Kensan.it/ Se i notebook scartano Linux

di Sandro kensan - Non è sempre facile trovare un negoziante che abbia disponibilità di notebook con Linux. C'è poi la variabile Università: più ne sono lontani meno ci capiscono

Roma - Quasi ogni città ha la sua università e alcune hanno facoltà scientifiche con alto tasso di appassionati di computer. Molto spesso i sistemi Unix vengono sostitutiti con sistemi Linux ed ecco comparire una moltitudine di studenti che cercano un pc fisso o portatile con il pinguino preinstallato. Chi ne fa le spese sono soprattutto i negozianti nelle immediate vicinanze dell'ateneo, man mano che ci si allontana la pressione scema.

Mi è capitato di sondare il terreno alla ricerca di un notebook economico con Linux di serie, ho chiesto a quasi tutti i negozi della mia città e a molti nella provincia. Se lontano dalle zone universitarie ci si sente rispondere con un secco "noi non abbiamo...", più ci si avvicina alla tana del sapere si trovano negozianti dispiaciuti del fatto ma che non intendono risolvere il tuo problema, oppure venditori imbarazzati o anche scocciati.

Sembra che il pinguino turbi gli animi e che porti allo scoperto un sistema economico del personal computer monopolizzato. Ad ogni richiesta di un portatile con una Mandrake pre-installata cade rovinosamente un sistema su cui il negozio basa il rapporto col cliente. Il fragore è appena percettibile dove la pressione degli studenti è poca, dirompente dove gli affari si fanno con le migliaia di informatici in erba.
Per esempio MediaWorld non ha difficoltà a dare una risposta secca e negativa, invece un negozio che vende all'università e che si trova nei suoi pressi non è altrettanto tranquillo e risponde in modo scocciato alla consueta mia domanda. La risposta del venditore è stata un lungo monologo con un mio singolo appunto sulla necessità di avere garanzie da lui che il portatile con Linux fosse funzionante, alla fine ha sbottato in modo poco cortese, rendendo evidente una certa pressione che si sentiva addosso.

Un altro negozio nel circondario universitario mi ha illuminato dichiarando candidamente che la richiesta di portatili con Linux pre-installato è forte, era al corrente dei sistemi Linux adottati nell'università ma era palese che non fosse interessato a fare nulla per il cliente.

È evidente che i negozi di personal computer vendono un "sistema economico", non vendono una soluzione per i clienti e neppure fanno i propri affari. Mi è stato detto che i professori che trovano un portatile adatto a Linux, ne acquistano una elevata quantità di quel modello, il negoziante non li agevola in questo anche se ne vanno di mezzo i suoi interessi. Per Windows di serie mi diceva che esiste la possibilità teorica di riavere indietro il costo del software ma che nessuno ci era riuscito. È interessante vedere come un venditore fosse informato su aspetti esoterici di informatica: il pinguino, la licenza di Windows, il rimborso sono aspetti che nessuno conosce eccetto i negozianti nei paraggi delle università.

Si trovano pure i linari dentro i negozi, a volte studenti, a volte ingegneri che si sono formati alla dura scuola di Unix e che lavorano con grosse realtà industriali, sui portatili sono possibilisti ma anche loro non danno un prodotto certo. Speriamo per il futuro.

Possibilità concrete di avere un laptop compatibile con Linux ce ne sono ma solo cercando in rete. Per esempio per meno di ottocento dollari la Microtel fornisce un portatile con microprocessore Transmeta adatto a molti usi ma soprattutto pensato per Linux. La ditta Lindows offre diversi notebook attraverso vari negozi che forniscono di serie la sua distribuzione Linux. Siamo ancora agli inizi ma qualcosa si muove.

