Gaia Bottà

Cina, l'autarchia software è la via

Un sistema operativo che animerà PC, smartphone e TV, sviluppato a partire dal kernel Linux. Contro lo spionaggio occidentale e i problemi che affliggono gli altri OS, è tagliato su misura del mercato cinese

Roma - Contro gli attori del mercato occidentale che spadroneggiano sul vastissimo mercato locale, contro i governi stranieri che vorrebbero insinuarsi nella vita dei cittadini monitorando le loro comunicazioni: la Cina sceglie l'autarchia per quello che si propone come il nuovo sistema operativo dedicato ad ogni tipo di dispostitivo, supportato dalle autorità.


Anticipato da indiscrezioni negli scorsi mesi, prevedibilemente presentato all'estero come China Operating System (COS), il sistema operativo è frutto di un investimento del governo nella ricerca condotta dall'Accademia Cinese delle Scienze e dal partner Liantong Network Communication Technology, apparentemente con il supporto di HTC, che avrebbe prestato l'hardware ai test. È stato approntato per animare le più svariate piattaforme: dal PC agli smartphone, dai tablet ai set top box, tutti questi dispositivi potranno montare software autarchico.

È questa infatti la prospettiva che muove il progetto di COS: nel corso della presentazione si è puntato il dito contro i sistemi operativi più diffusi, e nessuno è stato risparmiato. Oltre a non essere in grado di soddisfare al meglio le esigenze e le abitudini di interazione uomo-macchina del mercato cinese, i prodotti software occidentali soffrirebbero di lacune incolmabili: iOS, che sgomita alla conquista del mercato cinese, costituirebbe un ecosistema troppo chiuso, Android, il sistema operativo più diffuso sugli smartphone locali, è afflitto da una eccessiva frammentazione e come Windows Phone ha problemi di sicurezza. Sul fronte desktop, poi, si ricorda come presto sarà necessario sostituire Windows XP, vicino alla fine del supporto ma ancora diffusissimo. Non ultimo, i rappresentanti dell'Accademia Cinese delle Scienze ricordano come i sistemi operativi occidentali possano nascondere backdoor utili ai governi più impiccioni. COS interverrà a porvi rimedio.

Il sistema operativo, è stato spiegato nella conferenza stampa, è simile a Android e iOS solo in superficie, a livello di interfaccia: il codice, basato su kernel Linux, è sviluppato indipendentemente e non sarà open source. I dettagli scarseggiano: per ora è dato sapere che supporta HTML5, che i suoi utenti potranno fruire delle 100mila app già compatibili attraverso un unico store, sicuro e affidabile, che le sperimentazioni con i principali operatori locali sono già state avviate ma ancora mancano gli accordi con i produttori dell'hardware.

Parte della foltissima schiera dei netizen cinesi, 618 milioni di cittadini, l'81 per cento dei quali connesso a mezzo mobile, non ha recepito con troppo entusiasmo l'avvento di COS: sarà perché le precedenti e numerose imprese cinesi per lo sviluppo di un sistema operativo autarchico sono spesso sprofondate nell'ombra (persino Red Flag Linux, la nota distro di stato, sembrerebbe arrancare di mancanza di fondi), sarà perché le iniziative volte allo sviluppo di dispositivi tagliati su misura del mercato locale sono sovente rimaste inespresse, sarà perché la notevole somiglianza di COS con iOS e Android non si accompagna con un ecosistema già rodato e di respiro globale. Ma stato e mercato cinesi continuano a credere nel successo della localizzazione: COS, sul versante mobile, si batterà con un contendente che offre le stesse caratteristiche e vanta la stessa superiorità rispetto agli inaffidabili prodotti occidentali. Si tratta di 960 OS: è stato presentato una manciata di giorni prima del sistema operativo supportato dallo stato, è valso 15 anni di sviluppo.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessApple, iPhone alla conquista della CinaIl melafonino sarà disponibile anche per il maggiore operatore cinese. Gli analisti prevedono milioni di vendite, anche se il vastissimo mercato cinese sembra preferire terminali più economici
  • BusinessCyanogen raccoglie milioniCi sono 30 milioni tondi tondi in banca a disposizione per trasformare la mod in un vero sistema operativo mobile. Magari anche in collaborazione con Oppo. E poi c'è Tizen che si rifà vedere in giro
  • TecnologiaUbuntu, il nuovo OS cineseCanonical e le autorità di Pechino stringono accordi per promuovere il software open source in Cina. Si comincia con un sistema operativo basato su Ubuntu, con tanto di servizi cloud specifici per il mercato locale
29 Commenti alla Notizia Cina, l'autarchia software è la via
Ordina
  • chissà perché ma l'unica innovazione cinese che riesco a concepire è aggiungere un orologio a led sopra qualsiasi cosa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > Questi sono scopiazzamenti e cazzate assortite.
    >
    > La vera innovazione è questa
    >
    > http://www.osnews.com/story/27514/OSv_a_new_open_s
    > http://www.osnews.com/story/27516/MirageOS_rise_of
    Questo?
    http://www.ticalc.org/archives/files/fileinfo/139/...
    :D
    non+autenticato
  • non so perchè cancellano i miei commenti, ma ripeto "se ti fermi alla gui, vuol dire che non c'hai capito un tubo"

