Claudio Tamburrino

Mozilla, Brendan Eich non è più CEO

Pomo della discordia il supporto di Eich ad un comitato contrario ai matrimoni omosessuali. Il tecnico, con la Foundation fin dall'inizio, lascia tutti i suoi incarichi

Roma - Brendan Eich ha presentato le sue dimissioni da vertice della Fondazione Mozilla, annunciando l'abbandono della board e del suo impegno complessivo per le attività in favore di Firefox e Firefox OS: fatale, per lui, l'appoggio al movimento contrario ai matrimoni gay. Eich ha annunciato che si prenderà una pausa, dedicherà del tempo a viaggiare con la sua famiglia: deciderà solo tra qualche mese cosa fare in futuro.

Creatore di Javascript, co-fondatore e già CTO della Foundation, Brendan Eich era stato nominato CEO appena la settimana scorsa, scelto dopo quasi un anno dall'uscita di scena dell'ex CEO Gary Kovacs: dopo la lunga attesa, tuttavia, è subito incappato in feroci critiche per le donazioni personali da lui effettuate nel 2008 a favore di un comitato referendario contrario alle unioni omosessuali in California. Nonostante Mozilla abbia cercato di spegnere la polemica ribadendo di non aver affatto cambiato le sue opinioni e la sua intenzione di operare sempre con lo scopo di "rendere il Web più aperto per un'umanità più forte, tollerante e giusta", un gran numero di netizen, operatori del settore ed alcuni dipendenti di Mozilla aveva chiesto le dimissioni del CEO.

Culmine della vicenda la pagina personalizzata creata dal sito OkCupid per accogliere gli utenti che navigavano con Firefox e che invitava gli utenti a non utilizzare il software di Mozilla per accedere alle sue pagine: ottenute le dimissioni di Eich, OkCupid ha rimosso la pagina.
Nel comunicare l'addio al suo brevissimo CEO, Mozilla si è rammaricata di non esser stata coerente con se stessa, ma ha altresì ribadito di avere una cultura basata sulla diversità e sull'inclusione, accogliendo con favore i contributi di chiunque, indipendentemente dall'età, la cultura, l'etnia, il genere o l'orientamento sessuale, la lingua, la razza o l'opinione religiosa e di credere sia nell'uguaglianza che nella libertà di espressione: coloro che non sono entusiasti delle dimissioni di Eich, d'altronde, contestano proprio questo difficile equilibrio che deve cercare la Fondazione. Equilibrio che in questo caso è costata la partecipazione al progetto di un rispettato e preparato tecnico, che ha contribuito per 15 anni alla crescita di Mozilla.

In fondo, il CEO uscente è stato discriminato per un opinione personale (discriminante) che oltretutto poco ha a che fare con il lavoro che doveva svolgere: come aveva già detto al Guardian prima di dimettersi, "non voglio parlare delle mie convinzioni personali perché le ho tenute fuori da Mozilla in tutti questi ultimi 15 anni in cui vi ho lavorato". Tuttavia la posizione sulle unioni gay di Eich appare minoritaria nell'opinione pubblica, almeno quella che si è espressa sonoramente sulla faccenda: la battaglia sui diritti civili degli omosessuali nella cultura anglosassone viene equiparata a quella per l'emancipazione delle donne, pertanto la sua mancata trasparenza sulla questione è costata a Eich la poltrona di CEO.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàNiente amore per Brendan EichIl neo-CEO di Mozilla subisce l'attacco anche del sito di dating OkCupid, ma prova a spiegarsi in una intervista. La Foundation risponde: per noi l'uguaglianza è un valore assoluto
  • AttualitàAncora polemica sul CEO di MozillaBrendan Eich non ha avuto un esordio semplice. Ancora prima che potesse fare alcunché per Firefox, ci sono utenti e dipendenti che chiedono le sue dimissioni. E in tre hanno lasciato il consiglio di amministrazione
  • BusinessMozilla incorona il nuovo CEOBrendan Eich, il creatore di Javascript, co-fondatore e già CTO della Foundation è il nuovo comandante in capo. E le sue prime parole paiono chiarire le sue intenzioni: a tutto mobile
77 Commenti alla Notizia Mozilla, Brendan Eich non è più CEO
Ordina
  • Una persona dovrebbe essere allontanata dal posto di lavoro solo se ci sono dei presupposti legali.
    Mr. Eich ha mai discriminato qualcuno sul posto di lavoro?
    Qualcuno si è mai lamentato di un suo atteggiamento o commento sul posto di lavoro?
    Se fosse stato allontanato per aver inviato una donazione al movimento a favore dei matrimoni omosessuali, non avrebbe dato scandalo ugualmente?
  • > Una persona dovrebbe essere allontanata dal posto
    > di lavoro solo se ci sono dei presupposti
    > legali.

