Claudio Tamburrino

Facebook e Whatsapp, privacy in vendita?

Chiesto l'intervento di FTC: l'acquisizione del servizio di messaggistica da parte del social network potrebbe costituire un grosso rischio per la riservatezza degli utenti

Roma - L'Electronic Privacy Information Center (EPIC) e il Center for Digital Democracy (CDD) hanno chiesto alla Federal Trade Commission statunitense di bloccare l'operazione da 16 miliardi di dollari con cui Facebook ha acquisito WhatsApp.

A preoccupare gli attivisti, il fatto che i dati del servizio di messaggistica finiscano nelle mani del social network e che contro questa acquisizione si siano già espressi parte dei suoi 450 milioni utenti, le cui informazioni, numeri di telefono, conversazioni e - dunque - la cui vita privata sarebbero oggetto dell'operazione.

Anche se WhatsApp ha dichiarato che le informazioni personali degli utenti non saranno mai oggetto di vendita, e se l'app non intende mercificare numeri di telefono, nomi ed indirizzi, infatti, a preoccupare le associazioni è il fatto che Facebook abbia già dovuto affrontare controversie nella gestione della privacy dei suoi utenti, e che questi non possono che diventare di più con l'aumento della massa dei dati a cui può potenzialmente accedere il social network.
EPIC si è già fatta ascoltare da FTC in passato: oltre che nei confronti di Facebook, ha per esempio notificato le violazioni della privacy da parte di Google Buzz e Microsoft Passport.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàDatagate, alleanza contro i governiLe grandi aziende ITC scrivono a Washington. Anche perché, con le leggi attuali, sono diverse le misure di sorveglianza che sembrano al confine della legalità. Come l'infiltrazione della NSA in World Of Warcraft
  • AttualitàPerché Facebook compra WhatsappL'investimento colossale serve a recuperare terreno in un settore dove il social network è l'ultimo arrivato. Resta da vedere come verrà gestito il patrimonio da 450 milioni di utenti portato in dote dalla messaggistica altrui