Alfonso Maruccia

Lenovo mette le mani sui server x86 di IBM

Ufficializzata la cessione del business di Big Blue all'azienda cinese. La stessa che aveva già acquisito la divisione PC consumer. In ballo ci sono migliaia di posti di lavoro. Ma sull'accordo dovrà pronunciarsi anche il Governo USA

Roma - Dopo le indiscrezioni degli ultimi giorni, la vendita dei server x86 da parte di IBM viene ufficializzata e portata alla luce del sole: sarà ancora una volta Lenovo a pagare per il business hardware di Big Blue, con l'aspettativa di riassumere gli impiegati ora in forze alla corporation statunitense. Sempre ammesso che gli ostacoli politici all'acquisizione non si dimostrino essere insormontabili.

Lenovo esce vincitrice da una "gara" che negli ultimi tempi sembrava fosse aperta anche agli altri player del mercato PC, colossi del calibro di Dell interessati a inglobare la divisione in perdita di Big Blue: i numeri forniti da IBM nell'ultimo resoconto trimestrale parlano di un business in caduta libera con un -16 per cento di ricavi.

L'acquisizione arriva dunque a breve distanza dallo stop alle transazioni azionarie deciso da Lenovo, una mossa che già anticipava l'annuncio che poi è stato dato dalla corporation cinese: IBM cederà la divisione "System X" a Lenovo per 3,2 miliardi di dollari, 2,7 miliardi dei quali in denaro liquido e il resto con pacchetti azionari. Il valore dell'operazione - che porta con se anche il resto delle macchine x86 di IBM, il software e la manutenzione associati - dovrebbe essere molto inferiore a quanto inizialmente richiesto da Big Blue, visto che un precedente tentativo di cessione (sempre a Lenovo) non era andato a buon fine per via della cifra eccessiva chiesta dal colosso americano (si vocifera attorno ai 6 miliardi di dollari).
La perdita costante di ricavi ha evidentemente consigliato a IBM di concludere una volta per tutte anche a prezzo (molto) ribassato: Lenovo dovrebbe servirsi della manutenzione di Big Blue sui suoi (nuovi) sistemi server per un periodo esteso di tempo, e per 7.500 lavoratori si prevede il passaggio al nuovo datore di lavoro in varie parti del mondo.

"Questa acquisizione dimostra la nostra volontà di investire in un business che può aiutarci ad alimentare la crescita di utili e ad estendere la nostra strategia PC" ha dichiarato il CEO e presidente di Lenovo Yang Yuanqing, rimarcando come bastino "la giusta strategia, una innovazione continua e un impegno chiaro nell'industria x86" per continuare a vendere i PC in un mondo in cui di PC con chip x86 se ne vendono sempre meno.

L'acquisizione dei server x86 di IBM da parte di Lenovo ha ora un solo ostacolo davanti a se, e non è cosa da poco: un passaggio di consegne di un business così delicato - e potenzialmente con ricadute strategiche anche su operazioni e forniture militari - in mani straniere chiamerà certamente in causa il Comitato sugli Investimenti Stranieri negli Stati Uniti, autorità che in passato aveva già dato via libera alla storica cessione della divisione PC di IBM ma che potrebbe anche decidere di comportarsi diversamente in un'epoca di Datagate, spionaggio diffuso e hacker cinesi più attivi che mai.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessMercato PC, il peggio è arrivatoLe ultime analisi sulle vendite confermano il declino del settore informatico ma avvertono: arrivati in fondo, si può solo risalire. Lenovo continua a crescere a spese di tutti, mentre Apple perde quota. O forse no
  • BusinessIBM vuole vendere i server x86. Ma a chi?Big Blue è desiderosa di liberarsi delle ultime propaggini del suo vecchio business x86 e sarebbe alla ricerca di un compratore per il segmento server. Si fanno i nomi di Dell e Lenovo, mentre gli investimenti se ne volano nel cloud
  • BusinessIBM e AMD, trimestrali di transizioneAd Armonk e Sunnyvale si tirano le somme del 2013. Ma se per Big Blue i server sono diventati un peso, AMD invece tira il fiato grazie proprio al suo hardware installato nelle console di nuova generazione
15 Commenti alla Notizia Lenovo mette le mani sui server x86 di IBM
Ordina
  • Questa è la fine che merita IBM, dopo il caso Olivetti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: jfk
    > Questa è la fine che merita IBM, dopo il caso
    > Olivetti...

