Cellulari, le brevissime di oggi

i-mode è realtà in Italia - Passare a Vodafone non costa, anzi c'è il bonus - 2004, l'anno dell'UMTS italiano

i-mode è realtà in Italia
Si chiama i-mode e seppure non sia una novità vera è propria lo è per l'Italia dove Wind, in seguito ad un accordo con DoCoMo, l'azienda giapponese che ha inventato questa tecnologia, è di fatto il primo operatore di telefonia mobile italiano ad offrire l'opportunità di navigare su Internet dal cellulare. i-mode non è un sistema che possa ricordare in qualche modo il Wap ma un vero e proprio browser attraverso il quale si può accedere alla rete. Wind ha annunciato che per utilizzare i-mode bisogna munirsi di nuovi cellulari: per ora sono in commercio solo i Nec 223i e 341i (con fotocamera).
Con il lancio del nuovo servizio non poteva mancare una promozione imponente per quanti decideranno di scoprire i-mode entro il 31 gennaio 2004: i nuovi abbonati potranno inviare gratuitamente e-mail e MMS, registrarsi gratuitamente ai siti content di i-mode, avranno 10 euro di traffico telefonico gratuito verso qualsiasi numero e ben 500 euro verso altri cellulari Wind, in bonus da 50 euro al mese.
Ulteriori informazioni sul servizio saranno presto disponibili sul sito Wind.

Passare a Vodafone non costa, anzi c'è il bonus
In promozione fino al 26 gennaio 2004 Vodafone offre il passaggio gratuito per chi sfrutta il sistema di Mobile Number Portability (MNP). Inoltre, da quando il numero di telefono sarà passato al nuovo gestore, chi effettuerà una ricarica sulla nuova SIM con il vecchio numero entro fine gennaio 2004 per un importo di almeno 25 euro riceverà 20 euro di bonus come ricarica gratuita. Quanti hanno contratti in abbonamento riceveranno 20 euro di sconto nella prima bolletta.

2004, l'anno dell'UMTS italiano
Ormai tutti i principali operatori di telefonia mobile italiani stanno mettendo a punto le strategie per il 3G, la telefonia di terza generazione che promette, ormai da anni, l'arrivo di una quantità di nuovi servizi su cellulare.
Vodafone ha fatto sapere che conta di cominciare la promozione dei propri servizi UMTS dopo la prossima estate, Wind ha indicato il lancio del proprio servizio UMTS abbinato a i-mode per lo stesso periodo. TIM dovrebbe anticipare tutti, stando a quanto era stato detto ai tempi dello Smau, quando il principale operatore italiano aveva previsto il lancio del servizio entro la fine dell'anno.
10 Commenti alla Notizia Cellulari, le brevissime di oggi
Ordina
  • ...leggetevi il mio commento di qualche giorno fa:

    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=4837...

    Giusto per la cronaca: se si ha già l'abbonamento, un cellulare che da noi costa uno sfacelo (300 o 400 euro) lì costa meno di 80-90 euro e comprende fotocamera (anche da 1 o 2 mpixel), java, lettore mp3 e così via...

    Saluti

  • - Scritto da: MaurizioB
    > ...leggetevi il mio commento di qualche
    > giorno fa:
    >
    > http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid

    Una mia amica giapponese, Junko-san mi ha detto: eh si, anch'io ho preso l'imode come tutte le mie amiche, penso sia una delle ultime ragazze ad avere l'imode, qui in Italia cominciamo adesso...
  • "3. Che cos?è un sito indipendente?
    ...

    Un sito indipendente non è inserito nel portale ufficiale i-mode? in quanto non controllato da Wind, ma è comunque visualizzabile inserendo l?indirizzo URL nella funzione "Pagina Web".
    Infatti con i-mode? puoi avere accesso dal telefono a qualunque sito Internet i-mode?. I siti su cui navigare possono essere:
    · siti customizzati i-mode? (c-HTML): permettono la navigazione simile a quella dei siti del portale i-mode?;
    · normali siti Internet (HTML): la user experience/visualizzabilità è molto bassa, sono navigabili soprattutto pagine di solo testo in quanto le immagini non ?ridotte? esauriscono la memoria del telefono e non vengono visualizzate.
    Nessun controllo da parte di Wind è possibile"

    dalle faq di libero / wind
    http://telefonino.libero.it/i-mode/faq.phtml#2

    gasp lo vojoooooooooooooooooo

    :p
    non+autenticato

  • ... Solo che e' un po' piu' veloce (ma e' pure laggato).

    Un browser che non e' un browser, che naviga solo sui siti scritti col suo linguaggio: in pratica non serve a nulla.

    Che sòla!

    BArrYZ

    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Un browser che non e' un browser, che naviga
    > solo sui siti scritti col suo linguaggio: in
    > pratica non serve a nulla.
    > Che sòla!

    ehm ..ma almeno usa il protocollo http, e l html.
    una versione compatta, ok, ma html...Occhiolino

    (cHtml significa Compact Html, un po meno tag e fronzoli.. anche perche' il display e' quel che e'!!)

    Quindi e' un browser a tutti gli effetti che naviga su siti scritti con un linguaggio col quale sono scritti tutti i siti su Internet.

    Il Wap era un browser che non e' un browser con un linguaggio tutto suo... iMode e' diverso...

    Significa che il tuo sito non lo vedi sul cellulare Wap ma si vede su iMode (magari non correttamente ma si vede) e se semplifichi l html lo vedi bene.