    va bene così, cara redazione?
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > non so perchè cancellano i miei commenti, ma
    > ripeto "se ti fermi alla gui, vuol dire che non
    > c'hai capito un
    > tubo"
    >
    Quale gui?
    non+autenticato
  • - Scritto da: 2014
    > - Scritto da: collione
    > > non so perchè cancellano i miei commenti, ma
    > > ripeto "se ti fermi alla gui, vuol dire che
    > non
    > > c'hai capito un
    > > tubo"
    > >
    > Quale gui?

    quelle immagini che si vedono nella pagina che hai postato
    non+autenticato
  • - Scritto da: 2014

    > Quale gui?

    quelle immagini che si vedono nella pagina che hai postato
    non+autenticato
  • Se ti fermi alla gui non vai lontano, me se non curi un minimo la gui non parti neanche.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Se ti fermi alla gui non vai lontano, me se non
    > curi un minimo la gui non parti
    > neanche.

    il che non c'entra con gli unikernel, i quali sono delle librerie di routine low-level

    poi ci metti sopra la gui che più ti piace
    non+autenticato
  • mah... purtroppo finiranno solo per sostituire le backdoor che sicuramente nsa ha nascosto nei blob binari del kernel vanilla di torvalds (*) con le backdoor del governo capitalista cinese...
    non+autenticato
  • - Scritto da: king volution
    > mah... purtroppo finiranno solo per sostituire le
    > backdoor che sicuramente nsa ha nascosto nei blob
    > binari del kernel vanilla di torvalds (*) con le
    > backdoor del governo capitalista
    > cinese...
    Quali blob binari???
    Ne hai bisogno (eventualmente) solo per il supporto di devices specifici e con parte dei driver e firmware proprietari.
    Se scegli quello che compri non è per nulla necessario nessun blob e decidi tu se compilarli e includerli o meno di per se il "vanilla kernel" non è compilato e non è in forma binaria (come in genere è in una "normale" distro, escluse gentoo e simili) i drivers possono esserlo e contenere blob (ripeto solo quelli che non hanno drivers open), ma appunto nessuno ti obbliga a comprare hardware "che ne ha bisogno" e quindi nessuno ti obbliga ad avere nessun blob.
    Basta scegliere.
    Per il governo cinese invece non c'è dubbio (anzi il contrario) che ci saranno backdoor.
    Ma anche quello nessuno ti può obbligare a usarlo.
    Non vedo dove sia il problema.
    Nel mio computer non c'è nulla che abbia bisogno dei blob quindi perchè dovrei usarli? dato che non c'è il tipo di hardware che li utilizzerebbe (eventualmente) quindi perchè mai dovrei preoccuparmi dei blob?
    Inoltre i blob non sono parte del kernel sono contenuti in dei moduli del kernel e qualcuno (init e i seguenti step nella fattispecie) deve caricarli e (posto che tu li abbia e non è il mio caso) vengono caricati solo se vengono rilevati gli hardware che (eventualmente) li usano.
    Non è che li carica "la mano di dio" ne quella di "gandalf il grigio" e tanto meno quella della "NSA" dato che il loader dei moduli è appunto in sorgente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: king volution
    > > mah... purtroppo finiranno solo per sostituire
    > le
    > > backdoor che sicuramente nsa ha nascosto nei
    > blob
    > > binari del kernel vanilla di torvalds (*) con le
    > > backdoor del governo capitalista
    > > cinese...
    > Quali blob binari???
    > Ne hai bisogno (eventualmente) solo per il
    > supporto di devices specifici e con parte dei
    > driver e firmware
    > proprietari.
    > Se scegli quello che compri non è per nulla
    > necessario nessun blob e decidi tu se compilarli
    > e includerli o meno di per se il "vanilla kernel"
    > non è compilato e non è in forma binaria (come in
    > genere è in una "normale" distro, escluse gentoo
    > e simili) i drivers possono esserlo e contenere
    > blob (ripeto solo quelli che non hanno drivers
    > open), ma appunto nessuno ti obbliga a comprare
    > hardware "che ne ha bisogno" e quindi nessuno ti
    > obbliga ad avere nessun blob.
    >
    > Basta scegliere.
    > Per il governo cinese invece non c'è dubbio (anzi
    > il contrario) che ci saranno
    > backdoor.
    > Ma anche quello nessuno ti può obbligare a usarlo.
    > Non vedo dove sia il problema.
    > Nel mio computer non c'è nulla che abbia bisogno
    > dei blob quindi perchè dovrei usarli? dato che
    > non c'è il tipo di hardware che li utilizzerebbe
    > (eventualmente) quindi perchè mai dovrei
    > preoccuparmi dei
    > blob?
    > Inoltre i blob non sono parte del kernel sono
    > contenuti in dei moduli del kernel e qualcuno
    > ( init e i seguenti step nella fattispecie)
    > deve caricarli e (posto che tu li abbia e non è
    > il mio caso) vengono caricati solo se vengono
    > rilevati gli hardware che (eventualmente) li
    > usano.
    > Non è che li carica "la mano di dio" ne quella di
    > "gandalf il grigio" e tanto meno quella della
    > "NSA" dato che il loader dei moduli è appunto in
    > sorgente.
    E se non bastesse ci sono i macachi e la natura matrigna, e persino i trolletti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > Inoltre i blob non sono parte del kernel sono
    > contenuti in dei moduli del kernel e qualcuno
    > ( init e i seguenti step nella fattispecie)
    > deve caricarli e (posto che tu li abbia e non è
    > il mio caso) vengono caricati solo se vengono
    > rilevati gli hardware che (eventualmente) li
    > usano.
    > Non è che li carica "la mano di dio" ne quella di
    > "gandalf il grigio" e tanto meno quella della
    > "NSA" dato che il loader dei moduli è appunto in
    > sorgente.
    te li da direttamente la intel precaricati nella cpuA bocca aperta
    non+autenticato
  • Se ci sono blob dubbi, quasi sempre nel chip Wifi, oggi esistono mini router wifi che si collegano alla ethernet e prendono alimentazione da una USB.

