Luca Annunziata

IDC: i PC stanno meglio del previsto

Una tenue speranza si accende. Piccoli miglioramenti che non cambiano però il quadro complessivo: il passaggio al mobile è inarrestabile

Roma - Rispetto a marzo la situazione si è evoluta, anche se di poco: il mercato dei PC, secondo le stime di IDC, continua a navigare in acque negative nonostante un certo miglioramento rilevato nei mercati più maturi. Complessivamente i numeri saranno comunque in contrazione da qui ai prossimi quattro anni: i personal computer, desktop e portatili, hanno fatto il loro tempo e stanno cedendo progressivamente terreno all'assalto del mobile. Per quest'anno le stime sono state riviste in leggero miglioramento, ma in ogni caso il numero dei device immessi nel circuito della distribuzione calerà del 6 per cento (era -6.1 all'inizio delle primavera).

Nemmeno l'aumento di vendite di apparecchi nei paesi emergenti potrà compensare il progressivo abbandono dei form factor tradizionali: nel 2013 erano stati 315 milioni i PC venduti in tutto il mondo, un numero che calerà a 296 milioni quest'anno e giù fino a 287 milioni nel 2018. A farne le spese soprattutto i sistemi desktop, mentre i laptop saranno risparmiati unicamente nei mercati ancora in via di sviluppo.

"La vendita di PC sta beneficiando al momento da uno stallo nella domanda di tablet a causa della crescente penetrazione degli stessi nei mercati maturi e la pressione competitiva ai modelli di diagonale inferiore da parte degli smartphone dalle dimensioni generose (i cosiddetti phablet): tuttavia la transizione verso il mobile e il cloud computing è inarrestabile". Così parlò Loren Loverde, vicepresidente IDC e responsabile delle indagini nel comparto PC: di fatto si vendono più PC poiché i consumatori non individuano il prodotto che fa al loro caso tra i nuovi device. L'unica arma nelle mani dei produttori è accelerare il passaggio a form-factor più simili ai tablet per dimensione, caratteristiche e prezzo: anche se questo costerà qualcosa sotto il profilo dei margini e del profitto. (L.A.)
52 Commenti alla Notizia IDC: i PC stanno meglio del previsto
Ordina
  • Comprerei volentieri un portatile con schermo full HD (1920 x 1080), un pò più grande dei canonici 15,6", ma non ne trovo nei centri commerciali o nei negozi.
    Cosa credono i costruttori, che basti sfornare 4 o 5 versioni del solito windows 8 con display 1366 x 768 per battere i "telefononi"?
    non+autenticato
  • Fino alle ultime frasi non riuscivo a capire se l'articolo si stesse riferendo a qualche previsione o a una profezia di nostradamus fatta con grande convizione.
    non+autenticato
  • I PC non crolleranno mai, il fatto che ora sembra che siamo in una decadenza inarrestabile e perché alla Microsoft in questi ultimi anni hanno tirato fuori più bidonate(vedete Vista o 8 esempio), così la maggior parte degli utenti ha preferito rimanere all'XP e al 7, pochi o nulli sono quelli che hanno deciso di passare al Mac OS(fortunatamente), per quanta riguarda Linux invece, ha sempre occupato una piccola fetta di popolarità tra gli utenti del PC sia perché l'utente medio preferisce comprare PC con sistema operativo preinstallato(che sono tutti quanti quasi Windows e\o Mac OS) sia perché appunto l'utente medio preferisce usare sistemi operativi molto semplici come Windows e Mac OS(per l'utente medio perché altrimenti anche quest'ultimi due se usati al meglio presentano molteplici funzionalità che però appunto risultano sconosciute all'utenza media perché magari poco influenti nel loro lavoro).
    Idem per gli altri sistemi operativi minori come React OS, ec... ecc...
    In parole povere se i PC stanno rallentando non è perché ora ci sono gli smartphone ma bensì per i fatti inerenti alle sopracitate software house americane come Apple e Microsoft e i loro talvolta fallimenti.
    Per quanto riguarda poi invece il crescente numero di vendite degli smartphone, beh ci dovrebbe far preoccupare, perché in realtà quest'ultimi
    hanno fatto/fanno/faranno crescere la percentuale degli utonti nell'ambito informatico, di fatto molti utenti di smartphone si ritengono soddisfatti perché gli è più facile e più comodo usarlo, senza interessarsi però minimamente di come risolvere problemi inerenti allo smartphone per problemi di ogni tipo, cosa che almeno coi PC si può dire che è limitata, in altre parole lo smartphone inneggia alla pigrizia.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 06 giugno 2014 23.34
    -----------------------------------------------------------
  • Non è un caso che catene come Comet e similia fanno pagare una banale configurazione dello smartphone 40 euro. Per me fanno bene, se non sai fare la O con il bicchiere o ti tira il culo di farlo è giusto farsi strapagare questi servizi.
    non+autenticato
  • I PC calano perché alla maggior parte delle persone un dual core di 6 anni fa gli basta e avanza, piuttosto si comprano un tablet perchè tanto per posta, facebook,giochini e navigazione è più che sufficiente. I numeri poi crescono perchè il tablet è praticamente personale, se ne uso uno per ogni componente della famiglia.
    Non c'è molto altro da dire e da studiare.