    Ehm, la posizione di CEO, corrispondente all'italiano amministratore delegato, è un filino diversa da quella di operaio.
    E nessuno lo ha allontanto, s'è dimesso.

    > Se fosse stato allontanato per aver inviato una
    > donazione al movimento a favore dei matrimoni
    > omosessuali, non avrebbe dato scandalo
    > ugualmente?

    Avrebbe dato scandalo presso i fondamentalisti d'America, che non sono solo cristiani, spesso ebrei e islamici si alleano a questi ultimi. Solo che non credo che dentro Mozilla ce ne siano molti, tutto qui.
  • ha fatto bene a dimettersi... se non lo rispettavano piú a che pro rimanere in quella barca?

    del resto appoggio pure le sue idee contro il matrimonio omosessuale e l'adozione da parte di omosessuali.

    Ovviamente con questo mi attiro addosso l' odio degli attivisti gay, ma non importa. Esprimo liberamente la mia posizione visto che siamo o dovremmo essere in democrazia, senza preoccuparmi delle idee altrui.

    Sono anni che i gay stanno facendo un politica di caccia alle streghe contro chiunque non appoggi apertamente le loro idee... ma è ora di finirla di soccombere anche semplicemente stando zitti.

    in ogni caso questo è un problema ideologico momentaneo... tra meno di 30 anni verrà superato questo empasse e i gay attivisti e la loro ideologia saranno un ricordo.
    Per quanto forte tentino di modificare a loro immagine la società, ci sono dei paletti che non possono essere superati dalla psicologia sociale, e quindi fatto un passo in la, torneremo indietro.
    non+autenticato
  • > ha fatto bene a dimettersi... se non lo
    > rispettavano piú a che pro rimanere in quella
    > barca?

    Infatti.
    In situazioni come queste, è sempre meglio dire subito "chi non mi vuole non mi merita".

    > Sono anni che i gay stanno facendo un politica di
    > caccia alle streghe contro chiunque non appoggi
    > apertamente le loro idee... ma è ora di finirla
    > di soccombere anche semplicemente stando
    > zitti.

    Probabilmente guardi la vicenda dal lato sbagliato: la donazione pubblica di Eich del 2008 è stato esattamente il gesto di uno che non vuole stare zitto. Certo allora non poteva sapere che la Storia in California avrebbe preso un'altra piega, e che le sue idee sarebbero finite rapidamente in minoranza. Però avrebbe potuto esporsi di meno.

    Quindi usa pure il tuo diritto di non stare zitto oggi... ma non frignare se fra 5 o 6 anni qualcuno se ne ricorderà. Perché esiste anche il proverbio "un bel tacer non fu mai scritto".Occhiolino
  • Sono i gay che sono stati vittime di cacce alle streghe oper tutta la storia. Ora la storia ha cambiato verso, nei principali paesi civili sono riconosciute le unioni omosessuali, sarà così anche in Italia.
    Chi si indigna per heich dovrebbe indignarsi anche per gli insegnanti licenzizti da scuole cattoliche perchè gay
    non+autenticato
  • > Sono i gay che sono stati vittime di cacce alle
    > streghe oper tutta la storia. Ora la storia ha
    > cambiato verso, nei principali paesi civili sono
    > riconosciute le unioni omosessuali, sarà così
    > anche in Italia.

    Sì, quando Città del Vaticano si traferirà di nuovo ad Avignone.A bocca aperta
    Finché rimane nel Comune di Roma, nisba.


    > Chi si indigna per heich dovrebbe indignarsi
    > anche per gli insegnanti licenzizti da scuole
    > cattoliche perchè
    > gay

    Anche da quelle pubbliche, se insegnano religione:

    http://tg24.sky.it/tg24/cronaca/2011/03/08/genesio...
  • - Scritto da: angelo ventura
    > Sono i gay che sono stati vittime di cacce
    > alle streghe oper tutta la storia.

    Nella grecia antica secondo me invece stavano molto molto bene e neanche nell'antica Roma.

    > Ora la storia ha cambiato verso, nei
    > principali paesi civili sono riconosciute
    > le unioni omosessuali, sarà così
    > anche in Italia.

    Bella ca*a1a, riconoscere le unioni vuol gia' dire discriminare, bisognerebbe tornare invece a una vera non differenza tra uomini e donne e ad apprezzare il bello ovunque esso sia. Sospetto che la scomparsa di questo concetto sia in qualche modo legata al monoteismo.

