Alfonso Maruccia

NASA, dischi volanti per i cargo su Marte

In programma un test per la tecnologia LDSD, un sistema multi-stadio che dovrebbe migliorare le capacitÓ di discesa dei carichi nelle missioni extra-terrestri, soprattutto nel caso delle future missioni marziane

Roma - L'agenzia spaziale statunitense ha annunciato i piani per testare la tecnologia Low-Density Supersonic Decelerator (LDSD), un sistema multi-stadio pensato per garantire un "ammartaggio" sicuro a carichi quasi doppi rispetto a quelli attualmente trasportabili sul Pianeta Rosso.

Dall'esterno il modulo LDSD rassomiglia vagamente a un disco volante, mentre all'interno il sistema comprende due "deceleratori aerodinamici gonfiabili" in grado di rallentare l'entrata nell'atmosfera di un carico da una velocità di Mach 3,5 a una di Mach 2 o inferiore.


La parte finale di LDSD è composta di un paracadute dal diametro di 30,5 metri, a cui sarà assegnato il compito di far rallentare il carico da Mach 1,5-2 fino a velocità subsoniche. Il risultato finale dovrebbe essere un incremento nelle capacità di trasporto sul suolo marziano dalle attuali 1,5 tonnellate a 2-3 tonnellate - e con atterraggi più precisi, per giunta.
Il test pianificato da NASA dovrebbe tenersi fra il 3 e il 13 di giugno, con il sistema LDSD trasportato a 55.000 metri di altitudine nell'atmosfera terrestre e poi lasciato cadere verso la superficie. Il modulo per il test viaggerà a Mach 3,5, rallentando e infine ammarando nell'oceano senza danni nel caso in cui le cose vadano come previsto.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaMarte, la grande corsaFervono i preparativi per portare il primo uomo su Marte - almeno a parole. Su Marte vogliono andarci Buzz Aldrin, NASA, Mars One e tutti gli altri, per coltivare piante e perforare rocce ma anche per creare un avamposto permanente
19 Commenti alla Notizia NASA, dischi volanti per i cargo su Marte
Ordina
  • Altro che marte, la locomotiva impazzita del capitalismo sta' andando a schiantarsi, il macchinista e' in coma farmacologico dal 2007 nessuno e' piu' in grado di manovrarla, comprate un'po' di terreno e incominciate a coltivarlo e sopratutto mettete le mani dentro la terra per capire da dove siete venuti e dove ritornerete, i greci sono tornati a scaldarsi con la legna tanto per capirci.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Puffo inventore
    > Altro che marte, la locomotiva impazzita del
    > capitalismo sta' andando a schiantarsi, il
    > macchinista e' in coma farmacologico dal 2007
    > nessuno e' piu' in grado di manovrarla, comprate
    > un'po' di terreno e incominciate a coltivarlo e
    > sopratutto mettete le mani dentro la terra per
    > capire da dove siete venuti e dove ritornerete, i
    > greci sono tornati a scaldarsi con la legna tanto
    > per capirci.
    Tanto per chiarire non c'è "legna" bastante per 7KKK di persone soprattutto se qualcuno vorrà cmq più "legna" di quanto gli spetti/serva. Aspettiamoci tranquillamente una guerricciola sfoltitrice e se qualcuno ne rimarrà ... ne riparleremo
    non+autenticato
  • > Aspettiamoci tranquillamente una guerricciola
    > sfoltitrice e se qualcuno ne rimarrà ... ne
    > riparleremo

    Le guerre economiche, militari, e d'informazione per le risorse sono gia' in corso in tutto il pianeta e ci sono sempre state: dagli antichi romani in africa per il grano a quelle degli americani per il petrolio in Iraq.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Puffo inventore
    > > Aspettiamoci tranquillamente una guerricciola
    > > sfoltitrice e se qualcuno ne rimarrà ... ne
    > > riparleremo
    >
    > Le guerre economiche, militari, e d'informazione
    > per le risorse sono gia' in corso in tutto il
    > pianeta e ci sono sempre state: dagli antichi
    > romani in africa per il grano a quelle degli
    > americani per il petrolio in
    > Iraq.

