Alfonso Maruccia

USA, indagine su Bitcoin

Le autorità statunitensi impegnate a studiare il dossier Bitcoin con l'aiuto delle varie agenzie federali. Che sottolineano pregi e difetti della moneta virtuale, sempre più popolare soprattutto al di fuori degli States

Roma - Al momento l'interesse degli USA per Bitcoin si declina principalmente sotto forma di indagini, sequestri, arresti e azioni di contrasto alle darknet della droga, eppure la moneta virtuale suscita sufficienti appetiti da guadagnarsi una audizione davanti al Comitato sulla Sicurezza Nazionale del Senato di Capitol Hill. E i contributi al dibattito sono tutto fuorché allarmanti.

Tutte le agenzie federali sono state chiamate a fornire la propria opinione sui rischi e le opportunità insite nella tecnologia che alimenta il mercato dei Bitcoin: a parte l'affaire Silk Road, il Dipartimento di Giustizia - e quindi l'FBI - riconosce ai BTC la capacità di offrire un "servizio finanziario legittimo", mentre la Federal Reserve di Ben Bernanke dice di non avere al momento l'autorità per regolamentare sistemi finanziari innovativi come quello della moneta virtuale decentralizzata.

L'idea generale suggerita dalla riunione in quel di Capitol Hill è che le autorità statunitensi stiamo cominciando a modificare il proprio approccio alla questione Bitcoin, un approccio che è stato sin qui prevalentemente sanzionatorio e che ha già fatto perdere al mercato USA la rilevanza all'interno dello scambio di BTC online.
Il 2014 sarà un momento "drammatico" - nel bene e nel male - per Bitcoin, preconizza qualcuno, e già il 2013 si prefigura essere scoppiettante, con il valore della moneta virtuale che schizza di nuovo alle stelle fino a 400, 500 e poi oltre 619 dollari con BTC China a conquistare il primo posto tra le piazze di scambio mondiali di Bitcoin grazie a un investimento di 5 milioni di dollari.

Anche i produttori di hardware fiutano l'affare Bitcoin e Asrock presenta due schede madri progettate specificatamente per massimizzare l'efficienza nel mining di BTC - GPU discrete non incluse. Il problema principale di Bitcoin continua però a essere la sicurezza e l'affidabilità delle piazze di scambio, con continui attacchi e furti (presunti) di portafogli virtuali e portali di trading evaporati con il malloppo dalla sera alla mattina.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàL'FBI teme BitcoinUn documento interno del Bureau svela l'attenzione nei confronti della criptovaluta, dei suoi possibili utilizzi e dei crimini ad essa correlati
  • AttualitàBitcoin, tra Silk Road e bancomatMentre l'FBI ripulisce il portafoglio Bitcoin di Dread Pirate Roberts, in Canada fanno il loro esordio i primi bancomat dedicati alla criptomoneta
  • SicurezzaBitcoin, furto australianoUn giovane imprenditore sostiene di essere stato derubato dei Bitcoin che gestiva per conto terzi. Ora più che mai vuole restare anonimo perché teme per la propria sicurezza personale
29 Commenti alla Notizia USA, indagine su Bitcoin
Ordina
  • i Bitcoin il miglior investimento della mia vita,
    all'inizio 2010 un po' per divertimento è capire come funzionava o fatto un po' di mining all'epoca avevo recuperato 4 bitcoin con una misera CPU AMD e nvidia per qualche ora, sicuramente pochi centesimi energetici.
    In quel periodo nessuno faceva miglior quindi era molto facile trovarne blocchi da soli
    oggi mi è 4 bitcoin valgono la bellezza 1800€.
    l'unica cosa che non ho capito ancora e come riesco a recuperare questi soldi in contanti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fabrizio
    > oggi mi è 4 bitcoin valgono la bellezza 1800€.
    > l'unica cosa che non ho capito ancora e come
    > riesco a recuperare questi soldi in
    > contanti.

    Spero di non portare sfiga ma il gain è tale una volta chiusa l'operazione.
    Fino a quel momento è un utile "virtuale".

    Per vendere i bitcoin devi servirti da un exchange, sento parlare bene di uno polacco, magari prova a Googlare.
    Tieni presente che è come aprire un conto trading, ti chiederanno dei documenti e dovrai attendere svariati giorni prima di essere attivo.
    Altrimenti potresti usarli per comprare qualcosa di fisico, qualche negozio li accetta.
    non+autenticato
  • Io uso MtGox , anche se ogni tanto preda di attacchi DDOS
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fabrizio

    > l'unica cosa che non ho capito ancora e come
    > riesco a recuperare questi soldi in
    > contanti.

