Claudio Tamburrino

Google batte nuove strade per le auto senza pilota

Dopo aver completato l'addestramento di base, l'attenzione di Mountain View si sposta sui pericoli cittadini. Pedoni, incroci e parcheggi sono al centro delle nuove capacità delle Google-car

Roma - Google ha pubblicato un video per mostrare come procede spedita la sperimentazione delle auto senza pilota.


Il progetto di Google per portare le auto completamente automatizzate sulle strade ha già registrato circa 700mila miglia di guida autonoma, prosegue e promette di migliorare con l'esperienza.

Ora, in particolare, pensando ai problemi di traffico e di parcheggi, gli incroci congestionati e gli incidenti causati da autisti distratti, Mountain View ha annunciato di star portando avanti il suo sistema di guida automatizzato affrontando le mille insidie nascoste nelle popolate strade cittadine.
Per farlo, il sistema di controllo dei veicoli sviluppato da Google è stato addestrato per rilevare e tener conto delle variabili e degli imprevisti in cui può incappare un veicolo in città: pedoni che attraversano, incroci che per essere attraversati devono essere sgombri ed eventuali altri tipi di ostacoli da evitare.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
149 Commenti alla Notizia Google batte nuove strade per le auto senza pilota
Ordina
  • E' incoraggiante vedere nei forum di informatica che c'è tanta gente che sa guardare al futuro.

    Ci si preoccupa di chi firma un verbale in caso di incidente? Con tutte le telecamere sensori e scatole nere che si ci sono su un veicolo autonomo?

    Ci si preoccupa di chi li assicura per gli incidenti?
    I primi veicoli non devono per forza portare persone, finche non si collauda seriamente il software si possono fare piccoli veicoli che fanno le consegne. Vanno piano (tanto i pacchi non si lamentano), sono leggeri e possono avere il frontale imbottito (tanto ai pacchi non importa che il veicolo sia brutto).
    Il passo successivo possono essere veicoli con tutti i lati imbottiti, con spazio sufficiente per due persone. Se rispondono alle chiamate sms e costano meno dei taxi possono far risparmiare tanto denaro e tanto tempo (45 minuti per trovare pacheggio sotto casa mia) che si può tollerare che vadano un po' più piano.
    Pochi rischi di incidenti seri, rapporto costi benefici molto favorevole.

    P.S. I veicoli autonomi per passeggeri sono GIÀ in servizio. Si tratta di navette che vanno su corsie riservate, niente di trascendentale per ora, ma siamo solo all'inizio.
    non+autenticato
  • > E' incoraggiante vedere nei forum di informatica
    > che c'è tanta gente che sa guardare al
    > futuro.
    >
    > Ci si preoccupa di chi firma un verbale in caso
    > di incidente? Con tutte le telecamere sensori e
    > scatole nere che si ci sono su un veicolo
    > autonomo?

    Vada per la scatola nera. Finché non esiste una legge che sostituisce i suoi dati alle dichiarazioni del guidatore, non se ne fa nulla.



    > Ci si preoccupa di chi li assicura per gli
    > incidenti?
    > I primi veicoli non devono per forza portare
    > persone,

    I primi veicoli sono già in prova negli Usa e in Giappone, ora.Sorride E con le necessarie autorizzazioni li fanno circolare anche in altri Stati.
    Parliamo dell'uso pratico e quotidiano delle auto senza pilota, e non di quello sperimentale. Sono due cose diverse.


    > P.S. I veicoli autonomi per passeggeri sono
    > GIÀ in servizio. Si tratta di navette che
    > vanno su corsie riservate, niente di
    > trascendentale per ora, ma siamo solo
    > all'inizio.

    Mi dai un link?
  • > > scatole nere che si ci sono su un veicolo
    > > autonomo?
    >
    > Vada per la scatola nera. Finché non esiste una
    > legge che sostituisce i suoi dati alle
    > dichiarazioni del guidatore, non se ne fa
    > nulla.
    >

    Il bello è che l'hai scritto pure più sotto che i veicoli autonomi li stanno sperimentando in altri paesi. Mica bisogna aspettare i retrogradi italiani per realizzarli. In Italia arriveranno tra una ventina di anni quando saranno già ampiamente collaudati e ovviamente saranno prodotti da società straniere visto che la burocrazia non permetterà agli italiani di svilupparli.
    Ci saranno un po' di proteste perchè gli stranieri ci colonizzano, perchè i tassisti perdono il lavoro, etc. Ma alla fine non li potranno fermare.

    >
    >
    > > Ci si preoccupa di chi li assicura per gli
    > > incidenti?
    > > I primi veicoli non devono per forza portare
    > > persone,
    >
    > I primi veicoli sono già in prova negli Usa e in
    > Giappone, ora.Sorride E con le necessarie
    > autorizzazioni li fanno circolare anche in altri
    > Stati.
    > Parliamo dell'uso pratico e quotidiano delle auto
    > senza pilota, e non di quello sperimentale. Sono
    > due cose diverse.
    >

    Vedi sopra.

    >
    > > P.S. I veicoli autonomi per passeggeri sono
    > > GIÀ in servizio. Si tratta di navette
    >
    > Mi dai un link?

    http://www.youtube.com/watch?v=AYKWz59N20w

    Per il sistema del nuovo aeroporto di Dubai cerca da te.
    non+autenticato
  • > > Vada per la scatola nera. Finché non esiste
    > una
    > > legge che sostituisce i suoi dati alle
    > > dichiarazioni del guidatore, non se ne fa
    > > nulla.
    > >
    >
    > Il bello è che l'hai scritto pure più sotto che i
    > veicoli autonomi li stanno sperimentando in altri
    > paesi. Mica bisogna aspettare i retrogradi
    > italiani per realizzarli.

    Sì, ma non credere che su certe cose sia così diverso, all'estero.
    Demandare la risoluzione delle controversie stradali solo a una scatola nera, di cui spesso la controparte è priva, non è una decisione che si prende tranquillamente.


    > In Italia arriveranno
    > tra una ventina di anni quando saranno già
    > ampiamente collaudati e ovviamente saranno
    > prodotti da società straniere visto che la
    > burocrazia non permetterà agli italiani di
    > svilupparli.

    Questo è l'ultimo dei problemi, visto che la FIAT ha un piede anche negli Usa e lo sviluppo può condurlo da lì.
    Avevo fatto l'esempio rispondendo ad altro utente: i vetri anteriori scuri, e il parabrezza, sono vietati in Italia, sempre e comunque. Non importa nulla se all'estero sono ammessi, chi ha un'auto del genere e vuole venire per turismo in Italia fa cambiare i vetri.Deluso
    Credi che si fermeranno di fronte all'auto senza guidatore?


    > Ci saranno un po' di proteste perchè gli
    > stranieri ci colonizzano, perchè i tassisti
    > perdono il lavoro, etc. Ma alla fine non li
    > potranno
    > fermare.

    Le auto che si guidano da sole hanno varie applicazioni. Anzi, visto che già oggi riescono a proibire il servizio Uber in Belgio:

    http://www.repubblica.it/economia/2014/04/16/news/.../

    Non credo ci siano problemi a proibire un servizio tassì senza guidatore. Ma quello è solo uno dei possibili usi, non è un gran problema.


    > > I primi veicoli sono già in prova negli Usa
    > e
    > in
    > > Giappone, ora.Sorride E con le necessarie
    > > autorizzazioni li fanno circolare anche in
    > altri
    > > Stati.
    > > Parliamo dell'uso pratico e quotidiano delle
    > auto
    > > senza pilota, e non di quello sperimentale.
    > Sono
    > > due cose diverse.
    > >
    >
    > Vedi sopra.