    Significa che puoi fare una versione semplificata del tuo sito e andarla a vedere dal telefonino. e... ti vedi la posta per strada (sai che incubo!!)Ficoso

    Trovati qualche faq come questa
    http://www.ducont.com/Technology/FAQs/tech_imodefa...
    e magari un emulatore e dacci un occhioOcchiolino

    tra i motivi del successo di iMode in oriente quelle Faq ad esempio dicono

    "# Email is the "killer ap" just as in the initial years of Internet growth
    # Use of cHTML, which makes it easy not only for developers but also for ordinary consumers to develop content "

    e scusa se e' pocoOcchiolino


    ciao!
    LucaS


  • - Scritto da: LucaSchiavoni
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Un browser che non e' un browser, che
    > naviga
    > > solo sui siti scritti col suo linguaggio:
    > in
    > > pratica non serve a nulla.
    > > Che sòla!
    >
    > ehm ..ma almeno usa il protocollo http, e l
    > html.
    > una versione compatta, ok, ma html...Occhiolino
    >
    > (cHtml significa Compact Html, un po meno
    > tag e fronzoli.. anche perche' il display e'
    > quel che e'!!)
    >
    > Quindi e' un browser a tutti gli effetti che
    > naviga su siti scritti con un linguaggio col
    > quale sono scritti tutti i siti su Internet.
    >
    >
    > Il Wap era un browser che non e' un browser
    > con un linguaggio tutto suo... iMode e'
    > diverso...
    >
    > Significa che il tuo sito non lo vedi sul
    > cellulare Wap ma si vede su iMode (magari
    > non correttamente ma si vede) e se
    > semplifichi l html lo vedi bene.
    >
    > Significa che puoi fare una versione
    > semplificata del tuo sito e andarla a
    > vedere dal telefonino. e... ti vedi la posta
    > per strada (sai che incubo!!)Ficoso
    >
    > Trovati qualche faq come questa
    > http://www.ducont.com/Technology/FAQs/tech_im
    > e magari un emulatore e dacci un occhioOcchiolino
    >
    > tra i motivi del successo di iMode in
    > oriente quelle Faq ad esempio dicono
    >
    >   "# Email is the "killer ap" just as in the
    > initial years of Internet growth
    > # Use of cHTML, which makes it easy not only
    > for developers but also for ordinary
    > consumers to develop content "
    >
    > e scusa se e' pocoOcchiolino
    >
    >
    > ciao!
    > LucaS
    >


    bastava dire che la I di i-mode vuol dire internet !!! (e anche per Informazioni)
    e quindi il web insomma non i siti wap.. con i-mode si va on line !! neanche li chiamano telefoni... li chiamano TERMINALI! come fossero computerini praticamente..

    anche se ho sentito che per le email c'e' il limite di 1000 caratteri, qualcuno sa qualcosa di piu? e come faranno i logorroici ?Occhiolino



    augh
    ToroSedutoAlPc
    non+autenticato
  • è una figata!! io che vivo in Germania da un paio di anni, vi posso dire che ho appena preso un NEC n341i e l'imode mi fa impazzire, ci sono già una cifra di siti e molte opzioni. La mail è utilissima, dato ceh sei sempre online e quindi se ti spediscono qualcosa ti arriva subito come un SMS!
    Ciao
    Strider
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > è una figata!! io che vivo in Germania da un
    > paio di anni, vi posso dire che ho appena
    > preso un NEC n341i e l'imode mi fa
    > impazzire, ci sono già una cifra di siti e
    > molte opzioni. La mail è utilissima, dato
    > ceh sei sempre online e quindi se ti
    > spediscono qualcosa ti arriva subito come un
    > SMS!

    Io ne sono convinto, che la mail mobile potrebbe essere la killer ap.
    Però sono sicuro che tutto dipenderà dal prezzo.
    Fatti due conti, una mail molto lunga, con voda e ai suoi prezzi gprs, viene a costarmi almeno quanto un sms!
    Solo se avessi la certezza che arriva in modo push ad un altro telefonino, potrei preferirla all'onnipresente sms (anche perché, e scusate se è poco, sti i-mode non sono proprio economici)
    Faggiano ha detto.
    non+autenticato
  • eh ma questo si risolve..
    in giappone dove l'i-mode c'e' da anni c'e' uno scatafascio
    di modelli che diventeranno compatibili anche per il nostro mercato penso.
    Quindi noncome UMTS che ha ancora pochi modelli e costa un boato..
    pensa che in giapopne se sottoscrivi l'abbonamento(i prepagati sono unaminoranza) il telefonino te lo danno gratis e puoi cambiarlo ogni tot sempre gratuitamente.
    non+autenticato

  • - Scritto da: LucaSchiavoni

    > ehm ..ma almeno usa il protocollo http, e l
    > html.
    > una versione compatta, ok, ma html...Occhiolino

    Ok ma voi siete di parte, ho visto il vostro logo nei siti collegati all'iniziativa. Già che ci siete perchè non date un po' più di notizie? Insomma qui c'è una barca (imho) di gente che ha siti e che potrebbe essere interessata ad avere il sito compact-complee.

    Io per esempio credo nell'iniziativa anche perche le mie jap-amiche (scusate il jap) hanno tutte l'imode da un sacco di anni e quindi conosco bene cosa significa.

    Per esempio potrei io fare un articolo, ci penso...

    Insomma è quasi sicuramente destinato ad avere un'ampia utenza. Fate un bell'articolo!