Alfonso Maruccia

Il ritorno di Silk Road

Il famigerato servizio per la vendita di prodotti dalla dubbia legalitÓ torna a fare la propria comparsa online. E ricomincia il dibattito: chi Ŕ il gestore questa volta? E Bitcoin, Ŕ sicuro o no?

Roma - Silk Road è morta, lunga vita a Silk Road 2.0: a un mese dalla capitolazione sotto i colpi degli agenti federali USA, il famigerato servizio di compravendita per droghe, passaporti falsi e altre merci illegali ospitato dal network Tor torna online più vivo e battagliero che mai. Mistero, a questo punto, sull'identità del nuovo (vecchio?) gestore del portale.

Chi ha avuto premura di annunciare il ritorno di Silk Road si firma Dread Pirate Roberts (DPR) esattamente come in passato, ma secondo l'FBI il "Dread Pirate Roberts" originale - e gestore del primo Silk Road - è lo statunitense Ross Ulbricht ora detenuto a New York e in attesa di giudizio.



Nel suo messaggio alla community, il "nuovo" DPR sostiene di aver implementato - assieme allo staff del portale - una sostanziale riscrittura del codice in funzione di una maggiore sicurezza. ╚ l'inizio di una "nuova era" per i servizi nascosti nelle pieghe del Deep Web, promette il messaggio, e se l'FBI ci ha messo due anni e mezzo per buttare giù il primo Silk Road questa volta le cose andranno molto diversamente.
A un'occhiata di superficie il secondo Silk Road funziona esattamente come quello precedente, anche se per la compravendita delle "merci" occorrerà attendere ancora qualche giorno. Stesse condizioni poi per i venditori, con una trattenuta del 4-8 per cento sul valore di ogni transazione e la necessità di verificare la propria identità tramite chiave PGP già nota al precedente portale o un anticipo (poi rimborsato) di 200 dollari.

DPR è tornato alla carica e le agenzie statunitensi a tre lettere (soprattutto FBI ed NSA) prenderanno certamente nota del fatto, mentre quello che al momento è chiamato a rispondere della propria (presunta) responsabilità in merito alla gestione di Silk Road si professa innocente - DPR non è lui - e attende pazientemente che l'avvocato lo faccia scarcerare.

Il ritorno di Silk Road sulla scena coincide con il dibattito sempre più accesso sulla sicurezza di Bitcoin, moneta virtuale che uno studio recente ha bollato come vulnerabile sin dalle fondamenta: i ricercatori discutono, mentre gli sviluppatori che lavorano sul codice si dicono scettici e aspettano una verifica imparziale delle informazioni contenute nello studio.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàSilk Road, altri arresti nel deep WebDue fornitori ammanettati nello stato di Washington, altri quattro spacciatori acciuffati nel Regno Unito. La comunitÓ hacker Ŕ convinta che i federali abbiano sfruttato una vulnerabilitÓ per accedere ai server del mercato nero
  • SicurezzaBitcoin è vulnerabile al mining egoistaUna nuova ricerca evidenzia una vulnerabilitÓ sostanziale dell'algoritmo di generazione di Bitcoin, moneta virtuale aperta a un potenziale complotto contro gli interessi generali dell'intero mercato di BTC
22 Commenti alla Notizia Il ritorno di Silk Road
Ordina