' ormai ora di sparare un calcio in culo all'x86 e passare ad una filosofia (quella risc) piu' efficente.
    non+autenticato
  • Lo dicevano 20 e passa anni fa: ricordo una saggio di una ricercatrice che elogiava I benefici dei RISC ARM nei confronti dei CISC x86 e prevedeva un ribaltamento delle posizioni da lì a poco...

    In realtà rimarranno entrambi, ARM per device semplici, portabili e a basso consumo e gli x86-64 per workstation e servers con grosse capacità di calcolo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ma ci faccia il piacere
    > Lo dicevano 20 e passa anni fa: ricordo una
    > saggio di una ricercatrice che elogiava I
    > benefici dei RISC ARM nei confronti dei CISC x86
    > e prevedeva un ribaltamento delle posizioni da lì
    > a poco...

    confondi una previsione teorica con una manifestazione pratica.
    RISC *E'* migliore ma da li' a rimpiazzare tutto dall'oggi al domani che ne corre. Se poi consideri il patto scellerato tra intel e windows per tenere nel recinto la gente (o meglio, il loro portafogli) allora mgari puoi capire che sia necessaria una generazione umana per passare da A a B.

    > In realtà rimarranno entrambi, ARM per device
    > semplici, portabili e a basso consumo e gli
    > x86-64 per workstation e servers con grosse
    > capacità di
    > calcolo.

    Vero, per il momento cisc ha la palma delle prestazioni assolute, non di quelle relative se tenuti in considerazioni consumi e costi. Vedremo tra 5 anni se sara' ancora cosi', non mi stupirei di un miglioramnto dei risc percentualmente superiore ai cisc anno-su-anno, e quindi un sorpasso in 5-10 anni. Ho l'impressione che i cisc siano stati spremuti fino all'osso mentre i risc abbiano ancora da dare parecchio in termini di miglioramento.
    Parliamo gia' di risc 4 core a 64 bit con geometrie a 14nm, per cui potranno essere quarzati a 2Ghz o piu' SENZA necessitare di ventola di raffreddamento... un vantaggio non da poco nei CED che consumano una tombola solo di raffreddamento.
    Per darti una idea, i 4core della freescale a 40 nm stanno a 1.2Gnz con dissipatore passivo, i rockchip stanno a 28nm e viaggiano a 1.4Gz senza dissipatore passivo.
    Vedremo cosa ci riservera' il futuro.
    non+autenticato
  • Scusate ma di quali RISC state parlando confrontandoli con X86? Se ARM il discorso tiene, se invece si include anche PowerPC e SPARC forse è meglio che rivediate i vs discorsi.
    Paragonare PowerPC (il 7 neanche lo prendiamo in considerazione dato che fà "sbiancare" Itanium che è una tecnologia VLIW su x86; analogamente per l'ultimo nato SPARC T5) e SPARC alle porcate Intel/AMD x86 ??????????
  • PowerPC e SPARC HANNO perso davanti ad Intel/AMD, rappresentano una percentuale risibile, i RISC ARM invece stanno stravincendo, ma dopo 20 anni dalle previsioni più di parte e per scopi neppure considerati allora (smartphone, tablet, set-top-box, TV, frigoriferi, lavatrici, etc.)

    A me poco ne cale della teoria pura, la tecnologia vincente è quella che sposa le necessità reali con i migliori risultati possibili: la miglior auto non è la Ferrari da 1M€ ma l'ibrida o la range-extender che mi cambierà la vita automobilistica con soli 15M€
    non+autenticato
  • ma infatti lui riconosce i meriti di ARM, però bacchetta gli altri due

    in effetti SPARC è un'architettura allucinante ( a cominciare dall'instruction decoding ), in confronto alla quale x86 sembra il paradiso

    RISC ok, ma non pensiate che tutti i RISC sono belli e fighi

    diciamo piuttosto che Acorn le ISA le sapeva fare e ARM ha continuato su quella strada
    non+autenticato
  • mi trovo tutto sommato d'accordo, seppur anche l'accoppiata CISC & x86 ha ancora margini di miglioramento sul fronte del risparmio dei consumi energetici.

    soprattutto per ciò che riguarda le soluzioni enterprise con carichi di lavoro gravosi, decisamente sopra la media:

    Avoton C2750 Octa-Core

    http://www.anandtech.com/show/7265/intels-second-g...

    http://www.servethehome.com/Server-detail/intel-at.../


    a consumi non siamo ancora agli eccellenti livelli ARM, ma bisogna ammettere che rispetto agli Atom serie 1000, con solo una gen di sviluppo siamo quasi su un altro pianeta.