    Se vuoi venderli fai così: vai su bitcoin.de ti iscrivi e segui le istruzioni che sono in italiano. Devi avere un conto corrente, dare tutti i tuoi dati e verificare il c/c. Alla fine della trafila puoi vendere i tuoi bitcoin.

    La procedura è semplice, devi trasferire i tuoi bitcoin su un indirizzo di bitcoin.de che fa da intermediario quindi quanti btc (XBT) vendere e il taglio minimo della vendita. Per esempio vendi 4 XBT con taglio di 0.50 XBT che significa 8 accrediti bancari nel tuo c/c da 8 persone diverse o anche meno se vengono acquistate tranche multiple.

    Più semplicemente puoi vendere direttamente a persona che hanno fatto una offerta di acquisto e che sono elencate nella home page di bitcoin.de.
  • Grazie per le informazioni,
    Mi sa che abbandono l'idea di venderli,
    E faccio qualche acquisto in bitoin,
    È molto più semplice

    Dopo aver visto questo mi sembra una grande pala e sulla criminalità usa questa moneta visto le complicazioni che ci vuole per venderne o acquistarne dei bitconi,
    mi sa che il contante è molto più efficace.

    Visto tutto mi sa che dà più fastidio lo Stato che non ha un controllo su una moneta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fabrizio
    > Grazie per le informazioni,
    > Mi sa che abbandono l'idea di venderli,
    > E faccio qualche acquisto in bitoin,
    > È molto più semplice

    Benissimo, se vuoi comprare ci sono diversi negozi che accettano bitcoin. Io ti posso consigliare qualche acquisto che ho fatto da me. Se ti interessa un souvenir allora è molto carina la moneta bitcoin che si acquista per 20 dollari comprese le spese di spedizione.

    La puoi vedere su questa mia piccola recensione dell'acquisto:
    http://www.kensan.it/articoli/Bitcoin_moneta.php

    Ma ci sono molti altri negozi dove comprare, tieni conto che comprando materiale in dollari e pagandolo in bitcoin vieni a spendere molto meno anche se hai il rischio dogana:

    https://www.bitcoinstore.com/

    Vendono un hard disk Western Digital da 2 tera per:
    WD RE WD2003FYYS 2 TB 3.5" Internal Hard Drive
    0.3205 BTC che in dollari fanno 190 ovvero 143 euro meglio del migliore trovaprezzi.
  • Oltre alle alternative già segnalate, potresti anche rivenderli sul mercato, ad esempio se hai un account paypal o anche in cash se trovi qualcuno in zona interessato, per venderli bene e subito dovresti chiedere un prezzo un poco più basso della quotazione corrente, vai sui forum specializzati e annuncia che vuoi venderli, informati su come trasferirli al acquirente e come ogni prodotto devi prima ricevere l'accredito sul tuo conto e poi ripassare i bitcoin al portafoglio dell'acquirente.
  • se gli stati non sono in grado di prelevare le tasse sui pagamenti con i bitcoin, i bitcoin saranno sempre illegali.
    non+autenticato
  • Quasi vero

    Bisogna considerare però che le potenze emergenti (leggi Cina) stanno spingendo per una moneta internazionale per disfarsi delle enormi quantità di dollari prima che gli USA svalutino (e prima o poi lo faranno). In questa ottica il Bitcoin potrebbe essere una (non la) soluzione di fatto; evita difficili accordi internazionali ed è fuori dal controllo dagli Stati Uniti.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: mario
    > > se gli stati non sono in grado di prelevare
    > le
    > > tasse sui pagamenti con in
    > contanti
    , i contanti
    >

    >
    > > saranno sempre
    > > illegali.
    >
    >
    > Fixed con dimostrazione che sei nel torto.
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 19 novembre 2013 14.42
    > --------------------------------------------------
    i contanti passano prima e poi attraverso una banca ed è attraverso la banca che lo stato esercita (male) il suo controllo, i bitcoin non passano dalle banche, lo stato non ha alcun controllo, i bicoin non sono contante.
    I bitcoin semmai sono un'alternativa al baratto, come fa lo stato a prelevare una tassa da un baratto? (sto parlando per esempio dell'IVA)
    non+autenticato
  • - Scritto da: mario
    > come fa lo stato a prelevare una tassa da un
    > baratto? (sto parlando per esempio
    > dell'IVA)

    Come appunto si fa col baratto: si paga l'IVA in euro. Tra l'altro col bitcoin è molto più semplice che col baratto, perché un prezzo (seppure non ufficiale) è tutto sommato semplice stabilirlo; al contrario, col baratto devi stimare il valore di due beni "unici", che quindi non hanno mercato. Bitcoin alla fine è una commodity, ovvero una merce indifferenziata, perfettamente uniforme.

