Alfonso Maruccia

Kaspersky: virus nello spazio

Eugene Kaspersky parla di malware a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, e pure nei network interni delle centrali nucleari russe. Anche senza Internet, le infezioni alle installazioni sensibili sono un rischio

Kaspersky: virus nello spazioRoma - Eugene Kaspersky vede virus e malware dappertutto, nello spazio così come nelle centrali nucleari russe. Il fondatore della omonima security enterprise moscovita parla in occasione del National Press Club di Canberra, in Australia, e denuncia: le infezioni informatiche non hanno confini, sulla Terra così come in orbita nell'atmosfera.

Nello spazio nessuno può sentirti urlare, ma il codice malevolo spesso e volentieri la fa franca e infetta i PC usati dagli astronauti a bordo della International Space Station: stando a quanto dichiarato da Kaspersky, di tanto in tanto i membri delle spedizioni spaziali si portano appresso chiavette USB infette. La conferma arriverebbe direttamente da un astronauta russo amico di Mr.Kaspersky, ma dell'avvenimento all'epoca (correva l'anno 2008) parlarono anche i giornali.


Un'altra perla di cyber-insicurezza dispensata dall'esperto sovietico in quel di Canberra riguarda poi Stuxnet, la famigerata cyber-arma di nuova generazione creata dalle spie statunitensi e israeliane per attaccare gli impianti di arricchimento dell'uranio iraniani.
Stuxnet, dice Kaspersky, è arrivato a infettare la rete informatica interna di una centrale nucleare in Russia: anche qui la soffiata arriva da un insider, che si è lamentato dell'infezione da Stuxnet nonostante l'impianto fosse tagliato fuori dalla rete globale di Internet.

"Purtroppo - ha dichiarato Eugene Kaspersky - è altamente probabile che altre nazioni non coinvolte in conflitti diverranno vittime di cyber-attacchi condotti contro infrastrutture critiche". Nel cyber-spazio non ci sono confini, dice ancora Kaspersky, e l'uso di sistemi informatici standardizzati tra le suddette infrastrutture (in una parola: Windows) non fa che facilitare il compito al malware o alla "cyber-arma" di turno.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, il generale di StuxnetUn nuovo nemico per gli States: sotto indagine il responsabile dell'operazione che portò alla creazione del famigerato malware anti-iraniano. Sarebbe colpevole di diffusione di informazioni segrete
28 Commenti alla Notizia Kaspersky: virus nello spazio
Ordina
  • chat di oggi con un amico che lavora proprio da poco in Alenia:

    a pranzo la discussione è proseguita
    1) i PC ad uso degli astro sono linux redhat
    2) i sistemi di monitoraggio e controllo della stazione sono kernel linux con SW scritto in ADA
    e questo con buona pace di kaspy
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cris Pochet
    > chat di oggi con un amico che lavora proprio da
    > poco in
    > Alenia:
    >
    > a pranzo la discussione è proseguita
    > 1) i PC ad uso degli astro sono linux redhat
    > 2) i sistemi di monitoraggio e controllo della
    > stazione sono kernel linux con SW scritto in
    > ADA
    > e questo con buona pace di kaspy
    Sarà proprio per quello che sono stati infettati
    non+autenticato
  • mi spiace per te, ma sulla ISS ci sono ancora alcuni server windows, che però la NASA sta pian piano sostituendo con linux
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > mi spiace per te, ma sulla ISS ci sono ancora
    > alcuni server windows, che però la NASA sta pian
    > piano sostituendo con
    > linux

    Ma come si fa a mettere Windows su una stazione spaziale? Ma cazzo un sistema operativo dedicato no eh? Mandino un po' di gente dell'NSA a programmare invece di spiare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: about a boy uno sgabbio
    > [img]http://2.bp.blogspot.com/-Z6tQ94UJ0MI/T7CyfYd

    Rotola dal ridere quoto!
    non+autenticato
  • credo che le centrali atomiche russe non siano completamente offline
    per aggiornareil software usano le antennone satellitari
    e credo anche come back up telefonico nel caso in cui i telefoni siano oiut(attacco atomico ad es)
    insomma i dati non viaggiano solo sul doppino di rame ma pure con i satelliti ,chiaro inserire malware via satellite non e' che sia facilissimo ma e pur sempre possibile avendone le capacita...
    non+autenticato
  • questo degli astronauti che si portano (e glielo lasciano fare) le chiavette USB infette sulla stazione spaziale sembra uno spottone creato ad hoc per ditta di cui sopra, ma talmente incredibile (far passare gli astronauti e tutta la NASA per degli utonti) da risultare un attimo controproducente, secondo me infatti gli astronauti non sono degli utonti, molto più facile che siano dei cazzari gli altriOcchiolino
    non+autenticato
  • Ormai fa quasi tenerezza pensare che intere generazioni di virus si sono potute diffondere e hanno prosperato grazie ad una specifica funzione di un sistema operativo... l'autorun/autoplay da USB.
  • ... e poi vorrei vedere le foto di quei "tecnici" cerebrolesi che la prima volta che usano una chiavetta nuova su un sistem pulito non fanno un autorun.inf vuoto con attributi hidden e system. In questo modo si inibisce il 90% (solo per essere oltremodo prudente) dei malware da chiavetta nel regno di winzozz. Kaspersky è solo uno dei tanti inutili antivirus.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova
    > ... e poi vorrei vedere le foto di quei "tecnici"
    > cerebrolesi che la prima volta che usano una
    > chiavetta nuova su un sistem pulito non fanno un
    > autorun.inf vuoto con attributi hidden e system.