    Vero. Ma erano guerre locali. Nemmeno le due guerre mondiali sono state veramente globali. Nel mondo globalizzato di oggi ci si può aspettare solo una guerra globale, se va male la fine della civiltà, se va malissimo l'estinzione.
    Funz
    12943
  • Io comincerei a pensare a come andare avanti e indietro alla stazione internazionale ISS...
    Su Marte non ci andremo mai perchè non ha più senso, mettiamocelo in testa. Giusto impregnarsi nella ricerca di frontiera ma razionalizziamo e ridiscutiamo quali sono questi ambiti di ricerca. Secondo me Marte è, in questo momento storico, mera fantascienza.
    non+autenticato
  • mai dire mai.
    però concordo che al momento nel pianeta Terra abbiamo urgenze decisamente più pressanti e importanti che mandare dei materiali o "qualcuno" su Marte.
    non+autenticato
  • - Scritto da: andrea brussi
    > mai dire mai.
    > però concordo che al momento nel pianeta Terra
    > abbiamo urgenze decisamente più pressanti e
    > importanti che mandare dei materiali o "qualcuno"
    > su
    > Marte.

    Ti faccio notare che quasi tutte le soluzioni che oggi ci permettono di contrastare i problemi del pianeta (energia, inquinamento, clima, ...) sono nate nell'ambito della ricerca spaziale (dai pannelil solari al monitoraggio dell'atmosfera, dai nuovi materiali all'efficienza energetica, dalla miniaturizzazione alla ...)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Diego Favareto
    > Io comincerei a pensare a come andare avanti e
    > indietro alla stazione internazionale
    > ISS...
    > Su Marte non ci andremo mai perchè non ha più
    > senso, mettiamocelo in testa. Giusto impregnarsi
    > nella ricerca di frontiera ma razionalizziamo e
    > ridiscutiamo quali sono questi ambiti di ricerca.
    > Secondo me Marte è, in questo momento storico,
    > mera
    > fantascienza.

    Io in questi anni ho lavorato/sto lavorando a progetti per conto di ESA:
    - Un emulatore di supporto di sistemi vitali in ottica di missioni su Marte.
    - Un emulatore di sistemi di serre. Anche questo in ottica marziana.

    Magari su Marte non ci andremo mai.
    Ma i progetti a cui sto partecipando mi fanno pensare: "la speranza è l'ultima a morire"Occhiolino
    Prozac
    4978
  • - Scritto da: Prozac

    > Magari su Marte non ci andremo mai.

    E' uno scenario inaccettabile. Dobbiamo capire che, senza l'esplorazione spaziale, non dureremo a lungo. Il pianeta è al collasso. Le risorse sono in via d'esaurimento. Ci siamo ridotti a dragare gas e petrolio da scisti ( generando inquinamento a pacchi e scatenando terremoti ). Abbiamo montagne di rifiuti sparse ovunque.

    L'esplorazione spaziale non è negoziabile, anzi si fa troppo poco, perchè il grosso dei soldi vengono spesi per la guerra piuttosto che per lo spazio.
    non+autenticato
  • Eh si, invece di porre rimedio allo scempio che abbiamo compiuto sulla Terra andiamo a cercare altri pianeti da rovinare.
    Non bisogna andare alla caccia di altri pianeti bensì di altre civiltà che sostituiscano la nostra specie mortale e distruttrice.
    Comunque al posto tuo non mi farei illusioni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Prozac

    >
    > Io in questi anni ho lavorato/sto lavorando a
    > progetti per conto di
    > ESA:
    > - Un emulatore di supporto di sistemi vitali in
    > ottica di missioni su
    > Marte.
    > - Un emulatore di sistemi di serre. Anche questo
    > in ottica
    > marziana.
    >
    > Magari su Marte non ci andremo mai.
    > Ma i progetti a cui sto partecipando mi fanno
    > pensare: "la speranza è l'ultima a morire"
    >Occhiolino

    Quando racconti queste cose sei simpatico e anche interessante.
    Quindi per piacere, continua a parlare di queste cose e lascia perdere piastrellotto.

    Come funzionano quelle serre? Cupole a tenuta stagna con atmosfera simil-terra dove si viene a creare un ecosistema sostenibile?