    L'IVA insomma è proprio il minore dei problemi.

    Per approfondimenti:

    https://bitcointalk.org/index.php?topic=25061.0
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stemby
    > - Scritto da: mario
    > > come fa lo stato a prelevare una tassa da un
    > > baratto? (sto parlando per esempio
    > > dell'IVA)
    >
    > Come appunto si fa col baratto: si paga l'IVA in
    > euro. Tra l'altro col bitcoin è molto più
    > semplice che col baratto, perché un prezzo
    > (seppure non ufficiale) è tutto sommato semplice
    > stabilirlo; al contrario, col baratto devi
    > stimare il valore di due beni "unici", che quindi
    > non hanno mercato. Bitcoin alla fine è una
    > commodity, ovvero una merce indifferenziata,
    > perfettamente
    > uniforme.
    >
    > L'IVA insomma è proprio il minore dei problemi.
    >
    > Per approfondimenti:
    >
    > https://bitcointalk.org/index.php?topic=25061.0

    Ho letto il link, ora sappiamo che su bitcointalk nel 2011 erano piuttosto saccenti e ignoranti in fatto di finanza, specie quel zeb-qualcosa. Però Il punto mi pare un altro: il bitcoin non è considerato una moneta, quindi perchè dovrei pagare l'IVA? Esistono delle partiche che regolamentano anche il baratto, in queto caso vanno applicate?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > Però
    > Il punto mi pare un altro: il bitcoin non è
    > considerato una moneta

    La cosa è discussa, e probabilmente prima o poi anche in Italia si ufficializzerà che Bitcoin è una moneta.


    > quindi perchè dovrei
    > pagare l'IVA? Esistono delle partiche che
    > regolamentano anche il baratto, in queto caso
    > vanno
    > applicate?

    Esatto: anche col baratto si paga l'IVA. All'agenzia delle entrate non frega niente di quale controvalore venga accettato come pagamento per una vendita. C'è stata una vendita? Si paga l'IVA. In euro.

    (ovviamente la cosa non vale se lo scambio è tra privati e per cifre ridotte: 1 mela contro 1 pera o lo scambio di figurine non sono ancora tassati)
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • ...sono sempre un male per l'umanità.
    Se si vuole fare un passo nella giusta direzione vanno aboliti i tassi di interesse. E quando si trova uno strozzino, gli si da l'ergastolo, senza mezze misure.
    ruppolo
    33147
  • > ...sono sempre un male per l'umanità.
    > Se si vuole fare un passo nella giusta direzione
    > vanno aboliti i tassi di interesse.

    Fai prima a dire che vanno aboliti i prestiti in denaro per somme superiori a euro 250. È l'unico effetto che otterresti.


    > E quando si
    > trova uno strozzino, gli si da l'ergastolo, senza
    > mezze
    > misure.

    Ci sono delle forme di ergastolo con mezze misure? Newbie, inesperto
  • - Scritto da: Leguleio
    > > ...sono sempre un male per l'umanità.
    > > Se si vuole fare un passo nella giusta
    > direzione
    > > vanno aboliti i tassi di interesse.
    >
    > Fai prima a dire che vanno aboliti i prestiti in
    > denaro per somme superiori a euro 250. È
    > l'unico effetto che
    > otterresti.
    a parte il ghiribizzo sui tassi... il titolo e la riga seguente, sono verita'.
    Perseguire le "monete matematiche" non ha molto senso (come per altre 'cose digitali') ... cio che andrebbe stroncato (e gli Usa -come spesso accade- sono pionieri da entrambi i lati) sono gli Exchange.

    Cioe' il mercato forex esiste "da sempre", decenni fa' c'era anche la copertura in oro e altri limiti anti-speculazione, poi hanno semi-deregolamentato permettendo ampia speculazione [e si son visti pure i danni],MA NON ESISTONO operatori anonimi (schermati ai terzi un po' si... ma infatti spesso fanno danni), ne quelli che si possono alzare la mattina e aprire un agenzia di cambio....