    No.
    Molto piu' sicuro creare una dir AUTORUN.INF che un file, e metterci dentro un file AUX.
    E' molto piu' difficile cancellare una dir con dentro un file AUX che sovrascrivere un file hidden & system.


    > In questo modo si inibisce il 90% (solo per
    > essere oltremodo prudente) dei malware da
    > chiavetta nel regno di winzozz.

    Col mio sistema si inibisce il 99.99% del malware da chiavetta.
  • Condivido, ma da un punto di vista estetico delle directory della chiavetta avere una directory autorun.inf ed un file aux all'interno fa un tantinello cagare. Sino ad oggi il solo autorun.inf hidden e system mi ha sempre protetto su sistemi che sapevo essere infetti da malware da chiavetta. Comunque se mi capiterà di essere infettato manderò a cag*re il punto di vista estetico.A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: prova


    > No.
    > Molto piu' sicuro creare una dir AUTORUN.INF che
    > un file, e metterci dentro un file AUX.

    Questo e' un bel modo di usare i problemi con i nomi di certi file di windows Rotola dal ridere

    Ma a propos di virus e linux !!!!!
    Oggi mi ha chiamato un amico per segnalarmi che il pc di suo padre (Xubuntu) era stato infettato dal virus della polizia di stato: appena apriva firefox gli si apriva una finestra senza gadget di chiusura con la schermata di minacce !!!

    Ok, e' bastata una pulita alle cache del browser e un apt-get per reinstallare firefox e compagnia cantante ed il problema e' scomparso, pero' ci son rimasto Triste
    krane
    22544
  • Kaspersky, come molti altri, è diventato un affarista senza scrupoli e ora cerca di vendere il suo antivirus-ciofeca terrorizzando l'opinione pubblica con queste notizie allarmistiche.

    E' vero che il mondo è pieno di pazzi, ma mi sembra a dir poco ridicolo affermare che in una stazione spaziale, nelle basi militari o nelle centrali nucleari, ci lavori gente talmente sprovveduta da infilare chiavette USB non controllate sui computer che gestiscono direttamente il lancio di missili intercontinentali, i reattori nucleari o le riserve di ossigeno per gli astronauti.

    Ad esempio, nel caso della ISS, i virus trovati a bordo in realtà erano finiti nei portatili personali che gli astronauti magari usano nel tempo libero per giocare a solitario o per salvare le fotografie che hanno scattato.
    In quanto alle centrali nucleari iraniane, dubito molto che Stuxnet si sia trasmesso tramite chiavette USB.
    non+autenticato
  • Hem,

    quarta regola della stupidità di Cipolla:

    Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide; dimenticano costantemente che in qualsiasi momento e luogo, e in qualsiasi circostanza, trattare o associarsi con individui stupidi costituisce infallibilmente un costoso errore.

    Aggiungo che avere una laurea in ingegneria nucleare o essere astronauti non rende immuni.

    PS: faccio notare che le centrali nucleari russe o ex-blocco hanno ben altri problemi (vedi pezzi di ricambio)
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova
    > ... e poi vorrei vedere le foto di quei "tecnici"
    > cerebrolesi che la prima volta che usano una
    > chiavetta nuova su un sistem pulito non fanno un
    > autorun.inf vuoto con attributi hidden e system.
    > In questo modo si inibisce il 90% (solo per
    > essere oltremodo prudente) dei malware da
    > chiavetta nel regno di winzozz. Kaspersky è solo
    > uno dei tanti inutili
    > antivirus.

    Parole sante!
    Disabilitare l'autorun ferma più minacce del miglior antivirus.

    Io ho 2 chiavette: una con l'autorun.inf bloccato ed una pulita.
    La seconda la uso per rilevare i virus nei PC dei clienti.
    non+autenticato
  • un astronauta russo amico di Mr.Kaspersky.
    Gli astronauti sono sotto regime militare e di tutto quello che accade sulla stazione spaziale devono tacere per segretezza.

    Secondo me, al più glielo avrà detto suo cuGGino o un amico di suo cuGGino !!!
    Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > un astronauta russo amico di Mr.Kaspersky.
    > Gli astronauti sono sotto regime militare e di
    > tutto quello che accade sulla stazione spaziale
    > devono tacere per
    > segretezza.
    >
    > Secondo me, al più glielo avrà detto suo cuGGino
    > o un amico di suo cuGGino
    > !!!
    > Rotola dal ridere
    che Kaspersky possa dire "la sua verita'" ci puo stare senz'altro... ma sul "militare & segretezza"... hai presente chi e' Kaspersky si? cioe' da dove viene...
    non+autenticato
  • Non sono più i tempi di Stalin e di Gagarin in orbita, adesso anche se i rapporti politici tesi tra Russia e America han ripercussioni anche in orbita (in fondo la ISS è costituita da due sezioni ben separate con giusto un connettore a collegarle, con Russia e USA a rivendicare la proprietà distinta dei singoli moduli e pure precisi accordi su come spartirsi l'elettricità a bordo o come organizzare gli equipaggi per mantenere l'equilibrio politico a bordo) non è che gli astronauti chiacchieroni rischiano il gulag come ai bei tempi che furono...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)