Alfonso Maruccia

Gartner: scendono i PC, sale tutto il resto

Previsioni sempre negative per il mercato PC dei prossimi due anni, mentre per gli altri tipi di dispositivi elettronici si parla di crescita ancorché in rallentamento. Tutto considerato, l'intero settore non farà che allargarsi

Roma - Gartner rilascia le sue nuove previsioni sul mercato dei dispositivi elettronici, un mondo nel complesso destinato a crescere del 6,9 per cento da qui alla fine dell'anno 2014. Il discorso si fa ovviamente più complicato prendendo in considerazione le singole tipologie di dispositivi, e per quanto riguarda i PC le previsioni sono come al solito di decrescita.

Gartner sceglie dunque di accorpare i Personal Computer con i gadget mobile come tablet e smartphone, e prevede una riduzione nelle vendite del 6 per cento nel 2014 e di un altro 5 per cento nel 2015: a quel punto i PC commercializzati nei negozi scenderanno ad "appena" 263 milioni di unità.

Due terzi degli utenti di PC (desktop e laptop) hanno sostituito il proprio sistema negli ultimi anni, spiega Gartner, mentre per l'ultimo terzo si parla di sostituire un computer con un gadget (tablet) o di non acquistare un nuovo sistema più al passo coi tempi.
Per Gartner i tablet (dispositivi "ultramobile" con form factor ben definito) cresceranno di popolarità ma rallenteranno leggermente la loro corsa, arrivando a 349,1 milioni di unità entro il 2015 - un risultato comunque molto superiore all'industria dei PC nello steso periodo di tempo.

E gli smartphone? La società di analisi statunitense concorda con gli altri analisti e prevede una crescita in via di saturazione per un settore che sarà in grado - da qui al 2015 - di raggiungere i 2 miliardi di dispositivi.

In totale, dice Gartner, PC, tablet, smartphone e altri dispositivi "ultramobile" come ibridi e convertibili venderanno qualcosa come 2,6 miliardi di unità entro il 2015.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessIDC, il trend funesto del mercato PCLa società di analisi statunitense comunica le sue ultime previsioni sul business informatico per eccellenza. Che continuerà a contrarsi fino al 2018, scendendo al di sotto della soglia psicologica dei 300 milioni di unità
140 Commenti alla Notizia Gartner: scendono i PC, sale tutto il resto
Ordina
  • E se il mercato dei PC fosse in crisi perché totalmente ingessato dal monopolio Microsoft?

    Mi spiego meglio, all'interno dell'ecosistema Linux è tutto un fermento di distribuzioni una più innovativa dell'altra.

    Quelle specifiche per ogni utilizzo. Quelle più curate esteticamente. Quelle più ottimizzate ecc.

    Indubbiamente il caos porta innovazione. Perché in mezzo a tanta dinamicità emergono nuove idee che spesso attraggono curiosità e interesse da parte degli utenti.

    E se questo caos ci fosse stato anche nel mondo dei PC con molte proposte ed una maggiore varietà? E vari sistemi operativi ad offrire ognuno cose diverse?
    iRoby
    7586
  • - Scritto da: iRoby
    > E se il mercato dei PC fosse in crisi
    > perché totalmente ingessato dal monopolio
    > Microsoft?

    Non sei il primo a fare un'ipotesi del genere...

    > Mi spiego meglio, all'interno dell'ecosistema
    > Linux è tutto un fermento di distribuzioni una
    > più innovativa dell'altra.

    Ma basta ricordare i tempi in cui nell'arena c'erano i primi pc, amiga, atari e apple per vedere quanta innovazione ognuno portava, approcci diversi da cui si poteva prendere il meglio sia dal punto di vista sw che hw.

