Alfonso Maruccia

Cina, accuse e controaccuse sull'hacking mediorientale

Una società americana lancia l'ennesima accusa contro hacker legati all'esercito cinese, che ribatte parlando di propaganda e post pubblicitari. Il software antivirale americano contiene backdoor pericolose, dice ancora Pechino

Roma - CrowdStrike torna all'"attacco" degli hacker cinesi con una nuova analisi dedicata a Deep Panda, team di cyber-guastatori parente stretto del già trattato Putter Panda e come questo legato strettamente alle autorità di Pechino. L'obiettivo è sempre statunitense anche se si sposta in Medioriente, sostiene CrowdStrike.

La security enterprise statunitense tiene sotto controllo l'attività di Deep Panda da anni, scoprendo come nell'ultimo periodo gli hacker cinesi abbiano preso di mira il personale dei think thank operanti in Iraq e paesi limitrofi. Gli obiettivi sono ex-rappresentanti del governo statunitense ora impiegati in aziende tecnologiche e finanziarie.

Il perché del target mediorientale è presto detto, suggerisce CrowdStrike: la Cina è uno dei principali investitori nel settore petrolifero del martoriato territorio iracheno, con la comparsa di ISIS - l'autoproclamatosi "califfato" guerrafondaio a cui tutti i musulmani del mondo dovrebbero obbedienza - gli investimenti sono a rischio e occorre raccogliere informazioni di alto profilo per salvaguardare il business.
Deep Panda ha quindi attivato una nuova, sofisticata campagna mediorientale costituita da attacchi, malware e siti Web compromessi, un rischio grave che CrowdStrike stigmatizza non solo per lo scacchiere iracheno ma anche per il resto delle istituzioni finanziarie multinazionali, le agenzie governative, i contractor della difesa e tutto quanto.

Le autorità cinesi, neanche a dirlo, non l'hanno presa bene e per bocca di Geng Shuang, addetto stampa dell'ambasciata cinese a Washington, hanno accusato CrowdStrike di fare propaganda con il solo scopo di diffondere il panico e farsi pubblicità dal blog corporate.

I rapporti tra Cina e USA in epoca di Datagate non sono molto amichevoli e anche Symantec finisce per pagare pegno, con Pechino che ha vietato l'uso del software Data Loss Prevention e di altri prodotti antivirali sviluppati dalla corporation americana contenenti - questa l'accusa del governo cinese - backdoor segrete a uso e consumo degli americani.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàCina, l'hacking è guerraUn'azienda statunitense impegnata nel settore della sicurezza alza il tiro delle accuse contro Pechino: in un documento ricostruisce le dinamiche dietro certi attacchi condotti nei confronti dell'industria aerospaziale di mezzo mondo
2 Commenti alla Notizia Cina, accuse e controaccuse sull'hacking mediorientale
Ordina
  • semplicemente i cinesi stanno cercando di raccogliere informazioni sui legami tra isis e usa

    è interessante notare come in tutto quei Paesi, in cui gli americani dicono di non essere intervenuti e non aver manipolato i governi, poi ti ritrovi figli e parenti di politici americani nei consigli d'amministrazione delle società di quei Paesi

    consiglio a tutti di guardare questo documentario, forse vi aiuterà ad aprire un pochino gli occhi

    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > semplicemente i cinesi stanno cercando di
    > raccogliere informazioni sui legami tra isis e
    > usa
    diciamo cosi':)

    > è interessante notare come in tutto quei Paesi,
    > in cui gli americani dicono di non essere
    > intervenuti e non aver manipolato i governi, poi
    > ti ritrovi figli e parenti di politici americani
    > nei consigli d'amministrazione delle società di
    > quei
    > Paesi
    dipende "intervenuti dove e a che titolo"... visto che gli usa sono interventisti su 3/4 del pianetaSorride Cmq i cino-russi non sono molto da meno... qualche azione diretta in meno, certo, ma collaterali molte.
    Se "alla fine" di tutti questi casini, cio' portasse un po' di piu al "mogli e buoi dei paesi tuoi" cmq non sarebbe maleCon la lingua fuori
    non+autenticato