Alfonso Maruccia

Google, realtà virtuale di cartone

Anche Mountain View ha il suo dispositivo VR, un progetto fai da te basato su un semplice pezzo di cartone sagomato. Garantisce un'esperienza virtuale con l'uso dello smartphone, e quasi a costo zero

Roma - Google ha deciso di dire la sua nel campo della realtà virtuale con Google Cardboard, nuovo progetto di caschetto VR low-cost basato sull'uso di uno smartphone - ovviamente Android - e un paio di "occhiali" avvolgenti realizzati con semplice cartone.

Cardboard

Cardboard è una di quelle piccole iniziative nate in seno al programma "20%" in cui i dipendenti di Mountain View si dedicano a progetti personali, e più che la risposta ufficiale di Google alla nuova mania per la realtà virtuale rappresenta un modo per invogliare gli sviluppatori a sperimentare senza spendere somme di denaro più o meno consistenti.

In effetti Google Cardboard costa veramente poco, e volendo si tratta di un'impresa a costo zero se il caschetto viene realizzato con un pezzo di cartone e altri elementi secondari recuperati in giro; una volta sagomato l'HMD come prevede il design di Cardboard, lo sviluppatore interessato potrà usare un apposito kit di sviluppo e testare le app VR compatibili con Cardboard chiamate Chrome Experiments.

Cardboard sembra essere un'iniziativa a metà tra il serio e il faceto, ma chi invece dimostra di voler fare molto sul serio è Oculus che spende i danari ottenuti con l'acquisizione da parte di Facebook per inglobare Carbon Design - azienda nota per aver realizzato il controller della console Xbox 360.

Oculus ne ha anche per Zenimax e definisce la causa legale intentata dal publisher come un mesto tentativo di rivalersi sulla tecnologia VR sviluppata dall'azienda, un tentativo con cui Zenimax vorrebbe rimediare all'errore di non aver approfittato dell'opportunità di investire concretamente su Oculus fin dall'inizio.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia Google, realtà virtuale di cartone
Ordina