Gaia Bottà

Facebook e la privacy degli acquisiti

Il social network ha acquisito un'app dedicata al tracciamento sportivo e nel giro di pochi giorni le policy dedicate alla privacy cambiano. Gli utenti rumoreggiano

Roma - Facebook sta sfogando le proprie mire espansionistiche, dotando il social network di una folta serie di potenziali tasselli che potrebbero renderlo uno strumento di comunicazione e di condivisione ancor più potente, una presenza ancora più importante nella vita di molti dei suoi utenti. Da Instagram a Whatsapp, passando per Oculus, Facebook si prepara a gestire e mettere a frutto una mole sempre più vasta di dati: nonostante le rassicurazioni di Menlo Park, sono in molti a vigilare su ogni piccola mossa da parte di Facebook, a chiedersi cosa cambierà per gli utenti in termini di privacy.

È quanto accaduto per Moves, l'app dedicata al tracciamento dell'attività sportiva recentemente acquisita dal social network: Facebook nei giorni scorsi ha promesso di gestirla come una applicazione a se stante, integrandola ma non inglobandola nel proprio ecosistema.


A pochi giorni dall'acquisizione, Moves ha operato un cambiamento alle proprie policy sulla privacy. Il Wall Street Journal è stato fra i primi ad allarmarsi: se in precedenza Moves assicurava di non condividere dati con terze parti se non sotto richiesta da parte delle forze dell'ordine, ora l'app si arroga la possibilità di "condividere informazioni, incluse quelle che permettono l'identificazione personale" con "Affiliati" che "comprendono ma non si limitano a Facebook" con lo scopo di fornire il servizio e migliorarlo.

Moves traccia le attività e gli spostamenti dei propri utenti per motivarli nell'attività sportiva: i dati raccolti potrebbero essere estremamente rilevanti per Facebook, per conoscere sempre meglio i propri utenti a cui somministrare pubblicità sempre più personalizzata.
Il colosso in blu è intervenuto per placare le polemiche e contenere le paure degli utenti e gli allarmismi dei media: non ci sarà alcuna commistione fra i dati raccolti con Facebook e quelli raccolti con Moves, i profili sui due differenti servizi non verranno associati. Semplicemente, Facebook necessita delle informazioni di Moves per continuare ad operare il servizio. Gli utenti rumoreggiano ma, come accaduto per Whatsapp e le fragorose defezioni successive all'acquisizione da parte di Facebook, i numeri potrebbero sorprendere.

Gaia Bottà
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia Facebook e la privacy degli acquisiti
Ordina
  • Sono un povero utonto (e anche tonto). Qualcuno quindi mi potrebbe spiegare perché uno si deve prendere la briga di andare a spiattellare tutta la propria vita privata su facesbook? Grazie per eventuali risposte. Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: utonto
    > > Sono un povero utonto (e anche tonto).
    > Qualcuno
    > > quindi mi potrebbe spiegare perché uno si
    > deve
    > > prendere la briga di andare a spiattellare
    > tutta
    > > la propria vita privata su facesbook?
    >
    > Lo risposta è semplice ma va fatta una premessa.
    > L'altro giorno sono andato dal Giovanni a
    > prendere il suo pesce (let. in senso ittico) e
    > sulla strada chi ti incontro? La Teresa! Tutta
    > pittata come una sciantosa... che poi mi ricordo
    > quando era regazzina, si metteva tutti i
    > brillantini sulla faccia ogni volta che si andava
    > in disco. All'uscita non gliene rimaneva nessuno
    > da tanto si scatenava lì
    > dentro.
    > Sempre all'uscita mentre l'aspettavo per portarla
    > a casa, era pieno di uomini coi brillanti
    > addosso, ma non ho mai capito perchè una moda
    > femminile prendesse piede anche tra i maschi, ma
    > vabbè.
    > Giovanni dicevo, scusa.
    > Il suo pesce (let. ribadiamolo) fa gola davvero a
    > tanti ma le malelingue dicono che pesca sempre in
    > zone
    > vietate.
    > Ah scusa mi squilla il telefono...
    > [...]
    > niente era la Lucia che mi chiedeva se posso
    > prenderle le pastiglie contro il mal di testa, ed
    > io che stasera pensavo di prenderla per la gola
    > (fig.) col pesce di Giovanni
    > (let.).
    > Anche stasera giretto su xnxx, che ci vuoi fare..
    > Ah giusto, Facebook dicevi?
    > Mhhh.. non saprei. Cylon


    E' proprio un mistero. Boh. Newbie, inesperto


    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: utonto
    > Sono un povero utonto (e anche tonto). Qualcuno
    > quindi mi potrebbe spiegare perché uno si deve
    > prendere la briga di andare a spiattellare tutta
    > la propria vita privata su facesbook? Grazie per
    > eventuali risposte.
    > Newbie, inesperto

    Perche' si puo', quindi qualcuno lo fa, siamo umaniSorride
    krane
    22544