    Poi ognuno ha le sue esigenze, io con un phablet mi vergognerei a girarci, c'è però gente che lo compra e lo usa ed è felice. L'articolo sottolinea come il consumatore sia incerto, in effetti molti comprano per "moda" ma non hanno chiaro cosa ci dovranno fare con quel device, non hanno ideaa se è meglio un 10 pollici o un 9 o un 7, non sanno veramente cosa ci faranno ma "lo hanno tutti".
    non+autenticato
  • - Scritto da: arkanoid
    > I PC calano perché alla maggior parte delle
    > persone un dual core di 6 anni fa gli basta e
    > avanza, piuttosto si comprano un tablet perchè
    > tanto per posta, facebook,giochini e navigazione
    > è più che sufficiente. I numeri poi crescono
    > perchè il tablet è praticamente personale, se ne
    > uso uno per ogni componente della
    > famiglia.
    > Non c'è molto altro da dire e da studiare.
    >
    > Poi ognuno ha le sue esigenze, io con un phablet
    > mi vergognerei a girarci, c'è però gente che lo
    > compra e lo usa ed è felice. L'articolo
    > sottolinea come il consumatore sia incerto, in
    > effetti molti comprano per "moda" ma non hanno
    > chiaro cosa ci dovranno fare con quel device, non
    > hanno ideaa se è meglio un 10 pollici o un 9 o un
    > 7, non sanno veramente cosa ci faranno ma "lo
    > hanno
    > tutti".
    sanno benissimo cosa ci faranno, esattamente quello che facevano prima con il computer e qualcosa in più, tipo foto, filmati, connessioni video, navigatore etc.
    Quello che non hanno ancora ben capito è come orientarsi tra le decine di modelli per trovare quello di cui hanno bisogno
    non+autenticato
  • > - Scritto da: arkanoid

    > sanno benissimo cosa ci faranno, esattamente
    > quello che facevano prima con il computer e
    > qualcosa in più, tipo foto, filmati, connessioni
    > video, navigatore
    > etc.

    Il problema è che non sanno cosa non ci potrebbero più fare, non l'hanno mai saputo. L'ignoranza ed il degrado informatico del pubblico è tale che non hanno idea che un VERO computer serva anche ad altre cose, purtroppo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nauseato
    > > - Scritto da: arkanoid
    >
    > > sanno benissimo cosa ci faranno, esattamente
    > > quello che facevano prima con il computer e
    > > qualcosa in più, tipo foto, filmati, connessioni
    > > video, navigatore
    > > etc.
    >
    > Il problema è che non sanno cosa non ci
    > potrebbero più fare, non l'hanno mai saputo.
    > L'ignoranza ed il degrado informatico del
    > pubblico è tale che non hanno idea che un VERO
    > computer serva anche ad altre cose,
    > purtroppo.
    per esempio cosa ci potrebbe fare un utente (che non usa il PC per lavoro) che non può fare con un tablet?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > - Scritto da: Nauseato
    > > > - Scritto da: arkanoid

    > > Il problema è che non sanno cosa non
    > > ci potrebbero più fare, non l'hanno
    > > mai saputo.
    > > L'ignoranza ed il degrado informatico
    > > del pubblico è tale che non hanno idea
    > > che un VERO computer serva anche ad
    > > altre cose, purtroppo.

    > per esempio cosa ci potrebbe fare un utente
    > (che non usa il PC per lavoro) che non può
    > fare con un tablet?