    INTEL ha deciso di poter lavorare su entrambi i fronti e non abbandonerà x86 tanto facilmente: poco ma sicuro.

    questo antagonismo non potrà che portare ad una accelerazione nell'ottimizzazione e anche, soprattutto, ad una offerta con soluzioni ancora più economiche.

    direi che così si aprono scenari migliori per tutti
    non+autenticato
  • No per ora mi tengo il mio ultimo Haswell, che va bene e consuma poco. Posso virtualizzare altri sistemi con ottime prestazioni, specie con gli SSD, e per ancora altri 4 anni aggiornerò solo CPU e ram, e forse capacità disco.

    Poi si vedrà, magari una macchinetta ARM la prenderò per sperimentare un po'...
    iRoby
    7615
  • Ciao.

    Era prevedibile, ma non centra nulla la guerra x86 vs ARM.
    Ad intel non frega nulla, imho.
    Questa mossa sarà pianificata da chissà quanti mesi o anni

    Come dicevo in altri post [1], intel cerca(va) solo di tardare la fine di un mercato (x86) dove non ha rivali commerciali.

    Intel non ha paura di arm per il semplice fatto che anche avendo maggiore concorrenza può arrivare con un prodotto tra i migliori sul mercato in un batter d'occhio.

    la "guerra" arm vs X86 esiste solo per chi la vuole vedere.

    IMHO


    [1] http://punto-informatico.it/3884537/PI/News/intel-...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Phronesis
    > Ciao.
    >
    > Era prevedibile, ma non centra nulla la guerra
    > x86 vs
    > ARM.
    > Ad intel non frega nulla, imho.
    > Questa mossa sarà pianificata da chissà quanti
    > mesi o
    > anni
    >
    > Come dicevo in altri post [1], intel cerca(va)
    > solo di tardare la fine di un mercato (x86) dove
    > non ha rivali
    > commerciali.
    >
    > Intel non ha paura di arm per il semplice fatto
    > che anche avendo maggiore concorrenza può
    > arrivare con un prodotto tra i migliori sul
    > mercato in un batter
    > d'occhio.
    >
    > la "guerra" arm vs X86 esiste solo per chi la
    > vuole
    > vedere.
    >
    > IMHO
    >
    >
    > [1]
    > http://punto-informatico.it/3884537/PI/News/intel-


    Non è proprio così!
    Praticamente x86 è sinonimo di Intel, ARM è oggi sinonimo di Risc, ma oggi !
    Solo pochi anni fa i Risc erano i powerpc di IBM o gli Alpha poi alla fine rilevati e dismessi da Intel per fare largo a quelle ciofeche di Itanium! Già intel fino a pochi anni fa aveva una divisione RISC che ha VENDUTO!!! solo pochissimi anni fa!
    E ora cosa fa si riduce a prestare le sue Fab a chi voglia CPU ARM? O si mette a produrre ARM in licenza? Lei che in pratica era abituata a scrivere le regole di compatibilita di ogni nuovo x86?

    P.S. Lo sapevi che ARM è un'azienda che progetta processori Risc? O forse come tanti pensavi che gli ARM fossero una categoria di processori come i Risc?
  • Ciao.
    Ho riletto più volte il mio intervento per vedere se avevo espresso in maniera scorretta il mio pensiero, non mi pare quindi dovrò rielaborarlo perchè non "fila" con le obiezioni che mi portiSorride

    - Scritto da: Enjoy with Us
    > Non è proprio così!

    Non è proprio così cosa?
    Che intel non ha nessuna remore morale a produrre ARM.
    Ma gli interessava solo tardare la "scomparsa" del mercato x86 dove domina commercialmente?

    > Già intel fino a pochi anni fa aveva una
    > divisione RISC che ha VENDUTO!!! solo pochissimi
    > anni
    > fa!

    Quindi? allora (2006) non gli conveniva, sono aziende, fanno scelte.

    Noi ragioniamo col senno di poi, gli smartphone e i tablet potevano tardare a diffondersi o fallire e non staremmo qui a fare questo discorso.
    Allora gli sembrava, immagino, una buona idea vendere visto che cito da wiki:

    "
    La vendita della divisione XScale consente inoltre ad Intel di disporre di una consistente quantità di fondi da reinvestire nei principali settori, ovvero quello dei processori e nelle soluzioni hardware per tecnologie Wi-Fi e WiMAX.
    "


    > E ora cosa fa si riduce a prestare le sue Fab a
    > chi voglia CPU ARM? O si mette a produrre ARM in
    > licenza? Lei che in pratica era abituata a
    > scrivere le regole di compatibilita di ogni nuovo
    > x86?

    Produce processori, ha un botto di soldi, le migliori farm in circolazione e il know how per progettare e personalizzare sia la GPU che le CPU arm per renderle il top sul mercato oltre che miriadi di brevetti su componenti come memorie stato solido, moduli wifi etc etc.

    Io non direi "ridursi a"

    Ripeto vedi una guerra che intel non vive, non che non ci sia una guerra tra il predominio del mercato x86 arm, intel può mangiare benissimo da entrambi i piatti.

