Harry Potter accessibile, lunedì il processo

Anche l'autrice della celebre saga si costituisce nel procedimento avviato contro Paolo Pietrosanti, che aveva annunciato la diffusione su web di un file con l'ultimo libro della Rowling

Roma - Jeanne Kathleen Rowling, l'autrice dei volumi della saga di Harry Potter, ha deciso di costituirsi in giudizio nel procedimento a carico dell'esponente radicale Paolo Pietrosanti, accusato di aver minacciato la diffusione su web di un file digitale contenente il testo dell'ultimo titolo della serie.

Ad annunciare che alla prossima udienza del Tribunale di Milano, prevista per lunedì 24 novembre alle 12, saranno presenti anche i legali della celebre scrittrice è stato lo stesso Pietrosanti, che già dovrà fronteggiare l'editore Salani che ha chiesto l'avvio del procedimento.

"Dovrò vedermela in Tribunale non solo con l'editore della versione italiana - ha dichiarato Pietrosanti - ma anche con l'autrice della saga del maghetto. Abbiamo reso pubblica la memoria difensiva del mio avvocato, Iuri Maria Prado, che può essere letta su www.pietrosanti.net e su www.radioradicale.it".
Secondo Pietrosanti "ora la parola spetta non più soltanto a me e all'editore italiano, ma anche alla scrittrice più famosa del mondo. Che dovrà pure dire perché non vuole che io legga, anche se materialmente potrei".

"La Signora più ricca del Reame, dopo la Regina - insiste Pietrosanti - dovrà pure dirmi perché vuole impormi la cecità, contro tutto e tutti. Contro ciò che è possibile, facile, concretamente possibile: un cieco può leggere, ma la Signora vuole chiudermi gli occhi. Appuntamento a lunedì. Perché su questo una risposta la esigo".
TAG: censura
57 Commenti alla Notizia Harry Potter accessibile, lunedì il processo
Ordina
  • Leggo tanti, troppi utenti che irrompono con le loro bestialità senza aver nemmeno letto le motivazioni addotte da Pietrosanti? Leggetele, lavatevi la bocca, cospargetevi il capo di cenere e pensateci sopra (se siete attrezzati per farlo).

    POI

    esprimete pure la vostra opinione. Vedrete che sarà diversa.

    Tutto questo miu fa pensare che la maggior causa dell'ignoranza sia la pigrizia. E allora la colpa non è del Sistema (questa grande, misteriosa entità Orwelliana), ma delle persone. Allora che affoghino nella loro ignoranza, ci penserà qualche nuova forma di darwinismo sociale a fare piazza pulita.

    E pensare che il loro voto conta 1, proprio come il mio, proprio come quello di un Nobel. Sempre 1. La democrazia è fallimentare: undici idioti malintenzionati hanno la meglio su dieci genii dai nobili intenti.

    Era meglio quando si stava peggio, quando gli ignoranti stavano zitti perché avevano vergogna di sè sessi.

    Propongo un velocissimo test psicoattitudinale (tre domande) per poter esercitare il diritto di voto. Diamine, la democrazia è una cosa seria: se è vero che deve essere nelle mani di tutti, è anche vero che non può stare nelle mani di chiunque.

    Attendo commenti che confondono l'etimo di "democrazia" (il governo della gente) con il suo scopo (il bene della gente). Parole, parole, parole? Entità che limitano, definendoli, i concetti e, per i meno scaltri, conseguentemente, la loro libertà di azione e di pensiero. Limiti e ostacoli fatti di parole, autocostruiti, autoindotti.
    non+autenticato
  • scommetto che presto si troverà su p2p la versione in PDF!

    e sarebbe stupendo che ci fosse pure l'audiolibro!Sorride

    e non di UN libro! no no ... di TUTTI!
    non+autenticato
  • Guarda che nei canali P2P il libro era disponibile gia il giono dopo la pubblicazione inglese, mentre la versione in italiano ad opera di "fan" nostrani è uscita un mese prima della pubblicazione qui in italia...
    non+autenticato
  • ma non si parla di una versione braille??? wtf
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ma non si parla di una versione braille???