    Non c'è molto da vedere.
    A quanto ne so, nemmeno all'estero queste omologazioni sono state richieste. Ci si accontenta di autorizzazioni per circolare, e finché c'è una persona a bordo con la patente le amministrazioni non hanno problemi a dire di sì.
    Siamo ancora a uno stadio acerbo. Ma qui su PI si commenta come se li dovessimo vedere operativi nelle strade lunedì mattina.


    > > > P.S. I veicoli autonomi per passeggeri
    > sono
    > > > GIÀ in servizio. Si tratta di
    > navette
    > >
    > > Mi dai un link?
    >
    > http://www.youtube.com/watch?v=AYKWz59N20w

    Il diavolo sta nei dettagli: il percorso che effettua è dedicato, vale a dire che è chiuso al traffico di auto e (in teoria) ai pedoni. Però interseca vie normali, ovviamente con semafori, non deve dare la precedenza. Velocità massima 32 km/h.
  • > Sì, ma non credere che su certe cose sia così
    > diverso, all'estero.

    Si che è diverso.

    > Demandare la risoluzione delle controversie
    > stradali solo a una scatola nera, di cui spesso
    > la controparte è priva, non è una decisione che
    > si prende tranquillamente.
    >

    Il solito punto di vista burocratico all'italiana.
    La registrazione di una telecamera o di un sensore non mentono, una controparte umana si.

    > Questo è l'ultimo dei problemi, visto che la FIAT
    > ha un piede anche negli Usa e lo sviluppo può
    > condurlo da lì.
    Ora come ore la Fiat è uno dei gruppi automobilistici che investe meno in innovazione.

    > Avevo fatto l'esempio rispondendo ad altro
    > utente: i vetri anteriori scuri, e il parabrezza,
    > sono vietati in Italia, sempre e comunque. Non
    > importa nulla se all'estero sono ammessi, chi ha
    > un'auto del genere e vuole venire per turismo in
    > Italia fa cambiare i vetri.
    >Deluso
    > Credi che si fermeranno di fronte all'auto senza
    > guidatore?
    >

    Tra 20/30 aariverà il momento in cui i veicoli autonomi ridurranno il traffico perchè faranno risparmiare il tempo sprecato a trovare parcheggio e le auto in doppia/terza fila. Faranno ridurre gli incidenti perchè rispetteranno tutte le regole del codice della strada. Faranno risparmiare parecchi soldi perchè permetteranno di mettere su più facilmente servizi di car sharing.

    A quel punto gli italiani dovranno farsi i conti. Non rischieranno solo di perdersi i vantaggi, ma rischieranno di perdersi i turisti che preferiranno città meno caotiche e meno costose. Rischieranno di vedere le grandi aziende traslocare dove i loro impiegati possono arrivare tutti i giorni in ufficio in orario e non troppo stressati. I trasporti sono troppo importanti per il flusso dell'economia per rinunciarci. Alla fine accetteranno i veicoli autonomi come non hanno accettato i bancomat.

    >
    > http://www.repubblica.it/economia/2014/04/16/news/
    >
    Il link non funziona. Era forse l'articolo sulle dichiarazioni del giudice americano? Quello che si lamenta che quelli di Uber si credono al di sopra della legge?
    Quel giudice non si è accorto che sono già nati tanti servizi concorrenti che si sono inventati altri modi per aggirare le leggi. Diventerà come la lotta alla pirateria. Bloccheranno Uber e gli utenti si sposteranno sui servizi alternativi.

    > Non credo ci siano problemi a proibire un
    > servizio tassì senza guidatore. Ma quello è solo
    > uno dei possibili usi, non è un gran
    > problema.

    Come adesso gli autonoleggi tradizionali fanno concorrenza ai tassisti in futuro saranno i servizi di car sharing.

    >
    >
    > > > I primi veicoli sono già in prova negli
    > Usa e in Giappone,

    > Non c'è molto da vedere.
    > A quanto ne so, nemmeno all'estero queste
    > omologazioni sono state richieste. Ci si
    > accontenta di autorizzazioni per circolare, e
    > finché c'è una persona a bordo con la patente le
    > amministrazioni non hanno problemi a dire di
    > sì.
    > Siamo ancora a uno stadio acerbo.

    Tra il primo Darpa challenge dove tutte le auto in gara fallirono dopo pochi chilometri e il Darpa challenge dei successi sono passati pochi anni


    > Ma qui su PI si
    > commenta come se li dovessimo vedere operativi
    > nelle strade lunedì mattina.

    Questa frase mi suona un po troppo ipocrita. Sei tu quello che commenta come se li dovessimo vedere operativi nelle strade lunedì mattina.


    > > http://www.youtube.com/watch?v=AYKWz59N20w
    >
    > Il diavolo sta nei dettagli: il percorso che
    > effettua è dedicato, vale a dire che è chiuso al
    > traffico di auto e (in teoria) ai pedoni. Però
    > interseca vie normali, ovviamente con semafori,
    > non deve dare la precedenza. Velocità massima 32
    > km/h.

    Questo già e quello che si può fare adsso. Tra 10 anni sarà molto di più.
    non+autenticato
  • > > Demandare la risoluzione delle controversie
    > > stradali solo a una scatola nera, di cui
    > spesso
    > > la controparte è priva, non è una decisione
    > che
    > > si prende tranquillamente.
    > >
    >
    > Il solito punto di vista burocratico all'italiana.
    > La registrazione di una telecamera o di un
    > sensore non mentono, una controparte umana
    > si.

    La registrazione di una telecamera e di un sensore si possono cancellare a bella posta. Basta sapere come fare, e basta avere un movente. Avevi pensato a questo dettaglio?


    > Ora come ore la Fiat è uno dei gruppi
    > automobilistici che investe meno in
    > innovazione.

    Sì, ma non perché glielo impedisca qualche norma.
    Perché non è interessata.



    > > Credi che si fermeranno di fronte all'auto
    > senza
    > > guidatore?
    > >
    >
    > Tra 20/30 aariverà il momento in cui i veicoli
    > autonomi ridurranno il traffico perchè faranno
    > risparmiare il tempo sprecato a trovare
    > parcheggio e le auto in doppia/terza fila.
    > Faranno ridurre gli incidenti perchè
    > rispetteranno tutte le regole del codice della
    > strada.

    O magari ne introdurrano di nuovi, dovuti al fatto di non leggere bene la segnaletica perché sul cartello c'era un po' di neve oppure la deviazione causa lavori in corso è segnalata male.
    Nelle ipotesi sul futuro bisogna calcolare anche i lati negativi. Non tutto va sempre come si vorrebbe.


    > Faranno risparmiare parecchi soldi perchè
    > permetteranno di mettere su più facilmente
    > servizi di car
    > sharing.

    Ah, questo non si sa. Son curioso di sapere quanto farà pagare la sua auto il primo che svilupperà un brevetto funzionante.


    > A quel punto gli italiani dovranno farsi i conti.
    > Non rischieranno solo di perdersi i vantaggi, ma
    > rischieranno di perdersi i turisti che
    > preferiranno città meno caotiche e meno costose.

    È giá così, il turismo in Italia é in costante decrescita.


    > Rischieranno di vedere le grandi aziende
    > traslocare dove i loro impiegati possono arrivare
    > tutti i giorni in ufficio in orario e non troppo
    > stressati.

    Ma è già così. Per la verità gli impiegati stressati c'entrano poco, all'estero ci sono impiegati meno cari e sindacati meno veterocomunisti.


    > I trasporti sono troppo importanti per
    > il flusso dell'economia per rinunciarci. Alla
    > fine accetteranno i veicoli autonomi come non
    > hanno accettato i
    > bancomat.

    Perché, ci sono state resistenze all'adozione del bancomat?
    Io so che esiste dal 1983.

    > http://www.repubblica.it/economia/2014/04/16/news/
    > >
    > Il link non funziona.

    Funziona perfettamente. Evidentemente sei nuovo qui. Non devi cliccare sul link preceduto dai > delle citazioni, perché é monco. Ma direttamente nel commento precedente, dove compare intero.


