Claudio Tamburrino

Spotify e la matematica per artisti

La piattaforma di streaming vuole attrarre contenuti promettendo tanti soldi in royalty. Per farlo fa i conti in tasca ai musicisti. E offre loro uno strumento di analisi del traffico sulla propria piattaforma

Roma - La piattaforma di streaming musicale che da meno di un anno ha fatto il suo esordio anche in Italia ha presentato il sito Spotify Artists e strumenti analitici gratuiti a disposizione degli artisti. Entrambe le novità hanno un obiettivo: spiegare a utenti e musicisti il modello di monetizzazione di Spotify ed aiutare gli artisti a farsi notare sulla piattaforma e a vendere merchandising direttamente dai loro profili. Gli strumenti messi ora a disposizione gratuitamente dei musicisti permetteranno a Spotify di spiegare quanto e come la loro musica è ascoltata in streaming.

Inoltre, permetteranno a Spotify di spiegare il proprio modello di business, altrove fortemente criticato. Con più di 30 milioni di brani a disposizione dei suoi utenti è basato sul freemium: utilizzo gratuito (Spotify Free) con pubblicità e limite di 10 ore al mese di ascolto dopo 6 mesi di utilizzo, che può essere convertito a due versioni a pagamento (premium e Unlimited) mensile senza limiti e pubblicità e con possibilità di consumo anche su dispositivi mobile Android, iOS e Windows Phone.

Il problema è legato, secondo le critiche, a quanto viene riconosciuto agli artisti: per esempio, il leader dei Radiohead Thom Yorke aveva accusato Spotify di offrire scarse percentuali di royalty agli artisti, mentre David Byrne aveva criticato in generale lo strumento dello streaming, tacciato di essere un "mezzo insostenibile come supporto del lavoro creativo di qualsiasi tipo".
Già davanti a queste critiche la piattaforma svedese aveva sottolineato come avesse già versato dal 2008 nelle tasche degli aventi diritto circa 383 milioni di euro (500 milioni di dollari): una cifra destinata a raddoppiare già solo con i pagamenti di quest'anno. Con Spotify Artists e i nuovi strumenti, Spotify può ora scendere nel dettaglio e spiegare come calcola quanto dovuto ad ogni artista per lo streaming di ogni canzone: un calcolo che finisce per retribuire una traccia tra i 0,006 e i 0,0084 dollari.

usb

Attraverso questo sistema Spotify, grazie a 24milioni di utenti attivi e quasi 6milioni di paganti, finisce per pagare al mese 3.300 dollari per un album indipendente di nicchia e 425mila dollari per una hit mondiale. Questo equivale a una cifra che in media si aggira tra i 6mila e gli 8.400 dollari ogni milione di ascolti, contro i circa 3mila che offre un servizio di video streaming come YouTube o i 1.300-1.500 di uno streaming radio come Pandora.

Inoltre, con l'aumentare dei suoi utenti aumenteranno anche questi compensi: la piattaforma arriva a dire che con 40milioni di utenti paganti (quelli a cui punta con l'esordio in paesi dove ora non è presente) una piccola band indipendente potrebbe guadagnare solo con spotify 17mila dollari al mese e una popstar mondiale fino a 2 milioni di dollari.

usb

Certo, Spotify deve ancora dimostrare di poter raggiungere queste cifre, nonché di essere di per sé un business sostenibile.

Claudio Tamburrino

fonte Immagini
Notizie collegate
  • BusinessThom Yorke in fuga dallo streamingIl leader dei Radiohead toglie le sue opere da solista dal catalogo di Spotify, i cui tassi di royalty per gli artisti non risulterebbero affatto convenienti. Il sito svedese risponde: paghiamo già abbastanza
  • AttualitàSpotify vara lo streaming tricoloreSbarca in Italia il popolare servizio di streaming, con possibilità di ascolto via desktop e mobile. E con una concorrenza, per ora, limitata spera di riuscire a catturare grossa fetta del crescente mercato digitale del Belpaese
27 Commenti alla Notizia Spotify e la matematica per artisti
Ordina
  • Scusate, ma le cifre sono giuste? Come può Spotify avere solo 24 mila utenti di cui 6 mila paganti? Che facciamo diamo i numeri del superenalotto?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giorgio Maria Santini
    > Scusate, ma le cifre sono giuste? Come può
    > Spotify avere solo 24 mila utenti di cui 6 mila
    > paganti? Che facciamo diamo i numeri del
    > superenalotto?
    >A bocca aperta

    Beh, è un articolo di

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Embolo mio...corretto grazie:)
  • "vendere merchandising direttamente dai loro profili"
    Se faccio il musicista campo vendendo magliette?
    Studio 10 anni al conservatorio per vendere sciarpe con il mio nome sopra?
    Ma questi sono fuori, allora faccio direttamente lo stilista e tanti saluti alla musica In lacrime

    E non parliamo dei guadagni:
    "una traccia tra i 0,006 e i 0,0084 centesimi di dollaro"
    Alla fine a lucrare sul lavoro di un musicista è sempre qualcun altro...
    non+autenticato
  • Se pensi che un CD pubblicato dalla EMI fa guadagnare 1€ a copia, capisci che un guadagno tra 0.006 e 0,0084 dollari per un indipendente è più che proporzionato...

