Claudio Tamburrino

Europa, Vecchio Continente poco digitale

Le infrastrutture di connessione ci sono, ma le competenze digitali ancora non sono molto diffuse. Ed in ballo ci sono migliaia di posti di lavoro

Roma - Secondo i dati dell'ultimo rapporto Digital Agenda Scoreboard il 60 per cento degli italiani possiede competenze digitali basse o nulle.

Secondo il quadro fotografato dallo studio sulle competenze digitali commissionato dalla Commissione Europea gli italiani sono in grave ritardo nell'uso delle nuove tecnologie: il 50 per cento della popolazione non ha "capacità digitali sufficienti", soprattutto in un contesto nel quale un numero crescente di professioni richiede un cosiddetto know-how digitale. E la percentuale scende solo al 50 per cento se si prende in considerazione esclusivamente le persone occupate.

Se il divario non venisse colmato, secondo la Commissione Europea, tra il 2015 ed il 2020 potrebbero esservi solo in Italia 180mila posti vacanti tra programmatori informatici, consulenti, per le imprese ed altri ruoli con una forte richiesta di abilità tecnica in campo informatico.
Anche se peggio dell'Italia fanno solo Romania e Grecia, non si tratta di un problema solo italiano: in media il 47 per cento della popolazione europea non ha competenze digitali sufficienti e in undici paesi come l'Italia la popolazione analfabeta digitale supera il cinquanta per cento (ci sono Bulgaria, Repubblica Ceca, Cipro, Croazia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Lituania e Grecia).

Certo, il problema è anche legato alla crisi economica che ha investito il continente: il 26 per cento delle famiglie senza banda larga ne fa proprio una questione di sostenibilità, mentre il 37 per cento imputa il ritardo alla mancanza di abilità tecniche, nel classico dilemma dell'uovo e della gallina che chiama in causa anche i servizi pubblici offerti online.

Come si spiega anche in un altro recente studio europeo, per quanto ci siano diversi servizi di eGov al momento in Europa, molti sono di difficile accesso e quindi la popolazione è ancora poco incentivata ad utilizzarli.

Secondo Neelie Kroes, invece, tali questioni sono indipendenti: "Abbiamo trovato una soluzione per quanto riguarda l'accesso a Internet. Ma persiste il ritardo nelle abilità digitali. A meno che non facciamo tutti uno sforzo, rischiamo l'emergere in Europa di una classe che da un punto di vista digitale è analfabeta".

Le infrastrutture, d'altronde, come dimostra lo studio sull'avanzamento dell'Agenda digitale, a livello europeo sembrano esserci progressi: il 72 per cento della popolazione accede ad Internet regolarmente, la banda larga ha raggiunto il 97 per cento della popolazione, le reti NGN con almeno 30 Mbps in download il 62 per cento della popolazione (contro il 21 dell'Italia), l'LTE il 59 per cento (contro il 39 italiano) e solo il 20 per cento della popolazione non si è mai connesso.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
30 Commenti alla Notizia Europa, Vecchio Continente poco digitale
Ordina
  • in estrema sintesi, è vero che in italia mancano le competenze e le aziende hanno difficoltà a trovare personale preparato, ma è altrettanto vero che la 'incompetenza digitale' parte spesso dalle aziende stesse, che ti chiedono di saper programmare in almeno 7/8 linguaggi diversi (tutti i C con le sue variabili + java + tutti gli scripting + sql), poi devi essere network admin e sysadmin e poi pretendono di stipendiarti con 1200 euro, quando il tuo lavoro vale tanto quanto quelal di un manager aziendale (se non di più, visto che oggi senza una struttura informatica nessuna azienda può stare sul mercato).
    non è propriamente un incentivo a diventare uno smanettone.
  • Stessa risposta che ho dato sopra.
    Le aziende pagano quattro soldi e non sanno gestire le competenze di tutti i lavoratori. Gli unici che se la passano bene sono i raccomandati.

    In mancanza di raccomandazione gli informatici se la passano meno peggio di tanti altri.
    non+autenticato
  • 3 italiani adulti su 4 davanti a un testo di minima complessità sanno a malapena leggere le parole, ma non capire il significato.
    Solo il 20% della popolazione ha le competenze linguistiche e aritmetiche minime per orientarsi nella società moderna.
    Fonte: http://slowforward.wordpress.com/2008/04/13/tullio.../

    Altro che informatica, il problema è molto più profondo.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 maggio 2014 09.57
    -----------------------------------------------------------
    Funz
    12946
  • "...tra il 2015 ed il 2020 potrebbero esservi solo in Italia 180mila posti vacanti tra programmatori informatici, consulenti, per le imprese ed altri ruoli con una forte richiesta di abilità tecnica in campo informatico".