    > Era forse l'articolo sulle
    > dichiarazioni del giudice americano? Quello che
    > si lamenta che quelli di Uber si credono al di
    > sopra della
    > legge?

    No. Ho scritto Belgio.


    > > Non credo ci siano problemi a proibire un
    > > servizio tassì senza guidatore. Ma quello è
    > solo
    > > uno dei possibili usi, non è un gran
    > > problema.
    >
    > Come adesso gli autonoleggi tradizionali fanno
    > concorrenza ai tassisti in futuro saranno i
    > servizi di car sharing.

    Per la verità i servizi forniti dagli autonoleggi sono carissimi, a paritá di servizio. La concorrenza vera sará quando abbasseranno i prezzi.



    > > A quanto ne so, nemmeno all'estero queste
    > > omologazioni sono state richieste. Ci si
    > > accontenta di autorizzazioni per circolare, e
    > > finché c'è una persona a bordo con la
    > patente
    > le
    > > amministrazioni non hanno problemi a dire di
    > > sì.
    > > Siamo ancora a uno stadio acerbo.
    >
    > Tra il primo Darpa challenge dove tutte le auto
    > in gara fallirono dopo pochi chilometri e il
    > Darpa challenge dei successi sono passati pochi
    > anni

    "Successi" nel senso di (relativa) velocità e orientamento in un circuito in cui pedoni e altre auto non possono entrare. Del resto il progetto è finanziato dalla Difesa, e quindi gli scopi sono eminentemente bellici, non civili.


    > > Ma qui su PI si
    > > commenta come se li dovessimo vedere
    > operativi
    > > nelle strade lunedì mattina.
    >
    > Questa frase mi suona un po troppo ipocrita. Sei
    > tu quello che commenta come se li dovessimo
    > vedere operativi nelle strade lunedì
    > mattina.

    Ripeto, il tono è questo. "Tutte le difficoltà si appianano con uno schioccar di dita, tutti i problemi tecnici li risoLve Google". Il succo é questo.
    Sai da quanto si parla di mandare l'uomo su Marte? Dal 1952:

    https://en.wikipedia.org/wiki/The_Mars_Project

    E per fare un esempio più terrestre: sai da quanto tempo i ricercatori inseguono la fusione nucleare?
    Non sempre i progetti promettenti sono realizzabili nei tempi previsti.


    > > Il diavolo sta nei dettagli: il percorso che
    > > effettua è dedicato, vale a dire che è
    > chiuso
    > al
    > > traffico di auto e (in teoria) ai pedoni.
    > Però
    > > interseca vie normali, ovviamente con
    > semafori,
    > > non deve dare la precedenza. Velocità
    > massima
    > 32
    > > km/h.
    >
    > Questo già e quello che si può fare adsso. Tra 10
    > anni sarà molto di
    > più.

    Sì, generalmente è così. Fermo restando che il progetto è iniziato nel dicembre 2005, e quindi sono già 9 anni.
    E la vicenda potrebbe terminare come il Segway (che si pronuncia segue), un altro apparecchio su cui i commentatori di PI si sono fatte molte illusioni, nel 2001. Funziona, sia chiaro, ma a distanza di 13 anni la sua adozione in giro per il mondo è decisamente di nicchia, il prezzo è sostanzialmente lo stesso di quello iniziale, e modelli più evoluti non ne hanno prodotti.
  • - Scritto da: Leguleio

    > La registrazione di una telecamera e di un
    > sensore si possono cancellare a bella posta.
    > Basta sapere come fare, e basta avere un movente.
    > Avevi pensato a questo
    > dettaglio?

    Se sono concepite per prevenire questa eventualita', non si puo'.
    Basta per esempio che trasmettano i dati ad un cloud.
    Tanto per dirne una.


    > O magari ne introdurrano di nuovi, dovuti al
    > fatto di non leggere bene la segnaletica perché
    > sul cartello c'era un po' di neve oppure la
    > deviazione causa lavori in corso è segnalata
    > male.

    E vai sempre a citare situazioni fuori dalla norma, che gia' adesso sono suscettibili di problemi interpretativi.

    > Nelle ipotesi sul futuro bisogna calcolare anche
    > i lati negativi. Non tutto va sempre come si
    > vorrebbe.

    Si lavora per farlo andare come si vorrebbe.

    > Ah, questo non si sa. Son curioso di sapere
    > quanto farà pagare la sua auto il primo che
    > svilupperà un brevetto
    > funzionante.

    Come le altre. Forse avra' pure gli incentivi.

    >
    > È giá così, il turismo in Italia é in
    > costante
    > decrescita.

    E ti sembra una ragione valida per ostacolarlo ancora di piu'?

    > > I trasporti sono troppo importanti per
    > > il flusso dell'economia per rinunciarci. Alla
    > > fine accetteranno i veicoli autonomi come non
    > > hanno accettato i
    > > bancomat.
    >
    > Perché, ci sono state resistenze all'adozione del
    > bancomat?
    > Io so che esiste dal 1983.

    Pure al tempo dell'euro c'era stata una serrata di protesta degli agenti di cambio.
    Col risultato che non hanno riaperto piu'.

    > Per la verità i servizi forniti dagli autonoleggi
    > sono carissimi, a paritá di servizio.

    Non c'e' nessuna parita' di servizio.

    > La
    > concorrenza vera sará quando abbasseranno i
    > prezzi.

    La concorrenza vera sara' quando elimineranno quelle anacronistiche e medievali licenze.

    > "Successi" nel senso di (relativa) velocità e
    > orientamento in un circuito in cui pedoni e altre
    > auto non possono entrare. Del resto il progetto è
    > finanziato dalla Difesa, e quindi gli scopi sono
    > eminentemente bellici, non
    > civili.

    Tutta la tecnologia che ci circonda e' stata sviluppata prima di tutto per esigenze militari.

    > Ripeto, il tono è questo. "Tutte le difficoltà si
    > appianano con uno schioccar di dita, tutti i
    > problemi tecnici li risoLve Google". Il succo é
    > questo.
    > Sai da quanto si parla di mandare l'uomo su
    > Marte? Dal
    > 1952:
    >
    > https://en.wikipedia.org/wiki/The_Mars_Project

    Embe'?
    Hai fretta?
    Tu hai sempre fretta.
    La questione non e' se si fa domani.
    La questione e' se si fa.
    E la risposta e' inevitabilmente SI.

    > E per fare un esempio più terrestre: sai da
    > quanto tempo i ricercatori inseguono la fusione
    > nucleare?

    Un'inezia: circa 50 anni.
    La Salerno-Reggio Calabria e' una impresa titanica al cofronto.

    > Non sempre i progetti promettenti sono
    > realizzabili nei tempi
    > previsti.

    Quali tempi previsti? Hanno forse annunciato una data?

    > > Questo già e quello che si può fare adsso.
    > Tra
    > 10
    > > anni sarà molto di
    > > più.
    >
    > Sì, generalmente è così. Fermo restando che il
    > progetto è iniziato nel dicembre 2005, e quindi
    > sono già 9 anni.

    Un battito di ciglia.

    > E la vicenda potrebbe terminare come il Segway
    > (che si pronuncia segue),

    Si pronuncia Segway.
    Lo sappiamo parlare tutti l'inglese qui dentro.

    > un altro apparecchio su
    > cui i commentatori di PI si sono fatte molte
    > illusioni, nel 2001. Funziona, sia chiaro, ma a
    > distanza di 13 anni la sua adozione in giro per
    > il mondo è decisamente di nicchia, il prezzo è
    > sostanzialmente lo stesso di quello iniziale, e
    > modelli più evoluti non ne hanno
    > prodotti.

    Funziona?
    Tanto basta.

