Claudio Tamburrino

Tra Amazon e Hachette, l'autore gode?

Lo store digitale propone agli autori il cento per cento degli introiti derivanti dalle vendite fino a quando la disputa con l'editore non sarÓ conclusa

Roma - Continua lo scontro tra Amazon e Hachette: l'azienda di Jeff Bezos vorrebbe ora scavalcare l'editore rivolgendosi direttamente agli autori.

Tutto nasce dal contenzioso tra il negozio online e l'editore con al centro i prezzi: Amazon vorrebbe vendere i libri a prezzi più bassi, diminuendo il 75 per cento di margine che l'editore mantiene su ogni vendita di ebook, e per cercare di convincere Hachette ha prima messo in vendita sugli scaffali digitali i titoli dell'editore ad un prezzo superiore (e ciò ha comportato ovviamente ritmi di vendita inferiori) e poi ha rimosso l'opzione di prenotazione per le sue nuove uscite, facendole addirittura risultare "non disponibili".

Il negozio digitale ha proposto ora agli autori Hachette tutto l'introito generato dalla vendita dei loro ebook fino a quando la disputa con l'editore non avrà fine: spera così di farli passare dalla propria parte.
Per il momento l'offerta è arrivata a pochi scrittori ed agenti da parte del manager Amazon David Naggar: l'obiettivo, dice, è quello di "non farli finire al centro" della contesa.

Copia della stessa offerta, peraltro, è arrivata nei giorni scorsi anche ad Hachette: secondo Amazon questo tipo di proposta può avere "diversi effetti positivi per motivarci a raggiungere un accordo il prima possibile".
Si tratterebbe, insomma, di una soluzione temporanea per far pressione sulle parti e nel frattempo non creare danni agli autori.

La battaglia tra editori ed Amazon, d'altronde, non sembra vicina alla conclusione: anche HarperCollins, anzi, si sta preparando alla battaglia e nella nuova versione del suo sito ha predisposto un nuovo negozio di libri, ebook e audiolibri.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate