Gaia Bottà

UK, una Rete castrata

Gli attivisti di Open Rights Group mostrano le falle di filtri che filtrano troppo. Il parental control di stato colpisce anche i siti innocui, e non risparmia la stessa iniziativa dell'associazione

Roma - Il Primo Ministro David Cameron aveva scelto di imporre ai fornitori di connettività e agli intermediari del Web il compito di mettere in atto un vero e proprio sistema di parental contro di stato: i cittadini della Rete britannici avrebbero dovuto poter fruire di una Rete morigerata per default. E se il timore di falsi positivi era stato presto confermato dai fatti, gli attivisti di Open Rights Group hanno ora offerto ai netizen uno strumento per toccare con mano ciò che i filtri, attivati salvo richieste di disattivazione, finiscono per imbrigliare.

Blocked.org.uk, che in origine era stato approntato per accogliere le segnalazioni dei blocchi ritenuti inappropriati da parte di gestori di siti e cittadini, si pone ora come un punto di riferimento per verificare il comportamento degli intermediari rispetto a un sito di riferimento. Sulla base delle segnalazioni dei netizen e sulla base dei siti più popolari secondo Alexa, sono stati esaminati oltre 100mila siti web (non è dato però conoscere l'elenco completo, né il contenuto dei siti monitorati) e Open Rights Group ha constatato che si aggirano intorno ai 19mila quelli che risultano bloccati per gli utenti di uno o l'altro fornitore di connettività.



Blocked.org.uk è altresì uno spazio per condividere le storie dei cittadini vittime di blocchi. Vi figura per ora la denuncia di un editor del blog satirico di Guido Fawkes, bloccato da TalkTalk, e già protagonista di un acceso confronto con la parlamentare Claire Perry, prima sostenitrice dell'iniziativa che sta castrando la Rete del Regno Unito. Le parole della fondatrice di sherights.com ben illustrano la grossolanità di filtri che non sanno distinguere fra la pruriginosità della pornografia e le istanze dei difensori dei diritti delle donne, e le testimonianze di altri cittadini mettono in luce come certi falsi positivi appaiano privi di motivazioni tecniche: perché un sito che pubblicizza l'attività di un rivenditore di automobili rischia di essere classificato come inadatto ai minori? C'è chi ventila anche iniziative censorie: il blog di Aboud Dandachi, commentatore politico che racconta del conflitto siriano, risulta inaccessibile per gli utenti di EE, O2, Sky e Vodafone.
Non solo pornografia e armi, tabacco e violenza: non tutti i siti bloccati sono inappropriati per i minori, non tutti contengono tracce dei contenuti che potrebbero impensierire un genitore, o uno stato che vigila sulla moralità dei propri cittadini. Il problema, spiegano i rappresentanti di Open Rights Group, riguarda la trasparenza: solo con la consapevolezza di ciò che è bloccato sarà possibile intervenire per chiedere al proprio fornitore di connettività di rimuovere i filtri, attivi di default, o di escludere dalla loro blacklist un sito innocuo, una procedura che appare ancora tortuosa e non uniforme rispetto ai diversi provider, a dispetto di quanto le autorità si erano rispomesse.

Se il Regno Unito ritiene dunque che le blacklist siano la soluzione adatta per poter forgiare cittadini temperanti e irreprensibili, gli attivisti di Open Rights Group continueranno a battersi per informare la società civile del fatto che esista un mondo oltre ai filtri calati sulle loro connessioni: anche per quanto attiene la lista nera stilata per soffocare le violazioni del diritto d'autore, l'organizzazione ha messo a disposizione un sito che tenta di tenere traccia dei blocchi.
La stessa Open Rights Group si è già preparata a difendersi dai falsi positivi: blocked.org.uk è già stato temporaneamente bloccato da British Telecom e Virgin.




Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàUK, i filtri vanno filtratiI sistemi di parental control implementati dagli ISP su richiesta del governo finiscono per bloccare ciò che non dovrebbero. Il Regno Unito pensa di risolvere con una whitelist
  • AttualitàUK, tutto il sesso è pornografiaIl parental control di stato adottato dai provider britannici permette ai netizen di sbirciare la pornografia ma taglia fuori dalla rete siti di informazione. Non c'è rimedio ai falsi positivi
  • AttualitàContrappunti/ Quel censore di Camerondi M. Mantellini - La proposta del Premier britannico di istituire filtri di stato per la pornografia Web rilancia il dibattito. Lo Stato deve essere demiurgo della Rete per i cittadini?
44 Commenti alla Notizia UK, una Rete castrata
Ordina
  • È esattamente il risultato che il governo britannico - e non solo - voleva.
    non+autenticato
  • Risultato? Cioè dare ai giovani sempre meno occasioni per crescere, studiare, diventare hacker magari?

    Ma tu credi che la ricchezza che esiste oggi in occidente, esiste per grazia dello Spirito Santo?

    Questi cretini stanno distruggendo l'occidente, su tutti i fronti, a partire da quello economico, fino a quello della credibilità internazionale e del know-how.
    non+autenticato
  • Una VPN è ormai obbligatoria, free o a pagamento che sia.

    Ci si ripara (abbastanza) da sguardi indiscreti, si accedono a contenuti che altri ritengono dannosi a noi poveri scemi che non siamo in grado di capirlo, si aumenta la propria privacy.

    UK come Cina, Nord Corea, Emirati Arabi...

    Buona lettura:
    http://en.wikipedia.org/wiki/Internet_censorship_b...
    non+autenticato
  • "UK, una Rete castrata" o "UK, una Rete malata"?

    Meditate gente, meditata.
    non+autenticato
  • no, è "politici UK, gente castrata" Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • ... come hanno appena scoperto i sonnecchiosi giornalisti (ma svegliarsi PRIMA e fare una bella campagna stampa contro sta roba, invece di lagnarsi di g.news ?) il pretestuso diritto all'oblio, declinato in salsa 'google cache',per colpa dei massimi azzeccagarbugli europei, non funziona granche' e fa danni...
    http://www.bbc.com/news/business-28130581
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > ... come hanno appena scoperto i sonnecchiosi
    > giornalisti (ma svegliarsi PRIMA e fare una bella
    > campagna stampa contro sta roba, invece di
    > lagnarsi di g.news ?) il pretestuso diritto
    > all'oblio, declinato in salsa 'google cache',per
    > colpa dei massimi azzeccagarbugli europei, non
    > funziona granche' e fa
    > danni...
    > http://www.bbc.com/news/business-28130581

    Non fa alcun danno, e i giornalisti non hanno il potere di modificare una decisione della massima Corte europea.
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: bubba
    > > ... come hanno appena scoperto i sonnecchiosi
    > > giornalisti (ma svegliarsi PRIMA e fare una
    > bella
    > > campagna stampa contro sta roba, invece di
    > > lagnarsi di g.news ?) il pretestuso diritto
    > > all'oblio, declinato in salsa 'google
    > cache',per
    > > colpa dei massimi azzeccagarbugli europei,
    > non
    > > funziona granche' e fa
    > > danni...
    > > http://www.bbc.com/news/business-28130581
    >
    > Non fa alcun danno,
    FAIL

    > e i giornalisti non hanno il
    > potere di modificare una decisione della massima
    > Corte
    > europea.
    dipende. u know quarto potere?
    non+autenticato
  • Puoi riscrivere il commento in italiano? Grazie.
  • - Scritto da: Leguleio
    > Puoi riscrivere il commento in italiano? Grazie.
    avevo pensato "potrei, ma a che pro? visto che l'articolo che ho linkato (e che quindi evidentemente non hai letto) e' TUTTO in inglese..."...

    poi pero' ho visto questo .. http://www.ilpost.it/2014/07/03/google-diritto-obl.../
    non+autenticato
  • > > Puoi riscrivere il commento in italiano? Grazie.
    > avevo pensato "potrei, ma a che pro? visto che
    > l'articolo che ho linkato (e che quindi
    > evidentemente non hai letto) e' TUTTO in
    > inglese..."...
    >
    > poi pero' ho visto questo ..
    > http://www.ilpost.it/2014/07/03/google-diritto-obl

