Luca Annunziata

Bip Mobile, attesa per una soluzione

AGCOM intima al MVNO, Telogic e H3G di consentire la portabilità e provvedere se possibile alla riattivazione delle linee. Ma le informazioni sui retroscena dicono che la vicenda è più complicata di quanto sembri

Roma - La riunione convocata da AGCOM nella giornata di ieri si è chiusa in modo piuttosto interlocutorio: l'Authority ha rilasciato un comunicato in cui ha spiegato di aver caldamente suggerito ai soggetti coinvolti, vale a dire Bip Mobile, H3G e l'enabler Telogic, di provvedere a tutelare i consumatori garantendo la possibilità agli stessi di migrare la propria utenza o riottenere il servizio con le SIM attuali. Di fatto AGCOM ha ribadito l'ovvio, ovvero che situazioni come quella in cui si sono ritrovati 220mila clienti Bip non dovrebbero verificarsi. E ha rimandato ancora a oggi l'intera questione, concedendo altre ore a Bip e compagni per provare a mettersi d'accordo.

Le notizie in questo senso scarseggiano. Stamani in diretta TV su Rai 3 uno dei manager della famiglia Giacomini, il consigliere delegato Gianluca, ha spiegato che One Italia, principale azionista di Bip, si augura di riattivare il servizio entro "24/48 ore". Tutto a condizione che Telogic collabori, nonostante ci siano in ballo (la cifra precisa emerge ora) all'incirca 6,5 milioni di debiti tra le due aziende - altrove si parla di 8 milioni, ma è probabile che si tratti in entrambi casi di una somma arrotondata. Allo stato attuale pare difficile credere che l'ascia di guerra venga seppellita tanto facilmente, nonostante la presione di AGCOM, e un comunicato apparso sul sito MVNO News potrebbe aiutare a spiegare perché.

Sul complicato rapporto tra Bip e Telogic si è scoperto qualcosa in più: Terra, l'azienda di Arezzo che ha acquisito Telogic dopo le prime difficoltà finanziare dello scorso anno, durante l'estate ha valutato anche l'acquisizione di Bip. Il progetto sembrava essere andato in fumo a settembre, dopo che la revisione dei conti ha mostrato delle crepe, ma le trattative erano proseguite per altri due mesi e dovevano concludersi il 28 novembre: quel giorno i rappresentanti di Terra erano in un ufficio di un notaio di Roma per firmare il passaggio del 100 per cento del pacchetto societario di Bip nelle loro mani, ma nessuno della controparte si è presentato per chiudere la transazione. Questo spiegherebbe anche come mai la faccenda si sia trascinata tanto a lungo, concludendosi con il distacco delle linee proprio un mese dopo, e anche perché oggi ci sia tanta animosità nei rapporti tra i due soggetti. Al contrario di altri MVNO clienti di Telogic, inoltre, al momento non risulta che Bip abbia sottoscritto contratti paracadute per salvaguardare il servizio nel momento in cui l'appoggio del suo enabler fosse venuto meno.
Alla luce di tutto ciò, oggi è ancora impossibile anche solo tentare di pronosticare la conclusione della faccenda. AGCOM dovrebbe aver eliminato il limite di 500 migrazioni giornaliere, dunque le procedure di uscita da Bip verso altri operatori dovrebbero essere più semplici a partire da oggi: chi ha già chiesto il passaggio dovrebbe vedersi accontentato entro pochi giorni. Il credito residuo, esclusi bonus e una cifra minima che per regolamento gli operatori di partenza possono trattenere per coprire le spese, dovrebbe migrare senza problemi.

Gli altri utenti dovranno decidersi come muoversi: se è vero che il passaggio di Bip ai servizi di un altro operatore/enabler è possibile, non si tratterà comunque di una procedura istantanea e priva di complicazioni, dunque a meno che Telogic non riapra i rubinetti ci potrà volere tempo prima che la linea torni. Se poi Bip decidesse di rivolgersi a un altro MNO, ad esempio Wind, tutte le SIM fin qui emesse andrebbero sostituite perché funzionino: e, in ogni caso, cambiare operatore di riferimento non è una procedura che comporti semplicemente lo spegnimento di un apparecchio e l'accensione di un altro, bensì richiede settimane di tempo per rendere compatibili i propri servizi con quelli degli apparati utilizzati. In queste ore si cita come esempio il passaggio, non ancora ufficializzato, di Postemobile da Vodafone a Wind: passaggio che sarebbe in corso da mesi, e per il quale non è ancora annunciata una data conclusiva.

Luca Annunziata
Notizie collegate
  • AttualitàBip Mobile, attesa per la riunione in AGCOMDopo le accuse lanciate dal proprio sito, oggi i manager dell'azienda vedono gli altri attori della vicenda. Convocati dall'Authority dovranno decidere come gestire il prosieguo del blackout delle linee
  • AttualitàBip Mobile al contrattaccoL'operatore virtuale pubblica nero su bianco la propria versione dei fatti. Rilanciando la palla nel campo di Telogic. Nel frattempo l'ex-AD rende pubblico il suo nuovo incarico: e non si tratta di telefonia
  • AttualitàLo strano caso Bip MobileL'operatore virtuale conferma i disservizi e promette il ripristino delle comunicazioni. La colpa sarebbe di un fornitore che ha staccato la spina. Della questione si occupa da mesi l'AGCOM
11 Commenti alla Notizia Bip Mobile, attesa per una soluzione
Ordina
  • il giorno 2 gennaio ( praticamente sono uno dei primi ad essere fuggito ad altro operatore) sono passatoi a 3. Prima mi hanno detto che in tre giorni veniva effettuata la portabilità, poi il 133 mi diceva il 13, successivamente il 15 e stamattina il 18. E’ chiaro che non ci credo più e che la delibera Agcom non è affatto stata presa in considerazione, voci dai forum dicono che la bip sta effettuando solo le portabilità verso poste mobile, quindi appartenendo io alla odiata 3……non ho più speranze. L’Ag Com deve anche controllare i numeri di protocolli perchè non mi è chiara sta cosa che solo con poste mobile si riesce ad avere la portabilità
    DELIBERA N. 2/14/CONS
    ORDINE ALLE SOCIETÀ BIP MOBILE S.P.A. E TELOGIC ITALY S.R.L. DI
    ADEGUAMENTO DELLA CAPACITA’ DI EVASIONE GIORNALIERA
    DELLE RICHIESTE DI PORTABILITÀ DI CUI ALLA DELIBERA N.
    147/11/CIR
    non+autenticato
  • Se conosci i Landi, li eviti!
    Ex dipendente Eutelia, Agile, che per fortuna lavora ancora.
  • Certo è che bisogna essere pazzi ad avviare un impresa di telefonia, seppur solo come operatore virtuale, in un mercato saturo come quello italiano.
    Passi PosteMobile, Auchan e coop varie, dato il loro core-business è altro.. ma di Bip Mobile, era chiaro lontano un miglio che sarebbe esplosa.
    non+autenticato
  • "quel giorno i rappresentanti di Terra erano in un ufficio di un notaio di Roma per firmare il passaggio del 100 per cento del pacchetto societario di Bip nelle loro mani, ma nessuno della controparte si è presentato per chiudere la transazione".

    La parcella al notaio va pagata comunque, per il disturbo. Arrabbiato
  • Fai il notaio?   Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • > Fai il notaio?   Newbie, inesperto

    No, però spero che alla fine della vicenda siano costretti, con una ordinanza del giudice se necessario, a pagare per aver dato buca all'appuntamento. Così imparano a far perdere tempo alla gente. Arrabbiato
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Fai il notaio?   Newbie, inesperto
    >
    > No, però spero che alla fine della vicenda siano
    > costretti, con una ordinanza del giudice se
    > necessario, a pagare per aver dato buca
    > all'appuntamento. Così imparano a far perdere
    > tempo alla gente.
    >Arrabbiato

    Non è che stiamo parlando di privati cittadini: tutte le ditte di un certo livello hanno dei notai di fiducia dai quali vanno, e sicuramente non è una parcella di qualche migliaia di euro che incide sul bilancio...
  • > > No, però spero che alla fine della vicenda
    > siano
    > > costretti, con una ordinanza del giudice se
    > > necessario, a pagare per aver dato buca
    > > all'appuntamento. Così imparano a far perdere
    > > tempo alla gente.
    > >Arrabbiato

    > Non è che stiamo parlando di privati cittadini:
    > tutte le ditte di un certo livello hanno dei
    > notai di fiducia dai quali vanno, e sicuramente
    > non è una parcella di qualche migliaia di euro
    > che incide sul
    > bilancio...

    L'importante è che venga pagata fino all'ultimo €. Così imparano! Arrabbiato
  • Ma che ci frega del notaio! Sei di Terra Spa dei Landi visto che ti accalori così' tanto? E poi i Giacomini avranno avuto i loro buoni motivi per non cedere l'azienda ai Landi noti per comprare le aziende a 1 euro! Qui stiamo parlando di migliaia (220 mila) utenti lasciati senza credito telefonico dall'oggi al domani, dovranno essere appurate le responsabilità oppure quelli di Telogic potevano non sapere?
  • > Ma che ci frega del notaio! Sei di Terra Spa dei
    > Landi visto che ti accalori così' tanto?

    No. È che l'aspetto della vicenda che mi infervora di più è quella della buca data al notaio, non si tira il bidone così.
    Impossibile immedesimarmi negli utenti BIP, non ho mai avuto un cellulare.
  • come fai a non avere un cellulare?
    non+autenticato