    Quale sarebbe il caso Olivetti?
    E poi quale fine sarebbe quella di vendere una divisione non strategica per concentrarsi su altri settori più importanti?
    non+autenticato
  • ti riferisci a quello che debenedetti disse sulla morte dell ingegnere italocinese Mark Tchou? che sarebbe stato ucciso dagli 007 americani per favorire l ibm nella corsa ai primi calcolatori elettronici ?
    non+autenticato
  • "se non rende, lo si vende".
    Peccato che dopo 20 anni quello che ha comprato ti fa un culo cosi' e diventa il tuo padrone.
    capistalisti USA che non vedono al di la del prossimo trimestre: continuate, continuate a vendere "pezzi" ai cinesi, che alla fine saranno i padroni del "tutto".
    non+autenticato
  • varrebbe anche per chrysler venduta alla fiat ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: get the fact
    > varrebbe anche per chrysler venduta alla fiat ?

    quando vendi a uno dei tuoi servi che puoi comandare a bacchetta e' quasi come non vendere.

    diverso e' quando vendi a uno che gia' ti possiede per un bel pezzo (quanto debito pubblico USA e' in mani cinesi?) e col quale non puoi fare la voce grossa perche', al pari di te, ha missili balistici intercontinentali e quindi devi contrattarci, non basta ordinare, come fanno con noi.
    non+autenticato
  • Rigirata di frittata.
  • La fiat non è più italiana da parecchio tempo.
    non+autenticato
  • > La fiat non è più italiana da parecchio tempo.

    Di che nazionalità è?
  • - Scritto da: Leguleio
    > > La fiat non è più italiana da parecchio
    > tempo.
    >
    > Di che nazionalità è?
    svizzera, dove tengono i soldiA bocca aperta
    non+autenticato
  • > - Scritto da: Leguleio
    > > > La fiat non è più italiana da parecchio
    > > tempo.
    > >
    > > Di che nazionalità è?
    > svizzera, dove tengono i soldiA bocca aperta

    Ah ecco...
    E ora che entra in vigore l'accordo italo-svizzero sul contrasto alla criminalità? Diventerà una società caymana?
  • - Scritto da: Leguleio
    > > - Scritto da: Leguleio
    > > > > La fiat non è più italiana da
    > parecchio
    > > > tempo.
    > > >
    > > > Di che nazionalità è?
    > > svizzera, dove tengono i soldiA bocca aperta
    >
    > Ah ecco...
    > E ora che entra in vigore l'accordo
    > italo-svizzero sul contrasto alla criminalità?
    > Diventerà una società
    > caymana?
    FCA è con sede fiscale a Londra (che come isola dei pirati non ha nulla da invidiare alla tortuga e quindi alle cayman).
    E con sede legale in Olanda (anche questa antica patria dei pirati Frisoni di origini vikinghe).
    Non importa andare oltre Finisterre per trovare storie di pirati.
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • quindi secondo te IBM dovrebbe tenersi un prodotto che gli altri fanno meglio e a meno (ricordati che si tratta di chipset Intel) e che causa solo perdite di fatturato?
    non+autenticato
  • - Scritto da: exo cat
    > ... un
    > prodotto che gli altri fanno meglio e a meno
    > ..

    Sul meglio ci sarebbe da discutere, sul meno probabilmente no.
    non+autenticato