Gaia Bottà

LulzSec, Sabu è libero

Il giudice conferma: la collaborazione prestata alla giustizia dimostra che l'hacktivista è cambiato. Per lui, un anno di libertà vigilata anche a mezzo keylogger

Roma - La pena è già stata scontata: Sabu, l'hacker arrestato nel mese di giugno del 2011 per le scorribande della crew LulzSec, dovrà tenersi lontano dai guai per un anno ma non avrà più da temere il ventennio di carcere che rischiava per le accuse che pendevano sul suo capo, dal furto di identità alla frode passando per la violazione sistemi informatici.

Il giudice di Manhattan incaricato di valutare il caso ha aderito alle richieste degli avvocati dell'hacker e dell'accusa: Sabu, al secolo Hector Xavier Monsegur, ha dimostrato il proprio pentimento collaborando a suo rischio e pericolo con la giustizia, contribuendo a sventare oltre 300 attacchi informatici e a identificare numerosi membri del gruppo nel quale militava, impegnandosi in azioni fortemente criticate da gruppi hacktivisti come Anonymous.

I sette mesi di carcere già scontati in precedenza, quando Sabu è finito dietro le sbarre per aver violato il suo accordo con la giustizia, sono dunque sufficienti per riparare alle azioni hacktiviste che gli States hanno ritenuto illegali, e che hanno colpito colossi come Fox, Sony, Nintendo, PayPal, MasterCard e Visa. Il giudice ha altresì riconosciuto che anche durante il periodo di detenzione Sabu ha mostrato le migliori intenzioni, ad esempio proponendo ai compagni delle lezioni di informatica di base: si augura che Monsegur possa continuare a mettere al servizio di buone cause le proprie competenze.

"Non sono la stessa persona di tre anni fa", ha dichiarato Sabu di fronte al tribunale. L'hacktivista dovrà ora scontare un anno di libertà vigilata, durante il quale sarà monitorato anche a mezzo di keylogger installati sui suoi dispositivi. (G.B.)
Notizie collegate
  • AttualitàLulzSec, quanto vale la collaborazionePer l'hacker noto come Sabu sono stati chiesti solo 7 mesi di carcere: il suo contributo alle indagini federali sembra essere stato preziosissimo
  • AttualitàLulzSec, confessioni hacktivisteKayla, Topiary e Tflow si dichiarano colpevoli delle scorribande cibernetiche contro Sony, Nintendo e l'agenzia britannica SOCA. Insieme all'altro pentito Ryan Cleary, rischiano fino a 10 anni di prigione
  • AttualitàLulzSec, la caduta dei cyberleaderArrestati 5 membri del celebre collettivo. Fondamentale la collaborazione con i federali statunitensi del boss Hector Xavier Monsegur, arrestato mesi fa nel silenzio più totale. Ci sono anche i noti Kayla e Topiary
8 Commenti alla Notizia LulzSec, Sabu è libero
Ordina
  • - Scritto da: Cita Hayworth
    > Anonymous = Megalonymous!

    Anonymous != Lulzsec

    informarsi, per piacere.
    non+autenticato
  • Chissà quali sono le "buone" cause, qualunque cosa vada bene agli US.

    Per tutto il resto, ha dei bimbi da mantenere e la prospettiva di condanna era pesante, chiunque avrebbe agito allo stesso modo.
    non+autenticato
  • > Chissà quali sono le "buone" cause, qualunque
    > cosa vada bene agli
    > US.
    >
    > Per tutto il resto, ha dei bimbi da mantenere e
    > la prospettiva di condanna era pesante, chiunque
    > avrebbe agito allo stesso
    > modo.

    No, non proprio chiunque. Bernard Madoff aveva avuto sicuramente degli appoggi, per non dire dei complici, al di fuori della sua cerchia, ma non ha mai fatto i nomi. Lascerà il carcere il 14 novembre 2139.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Chissà quali sono le "buone" cause, qualunque
    > > cosa vada bene agli
    > > US.
    > >
    > > Per tutto il resto, ha dei bimbi da
    > mantenere
    > e
    > > la prospettiva di condanna era pesante,
    > chiunque
    > > avrebbe agito allo stesso
    > > modo.
    >
    > No, non proprio chiunque. Bernard Madoff aveva
    > avuto sicuramente degli appoggi, per non dire dei
    > complici, al di fuori della sua cerchia, ma non
    > ha mai fatto i nomi. Lascerà il carcere il 14
    > novembre
    > 2139.

    Il tizio dell'esempio che hai citato e' in cella di sicurezza per proteggerlo dagli stessi secondini e altri abitanti del carcere che hanno subito perdite finanziarie a causa sua.

    Se mai dovesse uscire vivo da quel carcere, migliaia di pronipoti delle persone che ha truffato lo appendono per i testicoli al primo palo e lo percuotono con gatti a nove code fino a disossarlo vivo.
  • > Il tizio dell'esempio che hai citato e' in cella
    > di sicurezza per proteggerlo dagli stessi
    > secondini e altri abitanti del carcere che hanno
    > subito perdite finanziarie a causa
    > sua.
    >
    > Se mai dovesse uscire vivo da quel carcere,
    > migliaia di pronipoti delle persone che ha
    > truffato lo appendono per i testicoli al primo
    > palo e lo percuotono con gatti a nove code fino a
    > disossarlo
    > vivo.

    ...E mettere il video su Mental zero.
    Ma insomma, ti stai identificando troppo nelle vittime di Madoff. Aveva fatto solo un po' di schema Ponzi.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Il tizio dell'esempio che hai citato e' in
    > cella
    > > di sicurezza per proteggerlo dagli stessi
    > > secondini e altri abitanti del carcere che
    > hanno
    > > subito perdite finanziarie a causa
    > > sua.
    > >
    > > Se mai dovesse uscire vivo da quel carcere,
    > > migliaia di pronipoti delle persone che ha
    > > truffato lo appendono per i testicoli al
    > primo
    > > palo e lo percuotono con gatti a nove code
    > fino
    > a
    > > disossarlo
    > > vivo.
    >
    > ...E mettere il video su Mental zero.
    > Ma insomma, ti stai identificando troppo nelle
    > vittime di Madoff. Aveva fatto solo un po' di
    > schema
    > Ponzi.

    "solo" Rotola dal ridere
    Certo sparisce in confronto a certe truffe nostrane tipo Parmalat e MPS, ma per gli USA è inconcepibile e viene punito veramente con severità.
    Funz
    12972
  • E per fortuna che in America sono così intransigenti altrimenti l'America ora sarebbe come l'Italia e sinceramente, un'Italia al mondo(anzi intutto l'universo) basta e avanza.