Sandro kensan
Kensan.it, Geek & Hacker site
TAG: hw
118 Commenti alla Notizia Kensan.it/ Se i notebook scartano Linux
Ordina
  • Io ad esempio, uso soltanto linux e non sono così scemo da comprare un pc, con windows installato, per due motivi:1) Formattare appena acquistato per installare linux.
    2) Comprare un pc, al quale pago il sistema operativo e non mi danno nemmeno il cd, costringendomi a comprare una licenza per qualcosa che ho già pagato e pagare la licenza, dunque comprare un sistema operativo due volte.
    non+autenticato
  • Sicuramente i più li conoscono, però mi permetto di segnalare 2 utili link per le PCMCIA (16 & 32 bit):

    http://www.idir.net/~gromitkc/pcmcia_list.html
    http://tuxmobil.org/lang_italian.html

    L'ultimo con la pg in ITA,e occhio anche ai fan *BSD, nell'ultimo link vi sono degli utili link (scusate il gioco di parole), ai progetti "mobili" dei *BSD e Solaris (per *BSD si intende sopratutto FreeBSD).
  • ma nessuno conosce la distribuzione Lycoris (www.lycoris.org, www.lycoris.com) ?

    installa su portatili e li vende addirittura tramite wal-mart con successo da tempo.

    la compatibilità è assicurata.
    non+autenticato
  • >Questi sono discorsi triti e ritriti.

    per non parlare dei vostri, e devo dire che in fatto di tritatura voi open linari siete al top

    >Se continui a farli significa semplicemente che fai finta di >ignorare la realtà e ti chiudi in un mondo tutto tuo.


    analogo per te

    >Ormai sto perdendo la pazienza, cmq vedo di spiegarlo >un'ultima volta.

    e perche la pazienza e una gran virtu e poi voi bonzi linari dovreste essere abbituati ad aver grande pazienza.
    compil compil compil ->due ore -> errore lib mancante gotocompil

    >Un notebook nasce e muore con lo stesso hardware, quindi >se ti trovassi Linux preinstallato non avresti nessun >problema di ricompilazioni kernel, esattamente come >quando ti trovi win preinstallato e non devi bestemmiare per >fargli riconoscere le periferiche.

    quindi spiegami perche i produttori non si attrezzano, forse vuoi dire che siete troppo di nicchia per suscitare interesse,

    >Per quanto riguarda l'installazione di programmi (e quindi il >problema che hai sollevato relativo >all'aggiornamento/installazione di librerie), mi spiace per te: >Linux in questo campo supera di gran lunga windows in fatto >di semplicità!

    aagahhahahahahahahhahahahahahhahhahahhahahahahahahahahahahahahahahhahahhahahahahhahahahha all'infinito

    >Se voglio installare o aggiornare un programma io mi limito >a scrivere "apt-get install nomeprogramma", se non mi va di >scrivere lancio aptitude e uso la GUI grafica. A quel punto la >mia fida Debian si arrangia ad aggiornare/installare (e a >scaricarli da internet o dai cd della distribuzione, in base a >come preferisci) tutto il necessario per far funzionare >nomeprogramma, e poi si arrangia a installarmi il >programma e a configurarlo.

    che dire se nessuno si e preso la briga di produrre il piatto precotto come fai spiegami ehehehhe

    e poi piantatela con ste fesserie dell'ap-get si vede che non lo hai mai usato sul serio, il piu delle volte fallisce per i motivi più assurdi o peggio senza spiegazioni, funziona solo per le distro abilitate, se hai una vecchia distro buona fortuna,

    >Molto più semplice di quando sotto windows lanciavo un >setup.exe, il programma si installava, e poi crashava >allegramente durante l'uso lamentandosi che gli mancava >questo o quell'ocx (mi è successo! E per inciso so >benissimo cos'è un ocx, >ho provveduto a copiarlo a mano >nella system di windows, ma seguendo la tua analogia >spiegaglielo a tuo nonno tutto questo ambaradan!).

    in primis sei un troll l'ocx puoi copiarlo dove ti pare ma se non lo registri ai voglia a cercar di usare il programma.
    in secondo che centra win se chi ha costruito il setup non ha agiunto l'OCX, poi al massimo si tratta di registrare un ocx mentre per il signor lino se le cose non vanno ce il rischio anche di doversi compilare l'intero x a mano, e tutto per avere una cagata di programmillo che non funza comunque.

