Alfonso Maruccia

Chromebook, desktop con virtualizzazione

VMWare intende trasformare il thin-client di Google in un vero PC permettendo agli utenti di far girare OS e applicazioni Windows tramite ambiente virtualizzato. Anche Microsoft pensa a virtualizzare: app Android su Windows 8 e Windows Phone?

Roma - Google e VMWare hanno stretto un accordo per trasformare i Chromebook in veri PC, vale a dire dando la possibilità agli utenti di far girare gli ambienti operativi Windows e il relativo software direttamente dallo schermo dei thin-client Internet-dipendenti commercializzati dai partner di Mountain View.

L'accordo mira prevedibilmente a conquistarsi i favori del pubblico enterprise, fornendo una soluzione per far girare le applicazioni esclusive per i sistemi x86 senza la necessità di dover usare un PC: le aziende interessate possono abbonarsi al servizio Horizon DaaS (deskptop-as-a-service) per virtualizzare Windows e usare le suddette applicazioni su Chrome OS. La connessione a Internet senza interruzioni è ovviamente obbligatoria.

Google mostra di voler spingere l'acceleratore sull'offerta di sistemi Chrome OS anche in virtù della fine del supporto ufficiale a Windows XP fissata per il prossimo aprile, termine oltre il quale i soggetti più coscienziosi verranno posti di fronte alla prospettiva di continuare a usare un sistema vulnerabile o aggiornare - magari non a Windows 8 ma a qualcosa di alternativo ed economico come sono appunto i terminali Internet-dipendenti basati su Chrome.
E parlando di virtualizzazione, anche il management di Microsoft valuta il da farsi con gli ambienti ex-Metro: le fonti parlano di discussioni interne sull'opportunità di implementare il supporto nativo delle app Android su sistemi Windows (8.x) e Windows Phone, una mossa che ha i suoi pro e i suoi contro ed è quindi valutata con il massimo di attenzione ai piani alti di Redmond.

Alfonso Maruccia
28 Commenti alla Notizia Chromebook, desktop con virtualizzazione
Ordina
  • Scusate ma i primi commenti mi sembrano non avere centrato il punto "clienti enterprice"...
    Non è che viene virtualizzato windows sulla macchina chromebook, io penso che invece vogliano usare chrome os e crhome book o chrome box per entrare nel mercato dei thin client, praticamente windows gira sui server e lato crhome os viene aperto un client rdesktop.
    L'api chrome.socket è stabile già da chrome 24, e implementazioni rdesktop scritte in javascript sfruttando il canvas ce ne sono già, quindi sviluppo della app non c'è molto, si concentreranno sull'architettura server che è il vero businness di vmware.
    Oltretutto alcuni thin client sono cari e si amministrano male.
    Lo spiazzamento è comunque comprensibile ci sono pochissime realtà italiane dove si usano i thin client, quindi a noi suona un po strano. Ma poiché molte app anche gestionali ora sono sul web per un azienda medio grande utilizzare chrome box porterebbe a grandissimi risparmi e non solo come costi di sviluppo e hardware ma farebbe tendere a zero pure i costi di assistenza.
  • Anche se il tuo messaggio, a differenza dei miei più "teorici" (non sono del ramo) fa luce su gli aspetti tecnici di implemetazione, anche io immaginavo uno scenario del genere.

    Anche perchè omestamente per ogni tipologia di utente business o cmq professionale alla quale sta stretto un sistema come chromeos potremmo citare tre categorie di utenti per il quale un thin client è sufficiente, togliendo anche molti problemi di gestione.

    Ovviamente io immaginavo una certa possibilità di implementare sistemi "misti" cosa che attualmente chromeos che scarichi non permette essendo prettamente lagato ai servizi web di google.

    Forse in questo può tornare più utile ChromiumOS a cui manca mi par di capire solo pepper e poco altro, oltre ovviamente al supporto google.
    non+autenticato
  • Be hai ragione al 100%. Posso solo immaginare tre scenari:
    a) mega ditta con reparto it cazzuto che prende chromium os e si cuce ad hoc la propria versione
    b) ditta che vuole essere sicura ed avere un partner forte e affidabile (google) e chi quindi prende chrome os così come sta
    c) ditta che usa molti servizi interni (anche di cloud) e che poco si fida delle politiche di google e che a quel punto usa chromium os così come è.
    Però ovviamente sono ipotesi fatte dal nostro punto di vista, rifacciamo questo discorso tra un annetto Sorride
  • Come la mettono con le licenze se vogliono virtualizzare Windows?
  • - Scritto da: Skywalkersenior
    > Come la mettono con le licenze se vogliono
    > virtualizzare
    > Windows?
    se le pagano, secondo me gliele dannoOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: 2014
    > - Scritto da: Skywalkersenior
    > > Come la mettono con le licenze se vogliono
    > > virtualizzare
    > > Windows?
    > se le pagano, secondo me gliele dannoOcchiolino

    Alla fine un Chrombook verrà a costare esattamente come un notebook con sistema microsoft. Dove sta il vantaggio? Solo il poter dire in giro "io uso ChromeOS" senza ammettere di avere un sistema molto limitato?
  • - Scritto da: Skywalkersenior
    > - Scritto da: 2014
    > > - Scritto da: Skywalkersenior
    > > > Come la mettono con le licenze se
    > vogliono
    > > > virtualizzare
    > > > Windows?
    > > se le pagano, secondo me gliele dannoOcchiolino
    >
    > Alla fine un Chrombook verrà a costare
    > esattamente come un notebook con sistema
    > microsoft. Dove sta il vantaggio? Solo il poter
    > dire in giro "io uso ChromeOS" senza ammettere di
    > avere un sistema molto
    > limitato?
    esatto, proprio quello che dico ioOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalkersenior
    > Come la mettono con le licenze se
    > vogliono virtualizzare Windows?