    Non siamo mica qui a fare il tifo dietro ai diagrammi di vendita come fa ruppolo.
  • > > La registrazione di una telecamera e di un
    > > sensore si possono cancellare a bella posta.
    > > Basta sapere come fare, e basta avere un
    > movente.
    > > Avevi pensato a questo
    > > dettaglio?
    >
    > Se sono concepite per prevenire questa
    > eventualita', non si
    > puo'.
    > Basta per esempio che trasmettano i dati ad un
    > cloud.
    > Tanto per dirne una.

    Non la vedo come una soluzione pratica in tutte le situazioni. Finché si guida in cittá di problemi non ce ne sono, ma appena si va in zone non coperte dal segnale dei cellulari, oppure in una galleria, questa copertura viene meno.


    > > O magari ne introdurrano di nuovi, dovuti al
    > > fatto di non leggere bene la segnaletica
    > perché
    > > sul cartello c'era un po' di neve oppure la
    > > deviazione causa lavori in corso è segnalata
    > > male.
    >
    > E vai sempre a citare situazioni fuori dalla
    > norma, che gia' adesso sono suscettibili di
    > problemi
    > interpretativi.

    Il computer è privo di intuito. Un guidatore umano vedendo un cartello coperto dalla neve o si ferma e scende dall'auto per cercare di rimuovere la neve con una scopa, oppure ricrea l'immagine del cartello partendo dai dettagli rimasti visibili, e aiutandosi con la logica.
    È vero che in caso di segnalazioni fatte male l'automobilista può invocare la sua buona fede, ma il criterio "segnalato male" è ben diverso dal punto di vista umano ed informatico, al punto che in caso di lavori in corso bisognerebbe prevedere una segnaletica apposita per gli occhi della Google car.


    > > Nelle ipotesi sul futuro bisogna calcolare
    > anche
    > > i lati negativi. Non tutto va sempre come si
    > > vorrebbe.
    >
    > Si lavora per farlo andare come si vorrebbe.

    Monsieur de la Palisse colpisce ancora.
    Nessuno rimpiange i tempi delle banche in cui bisognava recarsi fisicamente anche per le operazioni più banali. E con tutto ciò prima dell'epoca delle banche online il phishing non esisteva, ma nemmeno come concetto astratto.
    Le nuove tecnologie introducono sempre nuovi problemi... verrebbe da dire nuovi metodi di truffa.Sorride


    > > Ah, questo non si sa. Son curioso di sapere
    > > quanto farà pagare la sua auto il primo che
    > > svilupperà un brevetto
    > > funzionante.
    >
    > Come le altre. Forse avra' pure gli incentivi.

    Chissà perché le cose nuove si pagano sempre uno sproposito.


    > > Perché, ci sono state resistenze
    > all'adozione
    > del
    > > bancomat?
    > > Io so che esiste dal 1983.
    >
    > Pure al tempo dell'euro c'era stata una serrata
    > di protesta degli agenti di
    > cambio.
    > Col risultato che non hanno riaperto piu'.

    Gli agenti di cambio esistono tuttora e cambiano franchi svizzeri, corone danesi, corone svedesi, sterline e valute dell'Est, solo per rimanere in Europa. Cosa diavolo stai dicendo?


    > La concorrenza vera sara' quando elimineranno
    > quelle anacronistiche e medievali
    > licenze.

    Non ci è riuscito nemmeno Monti:

    http://www.corriere.it/economia/12_febbraio_22/lib...

    E ci avevano provato già prima, governo Prodi II.
    Non si capisce perché dovrebbe riuscirci il governo Panda Rossa.

    > Tutta la tecnologia che ci circonda e' stata
    > sviluppata prima di tutto per esigenze
    > militari.

    Assolutamente no. È pura propaganda.
    Le automobili sono nate in tempo di pace e per scopi civili. I telefonini sono nati in tempo di pace e per scopi civili. La tv è nata in tempo di pace e per scopi (in)civili. Perfino un materiale dagli scopi non esattamente tranquillizzanti come il vetro antiproiettile è stato scoperto per caso e poi brevettato, dal francese Edourd Benedictus, ben prima delle Grande Guerra.


    > Embe'?
    > Hai fretta?
    > Tu hai sempre fretta.
    > La questione non e' se si fa domani.
    > La questione e' se si fa.
    > E la risposta e' inevitabilmente SI.

    E invece no, la risposta è solo un "vedremo". Nessuno ha la sfera di cristallo.


    > > E per fare un esempio più terrestre: sai da
    > > quanto tempo i ricercatori inseguono la
    > fusione
    > > nucleare?
    >
    > Un'inezia: circa 50 anni.

    Un'inezia per te, forse. Per chi dell'energia illimitata ha bisogno, invece, anche un anno di ritardo fa andare a gambe all'aria tutti i progetti.


    > > Non sempre i progetti promettenti sono
    > > realizzabili nei tempi
    > > previsti.
    >
    > Quali tempi previsti? Hanno forse annunciato una
    > data?

    In certi casi sì. Ad esempio nel 1951 il presidente argentino Perón annunciò che ci sarebbe stata energia per tutti nel giro di pochi anni:

    http://www.applet-magic.com/peronthermo.htm

    Ma annunci del genere sulla fusione nucleare li fanno ogni mese, basta cercare.
    Per rimanere ad un ambito apparentemente più abbordabile: un redattore del Post si è divertito a elencare tutte le volte che è stato inventato "il pillolo", cioè l'anticoncezionale per l'uomo:

    http://www.ilpost.it/francescocosta/2012/08/16/tre.../

    Inutile aggiungere che nessun preparato è mai stato ammesso alla vendita in farmacia.A bocca aperta
    Saper distinguere il futuribile dal reale è uno dei tratti fondamentali della razionalità. Confonderli in continuazione porta solo all'alienazione mentale, e prima della legge Basaglia comportava anche il ricovero in strutture specializzate.


    > > un altro apparecchio su
    > > cui i commentatori di PI si sono fatte molte
    > > illusioni, nel 2001. Funziona, sia chiaro,
    > ma
    > a
    > > distanza di 13 anni la sua adozione in giro
    > per
    > > il mondo è decisamente di nicchia, il prezzo
    > è
    > > sostanzialmente lo stesso di quello
    > iniziale,
    > e
    > > modelli più evoluti non ne hanno
    > > prodotti.
    >
    > Funziona?
    > Tanto basta.

    No, non basta, se non lo usa quasi nessuno. Ad un certo punto la sua produzione non sarà più conveniente e sparirà dal mercato come è già accaduto al Concorde. Per le invenzioni il senso pratico è altrettanto importante del genio visionario.
  • - Scritto da: Leguleio

    > Non la vedo come una soluzione pratica in tutte
    > le situazioni. Finché si guida in cittá di
    > problemi non ce ne sono, ma appena si va in zone
    > non coperte dal segnale dei cellulari, oppure in
    > una galleria, questa copertura viene meno.

    Non ho detto che fosse LA SOLUZIONE, ma la prima cose che mi era venuta in mente.
    Comunque nei camion c'e' gia' la scatola nera.

    > > E vai sempre a citare situazioni fuori dalla
    > > norma, che gia' adesso sono suscettibili di
    > > problemi
    > > interpretativi.
    >
    > Il computer è privo di intuito.

    Il computer viene programmato per rispondere a deteriminate situazioni.

    > Un guidatore
    > umano vedendo un cartello coperto dalla neve o si
    > ferma e scende dall'auto per cercare di rimuovere
    > la neve con una scopa, oppure ricrea l'immagine
    > del cartello partendo dai dettagli rimasti
    > visibili, e aiutandosi con la
    > logica.

    Il computer ferma l'auto e aspetta che il passeggero scenda a ripulire il cartello, oppure ricrea l'immagine dal cartello partendo dai dettagli rimasti visibili e aiutandosi col GPS e il database centralizzato dei cartelli stradali.