    Sul mio desktop ho connesso così. Più che altro perché non trovo schede wifi performanti che mi vadano bene come dico io...

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Gli dai una connessione wifi ad una stampante, una console o uno smart tv che hanno solo la ethernet.
    iRoby
    6874
  • Carino il giochino della rana al 00:34 del secondo video! A bocca aperta
  • "il codice, basato su kernel Linux, è sviluppato indipendentemente e non sarà open source."

    ovvero: ora il cittadino cinese di turno non avrà più il sospetto che un governo straniero controlli il proprio dispositivo ma avrà la certezza che il proprio governo lo fa.

    In un certo senso è un passo avanti, in questo modo hai un controllore soltanto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dreikan

    > In un certo senso è un passo avanti, in questo
    > modo hai un controllore
    > soltanto.

    e soprattutto hai delle certezzeA bocca aperta

    comunque la parte che mi piacerebbe approfondire è questa

    > "il codice, basato su kernel Linux, è sviluppato
    > indipendentemente e non sarà open
    > source."

    in pratica? un'opera derivata closed source? cioè in palese violazione della gpl?

    il governo cinese vuole mettersi contro tutti gli smanettoni del globo? gran bella mossa, non c'è che dire
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: Dreikan
    >
    > > In un certo senso è un passo avanti, in questo
    > > modo hai un controllore
    > > soltanto.
    >
    > e soprattutto hai delle certezzeA bocca aperta
    >
    > comunque la parte che mi piacerebbe approfondire
    > è
    > questa
    >
    > > "il codice, basato su kernel Linux, è sviluppato
    > > indipendentemente e non sarà open
    > > source."
    >
    > in pratica? un'opera derivata closed source? cioè
    > in palese violazione della
    > gpl?
    >
    > il governo cinese vuole mettersi contro tutti gli
    > smanettoni del globo? gran bella mossa, non c'è
    > che
    > dire
    Secondo te chi ha scritto la frase in questione sa cosa significa "basato su kernel linux" (che implica forzatamente la compliancy con GNU) e capisce la differenza tra applicazione, interfaccia e kernel?
    Io non ci credo neppure se lo giura su una montagna di bibbie.
    Occhiolino
    Alle cose che scrivono i "giornalisti" bisogna farci un minimo di "tara"... se li prendi alla lettera l'unica conclusione a cui puoi arrivare è che il 90% sono cazzate il 9% leggende metropolitane (glielo ha raccontato il cugino che lo ha visto fare in casa della zia Lella) e l'1% (a stare larghi) ha una qualche (più o meno labile) relazione con i fatti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: collione
    > > - Scritto da: Dreikan
    > >
    > > > In un certo senso è un passo avanti, in questo
    > > > modo hai un controllore
    > > > soltanto.
    > >
    > > e soprattutto hai delle certezzeA bocca aperta
    > >
    > > comunque la parte che mi piacerebbe approfondire
    > > è
    > > questa
    > >
    > > > "il codice, basato su kernel Linux, è
    > sviluppato
    > > > indipendentemente e non sarà open
    > > > source."
    > >
    > > in pratica? un'opera derivata closed source?
    > cioè
    > > in palese violazione della