    Non me ne intendo ma un testo asci può essere convertito in parole sistetiche o in braille, secondo me.
  • - Scritto da: Anonimo
    > scommetto che presto si troverà su p2p la
    > versione in PDF!
    >
    > e sarebbe stupendo che ci fosse pure
    > l'audiolibro!Sorride
    >
    > e non di UN libro! no no ... di TUTTI!
    Sarebbe meglio un file di testo semplice (.txt per chi usa win) , o qualcosa di facilmente convertibile... il pdf è bello, però è troppo legato alla formattazione.
    non+autenticato
  • Fantascienza.
    E' fantascienza che si tenga un processo xche' qualcuno ha
    minacciato di diffondere, senza in realta' aver ancora diffuso alcunche'!!!!

    Jeanne Kathleen Rowling.
    Jeanne Kathleen Rowling viene a fare la voce grossa qui in Italia, xche' se ci provasse nella sua madre patria ne uscirebbe sdentata.
    Dura lex sed Lex, direbbero i Latini; ma lo stesso ora possono dire gli inglesi!!!
    Fortunati loro.

  • - Scritto da: The FoX
    > Fantascienza.
    > E' fantascienza che si tenga un processo
    > xche' qualcuno ha
    > minacciato di diffondere, senza in realta'
    > aver ancora diffuso alcunche'!!!!
    >
    > Jeanne Kathleen Rowling.
    > Jeanne Kathleen Rowling viene a fare la voce
    > grossa qui in Italia, xche' se ci provasse
    > nella sua madre patria ne uscirebbe
    > sdentata.
    >
    tu credi?

    dove, nel mondo, il povero vince sul ricco?

    da nessuna parte, in ultima analisi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > Jeanne Kathleen Rowling.
    > > Jeanne Kathleen Rowling viene a fare la
    > voce
    > > grossa qui in Italia, xche' se ci provasse
    > > nella sua madre patria ne uscirebbe
    > > sdentata.
    > >
    > tu credi?
    > dove, nel mondo, il povero vince sul ricco?
    > da nessuna parte, in ultima analisi.

    Li' non sarebbe questione di ricco o di povero.
    Solo hanno appena approvato una legge che approva ed
    anzi obbliga a fare cio' cio' che si e' tentato di fare qui da noi,
    solo con modalita' meno anarchiche e limitata esclusivamente agli aventi diritto, ovvero ai non vedenti e agli ipovedenti.

    Quindi x la "Re Mida" dei libri sdentata garantita x legge!!!
  • Quello che biosgna fare, e che non vogliono fare, e' di indicare esattamente il costo del diritto d'autore su qualunque opera e svincolarlo dai costi aggiuntivi di produzione, diffusione e ricavo.

    In questo modo chiunque in qualunque ambito (libri, musica, cinema...) voglia acquisire l'opera nuda e cruda, svincolata dal supporto, lo possa fare in piena liberta' e poi per usufruirne si arrangia come vuole.



    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Quello che biosgna fare, e che non vogliono
    > fare, e' di indicare esattamente il costo
    > del diritto d'autore su qualunque opera e
    > svincolarlo dai costi aggiuntivi di
    > produzione, diffusione e ricavo.
    > [...]
    Interessante.
    Penso sia anche altrettanto interessante indicare "in maniera assolutamente chiara ed univoca" chi e`/sono il/i detentore/i del diritto d`autore dell`opera.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Quello che biosgna fare, e che non
    > vogliono
    > > fare, e' di indicare esattamente il costo
    > > del diritto d'autore su qualunque opera e
    > > svincolarlo dai costi aggiuntivi di
    > > produzione, diffusione e ricavo.
    > > [...]

