Alfonso Maruccia

Qualcomm e i nuovi Snapdragon 64-bit

Due nuovi SoC per gadget mobile, senza compromessi per prestazioni di CPU e GPU. Nonostante la potenza, i terminali del 2015 che li monteranno potrebbero consumare meno degli attuali: grazie al processo da 20nm impiegato

Roma - Qualcomm continua ad alimentare la sfida tecnologica tra piattaforme ARM e x86 presentando i chip Snapdragon 808 e 810, due nuovi SoC (System-on-a-Chip) di fascia alta con set di istruzioni a 64-bit realizzati su processo produttivo a 20 nanometri. I primi dell'azienda statunitense.

I nuovi SoC di Qualcomm sono prodotti destinati a equipaggiare device potenti, e seguono il recente costume della corporation di presentare prima i chip di fascia bassa (Snapdragon 410), poi quelli di fascia media (Snapdragon 610 e 615) e infine gli esemplari migliori della generazione.

Oltre all'architettura ARM a 64-bit (set di istruzioni ARMv8), Snapdragon 808 e 810 hanno in comune il setup big.LITTLE della componente CPU dove i core di processore Cortex A53 si occupano dei compiti meno gravosi e quelli Cortex A57 vengono attivati quando è necessario il massimo della potenza.
La configurazione hexa-core di Snapdragon 808 prevede l'utilizzo di due core Cortex A57 e quattro Cortex A53, mentre la GPU è una Adreno 418 dotata di performance superiori del 20 per cento rispetto ad Adeno 330. Snapdragon 810 è invece un chip octa-core con quattro core Cortex A57 e quattro Cortex A53, e la GPU (Adreno 430) è più veloce del 30 per cento rispetto ad Adreno 420 (Snapdragon 805). Entrambe i nuovi SoC Qualcomm integreranno poi un modem 4G LTE di Categoria 6, teoricamente in grado di raggiungere velocità di download da 300 Mbps contro i 150 Mbps di picco massimo degli attuali modem LTE di categoria 4.

Le capacità dei nuovi Snapdragon sono riassunte da Qualcomm in un paio di esempi: con le nuove CPU classe 810 si può gestire nativamente un flusso video in risoluzione 4K senza difficoltà, oppure effettuare riprese 1080p a un frequenza di 120 fotogrammi al secondo, anche grazie alla nuova memoria LPDDR4 installabile e controllabile dal chipset. I SoC Snapdragon 808 puntano invece a schermi "solo" WQXGA (2560x1600), ma la GPU è comunque in grado di supportare tessellation, shader e blending in hardware: l'esperienza di gioco con OpenGL 3.1 non dovrebbe essere paragonabile con l'attuale generazione.

Il debutto commerciale dei Snapdragon high-end a 64-bit di Qualcomm non è tuttavia imminente. I chip verranno distribuiti ai produttori di gadget mobile nel terzo trimestre di quest'anno e dovrebbero comparire sugli scaffali dei negozi - a bordo dei succitati gadget - a metà del 2015. La sfida ad Apple, capofila degli smartphone 64-bit, è stata comunque lanciata.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • HardwareMWC2014/ La sfida tra ARM e x86Sempre più accesa la sfida tra architetture concorrenti nel mondo dei gadget mobile, con Qualcomm (ARM) che pensa ai 64 bit e Intel (che i 64 bit li ha già adottati) che si dice competitiva come non mai
  • HardwareQualcomm, chip ARM per l'Ultra HD mobileIl produttore presenta un nuovo SoC della linea Snapdragon specificatamente pensato per gestire in maniera nativa la risoluzione 4K. Nuovi chip anche per i dispositivi di rete, mentre la concorrenza non sta certo a guardare
10 Commenti alla Notizia Qualcomm e i nuovi Snapdragon 64-bit
Ordina
  • Quella intrapresa da Qualcomm è una strada molto diversa da Apple.

    L'architettura CYCLONE di Apple (quella di cui A7 è la prima iterazione) è una dual core massiccio (nel senso che internamente è molto più simile ad un processore da desktop che ad uno mobile). Infatti sugli iPhone raggiunge performance elevatissime pur essendo severamente underclocked (sia per consumi che per thermal design). Per dirla in altro modo, potenzialmente questa architettura è impiegabile anche su un ipotetico notebook.

