Alfonso Maruccia

Google Tax rinviata alla Camera

La discussa proposta di tassazione per i big della rete viene temporaneamente ritirata. E' però già stata annunciata l'intenzione di volerne presentare una versione riveduta e corretta alla Camera dei Deputati

Roma - Dopo aver sollevato un vespaio di polemiche fuori e dentro il Parlamento, la proposta per una cosiddetta Google Tax è stata ritirata durante la discussione di ieri in Commissione Bilancio del Senato. Francesco Boccia, esponente del Partito Democratico e presidente della Commissione Bilancio della Camera dei deputati che ha dato il la all'iniziativa, ha però già fatto sapere di volerla ripresentare.

Il problema è quello ben noto di far pagare le tasse alle corporation che offrono prodotti e servizi di rete in Italia ma battono bandiera straniera quando si tratta di rispondere al Fisco, mentre la Google Tax appare come la risposta tipicamente italiana - presentata con gran risonanza in televisione, e portata avanti senza il minimo dibattito tra stakeholder ed esperti di settore - a un problema complesso che meriterebbe ben altro trattamento.

La Google Tax originale prevedeva l'imposizione di una partita Iva per costringere le aziende della net economy attive nel Belpaese a fare i conti con il Fisco, e a quanto pare la nuova proposta - questa volta sotto forma di un vero e proprio disegno di legge piuttosto che di semplice emendamento - non dovrebbe distanziarsi di molto.
Boccia ha annunciato la volontà di rimettere in moto l'iniziativa e ha giustificato il ritiro degli emendamenti in Commissione Senato per questioni squisitamente temporali.

Gli interventi verranno ripresentati, spiega Boccia, perché "danno gettito e affrontano imprescindibili temi di equità e regolazione dei mercati". "Parlamento e Governo dovranno andare avanti speditamente e senza esitazioni", continua la nota del politico, perché questo "non è certo il tempo di tentennamenti e rinvii".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàContrappunti/ La politica del diredi M. Mantellini - La famigerata Google Tax di cui si favoleggia in questi giorni è il proverbiale dito che indica la Luna. E i politici italiani stanno tutti lì a guardarlo, senza preoccuparsi minimamente della vera questione
  • AttualitàApple sotto la lente del fisco italianoLe accuse mosse sono di aver eluso la tassazione sugli introiti sfruttando le pieghe del sistema. Non è la prima volta che Cupertino affronta gli investigatori del Belpaese: in passato ne è sempre uscita indenne
9 Commenti alla Notizia Google Tax rinviata alla Camera
Ordina
  • siamo in italia dopo 20 anni ormai li conoscono tutti (sono sempre loro, e non sono meglio del Gargamella), regaleranno i Google Glass a politici e famiglia e la questione sarà rinviata al 3014A bocca aperta
    E' una strategia collaudatissima! ;D
    non+autenticato
  • Basta leggere l'ultima frase per capire con chi si parla.. "Non è tempo di rimandare" dice lui ma se il suo governaccio non fa altro che rimandare tutto a tempi migliori..
    non+autenticato
  • ... di incompetenza.

    Boccia è stato uno dei fautori della ridicola e masochistica FFT, la cosiddetta Tobin Tax, indipendentemente da come la si pensi in astratto in pratica è una cosa che sta in piedi se la fa tutto il mondo o quasi, altrimenti ti limiti a PERDERE GETTITO E LAVORO che si sposta in paesi esenti.
    Chi vuole approfondire può cercare info sul tentativo Svedese, abortito dopo che si è visto che le transazioni si spostavano all'estero (Londra soprattutto).

    Qui penso sia la stessa roba, i trattati sono europei o addirittura mondiali (WTI) le leggina italiota serve solo a far fare passaggi televisivi ai proponenti.
    Se si vuole combattere il transfer price (in ultimo la causa del fatto che è possibile e legale spostare gli utili dove la tassazione è favorevole) bisogna attivarsi a livello EU o WTI.

    Sono leggi fatte solo per accontentare il teledipendente convinto che serva a fare pagare la crisi agli speculatori o alle società estere mentre in realtà faranno danni e basta.
    non+autenticato
  • > Sono leggi fatte solo per accontentare il
    > teledipendente convinto che serva a fare pagare
    > la crisi agli speculatori o alle società estere
    > mentre in realtà faranno danni e
    > basta.

    E la cosa più triste è che la gente è convinta che se il conto lo pagassero speculatori e grandi società, loro smetterebbero di essere salassati. Non lo sanno che il debito dell'Italia è incolmabile.
  • contenuto non disponibile
  • La UE ci sta lavorando proprio adesso e in maniera molto più strutturata.
    http://www.bloomberg.com/news/2013-10-22/eu-create...
    Non sarebbe meglio aspettare di vedere cosa ne uscirà, caro Boccia, prima di fare l'ennesima figura da cioccolatai per la fregola di ficcare le mani nelle tasche altrui?
    Izio01
    4027
  • - Scritto da: Izio01
    > La UE ci sta lavorando proprio adesso e in
    > maniera molto più
    > strutturata.

    L'obbiettivo dei politici come Boccia sono i telegiornali e i media in generale, basta che daranno l'idea che si sta dando da fare e il teled ipendete è contento.

    Che poi in questo caso una legge nazionale sia totalmente inutile il 99% della gente non lo sa (i media mainstream non glielo dicono un po' per malafede un po' per ignoranza).
    non+autenticato
  • dopo le leggi ad personam arrivano anche le tasse ad personam...
    Sai quanti posti di lavoro e soldi in tasse gadagneremo se anche in italia si farebbe una legge per le società offshore come fanno in dalware, in germania, ecc... perchè mai una società dovrebbe avere a che fare con la complessità burocratica italiana.
    non+autenticato
  • > Sai quanti posti di lavoro e soldi in tasse
    > gadagneremo

    Guadagneremmo.

    > se anche in italia si farebbe

    Si facesse.

    > una
    > legge per le società offshore come fanno in
    > dalware,

    Delaware.

    > in germania, ecc... perchè mai una
    > società dovrebbe avere a che fare con la
    > complessità burocratica
    > italiana.

    Perché è nata, si è sviluppata e risiede in Italia, ad esempio.