    E comunque hai scoperto proprio l'acqua calda, credo che sia da prima della fondazione della Chess records che i produttori guadagnano sugli artisti... Mi pare anche giusto oltretutto, dato che gli oneri dell'investimento sono tutti loro...
    non+autenticato
  • > Se pensi che un CD pubblicato dalla EMI fa
    > guadagnare 1€ a copia, capisci che un guadagno
    > tra 0.006 e 0,0084 dollari per un indipendente è
    > più che
    > proporzionato...

    Dove hai letto che la EMI pagava 1 € a copia all'artista? E valeva per tutti gli artisti, o solo quelli già famosi?
    Parlo al passato perché la EMI è stata assorbita dall'Universal Music Group.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 dicembre 2013 10.56
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Leguleio
    > Dove hai letto che la EMI pagava 1 € a copia
    > all'artista? E valeva per tutti gli artisti, o
    > solo quelli già
    > famosi?
    > Parlo al passato perché la EMI è stata assorbita
    > dall'Universal Music
    > Group.

    L'ho letto dai dati della FIMI di qualche anno fa (2006-2007), e valeva solo per gli artisti con un mercato stabile...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alessandro Vaia
    > Se pensi che un CD pubblicato dalla EMI fa
    > guadagnare 1€ a copia, capisci che un guadagno
    > tra 0.006 e 0,0084 dollari per un indipendente è
    > più che
    > proporzionato...

    Corro subito a iscrivermi al conservatorioA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dr Doom

    > Corro subito a iscrivermi al conservatorioA bocca aperta

    meglio di no.
    Preferiamo che si iscriva gente motivata il cui scopo è fare buone cose, non gente che pensa subito ai soldi.
    Se vuoi fare i soldi fai lo scafista o il mafioso...
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: Dr Doom
    >
    > > Corro subito a iscrivermi al conservatorioA bocca aperta
    >
    > meglio di no.
    > Preferiamo che si iscriva gente motivata il cui
    > scopo è fare buone cose, non gente che pensa
    > subito ai
    > soldi.
    > Se vuoi fare i soldi fai lo scafista o il
    > mafioso...
    o il pirataA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dr Doom

    > o il pirataA bocca aperta

    pessima idea: guadagni di meno e rischi di più.
    Comunque nessuno ti trattiene dal provarci, la cosa certe è che non ti vogliamo al conservatorio visto il modo in cui ragioni.
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: Dr Doom
    >
    > > o il pirataA bocca aperta
    >
    > pessima idea: guadagni di meno e rischi di più.
    > Comunque nessuno ti trattiene dal provarci, la
    > cosa certe è che non ti vogliamo al conservatorio
    > visto il modo in cui
    > ragioni.
    Guarda che i tempi dell'artista che muore di fame, e vive solo per la gloria sono finiti da un pezzo, se stanno ritornando è solo grazie a voi piratiA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dr Doom

    > Guarda che i tempi dell'artista che muore di
    > fame, e vive solo per la gloria sono finiti da un
    > pezzo, se stanno ritornando è solo grazie a voi
    > pirati


    Ci sono anche lati negativi?
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: Dr Doom
    >
    > > Guarda che i tempi dell'artista che muore di
    > > fame, e vive solo per la gloria sono finiti
    > da
    > un
    > > pezzo, se stanno ritornando è solo grazie a
    > voi
    > > pirati
    >
    >
    > Ci sono anche lati negativi?
    se non ci arrivi da solo che te lo spiego a fare
    non+autenticato
  • ma 24 milioni.
    Se spotify avesse 6mila utenti paganti raccoglierebbe la bellezza di 59.940 Dollari al mese!!!

    Non ci pagherebbero nemmeno un dipendente!
    Parliamo di 6 milioni di utenti e quindi di 59.940.000 Dollari al mese!
    non+autenticato
  • - Scritto da: SbS
    > ma 24 milioni.
    > Se spotify avesse 6mila utenti paganti
    > raccoglierebbe la bellezza di 59.940 Dollari al
    > mese!!!
    >
    a parte gli evidenti problemi del Tambu con le unita' di misura (ha cannato pure il pezzo "retribuire una traccia tra i 0,006 e i 0,0084 centesimi di dollaro." ),pare non sia stata sottolineata un altra cosa (anche nei post)... e cioe' Non mi risulta sia vietato usare ANCHE <tutti-gli-altri-streamer-site>. Aka siccome son solo byte, duplicarli e metterli anche su youtube, Grooveshark, rdio, deezer, g.music, ecc ecc non credo sia un gran sforzo... auspicabilmente l'indie incassera' i $cent/track anche da li'...
    non+autenticato