    Viceversa questa implementazione di Qualcomm è qualcosa di molto "provvisorio", principalmente perchè si basa su core standard A57 (novità per Qualcomm). Ciò pare un ripiego per rincorrere Apple nell'offerta a 64-bit, nell'attesa che sia pronto un Krait a 64-bit (si ricorda che Qualcomm è uno dei pochissimi licensee ARM che sviluppa i core ARM in casa).
  • massiccio? e che sarebbe?

    quello che ho visto è che l'architettura è differente, ma questo non vuol dire che l'a7 sia migliore del qualcomm

    apple ha intrapreso la strada già intrapresa da intel e amd, ovvero esecuzione out-of-order e pipeline progressivamente sempre più lunghe

    certo l'ipc aumenta, ma così pure i consumi

    qualcomm ha invece seguito la strada arm, ovvero esecuzione in-order, pipeline corte, facendo leva sul multicore

    inoltre non si tratta di processori basati su a57, ma sulla ( tanto di moda attualmente ) architettura big.little ( in questo caso a57 accoppiati ad a53 )

    ovviamente non si ha la minima idea di quanti e quali processori abbiano integrato, e quali funzioni svolgono/accelerano
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > massiccio? e che sarebbe?

    Ok ho dato troppi concetti per scontati. Ed ho voluto usare questo termine per rendere l'idea, forse era meglio dire "largo".

    La differenza fondamentale sta nel numero di micro-ops dispatched ogni clock, che sono 6 per l'A7, e 3 per l'A6 e per il Krait. Da queste sei corsie autostradali vengono prelevate le istruzioni per essere allocate su 9 porte di esecuzione (4 integer ALU, 2 load/store, 3 float ALU) che erano 4 per l'A6 (2 integer ALU, 1 load/store, 1 FPU). C'è poi un più che raddoppio della parte che gestisce dei branch ed altre cosette.

    Quindi, a parte la questione 32/64 bit, che dal lato performance porta poco e niente, il singolo core è letteralmente raddoppiato come larghezza e potenza di elaborazione grezza.

    E questa sua "larghezza" è molto più simile a quella dei processori desktop che agli "snelli" processori mobile.

    > quello che ho visto è che l'architettura è
    > differente, ma questo non vuol dire che l'a7 sia
    > migliore del qualcomm

    Non ho detto questo. Anche perchè le due figure di merito performance-per-watt e performance-per-clock sono tipicamente in antitesi (i core ottimizzati per la prima, vanno peggio nella seconda e viceversa).

    > apple ha intrapreso la strada già intrapresa da
    > intel e amd, ovvero esecuzione out-of-order e
    > pipeline progressivamente sempre più lunghe
    > certo l'ipc aumenta, ma così pure i consumi

    In questo caso specifico l'aumento di profondità non so se c'è stato, non ci sono dati sugli stadi di pipeline di A6 e A7. Di sicuro è stata raddoppiata la larghezza e resa più complessa la gestione dei branch, proprio per aumentare l'IPC di cui parli. Ed i consumi.

    > qualcomm ha invece seguito la strada arm, ovvero
    > esecuzione in-order, pipeline corte, facendo leva
    > sul multicore

    No no. Da parte di ARM il salto da in-order ad out-of-order c'è stato con l'A15. A15, Krait e A57 sono tutti out-of-order a 3 microops per ciclo. A53 è in-order 1,5 micro-ops per ciclo.