    La frase, temo, non è un invito ai giovani a iscriversi alla facoltà di scienze dell'informazione. Significa che tra il 2015 e il 2020 quei 180 000 posti di lavoro saranno spostati all'estero. Telelavoro, sì, ma non per gli italiani.
  • Già e la colpa è solo dell'Italia stessa però che decide di essere sempre tradizionalista e non punta affatto sull'innovazione(anche se magari qualcuno sostiene il contrario convinto di darcela a bere).
    Per quanto riguarda poi la frase "Secondo i dati dell'ultimo rapporto Digital Agenda Scoreboard il 60 per cento degli italiani possiede competenze digitali basse o nulle", ci voleva un'indagine per sapere che la maggioranza italiana è costituita da utonti del tipo i fighetti con l'ultimo ritrovato della tecnologia ma poi in realtà non ci capiscono un bel niente.
  • > Per quanto riguarda poi la frase "Secondo i dati
    > dell'ultimo rapporto Digital Agenda Scoreboard il
    > 60 per cento degli italiani possiede competenze
    > digitali basse o nulle", ci voleva un'indagine

    Certo che ci voleva un'indagine.
    Tu, prima di leggere questo articolo, e il link alla ricerca, non lo avresti mai detto. Con la lingua fuori
  • - Scritto da: Il Punto
    > Già e la colpa è solo dell'Italia stessa però che
    > decide di essere sempre tradizionalista e non
    > punta affatto sull'innovazione(anche se magari
    > qualcuno sostiene il contrario convinto di
    > darcela a
    > bere).
    > Per quanto riguarda poi la frase "Secondo i dati
    > dell'ultimo rapporto Digital Agenda Scoreboard il
    > 60 per cento degli italiani possiede competenze
    > digitali basse o nulle", ci voleva un'indagine
    > per sapere che la maggioranza italiana è
    > costituita da utonti del tipo i fighetti con l'ultimo ritrovato della tecnologia ma poi in realtà non ci capiscono un bel niente.

    un panegirico riassumibile in "gli utenti apple".
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > un panegirico riassumibile in "gli utenti apple".

    Gli utenti non lo so. Gli AppleFan, sicuramente. POtremmo anche chiamarli iGnoranti, con un simbolismo a loro così caro.
  • - Scritto da: Elrond
    > - Scritto da: ...
    >
    > > un panegirico riassumibile in "gli utenti
    > apple".
    >
    > Gli utenti non lo so. Gli AppleFan, sicuramente.
    > POtremmo anche chiamarli iGnoranti, con un
    > simbolismo a loro così
    > caro.
    :D
    te la copio.
    non+autenticato
  • gli utenti apple ahahaha quoto
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Punto
    > Già e la colpa è solo dell'Italia stessa però che
    > decide di essere sempre tradizionalista e non
    > punta affatto sull'innovazione(anche se magari
    > qualcuno sostiene il contrario convinto di
    > darcela a
    > bere).
    > Per quanto riguarda poi la frase "Secondo i dati
    > dell'ultimo rapporto Digital Agenda Scoreboard il
    > 60 per cento degli italiani possiede competenze
    > digitali basse o nulle", ci voleva un'indagine
    > per sapere che la maggioranza italiana è
    > costituita da utonti del tipo i fighetti con
    > l'ultimo ritrovato della tecnologia ma poi in
    > realtà non ci capiscono un bel
    > niente.

    ma pensi che americani, tedeschi o cinesi siano tutti programmatori? anche lì la percentuale di analfabeti informatici è molto alta, il problema nostro sono le infrastrutture
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > ma pensi che americani, tedeschi o cinesi siano
    > tutti programmatori? anche lì la percentuale di
    > analfabeti informatici è molto alta, il problema
    > nostro sono le
    > infrastrutture

    Il problema nostro e' anche la mentalita'.

    Io ho lavorato in UK, in USA, in svizzera tedesca, e quando spigavo alla gente comune il mio lavoro, venivo sempre guardato con ammirazione e rispetto.
    In italia invece quando alla gente spiego che faccio il sistemista/programmatore, se la ridono dicendo: "Ao', io de li compiuter non ce capisco un caxxo!" con l'aria di quello che non gliene puo' fregar di meno.
  • Ma il loro problema è che di cose di cui non ci capiscono un caxxo è solo la prima di una lunga serie ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Ma il loro problema è che di cose di cui non ci
    > capiscono un caxxo è solo la prima di una lunga
    > serie ...

    Il nostro (di tutti) problema e' che non sono solo ignoranti, ma e' stato loro insegnato che essere ignoranti e' bello ed intelligente.
    krane
    22544