    >Se tuo nonno avesse avuto Linux preinstallato sul notebook >stai pur certo che avrebbe usato con soddisfazione l'OS del >pinguino... la verità è che tu non lo sai installare, ti rode che >c'è gente che, a forza di smanettamente, riesci a farlo >andare sui notebook (e, ripeto, se lo preinstallassero non >servirebbe smanettare), e posti questi sfoghi idioti che sono >tutto tranne che costruttivi!

    strano io senza fatica ho installato lino sul mio aspire e lo uso, peccato che se ho bisogno di qualche programma non incluso nella distro, debba fare i voli pindarici perdere ore di tempo, e questo solo per installare un programma che alla fin fine sono sempre in beta

    >Aggiungo ancora che se (ad esempio) HP decidesse di >vendere un suo notebook con Linux preinstallato farebbe la >fatica di installarlo SOLO UNA VOLTA sul primo notebook,

    se non lo fa ci sara un motivo, centrerà i casini con i driver, che versione di kernel usare la distro l'ambiente grafico ecc....

    troppi casini da sbrogliare per sodisfare comunque un numero esiguo di linotonti.


    p.s. perché non ti firmi? Coda di paglia?

    no poca voglia di registrarmi

    >p.p.s. mia mamma usa linux con successo... e non capisce >niente di informatica.


    hahaahhahahhahhahahhaha
    grazie per la risata finale i linotonti son sempre fonte di grandi risate
    non+autenticato
  • Premessa: mi sembra che qui l'unico troll anonimo è un altro...

    Mi rifiuto di commentare tutte le idiozie che hai scritto, ne quoto giusto un paio.

    - Scritto da: Anonimo
    > compil compil compil ->due ore -> errore lib
    > mancante gotocompil
    argh! si vede che non sia di cosa stai parlando. Cosa centrano le librerie con il kernel? errore lib? Almeno cerca di essere più realista... scrivi, che so, "kernel panic", ma quello che dici è pura fantasia!

    > quindi spiegami perche i produttori non si
    > attrezzano, forse vuoi dire che siete troppo
    > di nicchia per suscitare interesse,
    Si, anche, ma sopratutto si beccano una percentuale da mamma Micros~1 per ogni win installato.Triste
    nota: afaik ora non vengono più pagati in percentuale, fanno un accordo all'inizio, gli danno un tot fisso e basta, cmq la mandola la beccano ugualmente (per carità, è tutto legale, ma così non saranno mai incentivati a montare qualcos'altro! Qualcosa si muove, qualche accordo con qualche distribuzione di Linux c'è stato, ma siamo ancora distanti dal liberarci da questo monopolio).

    > aagahhahahahahahahhahahahahahhahhahahhahahaha
    Cos'è, un attacco di trollite acuta? condoglianze!Triste

    > e poi piantatela con ste fesserie
    > dell'ap-get
    Si scrive apt-get... si vede che non sai neanche di cosa parli. Che triste. Chi sarebbe il troll scusa?

    > si vede che non lo hai mai usato
    Parla quello che non sa neanche come scriverlo. Che triste.

    > sul serio, il piu delle volte fallisce per i
    > motivi più assurdi
    Si vede che non l'hai mai usato. Che triste.


    > spiegazioni, funziona solo per le distro
    > abilitate, se hai una vecchia distro buona
    > fortuna,
    Le vecchie distro le aggiorni sempre a colpi di apt. Ho aggiornato slink, potato e anche woody... ora sono a Sid, ed in realtà l'installazione che feci era quella della vecchissima slink che ho sempre tenuto aggiornato a colpi di apt. Che triste che sei.

    > in primis sei un troll l'ocx puoi copiarlo
    > dove ti pare ma se non lo registri ai voglia
    > a cercar di usare il programma.
    Che triste.... manco windows sanno usareTriste

    > in secondo che centra win se chi ha
    > costruito il setup non ha agiunto l'OCX,
    Semplice: windows manca di una gestione a pacchetti. Ma hai letto quello che scrivo? Che triste.

    > strano io senza fatica ho installato lino
    > sul mio aspire e lo uso, peccato che se ho
    > bisogno di qualche programma non incluso
    > nella distro, debba fare i voli pindarici
    > perdere ore di tempo,
    Tipo? L'unico programma che mi mancava con apt era (e sottolineo _era_ perché ora ho trovato una fonte da inserire in sources.list) java.