    >
    > P.S. Lo sapevi che ARM è un'azienda che progetta
    > processori Risc? O forse come tanti pensavi che
    > gli ARM fossero una categoria di processori come
    > i
    > Risc?

    Intendo, immagino come molti, questo
    http://it.wikipedia.org/wiki/Architettura_ARM

    Si sintetizza (erroneamente come sottolinei) ARM come si sintetizza erroneamente x86 come immagino tu sai bene.
    è una semplificazione discorsiva

    come ben spieghi tu stesso

    > Praticamente x86 è sinonimo di Intel, ARM è oggi
    > sinonimo di Risc, ma oggi
    > !
    > Solo pochi anni fa i Risc erano i powerpc di IBM
    > o gli Alpha poi alla fine rilevati e dismessi da
    > Intel per fare largo a quelle ciofeche di
    > Itanium!

    Ciao.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Phronesis

    > Produce processori, ha un botto di soldi, le
    > migliori farm in circolazione e il know how per
    > progettare e personalizzare sia la GPU che le CPU
    > arm per renderle il top sul mercato oltre che
    > miriadi di brevetti su componenti come memorie
    > stato solido, moduli wifi etc etc.
    >
    > Io non direi "ridursi a"

    Ha le conoscenze e gli strumenti, oltre che i soldi, per produrre i migliori ARM sul mercato. Certamente perderà il controllo sull'architettura... ma pazienza, it's business baby!
    FDG
    10893
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: Phronesis
    >
    > > Produce processori, ha un botto di soldi, le
    > > migliori farm in circolazione e il know how
    > per
    > > progettare e personalizzare sia la GPU che
    > le
    > CPU
    > > arm per renderle il top sul mercato oltre che
    > > miriadi di brevetti su componenti come
    > memorie
    > > stato solido, moduli wifi etc etc.
    > >
    > > Io non direi "ridursi a"
    >
    > Ha le conoscenze e gli strumenti, oltre che i
    > soldi, per produrre i migliori ARM sul mercato.
    > Certamente perderà il controllo
    > sull'architettura... ma pazienza, it's business
    > baby!

    E soprattutto i MARGINI che ha oggi con gli x86. Per quello cerca/ha cercato in tutti i modi di evitarlo.
  • - Scritto da: MacGeek

    > E soprattutto i MARGINI che ha oggi con gli x86.
    > Per quello cerca/ha cercato in tutti i modi di
    > evitarlo.

    E mica è sempre festa
    FDG
    10893
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: Phronesis
    >
    > > Produce processori, ha un botto di soldi, le
    > > migliori farm in circolazione e il know how
    > per
    > > progettare e personalizzare sia la GPU che
    > le
    > CPU
    > > arm per renderle il top sul mercato oltre che
    > > miriadi di brevetti su componenti come
    > memorie
    > > stato solido, moduli wifi etc etc.
    > >
    > > Io non direi "ridursi a"
    >
    > Ha le conoscenze e gli strumenti, oltre che i
    > soldi, per produrre i migliori ARM sul mercato.
    > Certamente perderà il controllo
    > sull'architettura... ma pazienza, it's business
    > baby!

    Era quello che in fondo dicevo anche io.

