Gaia Bottà

Torrentz.eu, tira e molla sul dominio

La polizia del Regno Unito chiede la sospensione del dominio: il registrar, in un primo momento, acconsente. Poi rende il metamotore di ricerca ai suoi amministratori: la parola delle forze dell'ordine non sembra bastare

Roma - Il Regno Unito, negli ultimi mesi, ha operato una stretta sulle violazioni del diritto d'autore in Rete, dopo l'istituzione della Police Intellectual Property Crime Unit (PIPCU): dotata di numerosi poteri volti al contrasto della pirateria, fra cui quello di richiedere la sospensione di domini ritenuti illegali, si mostra risoluta nell'imbracciarli. Ma non tutti i fornitori di servizi si mostrano disposti a collaborare e a cedere i domini senza l'ordine di un giudice.

È quel che sta accadendo in queste ore a Torrentz.eu, popolare metamotore di ricerca per file torrent: gli amministratori del sito, nei mesi scorsi, erano stati invitati informalmente dalle autorità britanniche a sospendere la propria attività, ritenuta in violazione del diritto d'autore a seguito delle segnalazioni dell'industria dei contenuti, o a conformarsi alla legge. Gli admin, che sostengono di condurre un'attività perfettamente lecita, non avevano mai dato seguito alle sollecitazioni. Le autorità del Regno Unito, nei giorni scorsi, si erano dunque mosse su un altro fronte per perseguire gli obiettivi dell'Operation Creative: così come per numerosissimi siti, da The Pirate Bay a Filecrop, motore di ricerca per file offline dai giorni scorsi, PIPCU si era rivolta al registrar polacco Nazwa, che gestisce il dominio, affinché lo rendesse indisponibile ai cittadini della Rete di tutto il mondo.

Nazwa ha in un primo momento acconsentito alle richieste di PIPCU, ma una comunicazione da parte degli admin di Torrentz.eu ha innescato un ripensamento: il registrar ha ripristinato i DNS originari, restituendo la piena operatività al sito.
La decisione del registrar polacco sembra muovere da una precedente risoluzione dell'ICANN, citata nella lettera dei legali del metamotore di ricerca e originata da una questione analoga, che ha visto il registrar canadese EasyDNS opporsi alla richiesta della Police Intellectual Property Crime Unit di bloccare domini quali ExtraTorrent.com, SumoTorrent.com e emp3world.com. La commissione di ICANN che si occupa di risolvere questo tipo di contenziosi, aveva stabilito che il registrar potesse opporsi alla richiesta di PIPCU: il trasferimento di un dominio senza l'intervento di un giudice e senza un'ordinanza emanata dalle autorità competenti, spiegava ICANN, apre la strada ad abusi.

È così che Nazwa è tornata a rendere disponibile Torrentz.eu, una delle tante incarnazioni del metamotore di ricerca: disponibile anche con TLD .me, .ch e .in, Torrentz aveva già meditato di seguire l'esempio di The Pirate Bay e di ormeggiare i propri servizi presso altri lidi.

Gaia Bottà
Notizie collegate
22 Commenti alla Notizia Torrentz.eu, tira e molla sul dominio
Ordina
  • I pirati non hanno capito che facendo troppo tira e molla prima o poi... vi spezzano!Indiavolato
    non+autenticato
  • > I pirati non hanno capito che facendo troppo tira
    > e molla prima o poi... vi spezzano!
    >Indiavolato

    "Ti spiezzo in due", come nel film di Rocky?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 28 maggio 2014 20.14
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Leguleio

    > "Ti spiezzo in due", come nel film di Rocky?

    solo che ai videotechini è andata a "Ti spacco in due" come nel film di Rocco Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • mutuando la nota sequenza di articoli di Sofri... sono anni che si arzigogola in modo poliziesco su una roba che non ha fondamento logico.....

    il pilastro e' diffusione di opere protette dal diritto d'autore, in violazione delle licenze medesime. Negli indexer (e a maggior ragione negli indexer di .torrent) MANCA L'OPERA. Come si possa continuare a costruire castelli su basi inventate, lo sanno solo i portaborse legislativi delle major...
    non+autenticato
  • > mutuando la nota sequenza di articoli di Sofri...
    > sono anni che si arzigogola in modo poliziesco
    > su una roba che non ha fondamento
    > logico.....