    > inoltre non si tratta di processori basati su
    > a57, ma sulla ( tanto di moda attualmente )
    > architettura big.little ( in questo caso a57
    > accoppiati ad a53 )

    A57 e A53 sono i core.

    big.LITTLE è un modo di combinare i core.
  • - Scritto da: bradipao

    > La differenza fondamentale sta nel numero di
    > micro-ops dispatched ogni clock, che sono 6 per

    perchè la pipeline è più lunga

    è una tecnica per migliorare l'ipc per carichi single thread, ma non è la tecnica migliore in ogni caso

    ad esempio, un metodo simile accoppiato ad un branch predictor carente, produce solo disastri


    > corsie autostradali vengono prelevate le
    > istruzioni per essere allocate su 9 porte di
    > esecuzione (4 integer ALU, 2 load/store, 3 float
    > ALU) che erano 4 per l'A6 (2 integer ALU, 1
    > load/store, 1 FPU). C'è poi un più che raddoppio
    > della parte che gestisce dei branch ed altre
    > cosette.

    tutto giusto, ma appunto parliamo di carichi single thread

    per i carichi multi thread, è più conveniente avere un maggior numero di core

    senza contare che si sta discutendo senza prendere in considerazione gli eventuali coprocessori

    > Quindi, a parte la questione 32/64 bit, che dal
    > lato performance porta poco e niente, il singolo
    > core è letteralmente raddoppiato come larghezza e
    > potenza di elaborazione
    > grezza.

    tutto ciò ha dei costi, in termini di complessità, consumi e latenze!

    > E questa sua "larghezza" è molto più simile a
    > quella dei processori desktop che agli "snelli"
    > processori
    > mobile.

    per i processori desktop è sensatissima come tecnica, soprattutto quando i multicore non esistevano ( intel ha cominciato in quell'epoca con l'ooo e le pipeline lunghissime )

    ma non è affatto scontato che producano risultati assolutamente positivi nel mondo mobile ( tant'è che intel produce alcuni SoC con pipeline corte ed esecuzione in-order )

    > di cui parli. Ed i
    > consumi.

    i consumi aumentano se più unità hardware sono attive contemporaneamente

    > No no. Da parte di ARM il salto da in-order ad
    > out-of-order c'è stato con l'A15. A15, Krait e
    > A57 sono tutti out-of-order a 3 microops per
    > ciclo. A53 è in-order 1,5 micro-ops per
    > ciclo.

    ARM usa entrambe le metodologie d'esecuzione, ognuna è relegata a specifici segmenti di mercato

    ovviamente non vogliono perdere nessun treno, ad esempio quello dei server!

    > A57 e A53 sono i core.
    >
    > big.LITTLE è un modo di combinare i core.

    lo so, ma tu avevi scritto che il qualcomm è basato su a57, mentre possiede 2 o 4 core a53 ( in aggiunta ai 4 a57 )
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: bradipao
    >
    > > La differenza fondamentale sta nel numero di
    > > micro-ops dispatched ogni clock, che sono 6
    > per
    >
    > perchè la pipeline è più lunga

    Il numero di micro-ops per clock (larghezza del front-end) non ha NIENTE a che vedere con la lunghezza della pipeline. Sei sono le unità di fetch e decode, che permettono di alimentare il re-order buffer con almeno 6 micro-ops per clock. Poi vengono le execution ports.

    Evito di discutere oltre perchè è chiaro che non hai minimamente idea di cosa sto parlando.
  • Qua si parla di 2 quad core o al limite di un dual core + un quad core per un totale di anche 8 processori, il tutto a 64 bit (la cosa meno interessante), mentre il tanto pubblicizzato processore a 64 bit impiegato da apple praticamente è un dual core....
    Meditate gente meditate... apple con la scusa di far produrre processori dal disegno originale (che originale invece non è) e delle ottimizzazioni software rifila con i suoi top di gamma processori ben meno prestanti della controparte Top di gamma android!
    Ricapitolando processori meno potenti, display con diagonale inferiore, batterie non removibili e con amperaggio molto più basso di quanto non proposto dai top di gamma android... in compenso il prezzo è sempre ben superiore.... un vero affare!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > Qua si parla di 2 quad core o al limite di un
    > dual core + un quad core per un totale di anche 8
    > processori, il tutto a 64 bit (la cosa meno
    > interessante), mentre il tanto pubblicizzato
    > processore a 64 bit impiegato da apple
    > praticamente è un dual core....
    >
    > Meditate gente meditate... apple con la scusa di
    > far produrre processori dal disegno originale
    > (che originale invece non è) e delle
    > ottimizzazioni software rifila con i suoi top di
    > gamma processori ben meno prestanti della
    > controparte Top di gamma
    > android!
    > Ricapitolando processori meno potenti, display
    > con diagonale inferiore, batterie non removibili
    > e con amperaggio molto più basso di quanto non
    > proposto dai top di gamma android... in compenso
    > il prezzo è sempre ben superiore.... un vero
    > affare!