    >mi viene da chiedere come acquistare una opera svicolata dal suo supporto?
    Chi la scrive in maniera elettronica e la mette in internet? Con che diritto lo fa?
    Chi ha pagato al pubblicità e i meccanismi di promozione contando di recuperare con la vendita cartacea non ha diritto ad avere anche lui il rimborso di quanto speso?Come fa se chi compra l'opera la prende invece che su carta su internet come file di word per esempio?
    Perchè io autore di un libro non sono libero di decidere coem e e a chi permettere la diffusione del libro stesso?
    Per intenderci il diritto d'autore esiste perchè l'autore possa sfrutta l'opera del suo ingegno così come fa l'ingegnere e in maniera diversa il pasticciere e anche l'agricoltore, vivere e anche arricchirsi, se si è così bravi da tirare fuori qualcosa di eccezionale, ma mentre nesusno pensa che il apsticciere dovrebbe lavorare gratis e altrettanto l'agricoltore si pensa che scriva software o libri debba invece. Se poi si pensa al libro in questione viene da chiedersi eprchè lei non può stipulare contratti in ESCLUSIVA con un editore e lasciare a lui il diritto completo di sfruttare l'opera. E' un suo diritto secondo me, nessuno mi obbliga a leggere il libro o vedere il film, con questo non c'è l'ho con i non vedenti o altri, però mi sembra chiaro che nessuno può permettersi di ledere i diritti degli altri in virtu della mancata possibilità di avere subito un libro da leggere o un software che non si vuole pagare.
    Dovrebbe essere l'editore stesso a prevedere una versione digitale del libro da vendere a non vedenti, magari in vendita nelle librerie su cd o abbinata anche al supporto cartaceo, o anche via internet, ma non dovrebbe essere solo pagato il costo dei diritti d'autore ma anche quello per la pubblicità e il lavoro di creazione e gestione di questo supporto digitale.

    In una trasmissione televisiva serale, un comico al termine della sua lezione di "Savonese" dice uan frase che ha molta saggezza, Siamo tutti finocchi con il culo degli altri. Io finocchio lo sono davvero e sopporto la mia condizione, sicuramente molto difficile, ma sono d'accordo sul senso della frase. Siamo sempre disposti a pretendere quando sono gli altri che devono rimetterci. Alcuni esempi? Vogliamo la luce nelle case e ci incazziamo quando manca, ma non volgiamo el centrali vicino a casa, le costruiscano vicinoa casa degli altri. Vogliamo poter buttare i fiumi di immondizia nei bidoni ma la discarica le facciano a casa degli altri, vogliamo poterci curare i tumori con al radioterapia e medicina nucleare ma le scorie prodotte, le sotterrino a casa deglia ltri e se proprio non si può nei paese poveri tanto loro sono immondizia.... Ripeto siamo tutti finocchi con il culo degli altri... detto questo un po' di vergogna dovremmo provarla tutti dall'autrice del libro all'editore a chi forza leggi anche ingiuste ma in maniera sbagliata.
    non+autenticato
  • .....perchè il romanzetto fa schifo anche al c****!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Invece di insegnare le buone cose di sempre:
    il sano lavoro e la sana fatica (sia fisica che intellettuale),
    il sano divertimento ecc. ecc. INSEGNA AI BIMBI LE
    MERDATE E LE CAZZATE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • Non certo sul processare il radicale, quanto sui contenuti del libro. È disarmante vedere la gente che fa la coda per ore, fin dalla notte precedente, per accaparrarsi Harry Potter. Avete visto mai qualcosa del genere per:

    gli atti di qualche processo che vengono resi pubblici?

    l'apertura di qualcche dossier politico?

    qualche pubblicazione scientifica?

    M-A-I! E questo la dice lunga sul livello delle masse. A chi spetta il compito di elevarlo?

    Credo che l'autore del commento non ce l'abbia con Pietrosanti, ma con la bovinità del popolino, con l'ignoranza e la cecità dei legislatori e, forse, anche con "un certo" diritto alla libertà, quella strana cosa che, in nome di "una certa" politica di sicurezza, da qualche anno i legislatori non esitano a sacrificare. Concludo con una frase di Franklin, presidente americano, che gli USA per primi sembra abbiano dimenticato, cancellato, censurato:

    "Chi è disposto a sacrificare la libertà per la sicurezza, probabilmente non merita né l'una né l'altra"

    bye
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > .....perchè il romanzetto fa schifo anche al
    > c****!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    > Invece di insegnare le buone cose di sempre:
    > il sano lavoro e la sana fatica (sia fisica
    > che intellettuale),
    > il sano divertimento ecc. ecc. INSEGNA AI
    > BIMBI LE
    > MERDATE E LE
    > CAZZATE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Hai ragione! I bimbi dovreste educarli te e la gente come te
    che a giudicare dal linguaggio e dalla civiltà che dimostri
    siete dei veri esperti!

    8)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)