    > Chi si indigna per heich dovrebbe
    > indignarsi anche per gli insegnanti
    > licenzizti da scuole cattoliche perchè
    > gay

    La civita' andrebbe ripensata dalle sue basi.
    krane
    22544
  • La cosa che più mi incuriosisce è come sono venuti a conoscenza del finanziamento. E' questo che vorrei capire, non c'è privacy negli USA, oppure questo signore se ne è magari vantato?
    Se è così non posso che dire che chi è causa del suo mal pianga se stesso. Perchè tu puoi avere tutti i pensieri razzisti, sessisti, omofobi che vuoi ma dal momento che li esprimi o poni azioni come per esempio non assumere un extracomunitario facendotene vanto allora ti devi prendere l'onere delle conseguenze delle tue azioni.
    non+autenticato
  • > La cosa che più mi incuriosisce è come sono
    > venuti a conoscenza del finanziamento. E' questo
    > che vorrei capire, non c'è privacy negli USA,
    > oppure questo signore se ne è magari
    > vantato?

    Come sia venuta fuori esattamente non lo so. Ti posso dire che ne parla già questo articolo del Los Angelse Times , del 2012, quindi 2 anni fa:

    http://articles.latimes.com/2012/apr/04/business/l...

    Credo che le donazioni oltre una certa cifra (e 1000 dollarui non sono proprio spiccioli) vadano dichiarate, anche per pagare meno tasse. E che le dichiarazioni fiscali delle lobby siano consultabili.
  • crescente
    non basta + non discriminare
    adesso tocca essere gay friendly gay informed...
    ma possibile che siano cosi' potenti e prepotenti ste lobby gay?
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciuz
    > crescente
    > non basta + non discriminare
    > adesso tocca essere gay friendly gay informed...
    > ma possibile che siano cosi' potenti e prepotenti
    > ste lobby gay?

    Normale reazione post-repressiva, hai mai conosciuto una femmisista post femminismo ? Non ci si puo' parlare...
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane

    > hai mai
    > conosciuto una femmisista post femminismo ? Non
    > ci si puo'
    > parlare...

    Personalmente, io non ci voglio parlare...
    non+autenticato
  • fanno discorsi di integrità morale e/o coerenza di pensiero... a me pareva che il timoniere dovesse essere uno in grado di contrastare Chrome che continua a guadagnare diffusione con le caldaie di GOOGLE che vanno a tutto vapore... InternetExplorer che MAMMAMICRO$OFT, ora che s'è svegliata fuori (dall'11 in poi) si sa che quando inizia ad accellerare non si ferma più fino a che non ha riguadagnato il mercato (poi quando ha defenestreto i concorrenti poltrisce per anni, come con NETSCAPE, però intanto...) e Safari che con la crescente diffusione di iPad/iPhone permette ad APPLE di fare sempre paura!
    A questo dovevano pensare alla Mozilla Foundation! A restare sul mercato!!!
    Perchè: se tra due anni Firefox sarà allo 0,4% di diffusione, tutti quelli che oggi ciarlano alla grande di integrità e coerenza, che browser andaranno ad usare? Firefox? che magari per mancanza di risorse non riuscirà a stare dietro agli sviluppi della Rete????
    E gli utenti (che oggi ciarlano tanto) appena non gli si aprirà corretameneta la pagina del FacciaLibro (o chi per lui) o di OKCupid, che faranno? Resteranno con Firefox o passeranno a Chrome/IE/Safari senza pensarci due volte??? (Ma lo sai cosa pensa il CEO di GOOGLE/MICROSOFT/APPLE??...Eh ma io ho bisogno di leggere gli annunci di OKCupid/Faccialibro eh!!! Firefox non impagina bene e i messaggi vanno fuori schermo del mio tablet!)
    Valà Valà!!! Invece di pensare a RESTARE SUL MERCATO pensano a fare contenti questi e quelli!
    La vedo brutta per Mozilla... TristeTristeTriste
    non+autenticato
  • > fanno discorsi di integrità morale e/o coerenza
    > di pensiero... a me pareva che il timoniere
    > dovesse essere uno in grado di contrastare Chrome
    > che continua a guadagnare diffusione con le
    > caldaie di GOOGLE che vanno a tutto vapore...

    Infatti.
    Piccolo dettaglio: le caldaie di Google scaldano anche Mozilla:

    http://allthingsd.com/20111222/google-will-pay-moz.../
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)