    > È vero che in caso di segnalazioni fatte
    > male l'automobilista può invocare la sua buona
    > fede,

    Che non lo solleva dal pagamento dei danni in sede civile.

    > ma il criterio "segnalato male" è ben
    > diverso dal punto di vista umano ed informatico,
    > al punto che in caso di lavori in corso
    > bisognerebbe prevedere una segnaletica apposita
    > per gli occhi della Google car.

    Esiste una normativa precisa per le segnalazioni temporanee dovute ai lavori.
    Se la ditta che effettua i lavori non mette i cartelli a norma di legge, sara' responsabile della sua negligenza.

    > Monsieur de la Palisse colpisce ancora.
    > Nessuno rimpiange i tempi delle banche in cui
    > bisognava recarsi fisicamente anche per le
    > operazioni più banali. E con tutto ciò prima
    > dell'epoca delle banche online il phishing non
    > esisteva, ma nemmeno come concetto astratto.

    Esistevano assegni a vuoto, esistevano documenti falsificati, esisteva altro.
    Che c'entra?

    > Le nuove tecnologie introducono sempre nuovi
    > problemi... verrebbe da dire nuovi metodi di
    > truffa.
    >Sorride

    E quindi?
    Le nuove tecnologie introducono anche nuove armi e quindi nuovi metodi di omicidio.
    Che c'entra?

    > > Come le altre. Forse avra' pure gli
    > incentivi.
    >
    > Chissà perché le cose nuove si pagano sempre uno
    > sproposito.

    Per i fessi che devono prenderle solo per dimostrare di avere soldi.
    E per fare da beta tester per gli altri.

    Col secondo giro, sara' una tecnologia piu' robusta e per tutti.

    > > Pure al tempo dell'euro c'era stata una
    > serrata
    > > di protesta degli agenti di
    > > cambio.
    > > Col risultato che non hanno riaperto piu'.
    >
    > Gli agenti di cambio esistono tuttora e cambiano
    > franchi svizzeri, corone danesi, corone svedesi,
    > sterline e valute dell'Est, solo per rimanere in
    > Europa. Cosa diavolo stai
    > dicendo?

    Che negli ultimi tre quattro anni sono stato in svizzera, danimarca, svezia, inghilterra e non ho mai avuto bisogno di un agente di cambio.
    Chi non prendeva la carta di credito si e' preso gli euro.

    > > La concorrenza vera sara' quando elimineranno
    > > quelle anacronistiche e medievali
    > > licenze.
    >
    > Non ci è riuscito nemmeno Monti:
    >
    > http://www.corriere.it/economia/12_febbraio_22/lib
    >
    > E ci avevano provato già prima, governo Prodi II.
    > Non si capisce perché dovrebbe riuscirci il
    > governo Panda Rossa.

    Non ci sara' bisogno di nessun governo Panda Rossa per ottenere l'inevitabile.

    > > Tutta la tecnologia che ci circonda e' stata
    > > sviluppata prima di tutto per esigenze
    > > militari.
    >
    > Assolutamente no. È pura propaganda.

    Invece si'.

    > Le automobili sono nate in tempo di pace e per
    > scopi civili.

    Il motore a scoppio ha avuto applicazioni militari.
    I mezzi motorizzati sono stati fondamentali nella WWI

    > I telefonini sono nati in tempo di
    > pace e per scopi civili.

    Le telecomunicazioni senza cavo sono state ricercate per esigenze militari.
    E i satelliti per la rete dei cellulari sono stati concepiti prima di tutto per scopi militari.

    > La tv è nata in tempo di
    > pace e per scopi (in)civili.

    Scopi di propaganda politica.

    > Perfino un materiale
    > dagli scopi non esattamente tranquillizzanti come
    > il vetro antiproiettile è stato scoperto per caso
    > e poi brevettato, dal francese Edourd Benedictus,
    > ben prima delle Grande Guerra.

    Anche la dinamite fu scoperta per caso.

    > Un'inezia per te, forse. Per chi dell'energia
    > illimitata ha bisogno, invece, anche un anno di
    > ritardo fa andare a gambe all'aria tutti i
    > progetti.

    Chi ha bisogno dell'energia non deve fare altro che sovvenzionare in solido la ricerca.
    La ricerca garantisce risultati, non tempi.
    Se vuoi i tempi, paga. Altrimenti aspetta.

    > > > Non sempre i progetti promettenti sono
    > > > realizzabili nei tempi
    > > > previsti.
    > >
    > > Quali tempi previsti? Hanno forse annunciato
    > una
    > > data?
    >
    > In certi casi sì. Ad esempio nel 1951 il
    > presidente argentino Perón annunciò che ci
    > sarebbe stata energia per tutti nel giro di pochi
    > anni:
    >
    > http://www.applet-magic.com/peronthermo.htm

    Non mi pare che avesse alcuna competenza scientifica.
    Parlavo di date annunciate dai ricercatori, mica da politici o giornalisti.

    > Ma annunci del genere sulla fusione nucleare li
    > fanno ogni mese, basta cercare.

    Fatti da chi?
    Ricordo due tizi che avevano fatto una figura barbina in mondovisione annunciando uan fusione fredda che non sono riusciti a dimostrare.

    > Per rimanere ad un ambito apparentemente più
    > abbordabile: un redattore del Post si è divertito
    > a elencare tutte le volte che è stato inventato
    > "il pillolo", cioè l'anticoncezionale per
    > l'uomo:
    >
    > http://www.ilpost.it/francescocosta/2012/08/16/tre

    Pure la pietra filosofale e l'elisir di lunga vita, se per questo.

    > Inutile aggiungere che nessun preparato è mai
    > stato ammesso alla vendita in farmacia.
    >A bocca aperta

    Quindi non esiste niente.

    > Saper distinguere il futuribile dal reale è uno
    > dei tratti fondamentali della razionalità.
    > Confonderli in continuazione porta solo
    > all'alienazione mentale, e prima della legge
    > Basaglia comportava anche il ricovero in
    > strutture specializzate.

    Tutto cio' che non e' reale e' futurible.

    > > Funziona?
    > > Tanto basta.
    >
    > No, non basta, se non lo usa quasi nessuno.

    Questo non dipende certo dall'invenzione in se'.

    > Ad un
    > certo punto la sua produzione non sarà più
    > conveniente e sparirà dal mercato come è già
    > accaduto al Concorde. Per le invenzioni il senso
    > pratico è altrettanto importante del genio
    > visionario.

    Tu confondi le invenzioni dalle loro applicazioni commerciali.
  • > Finché si guida in cittá
    > di
    > > problemi non ce ne sono, ma appena si va in
    > zone
    > > non coperte dal segnale dei cellulari,
    > oppure
    > in
    > > una galleria, questa copertura viene meno.
    >
    > Non ho detto che fosse LA SOLUZIONE, ma la prima
    > cose che mi era venuta in
    > mente.

    Ah, ecco!Ficoso
    Quando attacco la faciloneria di affrontare i problemi, mi riferisco proprio a questo: a soluzioni che non risolvono un bel nulla, e a problemi che o si superano, o si superano: non esiste la seconda possibilità per il codice della strada.


    > Comunque nei camion c'e' gia' la scatola nera.

    Anche sulla auto, ma non è obbligatoria.


    > Il computer ferma l'auto e aspetta che il
    > passeggero scenda a ripulire il cartello,

    Se c'è un passeggero. E se non è sulla sedia a rotelle.
    Le auto senza guidatore non hanno obbligo di passeggero, nascono proprio per questo.


    > > ma il criterio "segnalato male" è ben
    > > diverso dal punto di vista umano ed
    > informatico,
    > > al punto che in caso di lavori in corso
    > > bisognerebbe prevedere una segnaletica
    > apposita
    > > per gli occhi della Google car.
    >
    > Esiste una normativa precisa per le segnalazioni
    > temporanee dovute ai
    > lavori.