    Non c'è alcun danno.
    Essere indicizzati da Google non è un diritto, come lo è, secondo certi giuristi, essere sull'elenco telefonico e sulle Pagine Gialle (se si è un'azienda).
    Quando sarà considerato un diritto, ne riparleremo.
    Le informazioni scritte a suo tempo sono sempre lì, e si possono raggiungere da URL. Nessuno ha tolto, o aggiunto, nulla.
  • Come al solito vivi troppo "legal centrico" per capire come funziona la realtà di questi provvedimenti.

    La gente usa I MOTORI DI RICERCA per trovare certe cose, se il MOTORE DI RICERCA oscura molti risultati per conto terzi, la gente non trova quelle certe cose, cosi non le può trovare in altro modo.

    Capito ora ?
  • - Scritto da: Sg@bbio

    > Capito ora ?
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Immagino che sia una domanda retorica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > Nessuno ha
    > tolto, o aggiunto,
    > nulla.
    Falso tanto è vero (basta leggere) che l'effetto è appunto paradossale.

    In ogni caso siccome la rimozione non è generalizzata oltretutto è inutile tanto e vero che io posso fare il confronto tra le 2 versioni quella "europea" e quella "internazionale".
    Risultato netto?
    Sono i soliti "pasticcetti" provocati da chi pensa in modo limitato e senza ne conoscere ne capire dove mette le mani.
    Un vizio molto italico che per una volta siamo riusciti a "esportare".
    Purtroppo la realtà è una cosa diversa da quella descritta da una sentenza che risulta tanto ridicola quanto inefficace nella sostanza.
    Basterebbe pensare e informarsi (se si ignora come funzionano le cose) per evitare questi paradossi.
    non+autenticato
  • Viviamo in un mondo diverso: oggi Woodward e Bernstein verrebbero zittiti o "persuasi" a tacere. Anche i giornalisti vogliono vivere tranquilli. Soprattutto, vogliono vivere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Viviamo in un mondo diverso: oggi Woodward e
    > Bernstein verrebbero zittiti o "persuasi" a
    > tacere. Anche i giornalisti vogliono vivere
    > tranquilli. Soprattutto, vogliono
    > vivere.
    hei, bernstein e' vivo e lotta insieme a noi http://cr.yp.to/djb.htmlSorrideSorride
    non+autenticato
  • Che le carte siano scoperte credo lo abbia capito chiunque.
    Il punto è che comunque in realtà non funziona.
    I giochi sono tut'altro che chiusi (in tutti i sensi).
    non+autenticato
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > ...censurano i blog satirici e censurano i siti
    > che raccolgono informazioni sulla
    > censura.
    >
    > Dall'affaire 'Miranda' giornalista di fatto
    > 'rapito' per alcune ore (grazie alle leggi
    > antiterrorismo che permettono di farlo anche se è
    > palese che non c'entri un tubo), mentre faceva
    > scalo in inghilterra (non era nemmemo la sua
    > destinazione), giocano davvero a carte
    > scoperte.

    "SI UNO SPORKO KOMPLOTTISTA PEDOFILO FASCISTA KE HA KOSE DA NASKONDERE!11"
  • Anche Lui?
    DelusoDelusoDeluso

    E io che credevo fosse un bravo ragazzo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sg@bbio

    > "SI UNO SPORKO KOMPLOTTISTA PEDOFILO FASCISTA KE
    > HA KOSE DA
    > NASKONDERE!11"

    già, e sembrerebbe che pure i lettori di linuxjournal lo siano http://www.linuxjournal.com/content/nsa-linux-jour... Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: Sg@bbio
    >
    > > "SI UNO SPORKO KOMPLOTTISTA PEDOFILO
    > FASCISTA
    > KE
    > > HA KOSE DA
    > > NASKONDERE!11"
    >
    > già, e sembrerebbe che pure i lettori di
    > linuxjournal lo siano
    > http://www.linuxjournal.com/content/nsa-linux-jour
    che uniamo a questo... http://www.theguardian.com/environment/earth-insig... e a questo https://www.blackhat.com/us-14/briefings.html#you-... ... unita al fatto che TOR stesso potrebbe essere in larga/intera parte un false flag, un honeypot.... e poi tutti a leggere Brave New World di Huxley ( 1984 ha stancato).
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione

    > ora però arriva tucumcari e ci dice che è tutto
    > apposto
    >Occhiolino

    Dipende da cosa intendi per "tutto a posto".
    Prima di tutto leggerei l'articolo se fossi in te.
    Una volta capito una delle condizioni è avere qualcuno che sia permanentemente (o molto a lungo) in linea sulla stessa connessione (tipo un "sito sul dip ueb") puoi trarre qualche conclusione.
    Targettare uno user specifico (o un gruppo specifico di users) che si connettono e disconnettono in vario modo riesce molto complicato (in realtà praticamente impossibile ... e lo dicono pure loro).
    Allo stato attuale tor è l'unica cosa che permette a un mare di dissidenti in vari paesi non esattamente "democratici" di raggiungere destinazioni e lasciare comunicazioni senza finire direttamente in galera (o peggio) e questo è uno dei motivi che mi porta (e mi ha portato) a gestire qualche server tor.
    Nulla è perfetto a questo mondo ma a quanto pare al momento è uno degli strumenti in grado di offrire questo tipo di protezione.
    Tor è nato espressamente per questo non garantisce ovviamente certe cose se fai "circuit-reuse" (cosa ovvia per un "sito") ma non è una novità.
    Naturalmente ci sono anche altri attacchi possibili a "application level" ma il livello applicazione dipende appuntoo dalla applicazione non da tor in se.
    Al momento (ripeto) è usato da molti (praticamente tutti) dissidenti in condizioni altrimenti più che precarie e è una delle maaggiori "preoccupazioni" di questi governi.
    A patto ovviamente che lo si usi nel modo giusto che probabilmente non è "navigare il "diip uebbe" e neanche postare su Facebook.
    Occhiolino
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: tucumcari
    >
    > > Dipende da cosa intendi per "tutto a posto".
    > > Prima di tutto leggerei l'articolo se fossi
    > in
    > te.
    > > Una volta capito una delle condizioni è avere
    > > qualcuno che sia permanentemente (o molto a
    > > lungo) in linea sulla stessa connessione
    > (tipo
    > un
    > > "sito sul dip ueb") puoi trarre qualche
    > > conclusione.
    >
    >
    > E quelli di tor avevano avvertito che è insicuro
    > andare sul dip ueb (è una delle feature del loro
    > porodotto,
    > no)?
    E' insiccuro perché si incontrano persone poco raccomandabili che potrebbero indurre a fare cose illegali. E poi perche si trova materiale illegale che se esce da là e va nell'hard disk non riguarda più il dip ueb, bensì un niubbo che non ha pensato a crittare il disco.
    non+autenticato
  • - Scritto da: unaDuraLezione

    > E quelli di tor avevano avvertito che è insicuro
    > andare sul dip ueb (è una delle feature del loro
    > porodotto,
    > no)?
    No non è affatto una "feature" progettata per essere "sicura" è una possibilità per chi la voglia usare (se crede) tor è fatto per proteggere la navigazione non per nascondere un Link o una connessione permanente e si è spiegato e pure bene (solo che bisogna leggere).

    E in particolare a proposito del "famoso silk road"....
    e non è una mia "sensazione" lo dice proprio EFF.

    "Criminals can already do bad things. Since they're willing to break laws, they already have lots of options available that provide better privacy than Tor provides....
    Tor aims to provide protection for ordinary people who want to follow the law. Only criminals have privacy right now, and we need to fix that....
    So yes, criminals could in theory use Tor, but they already have better options, and it seems unlikely that taking Tor away from the world will stop them from doing their bad things. At the same time, Tor and other privacy measures can fight identity theft, physical crimes like stalking, and so on."
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)