Alfonso Maruccia

Molibdeno-tellurio: come il grafene, ma meglio

A Stanford sono convinti di aver trovato una sostanza migliore del carbonio mono-atomico. Purtroppo per ora č solo una simulazione al computer. Ma che promette meraviglie

Roma - In attesa che il grafene mantenga tutte le promesse che sono valse un Nobel agli scienziati che lo hanno scoperto, i ricercatori sono al lavoro per ideare materiali in grado di mostrare le stesse caratteristiche ma senza i difetti che ne fanno un pessimo candidato per l'elettronica a base di transistor e circuiti integrati. Il grafene è infatti incredibilmente resistente e un eccellente conduttore di elettricità, mentre non è in grado di mostrare proprietà isolanti necessarie all'adozione del materiale nei dispositivi elettronici. All'Università di Stanford hanno quindi deciso di identificare possibili concorrenti del grafene dotati di questa essenziale qualità.

La soluzione sin qui identificata dai ricercatori americani è composta da un "sandwich" di due strati di tellurio con al centro uno strato di molibdeno, un mix che da vita a un composto cristallino capace di funzionare sia da conduttore che da isolante.

Dallo spessore atomico del grafene si passa ai tre atomi del mix tellurio-molibdeno-tellurio, in compenso si guadagna la possibilità di "accendere" o "spegnere" la conduttività del materiale con la stessa facilità - dicono i ricercatori - con cui si accende o spegne la luce premendo un interruttore.
Il nuovo materiale tri-atomico è al momento solo una simulazione al computer senza prove sperimentali, nondimeno i suoi ideatori preconizzano lo sviluppo di componenti elettronici finalmente in grado di integrarsi con ogni genere di oggetto quotidiano - a cominciare dai vestiti - e una corsa, all'interno della comunità scientifica, verso i migliori candidati a soffiare al grafene la nomea di "materiale delle meraviglie".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaAl MIT producono grafeneIl prestigioso istituto statunitense identifica un metodo pratico per realizzare strati di grafene utili a fini commerciali. Ora occorre solo raffinare il tutto e attendere meraviglie
5 Commenti alla Notizia Molibdeno-tellurio: come il grafene, ma meglio
Ordina
  • La vera frontiera per questo genere di materiali non è assolutamente il molibdeno-tellurio, che alla fine fanno poco più del classico silicio, ma la piramide costituita dai ittrio, gadolinio ed europio. Un aerogel potentissimo, ma ancora difficile da produrre industrialmente:

    http://patents.justia.com/inventor/ravilisetty-p-r...
    non+autenticato
  • Si, ma qui si parla di materiali cristallini, l'aerogel non è un cristallo...
    Hanno fatto una bella simulazione, ma nel grafene gli atomi sono tutti di carbonio quindi lo stress tra gli strati è ridotto al minimo possibile a causa dell'omogeneità dei parametri reticolari, mentre il mix di due strati di tellurio-molibdeno può essere un bel ficodindia nelle mutande quando dovranno mettere su il sistema di deposizione degli strati ... purtroppo in natura se hai due materiali cristallini con parametri reticolari che differiscono più del 10% o non riesci a depositare gli strati di materiale senza dfetti che ne compromettono la funzionalità dello stesso, minore è la differenza tra i parametri reticolari e più facile è la produzione del materiale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Si, ma qui si parla di materiali cristallini,
    > l'aerogel non è un
    > cristallo...
    L'aerogel è oltre. È un cristallo superleggero.


    > Hanno fatto una bella simulazione, ma nel grafene
    > gli atomi sono tutti di carbonio quindi lo stress
    > tra gli strati è ridotto al minimo possibile a
    > causa dell'omogeneità dei parametri reticolari,
    > mentre il mix di due strati di tellurio-molibdeno
    > può essere un bel ficodindia nelle mutande quando
    > dovranno mettere su il sistema di deposizione
    > degli strati ... purtroppo in natura se hai due
    > materiali cristallini con parametri reticolari
    > che differiscono più del 10% o non riesci a
    > depositare gli strati di materiale senza dfetti
    > che ne compromettono la funzionalità dello
    > stesso, minore è la differenza tra i parametri
    > reticolari e più facile è la produzione del
    > materiale.
    Sono gia' al lavoro per modificare anche le strutture cristalline. Perovskite modificata.
    non+autenticato
  • L'aerogel è aerogel come da te detto, altrimenti si chiamerebbe cristallo. Che cosa sia un materiale con struttura cristallina è definito in tutti i libri di fisica dello stato solido subito dopo la dedica del libro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > L'aerogel è aerogel come da te detto, altrimenti
    > si chiamerebbe cristallo. Che cosa sia un
    > materiale con struttura cristallina è definito in
    > tutti i libri di fisica dello stato solido subito
    > dopo la dedica del
    > libro.
    Ma i nuovi aerogel hanno struttura cristallina! Sono l'una e l'altra cosa.
    non+autenticato