    Hai bisogno della licenza anche per il windows che gira nella macchina virtuale.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane

    >
    > Hai bisogno della licenza anche per il windows
    > che gira nella macchina
    > virtuale.

    Ovviamente si. Sempre di quel sistema operativo si tratta, che sia fisico o virtuale, non fa differenza.
    Oggi molti server girano in istanze virtuali (un server host con N macchine virtuali), ma ogni istanza deve avere la sua licenza.
    Poi se vogliamo far polemica, sai che MS si fa pagare anche se "pensi" di usare un suo prodotto (tuttora si pagano licenze per prodotti embedded stra-obsoleti), quindi di che ti stupisci.
  • avere un sistema operativo inutile, per farne girare un altro, quale sarebbe?
    non+autenticato
  • se fosse così inutile non venderebbe così tanto

    io non saprei che farmene, ma evidentemente i facebookari lo trovano perfetto per le loro esigenze

    niente virus, niente configurazioni, niente incasinamenti e applicazioni installate/disinstallate che fanno il trashing del disco

    direi che ha i suoi vantaggi
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > se fosse così inutile non venderebbe così tanto
    >
    E per vendere hanno bisogno di montare Windows?
    non+autenticato
  • - Scritto da: 2014
    > - Scritto da: collione
    > > se fosse così inutile non venderebbe così tanto
    > >
    > E per vendere hanno bisogno di montare Windows?

    Secondo me l'idea di fondo è quella di avere le macchine virtuali remote e caricarle sui ChromeBook "on demand".
  • - Scritto da: 2014
    > - Scritto da: collione
    > > se fosse così inutile non venderebbe così tanto
    > >
    > E per vendere hanno bisogno di montare Windows?

    fino ad ora non ne hanno avuto bisogno, evidentemente adesso vogliono indurre pure gli scettici a cambiare idea
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: 2014
    > > - Scritto da: collione
    > > > se fosse così inutile non venderebbe così
    > tanto
    > > >
    > > E per vendere hanno bisogno di montare Windows?
    >
    > fino ad ora non ne hanno avuto bisogno,
    > evidentemente adesso vogliono indurre pure gli
    > scettici a cambiare
    > idea
    Se voglio Windows non prendo un chromebook, è come quelli che spendono un cifrone per prendere un mac e poi usarlo con xp...
    non+autenticato
  • - Scritto da: 2014

    > Se voglio Windows non prendo un chromebook, è
    > come quelli che spendono un cifrone per prendere
    > un mac e poi usarlo con
    > xp...

    se sei un utente aziendale che necessita di sicurezza estrema, zero problemi di configurazione, ecc... ti serve chromeos

    ma sicuramente ci saranno alcuni compiti per cui dovrai usare software windows, e allora usi windows virtualizzato

    non dimenticare che ormai la virtualizzazione è usatissima ovunque, dai datacenter alle scuole, e per ottimi motivi!
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: 2014
    >
    > > Se voglio Windows non prendo un chromebook, è
    > > come quelli che spendono un cifrone per
    > prendere
    > > un mac e poi usarlo con
    > > xp...
    >
    > se sei un utente aziendale che necessita di
    > sicurezza estrema, zero problemi di
    > configurazione, ecc... ti serve
    > chromeos

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    avevi xp e improvvisamente ti serve chromeos?

    > non dimenticare che ormai la virtualizzazione è
    > usatissima ovunque, dai datacenter alle scuole, e
    > per ottimi
    > motivi!
    Si per via dei cialtroni che non sanno fare i sistemisti
    non+autenticato
  • - Scritto da: 2014

    > avevi xp e improvvisamente ti serve chromeos?
    >

    si, perchè hai bisogno dei suoi vantaggi ( che windows non ti dà )

    > Si per via dei cialtroni che non sanno fare i
    > sistemisti

    gli stessi cialtroni proliferati grazie a ms e ai sistemi server next->next->ok

    quindi vuoi dire che tu sei a favore dell'hard way e della linea di comando?A bocca aperta

    o cambi idea a seconda che si parla di linux o windows?
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: 2014
    >
    > > avevi xp e improvvisamente ti serve chromeos?
    > >
    >
    > si, perchè hai bisogno dei suoi vantaggi ( che
    > windows non ti dà
    > )
    >
    > > Si per via dei cialtroni che non sanno fare i
    > > sistemisti
    >
    > gli stessi cialtroni proliferati grazie a ms e ai
    > sistemi server
    > next->next->ok
    >
    > quindi vuoi dire che tu sei a favore dell'hard
    > way e della linea di comando?
    >A bocca aperta
    >
    > o cambi idea a seconda che si parla di linux o
    > windows?
    no uso Windows dalla 3.0 e non ho mai avuto problemi, tranne quando me li sono cercatiImbarazzato
    non+autenticato
  • C'è a mio avviso un solo motivo.

    ChromeOS vuole entrare nelle aziende, evidentemente Google (non a torto) ipotizza uno scenario futuro dove notebook e desktop siano presenti massicciamente solo nel settore business,

    Il sistema chromeos per una azienda è ottimale come client per uffici con possibilità di cloud interni (non solo su internet).

    ChromiumOS è una specie di centos e chrome una specie di RHEL.

    Il panorama però adesso è in mano a servizi di MS, legati sopratutto a MSoffice.

    Per accellerarne l'ingresso fa virtualizzare Office o programmi legati ad esempio al rimpiano (?) XP.

    Semplicemente.

    Non servirà imho a installare windows.
    è più simile a wine che a una virtualbox, secondo me
    non+autenticato