    Per scrivere le leggi non è richiesto.

    > il pilastro e' diffusione di opere protette dal
    > diritto d'autore, in violazione delle licenze
    > medesime. Negli indexer (e a maggior ragione
    > negli indexer di .torrent) MANCA L'OPERA. Come
    > si possa continuare a costruire castelli su basi
    > inventate, lo sanno solo i portaborse legislativi
    > delle
    > major...

    Ma questo non è un problema per la legge. E tra l'altro vedi solo il lato informatico.
    Nella cosiddetta legge Merlin è punito non solo lo sfruttamento della prostituzione, cioé il fine di lucro; ma anche l'agevolazione della prostituzione, e questa è ipotesi distinta dal favoreggiamento della prostituzione, e vabbè. La prostituzione non è reato, ma il solo fatto di renderla più facile è reato.
    Devi entrare nella psicologia della legge.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > mutuando la nota sequenza di articoli di
    > Sofri...
    > > sono anni che si arzigogola in modo
    > poliziesco
    > > su una roba che non ha fondamento
    > > logico.....
    >
    > Per scrivere le leggi non è richiesto.
    se ne prende atto... ma non e' che possiamo considerarla una best pratice e ciucciarci dura lex sed lex "perche si'"Triste

    > > il pilastro e' diffusione di opere protette
    > dal
    > > diritto d'autore, in violazione delle licenze
    > > medesime. Negli indexer (e a maggior ragione
    > > negli indexer di .torrent) MANCA L'OPERA.
    > Come
    > > si possa continuare a costruire castelli su
    > basi
    > > inventate, lo sanno solo i portaborse
    > legislativi
    > > delle
    > > major...
    >
    > Ma questo non è un problema per la legge. E tra
    > l'altro vedi solo il lato
    > informatico.
    > Nella cosiddetta legge Merlin è punito non solo
    > lo sfruttamento della prostituzione, cioé il fine
    > di lucro; ma anche l'agevolazione della
    > prostituzione, e questa è ipotesi distinta dal
    > favoreggiamento della prostituzione, e vabbè. La
    > prostituzione non è reato, ma il solo fatto di
    > renderla più facile è reato.
    infatti e' un mezzo delirio... non ne sono chiari i confini (anzi li allargano alla bisogna) e non ha ridotto la prostituzione (tranne che per qualche sporadica 'retata su strada' per mostrare i muscoli... azione che attiene piu' ad altre cose che al 'favoreggiamento' ).

    > Devi entrare nella psicologia della legge.
    nella psichiatria della leggeA bocca storta . Cmq nel caso "mio" attiene piu' meramente a una questione di portafogli, che a una 'battaglia morale'
    non+autenticato
  • > > > mutuando la nota sequenza di articoli di
    > > Sofri...
    > > > sono anni che si arzigogola in modo
    > > poliziesco
    > > > su una roba che non ha fondamento
    > > > logico.....
    > >
    > > Per scrivere le leggi non è richiesto.

    > se ne prende atto... ma non e' che possiamo
    > considerarla una best pratice e ciucciarci dura
    > lex sed lex "perche si'"
    >Triste

    Nella stessa maniera in cui si prende atto di un Presidente della Repubblica con gravi problemi psichici, di leader di movimenti politici comici, e di altri leader agli arresti domiciliari, ed ex magistrati che fanno interrogazioni parlamentari sulle scie chimiche¹.
    C'est l'Italie . Un adagio un po' diverso da c'est la vie .


