Alfonso Maruccia

Tango e Ara, il futuro secondo Google

Alla conferenza I/O non sono mancate le sperimentazioni, con il tablet 3D (Tango) e lo smartphone modulare (Ara) a promettere molto per un futuro non proprio immediato. O forse no, se LG ci mette lo zampino

Roma - Oltre alle novità della piattaforma Android, la conferenza per sviluppatori I/O di Google ha dato spazio anche alle iniziative del gruppo Advanced Technology and Projects (ATAP) responsabile, tra le altre cose, del tablet 3D Tango e dello smartphone modulare Ara.


Per quanto riguarda Tango, Google ha messo in mostra qualche dimostrazione sulle capacità di mappatura tridimensionale del gadget - un "mostro" di potenza con SoC NVIDIA Tegra K1 e sensori 3D, tra le altre cose - creando una riproduzione 3D dell'ambiente della convention senza fare uso del segnale GPS.

Il tablet Tango è capace di fare questo e altro ma al momento è disponibile solo come (costoso) kit di sviluppo per creatori di app, sperimentatori ed early adopter, anche se gli utenti consumer non dovranno attendere molto per acquistare il gadget grazie a una partnership con LG.
Il colosso sudcoreano distribuirà una versione consumer di Tango entro l'anno prossimo, e a parte questo non vengono forniti altri dettagli su specifiche hardware, prezzo e funzionalità del prodotto finale. Quantomeno il debutto del tablet 3D si avvicina, mentre per quanto riguarda il progetto Ara Google dimostra di essere ancora ferma alla fase sperimentale.

Alla conferenza I/O è stata mostrata una versione parzialmente funzionante dello smartphone modulare, con i componenti interni collegati tramite standard UniPro e M-PHY e connessi fisicamente con magneti. Il risultato, per ora, è un terminale in grado di eseguire parzialmente il boot di Android e bloccarsi dopo alcuni secondi del minuto stimato necessario a completare l'avvio.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaProject Ara, Google inizia a fare sul serioIl primo documento destinato agli sviluppatori hardware e software è stato rilasciato. Si inizia anche a intravedere che forma avrà lo smartphone componibile di Mountain View
  • TecnologiaTango, Google e il tablet 3D per sviluppatoriMountain View ufficializza il suo nuovo - e oramai ben noto - progetto Tango chiamando a raccolta gli sviluppatori: a loro viene assegnato il compito di sviluppare nuove applicazioni capaci di sfruttare a dovere la ricca dotazione del dispositivo
  • TecnologiaIl nuovo Android è MaterialAlla conferenza I/O Google mette in mostra le novità del futuro prossimo di Android, un futuro che include un nuovo standard di interfaccia e una nuova virtual machine per far girare le app. Tutto come previsto
7 Commenti alla Notizia Tango e Ara, il futuro secondo Google
Ordina
  • Domanda da niubbo: il mapping "automatico" di ambienti 3D dovrebbe dare un boost alla creazione di ambienti 3D per giochi e non solo, consentendo anche a chi ha risorse economiche limitate di avere un ambiente realistico per la propria app/game. Sbaglio?
  • Creare un ambientazione 3D per i videogiochi non è un problema e si può fare anche con tool gratuiti al giorno d'oggi. Diverso è se vuoi ambientare uno sparatutto nella casa del giocatore, allora si che il mapping 3D fa la differenza, io l'utilità la vedo più per creare applicazioni d'ausilio a ipovedenti o non vedenti ad esempio, staremo a vedere cosa riserverà il futuro per questa tecnologia
  • - Scritto da: fabpolli
    ..staremo a vedere cosa riserverà il
    > futuro per questa
    > tecnologia
    una tecnologia senza applicazioni non ha senso, prima di studiano le applicazioni, almeno le principali poi si vende la tecnologia. Non siamo più all'epoca dei primi PC.
    non+autenticato
  • Infatti il team di Google avrà sicuramente qualche idea in mente di applicazioni per il mondo reale per la tecnologia che stanno sviluppando, è che non lo rivelano di sicuro in anticipo non mi sembra che siano sprovevduti che, come nell'era dei primi pc, si lancino in sperimentazioni a casaccio, sviluppare tecnologia costa non sempre si ha successo ma non credo sia il caso di google...
  • - Scritto da: fabpolli
    > Infatti il team di Google avrà sicuramente
    > qualche idea in mente di applicazioni per il
    > mondo reale per la tecnologia che stanno
    > sviluppando, è che non lo rivelano di sicuro in
    > anticipo non mi sembra che siano sprovevduti che,
    > come nell'era dei primi pc, si lancino in
    > sperimentazioni a casaccio, sviluppare tecnologia
    > costa non sempre si ha successo ma non credo sia
    > il caso di google...

    Beh... Insomma...

    http://daily.wired.it/foto/2012/07/05/google-proge...
    non+autenticato
  • Non vedo progetti harware che richiedano ricerca e sviluppo ma solo software nel link, che per carità hanno un loro costo ma si parla sostanzialmente di costi e tipi di ricerca differenti. Senza contare, ad esempio, che labs era portato avanti da sviluppatori interni nel loro "tempo libero" all'interno delle ore lavorative concesso da google proprio per promuovere questo genere di progetti. Da labs sono uscite alcune cose buone che google ha rivenduto poi (Es. Sketchup) altre che ha abbandonato, è nel rischio d'impresa avere dei progetti che devono essere abbandonati se un azienda azzeccasse sempre tutto non sarebbe di questo mondo
  • Utile in un magazzino...
    non+autenticato