Marco Calamari

Cassandra Crossing/ RealtÓ virtuale e scarsitÓ reale

di M. Calamari - Mercificare i propri dati rendendo la privacy un oggetto di scambio, non solo per i colossi del Web, ma anche per i comuni netizen. Un'idea di un pioniere della Rete, un'idea da smontare

Roma - Jaron Lanier è stato uno dei pionieri della Rete: sono noti i suoi contributi fondamentali (a partire dal nome stesso) nel campo della Realtà Virtuale. Saggista e musicista, è riuscito ad influenzare profondamente lo sviluppo di alcune aree della Rete e a stimolare, per usare un eufemismo, il dibattito sulla comunicazione post simbolica e sulle influenze reciproche tra essa e gli esseri umani.

Cassandra, che ha in passato professionalmente esplorato, ma molto meno di quanto avrebbe voluto, il mondo della Realtà Virtuale, ne ha apprezzato moltissimo alcune opere. Il ricordo di aver attraversato il geometrico ma tutt'ora mitico mondo di Dactyl Nigtmare e poi averne smontato l'hardware immersivo per trovarvi dentro solo un familiare Amiga 3000 con qualche filo scambiato per renderlo meno hackerabile, è ancora vivido ed emozionante a tanti anni di distanza.

Appartenendo più alla generazione di Cassandra che a quella dei nativi digitali, Lanier ha avuto il tempo di elaborare ed esporre idee e posizioni delle più svariate, nonché di cambiare radicalmente opinione su alcune di esse (questa è una dote e non un difetto).
Alcune di queste idee, pur espresse da una persona geniale, sono (a parere di Cassandra) non delle semplici stupidaggini ma concetti profondamente sbagliati e potenzialmente dannosi: un esempio per tutti sia la sua critica distruttiva a Wikipedia, da lui definita Maoismo Digitale.
In un suo recente articolo intitolato "La fine della privacy", e pubblicato in Italia con l'onore della copertina sul numero di Febbraio de "Le Scienze" (la cui lettura suggerisco vivamente), Lanier affronta la questione della privacy e dei Big Data da un punto di vista non informatico ma di equilibrio tra tecnologia, economia e società.
Dando per acquisito il fatto che nel mondo post-Datagate la privacy degli individui è sistematicamente azzerata, e che solo con grande sforzo e dispendio di energia pochi individui "tecnologicamente dotati" sono in grado di conservarne una piccola parte, espone l'idea che in effetti la totale trasparenza di tutta la società, dai progetti dei governi fino ai piani segreti dell'NSA, potrebbe essere in linea di principio un modo di equilibrare la scomparsa della privacy per gli individui.
Idea certo ardita ma con un robusto fondo di ragionevolezza: non si parla da tanto dell'esigenza della "trasparenza" dell'operato dei governi e delle pubbliche amministrazioni?

Ma con un improvviso cambio di direzione, immediatamente argomenta con vigore che un'assoluta trasparenza sarebbe ancor più dannosa per gli individui, perché le entità che maneggiano i Big Data (governi, Google...) ne riceverebbero vantaggi infinitamente maggiori di quelli che riceverebbero gli individui.

Ancor più bizzarramente Lanier conclude che forse l'unico modo di creare un ecosistema equilibrato del flusso di dati personali sia quello di rendere oneroso qualsiasi loro uso, permettendo, anzi, imponendo alle persone di fissare un prezzo per l'uso dei loro dati personali, ed ai signori dei Big Data l'obbligo di pagarli se li usano. In questo modo il diritto alla privacy diventerebbe semplicemente l'atto di fissare un prezzo altissimo per i propri dati, ed accettare la conseguente perdita economica.
Bizzarro, eretico, distruttivo.

Lasciamo perdere in questa sede il potere che una simile struttura di "Personal Data Market" capace di vincolare tutti i Big Data player dovrebbe avere, e sorvoliamo pure su chi dovrebbe controllarla, e su chi controllerà i suoi controllori.
La trasparenza totale quindi favorirebbe i potenti (che stranamente l'hanno sempre aborrita) ed essere obbligati a vendere il proprio sé digitale sarebbe una soluzione migliore ed alternativa ad una maggiore trasparenza della società?

Ancora più insidioso: volgere l'intero flusso dei dati del cyberspazio verso costi non nulli ma alti sarebbe il motore di una nuova economia? Non piuttosto la strada maestra verso nuove carestie?

Come Cassandra ha esordito, anche i geni, particolarmente superata la mezz'età, hanno tutto il diritto di dire fesserie, e questo ne è probabilmente un ottimo esempio. Solo chi vive da sempre in mezzo all'abbondanza, sia materiale che informativa, può perdere di vista le condizioni di base in cui vive la maggior parte dell'umanità, non solo nei paesi "in via di sviluppo" ma anche nelle superpotenze economiche.

