Alfonso Maruccia

Tor Mail è cosa dell'FBI

Il Bureau statunitense è in possesso di una copia dell'archivio di email "anonimo" e lo usa a piacimento nelle indagini. Che si tratti di pedoporno o frodi finanziarie, poco importa

Roma - L'FBI è entrata in possesso di una copia dell'archivio di Tor Mail in seguito al sacco di Freedom Hosting e ora l'agenzia federale sta facendo uso di quelle informazioni in indagini che nulla hanno a che fare con quella vicenda, originariamente focalizzata sulla promozione di materiale pedopornografico.

Stando a quanto riferisce Wired, gli utenti che abbiano fatto uso di Tor Mail per i più disparati motivi sono ora in mano all'FBI: il Bureau investigativo ha acquisito la copia di un server francese facente parte del servizio di comunicazione anonimo su rete Tor, servizio che ha cessato di essere nell'agosto del 2013 ma che potrebbe perseguitare i suoi utenti - soprattutto quelli coinvolti in traffici non molto puliti - ancora per lungo tempo.

I riferimenti a Tor Mail provengono appunto da un'indagine dell'FBI connessa a una truffa basata su carte di credito fasulle, con oltre un anno di attività in ordini e pagamenti passati attraverso la mailbox "platplus@tormail.net".
Gli agenti federali spiegano che Tor Mail "era usato frequentemente da individui coinvolti in attività criminali per sfuggire all'individuazione da parte delle autorità di polizia perché permetteva agli utenti di nascondere la loro vera identità e posizione geografica".

In attesa di conoscere gli sviluppi dell'indagine (che coinvolge un cittadino della Florida), gli effetti dell'affaire Freedom Hosting/Tor Mail continuano a farsi sentire in giro per il mondo: la società di hosting francese proprietaria del server Tor Mail non è nota, ma il colosso OVH ha nei mesi passati fatto sapere di considerare i server Tor come cosa non gradita sul proprio network.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàTor, il grande sacco contro il pedopornoFreedom Hosting offline dopo l'arresto del suo proprietario. Che rischia l'estradizione negli USA per pedoporno. Disagi per la rete a cipolla, con un giallo su un attacco in corso a TOR browser
  • SicurezzaFreedom Hosting, c'è di mezzo l'FBIConfermati ufficialmente i sospetti sul coinvolgimento delle autorità statunitensi nel sacco di uno dei servizi di hosting più popolari sul network anonimizzatore di Tor. Il responsabile voleva tentare la fuga
8 Commenti alla Notizia Tor Mail è cosa dell'FBI
Ordina
  • quello che mi infastidisce assai è.......che unioni di menti private in ambito privato possano spiare soggetti e fare danno... grazie alle tecnologie,al carrello...se un brawser riesce a limitare questo è un buon strumento...se...
    non+autenticato
  • - Scritto da: tomera davide
    > quello che mi infastidisce assai è.......che
    > unioni di menti private in ambito privato possano
    > spiare soggetti e fare danno... grazie alle
    > tecnologie,al carrello...se un brawser riesce a
    > limitare questo è un buon strumento...se...

    Gli strumenti ci sono, tu li usi o mandi tutto in chiaro come fa il 99% della popolazione ?
    non+autenticato
  • usare qualsiasi strumento legale che impedisca a certi spioni di..... di spiare/usare/e sopratutto boicottare / le iniziative legittime del cittadino : è non solo legittimo ma doveroso.

    penso che... nessuno strumento è in grado di sottrarsi al controllo dell'autorità competente..ma dalle sette private forse si....forse.
    non+autenticato
  • Qualsiasi sistema di anonimizzazione che si basi su un server centralizzato avrà problemi di questo tipo. Solo sui sistemi distribuiti è possibile ottenere qualcosa di decente.

    A dimostrazione che l'anonimizzazione richiede ancora conoscenze tecniche piuttosto elevate da parte dell'utente, perché fare un passo falso è molto facile, anche se le infrastrutture tecnicamente ci sono.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Qualcuno
    > Qualsiasi sistema di anonimizzazione che si basi
    > su un server centralizzato avrà problemi di
    > questo tipo. Solo sui sistemi distribuiti è
    > possibile ottenere qualcosa di decente.

    > A dimostrazione che l'anonimizzazione richiede
    > ancora conoscenze tecniche piuttosto elevate da
    > parte dell'utente, perché fare un passo falso è
    > molto facile, anche se le infrastrutture
    > tecnicamente ci sono.

    Beh, insomma, gli anonimous remailer ci sono e funzionano da una vita.
    krane
    22544
  • "Eh no... (diranno i fanatici della privacy, anime apparentemente candide) meglio buttare nel cestino questi materiali che potrebbero far risalire a pedofili e truffatori, perchè io non voglio che l'FBI legga le mail che mando alla mia morosa..."

    Come se non avessero altro da fare che leggere il vostro diario del cuore...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ndr
    > "Eh no... (diranno i fanatici della privacy,
    > anime apparentemente candide) meglio buttare nel
    > cestino questi materiali che potrebbero far
    > risalire a pedofili e truffatori, perchè io non
    > voglio che l'FBI legga le mail che mando alla mia
    > morosa..."

    Veramente i fanatici della privacy dicono: c'era mixmaster nel server, quindi dovrebbe esssere tutto criptato, l'FBI sta di nuovo gettando soldi e tempo che potrebbe essere usato per andare a cercare i pedofili fuori dalla rete.
    krane
    22544
  • - Scritto da: ndr
    > "Eh no... (diranno i fanatici della privacy,
    > anime apparentemente candide) meglio buttare nel
    > cestino questi materiali che potrebbero far
    > risalire a pedofili e truffatori, perchè io non
    > voglio che l'FBI legga le mail che mando alla mia
    > morosa..."

    Meglio un delinquente libero che il rischio che un governo dopo essersi trasformato in qualcosa di poco democratico usi quei dati per perseguire qualcuno sulla base delle sue idee...
    .poz
    199