    Lasciarlo 24/24 7/7 a scaricare, fare da stazione multimediale e cloud di casa, come vanno ad uptime queste macchinette ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Mario
    > > - Scritto da: Nauseato
    > > > > - Scritto da: arkanoid
    >
    > > > Il problema è che non sanno cosa non
    > > > ci potrebbero più fare, non l'hanno
    > > > mai saputo.
    > > > L'ignoranza ed il degrado informatico
    > > > del pubblico è tale che non hanno idea
    > > > che un VERO computer serva anche ad
    > > > altre cose, purtroppo.
    >
    > > per esempio cosa ci potrebbe fare un utente
    > > (che non usa il PC per lavoro) che non può
    > > fare con un tablet?
    >
    > Lasciarlo 24/24 7/7 a scaricare, fare da stazione
    > multimediale e cloud di casa, come vanno ad
    > uptime queste macchinette
    > ?
    ma poi tutta quella roba che scarichi la utilizzi o ti limiti a collezionarla in tera e tera di Hard disk?
    Io, ti dirò, di tempo libero non ne ho poi così tanto e in quel poco a disposizione preferisco fare altro
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > - Scritto da: krane


    > > > per esempio cosa ci potrebbe
    > > > fare un utente (che non usa
    > > > il PC per lavoro) che non può

    > > > fare con un tablet?

    > > Lasciarlo 24/24 7/7 a scaricare, fare
    > > da stazione multimediale e cloud di
    > > casa, come vanno ad uptime queste
    > > macchinette ?

    > ma poi tutta quella roba che scarichi la
    > utilizzi o ti limiti a collezionarla in
    > tera e tera di Hard disk?

    La utilizzo, faccio un sacco di traffico con questo:
    http://owncloud.org/
    E posso lavorare sugli stessi dati a casa e in ufficio, pensa che ci tengo pure il metal che mi ascolto in ufficio, ho visto su EEE uptime di circa un mese e mezzo prima di problemi.

    > Io, ti dirò, di tempo libero non ne
    > ho poi così tanto e in quel poco a
    > disposizione preferisco fare altro

    Tipo spegnere ed accendere il pc ? Copiare i file sulle chiavette usb ?

    Ti faccio comunq notare non hai risposto alla domanda sull'uptime.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane

    > Ti faccio comunq notare non hai risposto alla
    > domanda
    > sull'uptime.

    il tablet non è pensato per scaricare ed accumulare bensì per scaricare al momento dell'uso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > - Scritto da: krane

    > > Ti faccio comunq notare non hai risposto
    > > alla domanda sull'uptime.

    > il tablet non è pensato per scaricare ed
    > accumulare bensì per scaricare al momento
    > dell'uso.

    Allora direi che hai risposto alla tua domanda:

    - Scritto da: Mario
    per esempio cosa ci potrebbe fare un utente (che non usa il PC per lavoro) che non può fare con un tablet?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Mario
    > > - Scritto da: krane
    >
    > > > Ti faccio comunq notare non hai risposto
    > > > alla domanda sull'uptime.
    >
    > > il tablet non è pensato per scaricare ed
    > > accumulare bensì per scaricare al momento
    > > dell'uso.
    >
    > Allora direi che hai risposto alla tua domanda:
    >
    > - Scritto da: Mario
    > per esempio cosa ci potrebbe fare un utente (che
    > non usa il PC per lavoro) che non può fare con un
    > tablet?
    ma è utile (e comodo) per un utente medio scaricare per accumulare quando può sempre scaricare quello che gli serve quando gli serve?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Mario
    > > > - Scritto da: krane

    > > > > Ti faccio comunq notare
    > > > > non hai risposto alla domanda
    > > > > sull'uptime.

    > > > il tablet non è pensato per scaricare
    > > > ed accumulare bensì per scaricare al
    > > > momento dell'uso.

    > > Allora direi che hai risposto alla
    > > tua domanda:

    > > - Scritto da: Mario
    > > per esempio cosa ci potrebbe fare
    > > un utente (che non usa il PC per
    > > lavoro) che non può fare con un
    > > tablet?

    > ma è utile (e comodo) per un utente medio
    > scaricare per accumulare quando può sempre
    > scaricare quello che gli serve quando gli
    > serve?

    E da dove potrei scaricare legalmente (e ovviamente gratis visto che ho gia' i cd) gli mp3 dei miei dischi metal se non dal cloud di casa mia ?

    Inoltre tu hai fatto una domanda ben precisa: cosa si puo' un utente (che non usa il PC per lavoro) che non può fare con un tablet?

    Beh, iniziamo da niente che richieda un lungo uptime.
    krane
    22544