    Inoltre l'esistenza di diversi attori piu' o meno equamente diffusi portava come risultato portabilita' e standardizzazione.
    krane
    22544
  • - Scritto da: iRoby
    > E se il mercato dei PC fosse in crisi perché
    > totalmente ingessato dal monopolio
    > Microsoft?
    >
    > Mi spiego meglio, all'interno dell'ecosistema
    > Linux è tutto un fermento di distribuzioni una
    > più innovativa
    > dell'altra.
    >
    > Quelle specifiche per ogni utilizzo. Quelle più
    > curate esteticamente. Quelle più ottimizzate
    > ecc.
    >
    > Indubbiamente il caos porta innovazione. Perché
    > in mezzo a tanta dinamicità emergono nuove idee
    > che spesso attraggono curiosità e interesse da
    > parte degli
    > utenti.
    >
    > E se questo caos ci fosse stato anche nel mondo
    > dei PC con molte proposte ed una maggiore
    > varietà? E vari sistemi operativi ad offrire
    > ognuno cose
    > diverse?
    linux è linux, le distribuzioni sono tra loro compatibili, è la stessa cosa, cambia solo la faccia, diverso sarebbe avere ancora Amiga OS, OS2, Atari OS, Solaris, digital Unix, IRIX etc, in quel caso avresti certamente una vera varietà
    non+autenticato
  • > linux è linux, le distribuzioni sono tra loro
    > compatibili, è la stessa cosa, cambia solo la
    > faccia, diverso sarebbe avere ancora Amiga OS,
    > OS2, Atari OS, Solaris, digital Unix, IRIX etc,
    > in quel caso avresti certamente una vera
    > varietà

    Gli ultimi tre che hai citato sono sistemi posix.

    E di sistemi alternativi ce ne sono anche oggi (Morphos, Reactos, KolibriOS....).
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > > linux è linux, le distribuzioni sono tra loro
    > > compatibili, è la stessa cosa, cambia solo la
    > > faccia, diverso sarebbe avere ancora Amiga
    > OS,
    > > OS2, Atari OS, Solaris, digital Unix, IRIX
    > etc,
    > > in quel caso avresti certamente una vera
    > > varietà
    >
    > Gli ultimi tre che hai citato sono sistemi posix.
    >
    > E di sistemi alternativi ce ne sono anche oggi
    > (Morphos, Reactos,
    > KolibriOS....).

    Le percentuali sono molto diverse rispetto a quando si spartivano il mercato piu' o meno in egual numero.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: cicciobello
    > > > linux è linux, le distribuzioni sono
    > tra
    > loro
    > > > compatibili, è la stessa cosa, cambia
    > solo
    > la
    > > > faccia, diverso sarebbe avere ancora
    > Amiga
    > > OS,
    > > > OS2, Atari OS, Solaris, digital Unix,
    > IRIX
    > > etc,
    > > > in quel caso avresti certamente una vera
    > > > varietà
    > >
    > > Gli ultimi tre che hai citato sono sistemi
    > posix.
    > >
    > > E di sistemi alternativi ce ne sono anche
    > oggi
    > > (Morphos, Reactos,
    > > KolibriOS....).
    >
    > Le percentuali sono molto diverse rispetto a
    > quando si spartivano il mercato piu' o meno in
    > egual
    > numero.

    Esatto.
    ruppolo
    33147
  • Quando più concorrenti si spartiscono il mercato in egual numero, facilmente vince il peggiore (l'abbiamo visto in vari casi: il dos, il vhs...)

    Infatti il peggiore è il minimo comune denominatore: mettiamo che io voglia sviluppare un programma, e devo scegliere tra varie piattaforme (AmigaOS, TOS, DOS, MacOS...): per avere il massimo del mercato possibile, dovrei fare un programma multipiattaforma. Il dos è il sistema peggiore (niente GUI, processore scarso, possibilità di avere diverse schede video incompatibili tra loro...): se riesco a fare un programma che funzioni sul dos, portarlo su altre piattaforme sarà un gioco da ragazzi (se facessi il contrario, e scrivessi il programma ad esempio per amiga, non potrei portarlo su dos, perchè non ho la gui, la gestione della grafica è più complicata, e così via).

