Gaia Bottà

Renault, DRM sotto al cofano

La casa automobilistica può sospendere la funzionalità dell'automobile, se il guidatore non rispetta il contratto. Uno sguardo inquietante sul prossimo futuro

Roma - Un meccanismo che obblighi i guidatori ad utilizzare la macchina così come la casa automobilistica ha deciso sia opportuno: in caso contrario, la macchina smetterà di funzionare.

Renault ha approntato un sistema che a tutti gli effetti ricalca quello dei lucchetti DRM per supportare il modello di business scelto per le proprie auto elettriche. Il modello Zoe viene venduto in abbinamento a un contratto di noleggio della batteria che monta, una batteria che smetterà di ricaricarsi a comando: una volta scaduto il contratto, o magari in caso di insolvenza del corrispettivo dovuto per il noleggio.

Renault, inoltre, come avviene per le automobili di ultima generazione e come avviene per un'infinità di oggetti della vita quotidiana, avrebbe accesso ad un'infinità di dati: informazioni sui tracciati percorsi, sulle modalità d'uso, sulla velocità, raccolte con l'intento di ottimizzare le prestazioni e la sicurezza.
Tra gli osservatori, c'è chi analizza questo scenario e unisce i puntini: con un dispositivo di arresto remoto dell'automobile e con una mole di dati che rivelano molto della vita del guidatore, non appare troppo azzardato sospettare che questa combinazione di fattori possa permettere di vincolare l'autista a certi comportamenti dietro al volante. Una tentazione che potrebbe solleticare le case automobilistiche, piuttosto che le autorità impegnate nel mantenimento dell'ordine pubblico: sono del resto pratiche già comuni all'ecosistema mobile, in cui il kill switch è una realtà e la sospensione dei servizi per motivi di sicurezza uno strumento all'ordine del giorno. Per non parlare di chi opera con altre motivazioni: una macchina connessa è potenzialmente una macchina attaccabile.

Che cosa si può aspettare un automobilista da una macchina controllabile da remoto? Innanzitutto, sembrerebbe impossibile metterci mano senza incorrere nell'illegalità: un sistema software a presidio dell'auto, ricorda EFF, se assimilato per estensione a una "misura tecnologica di protezione" potrebbe essere protetto dalle leggi che, come il DMCA statunitense o come la legge italiana, impediscono di violare i sistemi anticontraffazione. In secondo luogo, un sistema vincolato a qualsiasi tipo di autenticazione rischia di smettere di funzionare nel momento in cui chi lo gestisce perda interesse. Il tramontare del concetto di possesso è stato già assimilato dai consumatori più proni con la dematerializzazione di un certo tipo di beni, parallelamente all'affermarsi dell'intangibile cultura digitale. Lo scintillare di una carrozzeria basterà a far digerire il comodato d'uso anche per un bene materiale come l'automobile?

Gaia Bottà
Notizie collegate
48 Commenti alla Notizia Renault, DRM sotto al cofano
Ordina
  • amore mi scarichi il crack della macchina su emutorrent che mi è scaduta la trial?
    :D LOL
    non+autenticato
  • Fatte salve tutte le discussioni, giuste o meno, stavo considerando anche un'altra cosa.
    Questa macchina è elettrica e monta un motore da 88 cv (65 kW) per quasi 1,4 tonnellate di peso (un po' pochino). Il prezzo base, di listino, è di 21,850 euro senza IPT (altri 300 euro) e SENZA batterie. Queste ultime sono a noleggio e la tariffa viene calcolata in base al chilometraggio presunto.
    Se ipotizzo 15000 km/anno (neanche tanti), il nolo mi costa la bellezza di 86 euro AL MESE, ovvero 1000 euro all'anno, a cui va aggiunto il costo della corrente di ricarica.
    Considerando che, solo con i soldi del noleggio, io faccio camminare per lo stesso chilometraggio una macchina a GPL che mi fa i 12 con un litro (prezzo medio del GPL 80 cent/litro):

    15000/12 = 1250 litri/anno
    1250 * 0,8 €/lt = 1000 €

    spendo meno per macchina e carburante, oltre a non avere un creditore virtuale che mi può chiudere il rubinetto a piacimento, ripeto, considerando tutto ciò:
    ma chi minchia se la compra una sòla del genere ?
  • - Scritto da: webwizard
    > ma chi minchia se la compra una sòla del genere ?
    Chi ha a cuore le sorti del pianeta?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dr Doom
    > - Scritto da: webwizard
    > > ma chi minchia se la compra una sòla del
    > genere
    > ?
    > Chi ha a cuore le sorti del pianeta?

    quanta CO2 si emette nell'atmosfera per produrre macchina + batterie e l'energia elettrica per farla funzionare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ina ina ina
    > - Scritto da: Dr Doom
    > > - Scritto da: webwizard
    > > > ma chi minchia se la compra una sòla del
    > > genere
    > > ?
    > > Chi ha a cuore le sorti del pianeta?
    >
    > quanta CO2 si emette nell'atmosfera per produrre
    > macchina + batterie e l'energia elettrica per
    > farla
    > funzionare?
    Meno di quella che si emette per la macchina + motore a combustibile fosile e relativa estrazione, raffinazione e trasporto del carburante
    non+autenticato
  • le auto elettriche non danno vero contributo all'ambiente complessivo, complessivamente il consumo di energia e' superiore (e.g. vedi wiki), il grande contributo e' all'ambiente cittadino, il che non e' poco considerata la salute del gran numero di abitanti e che gli effetti dell'inquinamento si sentono sopra certe soglie. Inoltre una generazione elettrica centralizzata puo essere effettuata con tecniche a basso rilascio di inquinanti o co2 (rinnovabili, ma anche una centrale atomica non fa co2, fa altro..), ma oggi si fa con gas carbone o petrolio..
    quindi auto elettrica oggi pelopiu x la salute degli abitanti nelle citta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rudy
    > quindi auto elettrica oggi pelopiu x la salute
    > degli abitanti nelle
    > citta.
    Come la bicicletta, quindi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dr Doom
    > Come la bicicletta, quindi?