    E non è detto che sia sufficiente per i sensori dell'auto senza guidatore.
    Dubito che la cambino apposta per quella. E quando la prima auto senza guidatore cade nella prima buca scavata per manutenzione ai tubi, vengono ritirate dalla circolazione anche tutte le altre.
    Così va il mondo.


    > E con tutto ciò prima
    > > dell'epoca delle banche online il phishing
    > non
    > > esisteva, ma nemmeno come concetto astratto.
    >
    > Esistevano assegni a vuoto, esistevano documenti
    > falsificati, esisteva
    > altro.
    > Che c'entra?

    Un problema in più. Che è quello di cui parlavo.
    E ancora non è stato risolto del tutto, contrariamente a quanto dice la tua frase: "Si lavora per farlo andare come si vorrebbe".


    > Per i fessi che devono prenderle solo per
    > dimostrare di avere
    > soldi.
    > E per fare da beta tester per gli altri.

    E allora per cortesia non diciamo che "costerà come le altre", come hai fatto tu. Non è semplicemente plausibile.


    > Che negli ultimi tre quattro anni sono stato in
    > svizzera, danimarca, svezia, inghilterra e non ho
    > mai avuto bisogno di un agente di
    > cambio.
    > Chi non prendeva la carta di credito si e' preso
    > gli
    > euro.

    Bella trovata, ti applicano il cambio che vogliono loro con i contanti. Rotola dal ridere
    Comunque gli uffici di cambio esistono ancora. Non ho dati per dire se siano diminuiti, ma ci sono, anche perché nei Paesi che dici accettano gli euro, ma certo in Italia non accettano così facilmente corone danesi o franchi svizzeri.

    > Non ci sara' bisogno di nessun governo Panda
    > Rossa per ottenere
    > l'inevitabile.

    Nulla è inevitabile. A parte la tua sicumera qui sul forum.
    Nelle Filippine, Paese cattolico, il divorzio, ancora nel 2014, non è ammesso, se non per le minoranze musulmane e gli stranieri.
    In alcuni Paesi islamici gli alcolici sono proibiti a tutti i livelli, anche ai turisti.
    Si piegheranno all'inevitabile? Nella tua testa, e solo lì.


    > > Le automobili sono nate in tempo di pace e
    > per
    > > scopi civili.
    >
    > Il motore a scoppio ha avuto applicazioni
    > militari.

    Vari anni dopo che era stato inventato. Non confondere le acque.

    > Le telecomunicazioni senza cavo sono state
    > ricercate per esigenze
    > militari.

    Nemmeno. Marconi e Fessenden non lavoravano per l'esercito.


    > E i satelliti per la rete dei cellulari sono
    > stati concepiti prima di tutto per scopi
    > militari.

    Mai parlato di satelliti qui.

    > > La tv è nata in tempo di
    > > pace e per scopi (in)civili.
    >
    > Scopi di propaganda politica.

    La propaganda c'è anche in tempi di pace e da parte di Stati neutrali.


    > > Un'inezia per te, forse. Per chi dell'energia
    > > illimitata ha bisogno, invece, anche un anno
    > di
    > > ritardo fa andare a gambe all'aria tutti i
    > > progetti.
    >
    > Chi ha bisogno dell'energia non deve fare altro
    > che sovvenzionare in solido la
    > ricerca.

    Bene, comincia a sovvenzionare, allora.Sorride
    Tutti hanno bisogno dell'energia.


    > La ricerca garantisce risultati, non tempi.
    > Se vuoi i tempi, paga. Altrimenti aspetta.

    Dove sono i pugni sbattuti sul tavolo e gli strilli?
    Perché la scena è questa: capricci di un bambinello che non sa rassegnarsi a un no da parte delle leggi della fisica.


    > > In certi casi sì. Ad esempio nel 1951 il
    > > presidente argentino Perón annunciò che
    > ci
    > > sarebbe stata energia per tutti nel giro di
    > pochi
    > > anni:
    > >
    > > http://www.applet-magic.com/peronthermo.htm
    >
    > Non mi pare che avesse alcuna competenza
    > scientifica.

    Anche quelli che la competenza scientifica ce l'hanno fanno annunci a vanvera. Cambia poco.


    > Parlavo di date annunciate dai ricercatori, mica
    > da politici o
    > giornalisti.

    Allora specifica.
    E in assenza di date precise, come mi pare sia nel caso delle auto senza guidatore, non so che senso abbia galoppare con la fantasia qui nei forum e parlare di tassì, di incidenti in calo, di servizi oggi inesistenti...
    Senza una data si può tranquillamente dare per scontato che tutto questo ci sarà quando saremo morti da tempo: che senso ha tutto questo chiacchiericcio?



    > > Ma annunci del genere sulla fusione nucleare
    > li
    > > fanno ogni mese, basta cercare.
    >
    > Fatti da chi?

    Eccone una:

    http://oilprice.com/Latest-Energy-News/World-News/...

    E un'altra:

    http://phys.org/news164558159.html

    > > "il pillolo", cioè l'anticoncezionale per
    > > l'uomo:
    > >
    > >
    > http://www.ilpost.it/francescocosta/2012/08/16/tre
    >
    > Pure la pietra filosofale e l'elisir di lunga
    > vita, se per
    > questo.

    No, non buttarla in burla. Gli annunci provengono da aziende farmaceutiche.
    Semplicemente l'ottimismo ha prevalso sulla ricerca seria. Che è esattamente quello che accade con le google car e gli appassionati di informatica.

    > Ad un
    > certo punto la sua produzione non sarà più
    > conveniente e sparirà dal mercato come è già
    > accaduto al Concorde. Per le invenzioni il senso
    > pratico è altrettanto importante del genio
    > visionario.

    > Tu confondi le invenzioni dalle loro
    > applicazioni commerciali.

    Io?!?!
    Qui su PI è una gara a chi si immagina più applicazioni di una cosa che nemmeno esiste!
    Guarda quelle che dicevano sul segway:

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=104932&m=1050...

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=104932&m=1051...

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=104932&m=1049...
  • - Scritto da: Leguleio

    > Ah, ecco!Ficoso
    > Quando attacco la faciloneria di affrontare i
    > problemi, mi riferisco proprio a questo: a
    > soluzioni che non risolvono un bel nulla, e a
    > problemi che o si superano, o si superano: non
    > esiste la seconda possibilità per il codice della
    > strada.

    Questa sede non serve a risolvere i problemi ma solo a tacitare le polemiche gratuite da parte di chi si vede erodere una rendita parassitaria da un automatismo.

    > > Comunque nei camion c'e' gia' la scatola
    > nera.
    >
    > Anche sulla auto, ma non è obbligatoria.

    Non e' difficile rendere obbligatoria una tecnologia per la sicurezza.

    > > Il computer ferma l'auto e aspetta che il
    > > passeggero scenda a ripulire il cartello,
    >
    > Se c'è un passeggero. E se non è sulla sedia a
    > rotelle.

    Anche nel tuo caso il guidatore era sulla sedia a rotelle.

    > Le auto senza guidatore non hanno obbligo di
    > passeggero, nascono proprio per
    > questo.

    Vanno in giro vuote?

    > > Esiste una normativa precisa per le
    > segnalazioni
    > > temporanee dovute ai
    > > lavori.
    >
    > E non è detto che sia sufficiente per i sensori
    > dell'auto senza guidatore.
    Lo diventera'. Non e' un problema.

    > Dubito che la cambino apposta per quella. E
    > quando la prima auto senza guidatore cade nella
    > prima buca scavata per manutenzione ai tubi,
    > vengono ritirate dalla circolazione anche tutte
    > le altre.
    > Così va il mondo.

    Nella tua fantasia andra' cosi'.
    Nella realta' andra' diversamente.