    Risultato? Quasi tutti i programmi vengono sviluppati per la piattaforma più debole (che è anche la meno costosa), e quindi gli utenti scelgono quella (con quella hai accesso praticamente a tutto)
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > Quando più concorrenti si spartiscono il mercato
    > in egual numero, facilmente vince il peggiore
    > (l'abbiamo visto in vari casi: il dos, il
    > vhs...)

    facilmente vince quello che costa meno (e vale meno)
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro
    > - Scritto da: cicciobello
    > > Quando più concorrenti si spartiscono il
    > mercato
    > > in egual numero, facilmente vince il peggiore
    > > (l'abbiamo visto in vari casi: il dos, il
    > > vhs...)
    >
    > facilmente vince quello che costa meno (e vale
    > meno)

    Eppure qualcuno diceva "less is more"
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: pietro
    > > - Scritto da: cicciobello
    > > > Quando più concorrenti si spartiscono il
    > > mercato
    > > > in egual numero, facilmente vince il
    > peggiore
    > > > (l'abbiamo visto in vari casi: il dos,
    > il
    > > > vhs...)
    > >
    > > facilmente vince quello che costa meno (e
    > vale
    > > meno)
    >
    > Eppure qualcuno diceva "less is more"

    si,
    http://en.wikipedia.org/wiki/Ludwig_Mies_van_der_R...
    non+autenticato
  • E vale di più, visto che è quello che ti permette di fare più cose.

    Negli anni 90, "valeva" di più un vhs o un betamax? Eppure il betamax sulla carta era migliore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > http://www.tomshw.it/cont/news/notebook-tablet-e-t
    in Italia siamo sempre indietro
  • Quello che sarebbe interessante sapere è che tasso di crescita prevedono per gli smartphone nel corso dei prossimi due anni!
    Se come penso la crescità sarà ad una cifra sola, ritengo che alcune aziende incominceranno a risentirne, tipo Samsung ed Apple, con in più l'aggravante per apple di una contrazione del suo ecosistema che da centrale diverrà sempre più marginale... fateci caso, ormai si parla sempre di più di questo o quello smartphone nuovo top di gamma Android e sempre meno dei prodotti apple!
  • - Scritto da: aphex_twin
    > [img]http://img535.imageshack.us/img535/9097/scher


    Mi fa piacere che concordi tanto con la mia analisi per darla per scontata!
  • E hai pure fatto un'analisi ? Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Devi avere delle giornate davvero noiose.
    non+autenticato
  • su una cosa ha ragione al 100%, ovvero con lo sgonfiamento della bolla mediatica sul mobile e/o l'aggravamento delle condizioni economiche della massa, parecchie aziende cominceranno ad avere mal di pancia
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > su una cosa ha ragione al 100%, ovvero con lo
    > sgonfiamento della bolla mediatica sul mobile e/o
    > l'aggravamento delle condizioni economiche della
    > massa, parecchie aziende cominceranno ad avere
    > mal di
    > pancia

    Il mobile sta comunque salendo indipendentemente dallo sgonfiamento della bolla mediatica ed i device mobili vendono un po' meno a causa delle condizioni economiche (ma questo é ovvio).
    non+autenticato
  • c'è da dire che il fenomeno mobile è relativamente giovane

    aspettiamo che il mercato si saturi, poi vedremo se riusciranno a mantenere gli attuali volumi di vendita
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > c'è da dire che il fenomeno mobile è
    > relativamente
    > giovane
    >
    > aspettiamo che il mercato si saturi, poi vedremo
    > se riusciranno a mantenere gli attuali volumi di
    > vendita
    qualunque mercato si satura e si riducono i volumi di vendita, quello che va considerato è la velocità con cui avviene, il PC ha ormmai raggiunto una sua maturità mentre invece i tablet sono solo all'inizio, ci vorranno almeno 3-4 generazioni prima che raggiungano la maturità nel ferattempo la gente li cambia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mario
    > - Scritto da: collione
    > > c'è da dire che il fenomeno mobile è
    > > relativamente
    > > giovane
    > >
    > > aspettiamo che il mercato si saturi, poi
    > vedremo
    > > se riusciranno a mantenere gli attuali
    > volumi
    > di
    > > vendita
    > qualunque mercato si satura e si riducono i
    > volumi di vendita, quello che va considerato è la
    > velocità con cui avviene, il PC ha ormmai
    > raggiunto una sua maturità mentre invece i tablet
    > sono solo all'inizio, ci vorranno almeno 3-4
    > generazioni prima che raggiungano la maturità nel
    > ferattempo la gente li
    > cambia.