    Sul controllo dell'architettura (immagino tu intenda sulla maggiore concorrenza negli ARM) alla lunga secondo me succederà come gli x86 il mercato diminuirà il numero dei competitors, leggevo l'altro giorno che mantenere una fab costa tantissimo, un mercato troppo spezzettato di produttori non è sostenibile, adesso il mercato è in forte espansione e questo lo sfalsa un pochetto.
    non+autenticato
  • Se Intel è furba (e lo è) si progetterà la sua ISA RISC proprietaria diversa da ARM quel che basta per non avere problemi di licenze/brevetti ma abbastanza simile da rendere il porting del codice praticamente immediato.
    Se si accorda con google per il porting di adroid (gia fatto x x86) potrebbe offire a tutti i produttori di telefoni un soc con prestazioni inarrivabili per la concorrenza basata su ARM
    .poz
    200
  • - Scritto da: Phronesis
    > Ciao.
    > Ho riletto più volte il mio intervento per vedere
    > se avevo espresso in maniera scorretta il mio
    > pensiero, non mi pare quindi dovrò rielaborarlo
    > perchè non "fila" con le obiezioni che mi porti
    >Sorride
    >
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > Non è proprio così!
    >
    > Non è proprio così cosa?
    > Che intel non ha nessuna remore morale a produrre
    > ARM.
    > Ma gli interessava solo tardare la "scomparsa"
    > del mercato x86 dove domina
    > commercialmente?
    >
    > > Già intel fino a pochi anni fa aveva una
    > > divisione RISC che ha VENDUTO!!! solo
    > pochissimi
    > > anni
    > > fa!
    >
    > Quindi? allora (2006) non gli conveniva, sono
    > aziende, fanno
    > scelte.
    >
    > Noi ragioniamo col senno di poi, gli smartphone e
    > i tablet potevano tardare a diffondersi o fallire
    > e non staremmo qui a fare questo
    > discorso.
    > Allora gli sembrava, immagino, una buona idea
    > vendere visto che cito da
    > wiki:
    >
    > "
    > La vendita della divisione XScale consente
    > inoltre ad Intel di disporre di una consistente
    > quantità di fondi da reinvestire nei principali
    > settori, ovvero quello dei processori e nelle
    > soluzioni hardware per tecnologie Wi-Fi e
    > WiMAX.
    > "
    >
    >
    > > E ora cosa fa si riduce a prestare le sue
    > Fab
    > a
    > > chi voglia CPU ARM? O si mette a produrre
    > ARM
    > in
    > > licenza? Lei che in pratica era abituata a
    > > scrivere le regole di compatibilita di ogni
    > nuovo
    > > x86?
    >
    > Produce processori, ha un botto di soldi, le
    > migliori farm in circolazione e il know how per
    > progettare e personalizzare sia la GPU che le CPU
    > arm per renderle il top sul mercato oltre che
    > miriadi di brevetti su componenti come memorie
    > stato solido, moduli wifi etc
    > etc.
    >
    > Io non direi "ridursi a"
    >
    > Ripeto vedi una guerra che intel non vive, non
    > che non ci sia una guerra tra il predominio del
    > mercato x86 arm, intel può mangiare benissimo da
    > entrambi i
    > piatti.
    >
    > >
    > > P.S. Lo sapevi che ARM è un'azienda che
    > progetta
    > > processori Risc? O forse come tanti pensavi
    > che
    > > gli ARM fossero una categoria di processori
    > come
    > > i
    > > Risc?
    >
    > Intendo, immagino come molti, questo
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Architettura_ARM
    >
    > Si sintetizza (erroneamente come sottolinei) ARM
    > come si sintetizza erroneamente x86 come immagino
    > tu sai
    > bene.
    > è una semplificazione discorsiva
    >
    > come ben spieghi tu stesso
    >
    > > Praticamente x86 è sinonimo di Intel, ARM è
    > oggi
    > > sinonimo di Risc, ma oggi
    > > !
    > > Solo pochi anni fa i Risc erano i powerpc di
    > IBM
    > > o gli Alpha poi alla fine rilevati e
    > dismessi
    > da
    > > Intel per fare largo a quelle ciofeche di
    > > Itanium!
    >
    > Ciao.

    Vedo che non capisci nulla!
    Intel poteva mettere le mani sui Risc Alpha e grazie alle sue fab più avanzate tenere saldamente in mano anche il mercato dei Risc, invece no! Ha preferito affossare Alpha ed uscire dal mercato Risc! E oggi a cosa l'ha portata? Ad affittare le sue Fab per produrre su licenza degli ARM? Caspita un bel successo! Invece di poter imporre i propri standard (e margini di guadagno) come nel mondo x86 si ritrova a competere con una samsung qualsiasi... ora ha solo il vantaggio delle tecniche di miniaturizzazione all'avanguardia, vedrai che in pochi anni perderà anche questo vantaggio, poi che farà?
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > Vedo che non capisci nulla!

    Può essere.

    > Intel poteva mettere le mani sui Risc Alpha e
    > grazie alle sue fab più avanzate tenere
    > saldamente in mano anche il mercato dei Risc,
    > invece no! Ha preferito affossare Alpha ed uscire
    > dal mercato Risc! E oggi a cosa l'ha portata? Ad
    > affittare le sue Fab per produrre su licenza
    > degli ARM? Caspita un bel successo! Invece di
    > poter imporre i propri standard (e margini di
    > guadagno) come nel mondo x86 si ritrova a
    > competere con una samsung qualsiasi... ora ha
    > solo il vantaggio delle tecniche di
    > miniaturizzazione all'avanguardia, vedrai che in
    > pochi anni perderà anche questo vantaggio, poi
    > che
    > farà?

    Questa è fanta-informatica fatta di se, ma, un tempo, allora, avrebbe potuto, poteva essere.

    Non è andata così, vuoi fare un processo a come doveva andare, vuoi aggiungerci "io l'avevo detto" bene, per i miei parametri parlare in questi termini è poco produttivo; buona continuazione, leggerò con piacere.

    ciao
    non+autenticato
  • in realtà da diverse generazioni gli x86 sono (parzialmente) RISC. Le istruzioni x86 sono disassemblate in più istruzioni microcode ed eseguite in maniera del tutto trasparente a s.o. programmatore etc.
    .poz
    200
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)