    > > E con tutto ciò prima
    > > > dell'epoca delle banche online il
    > phishing
    > > non
    > > > esisteva, ma nemmeno come concetto
    > astratto.
    > >
    > > Esistevano assegni a vuoto, esistevano
    > documenti
    > > falsificati, esisteva
    > > altro.
    > > Che c'entra?
    >
    > Un problema in più. Che è quello di cui parlavo.
    > E ancora non è stato risolto del tutto,
    > contrariamente a quanto dice la tua frase: "Si
    > lavora per farlo andare come si
    > vorrebbe".

    Un problema diverso, non un problema in piu'.

    > > Per i fessi che devono prenderle solo per
    > > dimostrare di avere
    > > soldi.
    > > E per fare da beta tester per gli altri.
    >
    > E allora per cortesia non diciamo che "costerà
    > come le altre", come hai fatto tu. Non è
    > semplicemente plausibile.

    Io mi riferivo a quando sara' messa in vendita a regime.

    > > Che negli ultimi tre quattro anni sono stato
    > in
    > > svizzera, danimarca, svezia, inghilterra e
    > non
    > ho
    > > mai avuto bisogno di un agente di
    > > cambio.
    > > Chi non prendeva la carta di credito si e'
    > preso
    > > gli
    > > euro.
    >
    > Bella trovata, ti applicano il cambio che
    > vogliono loro con i contanti. Rotola dal ridere

    No. Mi hanno applicato un cambio accettabile. Ben al di sotto del tasso di usura.

    > > Non ci sara' bisogno di nessun governo Panda
    > > Rossa per ottenere
    > > l'inevitabile.
    >
    > Nulla è inevitabile. A parte la tua sicumera qui
    > sul
    > forum.

    Senti da che pulpito...

    > Nelle Filippine, Paese cattolico, il divorzio,
    > ancora nel 2014, non è ammesso, se non per le
    > minoranze musulmane e gli
    > stranieri.

    Pure in Irlanda, paese europeo, l'aborto e' illegale.
    E con questo?
    Paese che vai leggi che trovi.

    > In alcuni Paesi islamici gli alcolici sono
    > proibiti a tutti i livelli, anche ai
    > turisti.

    E in altri paesi si puo' girare per strada con pistola nel cinturone e colpo in canna.

    E allora?

    > Si piegheranno all'inevitabile? Nella tua testa,
    > e solo lì.

    Quindi non hai nulla da temere.
    Di che ti lamenti?

    > > Le telecomunicazioni senza cavo sono state
    > > ricercate per esigenze
    > > militari.
    >
    > Nemmeno. Marconi e Fessenden non lavoravano per
    > l'esercito.

    Ma il primo committente della radio fu il governo americano.

    > > E i satelliti per la rete dei cellulari sono
    > > stati concepiti prima di tutto per scopi
    > > militari.
    >
    > Mai parlato di satelliti qui.

    Certo, stai cercando di far passare una delle tue solite tesi e ben ti guardi dal citare le confutazioni.

    > > Chi ha bisogno dell'energia non deve fare
    > altro
    > > che sovvenzionare in solido la
    > > ricerca.
    >
    > Bene, comincia a sovvenzionare, allora.Sorride
    > Tutti hanno bisogno
    > dell'energia.

    Io ho risolto coi pannelli solari.
    Se non mi basta pago quello che mi serve in piu'.
    Quindi sovvenziono.

    > > La ricerca garantisce risultati, non tempi.
    > > Se vuoi i tempi, paga. Altrimenti aspetta.
    >
    > Dove sono i pugni sbattuti sul tavolo e gli
    > strilli?

    Non lo so. Posta una immagine se ci tieni a strillare.

    > Perché la scena è questa: capricci di un
    > bambinello che non sa rassegnarsi a un no da
    > parte delle leggi della fisica.

    Non mi resta che indicare il sole, invece della solita luna, per farti vedere come la fisica dimostra che la fusione e' possibile.
    Ma tu guarda pure il dito, come al solito.

    > Allora specifica.
    > E in assenza di date precise, come mi pare sia
    > nel caso delle auto senza guidatore, non so che
    > senso abbia galoppare con la fantasia qui nei
    > forum e parlare di tassì, di incidenti in calo,
    > di servizi oggi
    > inesistenti...

    Che senso ha? E' un forum.
    Se vuoi la notizia devi leggere gli articoli.
    Nel forum non ci sono articoli, solo opinioni.

    > Senza una data si può tranquillamente dare per
    > scontato che tutto questo ci sarà quando saremo
    > morti da tempo: che senso ha tutto questo
    > chiacchiericcio?

    Ha senso: dimostra l'evoluzione e il progresso.
    E poi sul morti da tempo, parla per te.
    Io sono immortale.

    > No, non buttarla in burla. Gli annunci provengono
    > da aziende farmaceutiche.

    Quotate in borsa, per caso?
    Spiegherebbe tante cose.

    > Semplicemente l'ottimismo ha prevalso sulla
    > ricerca seria. Che è esattamente quello che
    > accade con le google car e gli appassionati di
    > informatica.

    Meglio. Cosi' la ricerca resta nell'ambito di chi e' capace a farla, e gli ottimisti si limiteranno a contribuire con altri mezzi.
  • penso che non arriveranno sulle strade finché il legislatore non avra` stabilito legalmente chi e` il responsabile in caso di incidenti.... Quindi mai!
    non+autenticato
  • - Scritto da: EnricoR
    > penso che non arriveranno sulle strade finché il
    > legislatore non avra` stabilito legalmente chi e`
    > il responsabile in caso di incidenti.... Quindi
    > mai!

    http://en.wikipedia.org/wiki/Google_driverless_car
    Four U.S. states have passed laws permitting autonomous cars as of December 2013: Nevada, Florida, California, and Michigan. A law proposed in Texas would establish criteria for allowing "autonomous motor vehicles".
  • > > penso che non arriveranno sulle strade
    > finché
    > il
    > > legislatore non avra` stabilito legalmente
    > chi
    > e`
    > > il responsabile in caso di incidenti....
    > Quindi
    > > mai!
    >
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Google_driverless_car
    > Four U.S. states have passed laws
    > permitting autonomous cars as of December 2013:
    > Nevada, Florida, California, and Michigan. A law
    > proposed in Texas would establish criteria for
    > allowing "autonomous motor vehicles".



    Con le limitazioni che avevo citato sopra, articolo del Guardian : un pilota al posto di guida, e un ingegnere sul sedile a fianco.
    Autorizzare il trasporto passeggeri, magari nemmeno con la patente, è tutt'altra cosa.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > penso che non arriveranno sulle strade
    > > finché
    > > il
    > > > legislatore non avra` stabilito
    > legalmente
    > > chi
    > > e`
    > > > il responsabile in caso di incidenti....
    > > Quindi
    > > > mai!
    > >
    > >
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Google_driverless_car
    > > Four U.S. states have passed laws
    > > permitting autonomous cars as of December
    > 2013:
    > > Nevada, Florida, California, and Michigan. A
    > law
    > > proposed in Texas would establish criteria
    > for
    > > allowing "autonomous motor vehicles".
    >

    >
    >
    > Con le limitazioni che avevo citato sopra,
    > articolo del Guardian : un
    > pilota al posto di guida, e un ingegnere sul
    > sedile a
    > fianco.
    > Autorizzare il trasporto passeggeri, magari
    > nemmeno con la patente, è tutt'altra
    > cosa.

    Ci arriveremo.
    E' necessario impedire il far west nelle strade, dove gente senza alcun rispetto per la vita propria ed altrui si permette di effettuare manovre azzardate e pericolose.
    Bisogna debellare la pirateria della strada.
  • > Ci arriveremo.

    Parliamo del presente.

