Claudio Tamburrino

Datagate, Silicon Valley promette trasparenza

Le aziende avvertiranno gli utenti quando le autorità eserciteranno il proprio potere sui dati altrui. Il DoJ avverte: in questo modo si impedisce il normale svolgimento delle indagini

Roma - Apple, Facebook, Google, Microsoft e altre grandi aziende ITC hanno modificato le proprie policy e da ora in poi notificheranno agli utenti le richieste di accesso ai loro dati sottoposte dai Governi.

Ad anticipare tutti era stata Yahoo!, che aveva annunciato il cambiamento già a luglio scorso.

La possibilità di essere trasparenti è stata la principale richiesta degli operatori del settore in concomitanza con le polemiche scatenate dal cosiddetto Datagate, nato dalle rivelazioni dell'ex spia dell'NSA Edward Snowden: a preoccuparli è la perdita di fiducia da parte degli utenti che potrebbe costare caro all'intero settore. Così le aziende hanno iniziato una pressione che le ha già portate ad ottenere la possibilità di divulgare i dati relativi alle richieste di accesso delle autorità, con il via libera dei giudici della Foreign Intelligence Surveillance Court (FISC)
La questione - tuttavia - rimane ancora combattuta e la nuova mossa delle aziende non piace alle autorità: nel momento in cui avvertono i diretti interessati delle richieste d'accesso ai relativi dati, da un lato danno loro la possibilità di ricorrere alle autorità giudiziarie per impedirlo, dall'altro (avvertono gli investigatori) mettono i sospettati (e dunque i possibili colpevoli) in allarme.

Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti il rischio è quello di "permettere la distruzione delle prove o di favorire la fuga dei sospettati o l'intimidazione dei testimoni".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàDatagate, briciole di trasparenzaLe autorità USA concedono un po' di trasparenza in più - ma non troppa: le corporation potranno ora fornire maggiori informazioni sulle richieste relative ai dati degli utenti. Google: non basta. Apple: siamo bravi
  • AttualitàGoogle e il pressing dei governiSono aumentate del 120 per cento le richieste delle autorità emanate per conoscere dettagli sulle attività degli utenti di Mountain View
  • AttualitàNSA: sapevano tuttiL'agenzia di spionaggio passa al contrattacco: le aziende non erano affatto all'oscuro del monitoraggio. Ma erano a conoscenza dello spionaggio previsto dalla legge, non di quello condotto con metodi cracker
17 Commenti alla Notizia Datagate, Silicon Valley promette trasparenza
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)