Può perdere di vista la contrapposizione individuo-società, che da sempre è alla faticosa ricerca di un equilibrio, quasi sempre effimero o spezzato, quindi devastante appunto per l'individuo.

Può perdere di vista che viviamo in un mondo in cui le risorse materiali sono limitate e quindi non possono essere disponibili per tutti, ma quelle immateriali sono abbondanti, capaci di disseminarsi e combinarsi fra loro, gratuite.

Renderle artificialmente scarse e costose dovrebbe essere classificato come un delitto contro l'umanità ed essere giudicato alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo, non certo essere indicato come la strada verso un benessere maggiore per tutti o per la soluzione dei problemi sociali.

Quindi attenzione: essere geniali e scrivere ricerche accademiche e ed interventi su testate mainstream non è condizione sufficiente ad evitare di esprimere o sostenere idee totalmente errate.

Anche le persone normali come noi possono caderci: basta che si trovino in mano un oggetto connesso e rischiano di convincersi che un "like" od un "hashtag" possano minimamente contribuire a cambiare il mondo.
Basta non essere coscienti del come mai si abbia ha a disposizione una cosa gratuita che ha un prezzo e non chiedersi come la si stia pagando o quanto la si stia pagando. Le quotazioni in Borsa delle Regine dei Big Data sono lì a spiegarlo a tutti tranne a chi non vuole capire.

Basta non percepire più la potenza dell'economia del Dono, non saperla più distinguere da quella del Denaro.

Allora si può tranquillamente criticare distruttivamente Wikipedia, regalare i propri ed altrui dati personali taggando le foto di altre persone, far pagare ai poveri quello che è gratuito, ed anche credere alla Fata Turchina ed al Re buono (che quindi non è "evil"), mentre sia in Rete che nel mondo materiale si incontrano solo Mangiafuoco ed il Lupo Cattivo, ovviamente arricchiti, eleganti, sorridenti e - oh, certo - con un aspetto così "politically correct".

Marco Calamari
Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari
L'archivio di Cassandra/ Scuola formazione e pensiero
Notizie collegate
17 Commenti alla Notizia Cassandra Crossing/ RealtÓ virtuale e scarsitÓ reale
Ordina
  • Siamo sicuri che Cassandra abbia ben interpretato il messaggio di Larnier sulla privacy? Io lo leggo come "facciamo pagare caro ciò che ora rubano indisturbati". E' inutile immaginare un mondo ideale che non esiste: oggi dei nostri dati personale ne fanno quello che vogliono, cioè ci guadagnano alla faccia nostra: almeno facciamoglieli pagare!
  • santo cielo, prima cosa da imparare (subito dopo il non pubblicare sui social netw i caxxi privati) e' smetterla di andare dietro a guru, idoli ecc, e fidarsi di piu della gente normale e modesta.
    Cassandra ci e' andata su fin troppo leggera; bettati qui sto "guru":

    « Wikipedia è un'aberrazione fondata sulla leggenda che il sapere collettivo sia inevitabilmente superiore alla conoscenza del singolo esperto e che la quantità di informazioni, superata una certa soglia, sia destinata a trasformarsi automaticamente in qualità »
    (Jaron Lanier, You Are Not a Gadget: a Manifesto, 2010)

    aberrato forse sara lui mi sa..
    non+autenticato
  • - Scritto da: rami

    > « Wikipedia è un'aberrazione fondata sulla
    > leggenda che il sapere collettivo sia
    > inevitabilmente superiore alla conoscenza del
    > singolo esperto e che la quantità di
    > informazioni, superata una certa soglia, sia
    > destinata a trasformarsi automaticamente in
    > qualità
    > »
    > (Jaron Lanier, You Are Not a Gadget: a Manifesto,
    > 2010)

    LOL... che marea di letame.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rami

    > « Wikipedia è un'aberrazione fondata sulla
    > leggenda che il sapere collettivo sia
    > inevitabilmente superiore alla conoscenza del
    > singolo esperto e che la quantità di
    > informazioni, superata una certa soglia, sia
    > destinata a trasformarsi automaticamente in
    > qualità (Jaron Lanier, You Are Not a Gadget: a Manifesto, 2010)
    >
    > aberrato forse sara lui mi sa..


    non so se Wikipedia sia realmente fondata su tutto questo, né se sia o no una aberrazione, e non se e quanto Lanier stesso sia aberrato...

    so che:

    è effettavente una leggenda che "il sapere collettivo sia inevitabilmente superiore alla conoscenza del singolo esperto", mentre è verissimo che il sapere collettivo può, e molto spesso è, superiore alla conoscenza del singolo