    > > gpl?
    > >
    > > il governo cinese vuole mettersi contro tutti
    > gli
    > > smanettoni del globo? gran bella mossa, non c'è
    > > che
    > > dire
    > Secondo te chi ha scritto la frase in questione
    > sa cosa significa "basato su kernel linux" (che
    > implica forzatamente la compliancy con GNU) e
    > capisce la differenza tra applicazione,
    > interfaccia e
    > kernel?
    > Io non ci credo neppure se lo giura su una
    > montagna di
    > bibbie.
    > Occhiolino
    > Alle cose che scrivono i "giornalisti" bisogna
    > farci un minimo di "tara"... se li prendi alla
    > lettera l'unica conclusione a cui puoi arrivare è
    > che il 90% sono cazzate il 9% leggende
    > metropolitane (glielo ha raccontato il cugino che
    > lo ha visto fare in casa della zia Lella) e l'1%
    > (a stare larghi) ha una qualche (più o meno
    > labile) relazione con i
    > fatti.

    guarda che quelli di PI si incazzano se li sputtani cosi' apertamente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: Dreikan
    >
    > > In un certo senso è un passo avanti, in questo
    > > modo hai un controllore
    > > soltanto.
    >
    > e soprattutto hai delle certezzeA bocca aperta
    >
    > comunque la parte che mi piacerebbe approfondire
    > è
    > questa
    >
    > > "il codice, basato su kernel Linux, è sviluppato
    > > indipendentemente e non sarà open
    > > source."
    >
    > in pratica? un'opera derivata closed source? cioè
    > in palese violazione della
    > gpl?
    >
    > il governo cinese vuole mettersi contro tutti gli
    > smanettoni del globo? gran bella mossa, non c'è
    > che
    > dire
    stanno già tremando
    non+autenticato
  • farebbe bene a tremare, visto il flop dei loro precedenti os "open chiusi"

    ah, e dov'è finito il fork supersicuro di freebsd?
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > farebbe bene a tremare, visto il flop dei loro
    > precedenti os "open
    > chiusi"
    >
    > ah, e dov'è finito il fork supersicuro di freebsd?
    sai leggere il cinese?
    non+autenticato
  • - Scritto da: 2014
    > - Scritto da: collione
    > > farebbe bene a tremare, visto il flop dei
    > loro
    > > precedenti os "open
    > > chiusi"
    > >
    > > ah, e dov'è finito il fork supersicuro di
    > freebsd?
    > sai leggere il cinese?

    con google translate posso leggere pure il klingon Rotola dal ridere

    posta i link, vai vai
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: 2014
    > > - Scritto da: collione
    > > > farebbe bene a tremare, visto il flop
    > dei
    > > loro
    > > > precedenti os "open
    > > > chiusi"
    > > >
    > > > ah, e dov'è finito il fork supersicuro
    > di
    > > freebsd?
    > > sai leggere il cinese?
    >
    > con google translate posso leggere pure il
    > klingon
    > Rotola dal ridere
    >
    > posta i link, vai vai
    vai a leggerlo e CERCATELI i link...
    non+autenticato
  • - Scritto da: 2014

    > vai a leggerlo e CERCATELI i link...

    cosa? quello che non esiste?

    l'onere della prova è a carico di chi fa certe affermazioni, cioè tu
    non+autenticato
  • Intanto tu hai mandato i tuoi vecchi cd alla library of congress?
    non+autenticato