    Che piante pensano di metterci?
    Suppongo felci e gimnosperme, visto che non saranno previsti insetti.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Come funzionano quelle serre? Cupole a tenuta
    > stagna con atmosfera simil-terra dove si viene a
    > creare un ecosistema
    > sostenibile?

    Per quanto riguarda il progetto sulle serre siamo ancora all'inizio (è proprio perché ancora all'inizio che è coinvolta l'azienda per cui lavoro: siamo esperti in simulazioni/emulazioni di sistemi). Per le aziende di ingegneria che ci stanno lavorando, stanno prendendo in considerazione diverse soluzioni (che daranno in pasto al nostro emulatore per ottenere risultati confrontabili).
    Ora non posso entrare troppo nei dettagli perché le ricerche sono ancora "private". Le serre saranno composte da vari sottosistemi come, ad esempio la struttura delle serre (qui sono uscite diverse soluzioni interessanti: a forma di sfera, cilindriche, classiche, ecc...); il sistema di controllo della temperatura interna; il sistema di illuminazione (anche qui tante soluzioni interessanti per sfruttare la luce naturale); il sistema di gestione delle colture (come disporle, ecc...); il sistema di gestione dell'atmosfera, ecc...


    > Che piante pensano di metterci?
    > Suppongo felci e gimnosperme, visto che non
    > saranno previsti
    > insetti.

    In realtà in questa fase ho sentito parlare di soia, granoturco, lattuga, patate, barbabietole, riso...

    Per ora siamo ancora alla fase di simulazione al computer in modo da isolare possibili candidati (a livello di sistemi). La prima fase prevede installazioni sulla Luna per poi passare a Marte.

    Durante una delle riunioni in cui erano presenti tutte le aziende coinvolte sono intervenuti diversi esperti, a livello nazionale e internazionale, sulla coltivazione in ambienti ostili (tra cui due professori americani che gestiscono delle serre nel deserto dell'arizona e dell'antartide).
    Prozac
    4978
  • Piccolo regalo dall'ultima riunione (non c'entra nulla con le serre)

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Notare come, anche se in lingua inglese, i russi ci tengano al sostantivo "Cosmonauta" anziché "Astronauta".

    Contengono acqua per per gli astronauti (e i cosmonauti) della stazione spaziale ISS con dosi di minerali diverse per americani e russi (su loro richiesta).

    Queste due bottiglie sono da collezione: non andranno mai sulla ISS...
    Prozac
    4978
  • - Scritto da: Prozac
    > Piccolo regalo dall'ultima riunione (non c'entra
    > nulla con le
    > serre)
    >
    > [img]http://imageshack.com/a/img843/6899/fuzy.png[
    > [img]http://imageshack.com/a/img841/480/g7bz.png[/
    >
    > Notare come, anche se in lingua inglese, i russi
    > ci tengano al sostantivo "Cosmonauta" anziché
    > "Astronauta".
    >
    > Contengono acqua per per gli astronauti (e i
    > cosmonauti) della stazione spaziale ISS con dosi
    > di minerali diverse per americani e russi (su
    > loro richiesta).

    > Queste due bottiglie sono da collezione: non
    > andranno mai sulla ISS...

    Sorpresa
    krane
    22544
  • - Scritto da: Prozac
    > Piccolo regalo dall'ultima riunione (non c'entra
    > nulla con le
    > serre)
    >
    > [img]http://imageshack.com/a/img843/6899/fuzy.png[
    > [img]http://imageshack.com/a/img841/480/g7bz.png[/

    > Notare come, anche se in lingua inglese, i russi
    > ci tengano al sostantivo "Cosmonauta" anziché
    > "Astronauta".
    >
    > Contengono acqua per per gli astronauti (e i
    > cosmonauti) della stazione spaziale ISS con dosi
    > di minerali diverse per americani e russi (su
    > loro
    > richiesta).
    >
    > Queste due bottiglie sono da collezione: non
    > andranno mai sulla
    > ISS...

    Mi risulta che tutta l'acqua proviene dal pian della Mussa in val di Susa, la SMAT ha pubblicizzato parechchio questo fatto... è ancora vero?
    Funz
    12943
  • "Non serve a niente.
    ╚ tutto uno spreco.
    Ci vogliono fregare."

    Le voci su PI, quando si toccano certi argomenti, sono piuttosto pervicaci...