    questo è il miglior sistema di trasporto mai inventato dall'uomo,non inquini,fai attività fisica,non hai problemi di parcheggioSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dr Doom
    > Chi ha a cuore le sorti del pianeta?

    Per inquinamento atmosferico si,ma poi le batterie mica le ricicli tanto failmente,aggiungici anche la ricarica ....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > - Scritto da: Dr Doom
    > > Chi ha a cuore le sorti del pianeta?
    >
    > Per inquinamento atmosferico si,ma poi le
    > batterie mica le ricicli tanto
    > facilmente
    Per quello te le affittanoOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dr Doom
    > Per quello te le affittanoOcchiolino

    si ma :

    1) diventa una tassa per tutta la durata del veicolo

    2) materialmente quanto puoi riclare dalle batterie esauste ? e dopo che fine fanno ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > - Scritto da: Dr Doom
    > > Per quello te le affittanoOcchiolino
    >
    > si ma :
    >
    > 1) diventa una tassa per tutta la durata del
    > veicolo
    >
    > 2) materialmente quanto puoi riclare dalle
    > batterie esauste ? e dopo che fine fanno
    > ?
    metallo -> fusione -> batteria nuova
    non+autenticato
  • Semplicemente chi sa di questa cosa non si va a comprare quell'auto.
    Stiamo andando verso un mondo sempre più chiuso in modo da costringere di fatto l'utilizzatore a stare in una gabbia sempre più piccola per gli interessi del produttore,sempre più controllati,sempre più divieti...

    Si possono inventare quante diavolerie vogliono,ci sarà sempre qualcuno che incomincierà ad interessarsi alla cosa e a provvedere.

    Alla lunga questo comportamento non farà altro che inimicarsi il cliente...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Semplicemente chi sa di questa cosa non si va a
    > comprare
    > quell'auto.

    E chi dice che altre case automobilistiche non prenderebbero esempio dalla Renault? Qualcuno inventerà l'auto open source???
    non+autenticato
  • >
    > E chi dice che altre case automobilistiche non
    > prenderebbero esempio dalla Renault? Qualcuno
    > inventerà l'auto open
    > source???

    Sembrerebbe proprio di sì:

    http://www.makerfairerome.eu/makers-call-for-maker.../

    http://en.wikipedia.org/wiki/OScar
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > E chi dice che altre case automobilistiche non
    > prenderebbero esempio dalla Renault? Qualcuno
    > inventerà l'auto open
    > source???

    Certo potrebbero farlo in modo da avere ancora pi introiti sulle spelle del cliente,questo significa essere parassiti.Con il tempo ci sarà anche chi incimincierà a fare interventi "non autorizzati",visto che oggi si violano già sistemi più o meno complessi.
    non+autenticato
  • Una idea geniale!
    Mi spiace che ora che la ha utilizzata Renault non la potrà più brevettare Apple per la sua prossima iCAR.
    In lacrime
    non+autenticato
  • Salve gente,
    premesso che non conosco nello specifico questa auto quindi parlo in generale.
    Uno dei più grandi problemi relativi all'acquisto di una auto elettrica è proprio la batteria.
    La batteria racchiude una buona fetta del costo di una auto e in caso di problemi la sua sostituzione può mandare a ramengo tutte le stime di costo di gestione.
    Penso che tutti abbiamo avuto esperienze con le batterie, da quelle al piombo delle auto a quelle al litio dei device elettronici, io ne ho ricavato l'impressione di una alea assoluta in termini di conservazione della capacità e di affidabilità.

    Per questi motivi io difficilmente comprerei una auto elettrica mentre potrei valutare l'acquisto di una auto con batteria in affitto dove il rischio di problemi della batteria se li sobbarca il produttore.

    I discorsi che avete costruito su questo caso sono veri per altri ambiti ma qui IMHO no, qui ci sono precisi discorsi di rischio/costo.
    non+autenticato
  • Infatti il problema non e' l'affitto della batteria. Il problema e' il controllo totale che Renault vuole sull'auto, e i rischi addizionali dati da un tale sistema in caso di hacking.
    non+autenticato
  • A me sembra giusto che la scelta spetti al cliente.
  • - Scritto da: Joe Tornado
    > A me sembra giusto che la scelta spetti al
    > cliente.
    basta non comprarla, facile
    non+autenticato
  • - Scritto da: SonoIO
    > Per questi motivi io difficilmente comprerei una
    > auto elettrica mentre potrei valutare l'acquisto
    > di una auto con batteria in affitto dove il
    > rischio di problemi della batteria se li sobbarca
    > il
    > produttore.
    >

    Condivido l'idea, ma il produttore non è un cogli*ne che si sobbarca gratuitamente i problemi, come in questo caso li genera e poi te li vende guadagnandoci ... altrimente a quest'ora avrebbe già chiuso la baracca.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)