ICANN, entro il 2004 i nuovi domini

Si aprono ufficialmente i giochi per presentare all'organo di governo dei domini le proposte per nuove estensioni. I documenti vanno presentati entro marzo. Entro dicembre 2004 saranno lanciati sul mercato

ICANN, entro il 2004 i nuovi dominiRoma - A pochi giorni dal meeting di Ginevra in cui ha rischiato di perdere il proprio ruolo e ad anni di distanza dall'introduzione degli ultimi domini internet, l'ICANN ha lanciato ufficialmente la fase di accettazione di proposte per stabilire nuove estensioni internazionali.

La "Internet Corporation for Assigned Names and Numbers", che governa l'intero processo decisionale in materia, ha dichiarato che tutte le proposte dovranno essere presentate entro e non oltre il 15 marzo dell'anno entrante.

Le ultime decisioni in materia, come si ricorderà, risalgono al 2001, quando l'ICANN operò alcune scelte che hanno sollevato una infinità di polemiche nel varare le estensioni .aero,.museum,.biz,.coop,.name e.info. Estensioni che, va detto, hanno incontrato solo parzialmente l'interesse del pubblico. In questi stessi anni, invece, hanno conosciuto grande espansione sui mercati internazionali molte estensioni internet geografiche gestite dai singoli paesi, dai domini.tv dell'isola di Tuvalu ai.cc delle Cocos Island.
Scaduto il termine del 15 marzo, le proposte pervenute di nuovi domini saranno esaminate da quello che ICANN definisce "un team indipendente di valutazione" che dovrà in pratica determinare quali di esse potranno essere oggetto di raccomandazione ufficiale per l'ICANN. A quel punto ICANN aprirà dei negoziati direttamente con le società interessate.

Per superare le selezioni, i nuovi domini dovranno riguardare "una attività, un comportamento o una situazione sociale ed istituzionale che duri nel tempo e che sia la più ampia possibile e che abbia rilevanza in una molteplicità di aree geografiche".

Al fine di descrivere nel dettaglio ciò che è necessario fare per presentare le proposte di dominio, ICANN ha varato un sito dedicato. Presentare una proposta costerà 45mila dollari alla società promotrice (che aspira a diventare il registro ufficiale per le estensioni che propone). Questi denari serviranno a coprire le spese di valutazione della proposta e in nessun caso verranno rimborsati o restituiti.
TAG: domini
5 Commenti alla Notizia ICANN, entro il 2004 i nuovi domini
Ordina