    Quindi non c'entra affatto il 'prestito in denaro'... e non e' neanche molto buono il confronto con "l'anonimita' del contante"... troppe le differenze.. la prima ovviamente e' la fisicita' del contante (brevi manu ecc)

    Gli anglo sono i primi ai quali piace la speculazione unregulated, ma anche i primi a stroncare e a chiedere regole ... rispetto al "gioco" cmq sono parecchio lenti... altrove e' peggio.
    Non si capisce che cazzo aspettano... un Madoff immagino.

    Sinceramente il bitcoin -oggi- e' al 95% shady ... ha come mercato l'80% di forex selvaggio e il 19% la compravendita di robe illegali e truffatori vari (exchanger compresi)... dall'altro lato e' gustosissima preda di wallet hacker..
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > po' si... ma infatti spesso fanno danni), ne
    > quelli che si possono alzare la mattina e aprire
    > un agenzia di cambio....
    >

    il che implica che solo alcuni potentati possono ergersi a Dio, noialtri dobbiamo solo piegare la schiena e lavorare 8-12 ore di filato ( e ringraziare il padrone che ci dà i suoi avanzi )

    > Gli anglo sono i primi ai quali piace la
    > speculazione unregulated, ma anche i primi a
    > stroncare e a chiedere regole ... rispetto al
    > "gioco" cmq sono parecchio lenti... altrove e'
    > peggio.
    >

    che vuoi farci, è l'eterno dilemma del pappone

    da un lato lo Stato deve andar a farsi un giro, dall'altro deve mandare l'esercito qualora qualcun'altro volesse "rubare" le loro ricchezze

    > Sinceramente il bitcoin -oggi- e' al 95% shady
    > ... ha come mercato l'80% di forex selvaggio e il
    > 19% la compravendita di robe illegali e
    > truffatori vari (exchanger compresi)...
    > dall'altro lato e' gustosissima preda di wallet
    > hacker..

    sicuramente uno dei problemi delle valute non regolamentate è la speculazione

    il problema è che per quelle regolamentate, il problema rimane lo stesso

    quindi, nel caos c'è ( almeno ) possibilità per tutti, non solo per i soli noti
    non+autenticato
  • hai, con un solo post, annullato ogni differenza tra 'appleria' e sharia !
    complimenti
    non+autenticato
  • Quindi non hai neanche un conto in banca che ti da degli interessi ruppolo caro?
    non+autenticato
  • A parte la cura che proponi, il concetto base è giusto: i soldi creati da attività finanziarie e non produttive sono il male oscuro di oggi.
    Mezzo mondo, no anzi quasi tutto, è 'incravattato' dagli interessi (ultracomposti) sui debiti prima e sui meccanismi finanziari malati oggi.

    Bitcoin ha dei punti di forza, come l'assenza (apparente) di una banca centrale, ma come vengono generati i bitcoin? Con la potenza computazionale!!
    Una cosa quasi completamente staccata dalla realtà economica reale, per questo alla fine si parla di niente!!
  • - Scritto da: GreenDrake
    > Bitcoin ha dei punti di forza, come l'assenza
    > (apparente) di una banca centrale, ma come

    no, non è apparente

    > Una cosa quasi completamente staccata dalla
    > realtà economica reale, per questo alla fine si
    > parla di
    > niente!!

    come tutte le valute che usiamo oggi giorno
    non+autenticato
  • > come tutte le valute che usiamo oggi giorno

    Appunto, oramai staccate dalla realtà non più adatte.
    Tanto per prendere l'Euro come esempio, da dove nascono tutti i casini?
    proprio dal distacco dalle economie locali.

    Il dollaro è un po' meglio ma pur sempre praticamente virtuale.
  • la truffa la fecero gli americani con la fondazione della FED ( privata ) e il divincolamento del dollaro dal gold standard.

    Da lì in poi, il valore di una valuta è sempre dipeso dalla potenza militare di chi ci stava dietro.
    non+autenticato
  • > la truffa la fecero gli americani con la
    > fondazione della FED ( privata ) e il
    > divincolamento del dollaro dal gold
    > standard.

    Alla fine del 1971, ricordiamolo (termine degli accordi di Bretton Woods).

    > Da lì in poi, il valore di una valuta è sempre
    > dipeso dalla potenza militare di chi ci stava
    > dietro.

    Ah, quindi il Marco tedesco dagli anni Ottanta in poi era spinto dalla supremazia militare della Germania ovest?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 novembre 2013 18.39
    -----------------------------------------------------------