Claudio Tamburrino

Agenda Digitale, Letta assume altri esperti

A Francesco Caio vengono affiancati J. Scott Marcus e Gérard Pogorei. La loro analisi dovrebbe fare il punto sugli sforzi fatti finora. Per legare gli sforzi italiani agli obiettivi europei

Roma - Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, ha nominato gli esperti che dovranno occuparsi dell'analisi sullo stato attuale dell'infrastruttura di banda larga in Italia e dello sviluppo della strategia coerente con gli obiettivi indicati dalla UE per il 2020: si tratta di J. Scott Marcus, già advisor della Federal Communication Commission e di numerose aziende e istituzioni europee su temi di nuove reti, e Gérard Pogorel, professore emerito dell'Università ParisTech.

Dalla prossima settimana i due esperti si metteranno a lavoro andando ad integrare quanto fatto finora dall'Italia sul fronte agenda digitale, da ultimo attraverso l'operato di Francesco Caio, commissario del governo Letta per l'Agenda Digitale, con cui andranno a collaborare direttamente e che - secondo quanto afferma Letta - in questi mesi ha già "definito con chiarezza le priorità di intervento, accelerato la realizzazione dei principali progetti e disegnato una governance per l'Agenzia finalizzandone lo Statuto (oggi al vaglio delle Amministrazioni)".

Caio, peraltro, aveva già svolto un incarico simile per il Governo di Londra, e ha iniziato a collaborare con Roma dal 2009 quando è stato chiamato dall'allora ministro Paolo Romani.
Sempre dall'Europa arriva la nuova spinta all'Agenda Digitale italiana: a fine ottobre è stato il Consiglio Europeo a ricordare a Letta di includere nelle sue attività l'attuazione dell'Agenda Digitale.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàBanda larga, il ritorno dei fondi tricoloreCon la legge di stabilità tornano a disposizione gli oltre 20 milioni di euro tagliati con il decreto del Fare. Il progetto Garr-X Progress, invece, punta alla realizzazione di una rete per istruzione e ricerca a 100Gbps al Sud
  • AttualitàAssinform, i dolori dell'ICT d'ItaliaNei primi sei mesi del 2013, il mercato ICT italiano scende del 4,3 per cento, trascinato giù dal calo dei servizi di rete. Meglio contenuti e pubblicità online, ma l'inversione di tendenza è lontana
  • AttualitàAGCOM, relazione sull'Italia digitalePresentata in Parlamento l'ultima relazione annuale sulle attività svolte dall'Autorità tricolore. Tra digital divide e difficoltà nello sviluppo di reti NGN, fino all'imminente audizione sulla tutela del diritto d'autore online
8 Commenti alla Notizia Agenda Digitale, Letta assume altri esperti
Ordina
  • E si scoprì che il responsabile per l'agenda digitale italiana, Francesco Caio, non ha un account twitter: ecco tutta la conversazione:

    http://siliconvalley.corriere.it/2014/01/28/un-cam.../

    Che figura... Perplesso
  • Certe notizie mi fanno davvero incaxxare!
    Occorre nominare altri "esperti" per non saper leggere una semplice tabella pubblica dal sito Wholesale Telecom Italia e rendersi conto di quante centrali siano sature (senza ampliamento previsto), quante non coperte da ADSL e quante ancora a 640Kbps?

    Altro che agenda digitale...
    non+autenticato
  • Letta chi ? Quello che si autoreferenzia ? Quello che capeggia il governo voluto dai tecnocrati e che non vuole che in nessun modo si arrivi alle elezioni ? quello che prosegue la politica Monti ? Quello che aveva promesso che l'europa si sarebbe occupata degli sbarchi dei clandestini ?

    Quel Letta ?A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    Ma si nominiamo altri esperti,facciamo lievitare i costi per arrivare alle solite belle parole da slogan e nella pratica non far nulla.

    Siamo l'unico Paese dove serve l'esperto dell'esperto dell'esperto per poi arrivare al nulla di fatto ma sborsare sempre di piùA bocca aperta ....questo governo deve togliere le tende !!!
    non+autenticato
  • noi paghiamo a circa 1000 persone un minimo di 16000 euro al mese, tutti spesati per avere della gente evidentemente incompetente su qualsiasi argomento altrimenti non nominerebbero altri a fare il lavoro. A me non sembra affatto normale!
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > noi paghiamo a circa 1000 persone un minimo di
    > 16000 euro al mese, tutti spesati per avere della
    > gente evidentemente incompetente su qualsiasi
    > argomento altrimenti non nominerebbero altri a
    > fare il lavoro. A me non sembra affatto
    > normale!

    I politici sono solo la facciata (e per tale ruolo dovrebbero essere pagati molto meno) ed il loro scopo è solo quello di trovare i compromessi necessari per mettere d'accordo le varie parti in gioco. Sono rari i politici veramente esperti nella materia di cui si occupano (salvo forse in materie puramente giuridiche o economiche), ma si avvale sempre di un pool di consulenti e consiglieri (anche loro ben pagati, ma forse per più validi motivi).
    Se, per ipotesi, si mettesse un mega-ingegnere a capo dei Lavori Pubblici, questo potrebbe forse avere un'idea più chiara dei lavori necessari, ma avrebbe le armi spuntate contro sindacati, industriali, associazioni varie
  • > A me non sembra affatto
    > normale!

    Non ti sembra normale perché come l'80% degli italiani, non conosci a fondo i meccanismi della democrazia.

    Le 1000 persone sono rappresentanza del popolo e non deve avere necessariamente competenza specifica. Se poi non rappresentano il popolo, bisognerebbe chiedersi perché gli abbiamo permesso di arrivare lì , ma questo richiederebbe un minimo di autocritica e umiltà, cosa che come popolo non possediamo a dimostrazione che loro ci rappresentano perfettamente.

    L'altro potere, ossia l'esecutivo è demandato a una stretta gerarchia funzionale di responsabili, detti ministri, che delegano altri responsabili, segretari, che delegano altri responsabili, sottosegretari , in totale meno di un centinaio di persone che si occupano del destino di decine di milioni di persone applicando le leggi.

    Spesso per farlo mettono a budget l'intervento di consulenti esterni, meglio se indipendenti e di fama internazionale come in questo caso, peggio se sono figli, cugini, zie, zii, mogli e amanti.

    Se tutto questo lo vuoi fare tu da solo, proponiti. Chi lo sà, magari ti assumono come nuovo dittatore ma di solito questo avviene solo se prima facevi il comico o cantavi sulle navi da crociera.
    non+autenticato
  • ma i politici lo sanno, si, che lo scopo NON E' FARE AGENDE/meeting/convegni e antani, che GIA' ci sono (vedansi "progetto isbul" , ma anche altri precedenti e seguenti), ma agire praticamente?
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > ma i politici lo sanno, si, che lo scopo NON E'
    > FARE AGENDE/meeting/convegni e antani, che GIA'
    > ci sono (vedansi "progetto isbul" , ma anche
    > altri precedenti e seguenti), ma agire
    > praticamente?

    Certo che lo sanno, ma visto che sempre gli stessi (o quasi) continuano a prendere voti facendo supercazzole al popolo perchè dovrebbero agire?A bocca aperta
    non+autenticato