    se e' per questo, dei dual core intel lo davano in culo ai 4 core AMD.
    attenzione a non riempirsi troppo la bocca di numeri, alla fine conta la prova sul campo.
    PS: e apple mi sta sul cazzo, eh, ma quello che va detto va detto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > Qua si parla di 2 quad core o al limite di un
    > > dual core + un quad core per un totale di anche
    > 8
    > > processori, il tutto a 64 bit (la cosa meno
    > > interessante), mentre il tanto pubblicizzato
    > > processore a 64 bit impiegato da apple
    > > praticamente è un dual core....
    > >
    > > Meditate gente meditate... apple con la scusa di
    > > far produrre processori dal disegno originale
    > > (che originale invece non è) e delle
    > > ottimizzazioni software rifila con i suoi top di
    > > gamma processori ben meno prestanti della
    > > controparte Top di gamma
    > > android!
    > > Ricapitolando processori meno potenti, display
    > > con diagonale inferiore, batterie non removibili
    > > e con amperaggio molto più basso di quanto non
    > > proposto dai top di gamma android... in compenso
    > > il prezzo è sempre ben superiore.... un vero
    > > affare!
    >
    > se e' per questo, dei dual core intel lo davano
    > in culo ai 4 core
    > AMD.

    Peccato che apple non sia intel e non progetti processori, in pratica utilizza disegni su licenza ARM a cui fa delle piccole modifiche... ovviamente neppure li produce... lo fa fare ad altri, magari a Samsung!

    > attenzione a non riempirsi troppo la bocca di
    > numeri, alla fine conta la prova sul
    > campo.
    > PS: e apple mi sta sul cazzo, eh, ma quello che
    > va detto va
    > detto.

    Appunto, va fatto osservare come l'hardware che vende come top di gamma in realtà non lo è affatto!
  • >Peccato che apple non sia intel e non progetti processori, in pratica >utilizza disegni su licenza ARM a cui fa delle piccole modifiche... >ovviamente neppure li produce... lo fa fare ad altri, magari a Samsung!

    si fino ad un anno fa circa i processori A4 A5 e A6 venivano prodotti da Samsung dal 2013 non è più così e Apple produce in casa i propri chip.
    e si il dual core di Apple quotando quanto detto da Bradipao lo mette nel culo ai processori 808 e 810 di Qualcomm che sono si multi-core ma con una struttura completamente arrangiata rispetto a quelli prodotti da Apple. Del resto per loro stessa ammissione NESSUNO si aspettava un chip Dual-core a 64bit su un terminale che di "innovativo" non avrebbe dovuto portare nulla o quasi...Apple a sto giro con un dual-core lo mette nel culo ai multi-core di Qualcomm come ai tempi Intel as AMD
    non+autenticato
  • > e si il dual core di Apple quotando quanto detto
    > da Bradipao lo mette nel culo ai processori 808 e
    > 810 di Qualcomm che sono si multi-core ma con una
    > struttura completamente arrangiata rispetto a
    > quelli prodotti da Apple. Del resto per loro
    > stessa ammissione NESSUNO si aspettava un chip
    > Dual-core a 64bit su un terminale che di
    > "innovativo" non avrebbe dovuto portare nulla o
    > quasi...Apple a sto giro con un dual-core lo
    > mette nel culo ai multi-core di Qualcomm come ai
    > tempi Intel as
    > AMD

    Poverino faceva a gara di tuffi di testa dal seggiolone da piccolo.
    808 e 810 devono ancora uscire, apple produce software, qualcomm è uno dei maggiori produttori di semiconduttori al mondo non "arrangia", il 64bit era una naturale evoluzione come c'è stato per il mondo x86

    http://it.wikipedia.org/wiki/Leader_in_vendite_di_...
    non+autenticato