Gaia Bottà

USA, punizione per gli estorsori del porno vendicativo

Facevano leva sull'imbarazzo dei soggetti ritratti nelle foto postate da partner vendicativi per offrire rimozioni a pagamento. Sono stati condannati a risarcire una vittima minorenne

Roma - Ospitavano sul loro sito immagini della giovane, ancora minorenne, ritratta in situazioni intime, condite dai riferimenti ai dati personali, a un link all'account Facebook. Tutto il necessario per creare l'imbarazzo che si vorrebbe ad ogni costo poter placare, anche sottostando a un riscatto. Saranno i due operatori del sito, però, a dover pagare.

L'anonima giovane che ha ora segnato una vittoria contro le dibattute dinamiche del revenge porn si era riconosciuta in alcune immagini caricate sul sito ugotposted.com. Esplicitamente discinta, ancora minorenne, posava per il fidanzato dell'epoca: le foto sono state condivise dal suo infido confidente, sfruttate dagli amministratori del sito per intrattenere i visitatori da esporre all'advertising. Si offrivano di rimuoverle a pagamento. La ragazza aveva sporto denuncia anche contro gli operatori del sito, uno dei quali, il 27enne Kevin Bollaert, è stato arrestato nei mesi scorsi in seguito a numerose segnalazioni da parte di vittime dello schema estorsivo.

Ora Bollaert, insieme al cofondatore di ugotposted.com Eric Chason, è stato condannato a pagare 385mila dollari: 300mila dollari verranno rimborsati alla giovane per aver disseminato delle immagini pedopornografiche che la ritraggono, 10mila dollari per averle associate al suo nome, 75mila dollari in danni punitivi, che fungano da deterrente per altri soggetti che meditino di indulgere a simili comportamenti illegali. Denari che non sapranno compensare la giovane dall'umiliazione subita ma che, secondo il suo avvocato, apriranno la strada ad una mobilitazione delle vittime, che potranno contare sul sistema giudiziario per vedersi riconoscere le proprie ragioni.
Il caso appena concluso è stato condotto nell'alveo di un processo civile, basato su un quadro normativo che non abbraccia esplicitamente le pratiche connesse al revenge porn. Sono però numerosi gli stati americani che, complice un'attualità scottante tanto capace di colpire l'opinione pubblica, stanno tentando di adeguare il proprio sistema legislativo per contrastare le pornovendette: dopo la California e lo stato di New York, è il momento della Florida, dell'Arizona e del Wisconsin, pronti a minacciare carcere e multe cospicue nei confronti di coloro che diffondano, senza il consenso del soggetto ritratto, delle immagini intime capaci di devastarne la reputazione.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, punito per estorsioni a luci rosseRastrellava immagini compromettenti di giovani donne intrufolandosi nei loro account sui social network e monitorandole e mezzo webcam. Le ricattava, in cambio di nuove immagini. Per il giovane, 18 mesi di carcere
  • AttualitàUSA, tutti contro le pornovendetteTre proposte di legge nello stato di New York, per arginare il revenge porn. Carcere e pene per tutti coloro che rilancino in rete immagini condivise nell'intimità. Autoscatti compresi
  • AttualitàVendetta per pornovendettaUna class action contro un sito che ospita immagini pruriginose senza l'autorizzazione delle persone ritratte. Una class action contro tutti coloro che permettono la diffusione del revenge porn
6 Commenti alla Notizia USA, punizione per gli estorsori del porno vendicativo
Ordina
  • gh.
    Non che adori i cosidetti siti di revenge porn (anzi), ma bisogna stare attenti alle procure (e legislatori) presi dalla furia moralizzatrice che scatta col trigger 'underage' !

    Cmq.. IMHO il -vero- problema di questo tizio, e' il SECONDO sito... quello si veramente odioso (tant'e' che viene praticato anche dai tirapiedi del copyrightCon la lingua fuori ) :
    "
    Court documents also allege that Bollaert created a second website, changemyreputation.com, in October 2012, which he used when individuals contacted ugotposted.com requesting that content be removed from the site. Bollaert would allegedly extort victims by replying with a changemyreputation.com email address and offering to remove the content for a fee ranging from $299.99 to $350"
    non+autenticato
  • D'accordo ma la questione è... "Esplicitamente discinta, ancora minorenne, posava per il fidanzato dell'epoca: le foto sono state condivise dal suo infido confidente, sfruttate dagli amministratori del sito per intrattenere i visitatori da esporre all'advertising."

    Se non fai nulla d'illegale o che ti possa mettere in imbarazzo nessuno ti può ricattare,questo è il punto.

    Direi anche beata ingenuità....se sei ingenuo non puoi prendertela con il mondo intero...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > D'accordo ma la questione è... "Esplicitamente
    > discinta, ancora minorenne, posava per il
    > fidanzato dell'epoca: le foto sono state
    > condivise dal suo infido confidente, sfruttate
    > dagli amministratori del sito per intrattenere i
    > visitatori da esporre
    > all'advertising."
    >
    > Se non fai nulla d'illegale o che ti possa
    > mettere in imbarazzo nessuno ti può
    > ricattare,questo è il
    > punto.
    >
    > Direi anche beata ingenuità....se sei ingenuo non
    > puoi prendertela con il mondo
    > intero...

    negli USA si. altrimenti perche nei costumi da supermen ci sono targhette con scritto "indossare qeusto costume non ti permette di volare" o nei tosaerba "se metti il tosaerba nell'acqua, dopo non funzionera' piu'"?
    Perche' degli idioti hanno veramente messo il tosaerba nella piscina o si sono messi i costume e poi si sono buttati dalla finestrapensando che avrebbero volato.
    il perverso meccanismo del "ti faccio causa" spinge i venditori a mettere gli avvisi i piu' impensabili possibili perche ci sono degli idioti che hanno fatto degli errori imponesabili e poi hanno fatto causa.
    Cerca in internet, cerca.
    non+autenticato
  • Ma daiA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta ,chi è che gettava il tosaerba in piscina ?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Ho visto varie volte foto mandate da amici ora in america con magliette con su scritto non lavare con bambini all'interno oppure secchi da mocio con l'avviso non utilizzare come piscina per bambini..

    In effetti il loro sistema di causa è quasi incomprensibile per noi, abituati a dover capire tutto e di più e guardati male se non dimostriamo di essere svegli.. e mai ci verrebbe in mente di avvisare che il ferro da stiro non è adatto per cuocere le uova.

    Non saprei se preferire il sistema loro o il nostro. Perché li, se commetti un errore anche piccolo, una causa può rovinarti. qui al limite la affronti dopo 20 anni..
    non+autenticato
  • > In effetti il loro sistema di causa è quasi
    > incomprensibile per noi, abituati a dover capire
    > tutto e di più e guardati male se non dimostriamo
    > di essere svegli.. e mai ci verrebbe in mente di
    > avvisare che il ferro da stiro non è adatto per
    > cuocere le
    > uova.

    Come non è adatto? E io che l'ho usato per anni... Newbie, inesperto
    Ma per cauterizzare le ferite si può usare?


    > Non saprei se preferire il sistema loro o il
    > nostro. Perché li, se commetti un errore anche
    > piccolo, una causa può rovinarti. qui al limite
    > la affronti dopo 20
    > anni..

    Be', ti rovina a scoppio ritardato...