    è effettavente una leggenda che "la quantità di informazioni, superata una certa soglia, sia destinata a trasformarsi automaticamente in qualità", mentre è verissimo che la quantità di informazioni, superata una certa soglia, sia quasi sempre destinata a perdere in qualità
    non+autenticato
  • ormai la privacy ce l han rubata, o carpita a noi stessi, o pubblicata ai 4 venti come commenti vari con tanto di tag fotografica dove-quando-perchè da parte di altri sui social (ovviamente senza alcun permesso) ...

    se la pagano tra di 'loro' vedi i 50$ per utente 'Uazzzapp' pagati da 'Feisbuk'
    non+autenticato
  • "... imponendo alle persone di fissare un prezzo per l'uso dei loro dati personali, ed ai signori dei Big Data l'obbligo di pagarli se li usano."

    Tale affermazione dimostra di non aver capito nulla: la sola idea che una cosa del genere sia realizzabile sembra provenire da gente che non abbia mai usato nulla di elettronico.

    Le informazioni personali sono dati digitali come tutti gli altri, NON POSSONO essere controllati. Si sta parlando di realizzare un sistema "pay per use", senza rendersi conto che tale sistema è già stato realizzato per altri tipi di dati digitali... ed ha sempre fallito.

    Se ci fosse un modo per impedire l'uso non autorizzato a chi ha una copia dei dati, le aziende lo avrebbero già usato da un pezzo: migliaia di aziende vorrebbero impedire l'uso degli mp3 piratati, o vorrebbero fare in modo che se scarichi un film debba pagare qualcosa ogni volta che lo guardi; ci sono riuscite? No! Hanno speso milioni per realizzare varie protezioni... che sono state scardinate in pochi mesi, spesso da ragazzini.

    Ora il problema è posto al contrario: sono le aziende che vogliono poter usare i dati (di cui hanno già una copia) e sono le associazioni dei consumatori che vogliono impedirlo: ma se dei ragazzini riescono a craccare le protezioni più complesse, e nessuno può impedirglielo, volete che non ci riescano le grosse aziende?

    Se non volete che un dato venga copiato, NON PUBBLICATELO; non importa se si tratta di un libro, di un film, di una canzone... o delle vostre abitudini di acquisto al supermercato.
    non+autenticato
  • Certo quello che dice Larnier può non essere del tutto condivisibile, però non lo è nemmeno dire che "Dopo la questione DataGate la privacy è morta", perché la questione DataGate con la privacy degli individui "normali" ha molto poco a che fare.

    La questione privacy, riguarda di più lo sviluppo di Internet e di come lentamente il cervello della gente, sia stato plasmato su idee e mode assurde accettate come fede e verità assoluta, fino ad arrivare ad un sistema di messaggistica (una normale chat), che viene venduto per 19 miliardi di dollari insieme alla vita di 450 milioni di persone, senza battere ciglio.

    L'idea che il Cloud dovesse sostituire il disco, l'idea che i documenti e le foto riservate e la stessa corrispondenza fossero più al sicuro fuori dal computer che dentro lo stesso (metti che te lo rubano o ti cada ...) e infine (vero colpo magistrale) : che tutto quello che si facesse nella vita, potesse essere considerato "Social" e che TUTTI dovessero essere rappresentati nei loro server.

    Tutti, direttamente o indirettamente, che lo si volesse o no e che chiunque non l'avesse fatto esplicitamente accettando clausule coercitive, fosse destinato, oltre a rimanere comunque indirettamente schedato tramite i contatti ad essere isolato socialmente.

    La cosa positiva che ha fatto Snowden è stata quella di sollevare il polverone, tanto che qualcuno ha incominciato a guardarsi indietro e scoprire che:
    - i suoi contratti di lavoro e i documenti riservati, con clausule di non divulgazione a 20 anni, sono inviati e scritti su Google docs
    - che le foto e i nomi dei contatti nell'agenda dei suoi amici, sono tra le "persone che si possono conoscere" su G+ e si è chiesto che ne è dei suoi
    - che tutti i luoghi che ha visitato negli ultimi 3 o 4 anni (da quando latitude è diventato un servizio per "migliorare la posizione"), si trovano con tanto di mappe personali complete di negozi, sul sito di Google.

    Lì qualcuno si è posto il problema (in ritardo) e sta cercando di fare qualcosa, ci vorrà ancora un po` per capire che in fondo le "superspie" della NSA, sembrano usciti da un vecchio film di Totò e Peppino, rispetto alla lucentezza del Marketing e a quello che siamo ancora costretti a farci da soli.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)