    > Negli indexer (e a maggior
    > ragione
    > > > negli indexer di .torrent) MANCA L'OPERA.
    > > Come
    > > > si possa continuare a costruire castelli su
    > > basi
    > > > inventate, lo sanno solo i portaborse
    > > legislativi
    > > > delle
    > > > major...
    > >
    > > Ma questo non è un problema per la legge. E tra
    > > l'altro vedi solo il lato
    > > informatico.
    > > Nella cosiddetta legge Merlin è punito non solo
    > > lo sfruttamento della prostituzione, cioé il
    > fine
    > > di lucro; ma anche l'agevolazione della
    > > prostituzione, e questa è ipotesi distinta dal
    > > favoreggiamento della prostituzione, e vabbè. La
    > > prostituzione non è reato, ma il solo fatto di
    > > renderla più facile è reato.

    > infatti e' un mezzo delirio...

    Bisogna farci il callo. Il parlamento l'ha votata a maggioranza.


    > non ne sono chiari
    > i confini (anzi li allargano alla bisogna) e non
    > ha ridotto la prostituzione (tranne che per
    > qualche sporadica 'retata su strada' per mostrare
    > i muscoli... azione che attiene piu' ad altre
    > cose che al 'favoreggiamento'
    > ).
    >
    > > Devi entrare nella psicologia della legge.

    > nella psichiatria della leggeA bocca storta .

    Che differenza c'è? Newbie, inesperto


    > Cmq nel caso
    > "mio" attiene piu' meramente a una questione di
    > portafogli, che a una 'battaglia
    > morale'

    Il "caso tuo" è lo scaricamento di file protetti dal diritto d'autore?

    ―――――――――――
    ¹ Ovviamente mi aspetto che tu abbia individuato tutte le allusioni a personaggi realmente esistenti o esistiti.
  • - Scritto da: Leguleio

    > Il "caso tuo" è lo scaricamento di file protetti
    > dal diritto
    > d'autore?

    Che, giova ricordarlo, NON E' REATO, NON LO E' MAI STATO, NON LO SARA' MAI.
  • Questo lo dici tu!Indiavolato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Video
    > Questo lo dici tu!Indiavolato

    Sentiti pure libero di citare l'articolo di legge che proibisce il download.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Pianeta Video
    > > Questo lo dici tu!Indiavolato
    >
    > Sentiti pure libero di citare l'articolo di legge
    > che proibisce il
    > download.

    Ancora a questo punto siamo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Pianeta Video
    > > > Questo lo dici tu!Indiavolato
    > >
    > > Sentiti pure libero di citare l'articolo di
    > legge
    > > che proibisce il
    > > download.
    >
    > Ancora a questo punto siamo?

    Visto che nessuna legge vieta espressamente il download, e' bene ricordarlo ogni volta, che altrimenti c'e' gente che si fa ingannare dalle fregnacce.

    Nessuna legge proibisce il download!
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Pianeta Video
    > > > Questo lo dici tu!Indiavolato

    > > Sentiti pure libero di citare l'articolo
    > > di legge che proibisce il download.

    > Ancora a questo punto siamo?

    Ci siamo finche' non lo capisci o cambia la legge.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Allibito
    > > - Scritto da: panda rossa
    > > > - Scritto da: Pianeta Video
    > > > > Questo lo dici tu!Indiavolato
    >
    > > > Sentiti pure libero di citare
    > l'articolo
    >
    > > > di legge che proibisce il download.
    >
    > > Ancora a questo punto siamo?
    >
    > Ci siamo finche' non lo capisci o cambia la legge.

    Non conoscere la legge non vuol dire che sia da cambiare, magari rileggetela.
    non+autenticato
  • "La commissione di ICANN che si occupa di risolvere questo tipo di contenziosi, aveva stabilito che il registrar potesse opporsi alla richiesta di PIPCU: il trasferimento di un dominio senza l'intervento di un giudice e senza un'ordinanza emanata dalle autorità competenti, spiegava ICANN, apre la strada ad abusi".

    Giusta precisazione, l'iniziativa per questo genere di azioni di tipo preventivo non è di esclusiva competenza dei giudici.