    Secondo me invece la saturazione per tablet e smartphone avverrà nel giro di un paio di anni con tassi di crescita che si ridurranno ben sotto il 10%, dopo voglio vedere come faranno a mantenere i top di gamma a cifre intorno ai 700 euro... secondo me si faranno guerra fra di loro con i Top di gamma a 350 euro... se ci fate caso tale guerra dei prezzi è già cominciata nel settore entry , dove per meno di 100 euro ti porti a casa uno smartphone dual core con schermi da 4 pollici o superiori (ormai i single core con display inferiori ai 4 pollici Samsung & C stanno facendo veramente fatica a piazzarli) ed in quello medio, dove per cifre che arrivano al massimo a 200 euro prendi dei quad core, vedi ad esempio il Moto G con 1 Gb di ram.
    Sono proprio curioso di vedere come apple reagirà ad un taglio dei top di gamma a 350 euro....
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > - Scritto da: mario
    > > - Scritto da: collione
    > > > c'è da dire che il fenomeno mobile è
    > > > relativamente
    > > > giovane
    > > >
    > > > aspettiamo che il mercato si saturi, poi
    > > vedremo
    > > > se riusciranno a mantenere gli attuali
    > > volumi
    > > di
    > > > vendita
    > > qualunque mercato si satura e si riducono i
    > > volumi di vendita, quello che va considerato
    > è
    > la
    > > velocità con cui avviene, il PC ha ormmai
    > > raggiunto una sua maturità mentre invece i
    > tablet
    > > sono solo all'inizio, ci vorranno almeno 3-4
    > > generazioni prima che raggiungano la
    > maturità
    > nel
    > > ferattempo la gente li
    > > cambia.
    >
    > Secondo me invece la saturazione per tablet e
    > smartphone avverrà nel giro di un paio di anni
    > con tassi di crescita che si ridurranno ben sotto
    > il 10%, dopo voglio vedere come faranno a
    > mantenere i top di gamma a cifre intorno ai 700
    > euro... secondo me si faranno guerra fra di loro
    > con i Top di gamma a 350 euro... se ci fate caso
    > tale guerra dei prezzi è già cominciata nel
    > settore entry , dove per meno di 100 euro ti
    > porti a casa uno smartphone dual core con schermi
    > da 4 pollici o superiori (ormai i single core con
    > display inferiori ai 4 pollici Samsung & C stanno
    > facendo veramente fatica a piazzarli) ed in
    > quello medio, dove per cifre che arrivano al
    > massimo a 200 euro prendi dei quad core, vedi ad
    > esempio il Moto G con 1 Gb di
    > ram.
    > Sono proprio curioso di vedere come apple reagirà
    > ad un taglio dei top di gamma a 350
    > euro....
    Apple ha già ammortizzato largamente i costi e ha sempre avuto i margini piú alti, ha quindi le mani libere e puó fare quel che vuole, sono i concorrenti che con quei prezzi hanno un ricarico cosí risicato che se qualche prodotto va male rischiano grosso
    non+autenticato
  • > Apple ha già ammortizzato largamente i costi e ha
    > sempre avuto i margini piú alti, ha quindi

    ha quindi pelato i suoi clienti al massimo, vendendo prodotti che valevano molto meno del prezzo di vendita.
    non+autenticato
  • "mentre per l'ultimo terzo si parla di sostituire un computer con un gadget (tablet) o di non acquistare un nuovo sistema più al passo coi tempi"

    Oh finalmente è stato detto,gadget (tablet)....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > "mentre per l'ultimo terzo si parla di sostituire
    > un computer con un gadget (tablet) o di non
    > acquistare un nuovo sistema più al passo coi
    > tempi"
    >
    > Oh finalmente è stato detto,gadget (tablet)....

    evidentemente se si acquistano più gadget che computer vuol dire che servono di più i gadget dei computer.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mario
    > - Scritto da: Etype
    > > "mentre per l'ultimo terzo si parla di
    > sostituire
    > > un computer con un gadget (tablet) o di non
    > > acquistare un nuovo sistema più al passo coi
    > > tempi"
    > >
    > > Oh finalmente è stato detto,gadget (tablet)....
    >
    > evidentemente se si acquistano più gadget che
    > computer vuol dire che servono di più i gadget
    > dei
    > computer.

    questo presume che chi acquista lo faccia sotto la spinta di un bisogno reale e non indotto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nonmidire