    > E' necessario impedire il far west nelle strade,
    > dove gente senza alcun rispetto per la vita
    > propria ed altrui si permette di effettuare
    > manovre azzardate e
    > pericolose.
    > Bisogna debellare la pirateria della strada.

    Tu vedi uno scopo filantropico nella auto a guida automatica che non c'é affatto.
    Se un giorno le omologheranno, serviranno
    a) Per le persone che non hanno la patente (minorenni).
    b) Per le persone che non possono prendere la patente (problemi di vista o di udito).
    c) Probabilmente anche per il trasporto di passeggeri e di merci senza doversi sobbarcare lo stipendio dell'autista.

    Va' a togliere il diritto di guida ai motociclisti, o anche ai possessori di cinquantini, e poi vedo che accade.
  • Dal video l'autopilota mi è sembrato fin troppo prudente; mi immagino il suo comportamento nel traffico di Roma: giorni interi ad attendere in loop sulla routine d'incrocio ad aspettare qualcuno che si fermi per farlo passare. Cosa che naturalmente non accadrà fino al 2038 A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: ereilavak
    > Dal video l'autopilota mi è sembrato fin troppo
    > prudente; mi immagino il suo comportamento nel
    > traffico di Roma: giorni interi ad attendere in
    > loop sulla routine d'incrocio ad aspettare
    > qualcuno che si fermi per farlo passare. Cosa che
    > naturalmente non accadrà fino al 2038
    > A bocca aperta

    Gli manca il "coraggio" per uscire dall'incrocio.
    Anche i neopatentati si comportano allo stesso modo ma con un'po' di coraggio all'inizio e accumulando esperienza in seguito per loro l'incrocio non sara' piu' un problema, sono due cose accumulare esperienza e il coraggio che un sistema a microprocessore non avra' mai.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Puffo inventore
    > Gli manca il "coraggio" per uscire dall'incrocio.

    No. È stata programmata per essere ultra-conservativa nelle sue "decisioni". Il coraggio non c'entra nulla.

    Se tu stessi sperimentando un sistema che permette libero movimento ad un robot pesante una tonnellata e in grado di fare una strage lo programmeresti probabilmente allo stesso modo.

    > Anche i neopatentati si comportano allo stesso
    > modo ma con un'po' di coraggio all'inizio e
    > accumulando esperienza in seguito per loro
    > l'incrocio non sara' piu' un problema, sono due
    > cose accumulare esperienza e il coraggio che un
    > sistema a microprocessore non avra'
    > mai.

    Questo non è del tutto vero. Esistono sistemi software in grado di apprendere dall'esperienza. Per esempio "Dragon Naturally Speaking" è in grado di migliorare il riconoscimento della tua voce accumulando esperienza (dati mentre parli) e non è un caso isolato. Un altro esempio sono le così dette "reti neurali" che "imparano" a fare scelte tramite esempi.

    Qui però si tratta di limiti imposti dai progettisti per essere il più conservativi possibile. Dubito che le google-car al momento siano progettate per accumulare esperienza nella guida e usarla per fare scelte diverse nel tempo... ma potrebbe anche darsi... di certo si tratta di un'interessante idea che potrebbe applicarsi a versioni future.

    In estrema sintesi... penso che tu abbia un'opinione un po' troppo alta della mente umana (o animale, o biologica). Se ci pensi, dopotutto, anche la mente umana può essere vista come un'automa molto avanzato. Il funzionamento del nostro cervello non è basato sulla magia, ma su leggi fisiche, e se si basa su leggi fisiche allora possono essere riprodotte anche con sistemi non biologici e non è da escludere che un giorno ci si riesca (il problema è che al momento attuale ne sappiamo pochissimo di come funziona davvero il cervello dato che è un organo estremamente complesso e "ingarbugliato" ma la nostra ignoranza non è un motivo sufficiente per sentirci superiori al punto da ritenere impossibile che un giorno si possa creare una mente non biologica in tutto e per tutto pensante).
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 aprile 2014 04.07
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: ereilavak
    > Dal video l'autopilota mi è sembrato fin troppo
    > prudente; mi immagino il suo comportamento nel
    > traffico di Roma: giorni interi ad attendere in
    > loop sulla routine d'incrocio ad aspettare
    > qualcuno che si fermi per farlo passare. Cosa che
    > naturalmente non accadrà fino al 2038
    > A bocca aperta

    Beh, in teoria prima, basterebbe che TUTTE le auto seguissero lo stesso schema... insomma prima devono sparire le auto guidate dagli umaniOcchiolino
  • Se l'auto si guida da sola la responsabilità in caso di incidente è dell'auto e non del proprietario e quindi non vedo perché dovrei pagare assicurazione Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: gino bae
    > Se l'auto si guida da sola la responsabilità in
    > caso di incidente è dell'auto e non del
    > proprietario e quindi non vedo perché dovrei
    > pagare assicurazione
    > Occhiolino
    Tu "non vedi" ma l'assicurazione si!
    A bocca aperta
    Ci sarà da pagare "l'equo compenso" per ogni auto venduta!
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Per non parlare dell' "equo compenso" per i tassisti e autisti generici!
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: gino bae
    > > Se l'auto si guida da sola la responsabilità
    > in
    > > caso di incidente è dell'auto e non del
    > > proprietario e quindi non vedo perché dovrei
    > > pagare assicurazione
    > > Occhiolino
    > Tu "non vedi" ma l'assicurazione si!
    > A bocca aperta
    > Ci sarà da pagare "l'equo compenso" per ogni auto
    > venduta!
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere
    > Per non parlare dell' "equo compenso" per i
    > tassisti e autisti
    > generici!
    > A bocca aperta
    Ci sarà uno sconto se usano Xenix come sistema operativo, almeno?
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: tucumcari
    > > - Scritto da: gino bae
    > > > Se l'auto si guida da sola la
    > responsabilità
    > > in
    > > > caso di incidente è dell'auto e non del
    > > > proprietario e quindi non vedo perché
    > dovrei
    > > > pagare assicurazione
    > > > Occhiolino
    > > Tu "non vedi" ma l'assicurazione si!
    > > A bocca aperta
    > > Ci sarà da pagare "l'equo compenso" per ogni
    > auto
    > > venduta!
    > > Rotola dal ridereRotola dal ridere
    > > Per non parlare dell' "equo compenso" per i
    > > tassisti e autisti
    > > generici!
    > > A bocca aperta
    > Ci sarà uno sconto se usano Xenix come sistema
    > operativo,
    > almeno?
    per xenix no al massimo un buono omaggio per 2 visite al traumatologico per i sistemi Microsoft invece si può passare direttamente dall'addetto per le esequie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: gino bae
    > Se l'auto si guida da sola la responsabilità in
    > caso di incidente è dell'auto e non del
    > proprietario e quindi non vedo perché dovrei
    > pagare assicurazione
    > Occhiolino

    Il ragionamento fila, però solo se effettivamente nessun umano ha potere sul movimento, fino ad ora le auto che si guidano da sole permettono comunque di prendere il controllo in situazioni considerate (dal conducente) a rischio, ed in tal caso la responsabilità è comunque del conducente.
    Se invece parliamo di auto senza alcun conducente, in linea di massima l'assicurazione dovrebbe pagarla il costruttore dell'auto (essendo responsabile della parte hardware e software), il cui costo chiaramente verrà poi scaricato sul prezzo di vendita.
    Ovviamente sempre che non siano presenti problemi di manutenzione, che comunque, nel caso, ricadranno sul proprietario. Cioè se non hai fatto la revisione ai freni non puoi pretendere che sia il costruttore a dover pagare se fai un incidente (semmai il contratto può prevedere che sia il costruttore ad occuparsi dei costi di manutenzione ma devi comunque portargli l'auto per farla revisionare).
  • Le auto senza pilota causano mancati guadagni alla categoria degli autisti.
    (applicando gli argomenti contro la pirateria al mondo reale)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)