    >> p.s. perché non ti firmi? Coda di paglia?
    > no poca voglia di registrarmi
    Che triste. Il solito troll anonimoTriste

    > hahaahhahahhahhahahhaha
    > grazie per la risata finale i linotonti son
    > sempre fonte di grandi risate
    Passa a casa mia... ti presento volentieri mia mamma... sai che risate mi faccio mentre cerchi di insegnarle Windows?
  • bella la dimostrazione di super cultura compila ed impera, che centra sapendo di asm e linguaggi vari a sto punto qualsiasi sfigato non solo riuscirebbe a installarsi lino con tutti i crismi, ma a crearsi il proprio personale so.

    peccato che il mondo illusorio di BSD_like e compani e ben diverso dalla maggior parte degli esseri pensanti presenti su questo pianeta.

    vede sig. BSD_like a mio nonno e a quasi il 99% della popolazione di questo pianeta poco importa della bellezza di un kernel lino e compani, a loro interessa poter inviare una mail facilmente, installare un sw senza pensare alla miriade di lib da aggiornare e compilare ecc......


    potrei continuare all'infinito, pensiamo anche alla societa xxx che vende portatili, cosa implicherebbe al siur tecnico installare sul portatile il nostro caro lino.

    semplice dopo due giorni ritornerebbe l'acquirente incazzato come una iena chiedendo al sig. tecnico perchè quando prova ad installare il sw xyz perchè il sistema si rifiuta di installarlo dicendo che mancano le librerie dueballib.

    ma a guru come voi come si puo spiegare queste semplici cose, son troppo terra terra per capirle.

    amico almeno il buon gusto di tacere quello potresti capirlo.
    non+autenticato
  • Questi sono discorsi triti e ritriti.
    Se continui a farli significa semplicemente che fai finta di ignorare la realtà e ti chiudi in un mondo tutto tuo.

    Ormai sto perdendo la pazienza, cmq vedo di spiegarlo un'ultima volta.

    Un notebook nasce e muore con lo stesso hardware, quindi se ti trovassi Linux preinstallato non avresti nessun problema di ricompilazioni kernel, esattamente come quando ti trovi win preinstallato e non devi bestemmiare per fargli riconoscere le periferiche.

    Per quanto riguarda l'installazione di programmi (e quindi il problema che hai sollevato relativo all'aggiornamento/installazione di librerie), mi spiace per te: Linux in questo campo supera di gran lunga windows in fatto di semplicità!

    Se voglio installare o aggiornare un programma io mi limito a scrivere "apt-get install nomeprogramma", se non mi va di scrivere lancio aptitude e uso la GUI grafica. A quel punto la mia fida Debian si arrangia ad aggiornare/installare (e a scaricarli da internet o dai cd della distribuzione, in base a come preferisci) tutto il necessario per far funzionare nomeprogramma, e poi si arrangia a installarmi il programma e a configurarlo.

    Molto più semplice di quando sotto windows lanciavo un setup.exe, il programma si installava, e poi crashava allegramente durante l'uso lamentandosi che gli mancava questo o quell'ocx (mi è successo! E per inciso so benissimo cos'è un ocx, ho provveduto a copiarlo a mano nella system di windows, ma seguendo la tua analogia spiegaglielo a tuo nonno tutto questo ambaradan!).

    Se tuo nonno avesse avuto Linux preinstallato sul notebook stai pur certo che avrebbe usato con soddisfazione l'OS del pinguino... la verità è che tu non lo sai installare, ti rode che c'è gente che, a forza di smanettamente, riesci a farlo andare sui notebook (e, ripeto, se lo preinstallassero non servirebbe smanettare), e posti questi sfoghi idioti che sono tutto tranne che costruttivi!

    Aggiungo ancora che se (ad esempio) HP decidesse di vendere un suo notebook con Linux preinstallato farebbe la fatica di installarlo SOLO UNA VOLTA sul primo notebook, poi venderebbe tutti gli altri con dischi che sono cloni dell'installazione originale. Aggiungo (ultima nota, giuro) che se qualcuno cominciasse (sia essa l'HP, che l'Acer che l'IBM) la lista di compatibilità hardware aumenterebbe.

    p.s. perché non ti firmi? Coda di paglia?
    p.p.s. mia mamma usa linux con successo... e non capisce niente di informatica.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 35 discussioni)