    > questo presume che chi acquista lo faccia sotto
    > la spinta di un bisogno reale e non
    > indotto.

    certo, è il bisogno reale di "gadgerare" ovvero di cap.z.e.ggiare sul web o chiamalo come meglio vuoi

    tutti i produttori oramai hanno capito che il business odierno nelle vendite sul mercato di massa o meglio sul consumer è solo questo = vendere giocattolini mobile esteticamente il piu' fashion possibile (che dopo circa 1 anno son già vetusti per rifarne poi comprare ancora un altro nuovo) e far passare il tempo alla gente, anche sotto le coperte del letto, su Instagram, Facebuco e la chattina, mettendosi in posa e mostrando a tutti quanto sono "belli"...magari ANCHE con tanto di video amatoriali che denotino le doti da "fotomodelli" o da nuovi pornodivi casalinghi......

    .....guai a non esserci ...

    ....e per fare soldi guai a non capire cosa vuole e compra il mercato di massa oggi
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 29 marzo 2014 08.07
    -----------------------------------------------------------
    Fiber
    3605
  • - Scritto da: mario
    > - Scritto da: Etype
    > > "mentre per l'ultimo terzo si parla di
    > sostituire
    > > un computer con un gadget (tablet) o di non
    > > acquistare un nuovo sistema più al passo coi
    > > tempi"
    > >
    > > Oh finalmente è stato detto,gadget (tablet)....
    >
    > evidentemente se si acquistano più gadget che
    > computer vuol dire che servono di più i gadget
    > dei computer.

    Come e' evidente, da quanto sono colorati i vestiti, che servono piu' colori per il corpo che roba per tenersi caldi d'inverno.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > Come e' evidente, da quanto sono colorati i
    > vestiti, che servono piu' colori per il corpo che
    > roba per tenersi caldi
    > d'inverno.

    Paragone sbagliato secondo me, i vestiti per tenersi caldi d'inverno sono una necessità, i computer non lo sono affatto per cui chi non ne vede il bisogno è giusto che si prenda il tablet/gadget.
    Ieri era necessario un computer per cazzeggiare su facebook/web/email/chat ora ci sono sistemi alternativi che l'utente medio comprende meglio o ritiene più utilizzabile (e perchè no più bello esteticamente) per cui il mercato pc si restringe.
    mura
    1702
  • - Scritto da: mura
    > - Scritto da: krane
    > > Come e' evidente, da quanto sono colorati
    > > i vestiti, che servono piu' colori per il
    > > corpo che roba per tenersi caldi d'inverno.

    > Paragone sbagliato secondo me, i vestiti per
    > tenersi caldi d'inverno sono una necessità, i
    > computer non lo sono affatto per cui chi non
    > ne vede il bisogno è giusto che si prenda il
    > tablet/gadget.

    Al freddo ci si abitua, mai chiacchierato con un barbone ?
    E comunque perche' ci sono tanti modelli e colori di vestiti ? Un saio marrone andrebbe benissimo a tutti per tenersi caldi, la mia obiezione era sul colore dei vestiti, non sul vestirsi in se'.

    > Ieri era necessario un computer per cazzeggiare
    > su facebook/web/email/chat ora ci sono sistemi
    > alternativi che l'utente medio comprende meglio o
    > ritiene più utilizzabile (e perchè no più bello
    > esteticamente) per cui il mercato pc si
    > restringe.
    krane
    22544
  • però mura ha centrato il punto, ovvero ( a parte la moda, il marketing, ecc... ) i pad comunque riescono a soddisfare quello che è il bisogno reale dell'utonto ( cioè facebook )

    ammesso che finisca la moda dei pad, non credo che gli utonto ritornerebbero in massa ai pc
    non+autenticato
  • Quando ci saranno cose di moda che con i giocattoli non si riusciranno a fare, vedrai che torneranno ai pcA bocca aperta
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Quando ci saranno cose di moda che con i
    > giocattoli non si riusciranno a fare, vedrai che
    > torneranno ai pc
    >A bocca aperta

    probabilmente, ma all'orizzonte non c'è nulla del genere

    se ti riferisci alla realtà virtuale, temo che arriverà pure su mobile
    non+autenticato
  • Mi riferisco a usi più liberi, cosa che i tabler, pure con android non garantiscono.