Zone-H ora parla italiano

Lanciata la versione in lingua italiana del noto sito di sicurezza

Roma - E' stato ufficialmente aperto il mirror italiano di Zone-H, il noto portale dedicato alla sicurezza informatica che ad oggi risulta anche essere il più completo archivio online di crimini digitali.

Zone-H.it non è la mera traduzione del sito originale: esso contiene anche diversi contenuti creati dalla redazione italiana, fra cui news, file e avvisi di sicurezza.

"Questi ultimi - si legge in un comunicato di Zone-H.it - sappiamo essere particolarmente graditi a quella fetta di utenza italiana che mal digerisce l'inglese e che a causa di ciò spesso si tiene lontana dalle politiche di sicurizzazione dei propri sistemi facilitando, de-facto, il lavoro di possibili cracker".
Gli autori di Zone-H.it sostengono che il loro obiettivo non è quello di competere con gli altri portali di sicurezza italiani ma, piuttosto, quello di "stimolarli ulteriormente diventando un punto di riferimento off-shore per ciò che riguarda tutte le componenti della sicurezza informatica".

L'utenza italiana può accedere fin da subito a tutti i servizi gratuiti messi a disposizione da Zone-H.org e tradotti in lingua italiana, fra cui mailing list, area download, aree forum, area legale e news ticker.
TAG: italia
4 Commenti alla Notizia Zone-H ora parla italiano
Ordina
  • quando ho visto la notizia che zone-h apriva un mirror italiano ho fatto un salto sulla sedia! Speriamo che il mirror italiano sia capace come l'originale di uscire ogni tanto con delle notizie "succose" sul mondo dell' underground, dipende tutto dallo staff. Personalmente condivido appieno la linea impostata dal sito maggiore (.org), pochi peli sulla lingua ed un coraggio grande cosi' quando si tratta di descrivere il mondo della sicurezza.
    Ci vorrebbe una versione anche tutta francese, poiche' in Francia si parla ancor meno di sicurezza che in Italia.
    Speriamo anche che i soliti organi di stampa male informati non travisino la reale natura di zone-h.
    non+autenticato
  • Zone-H sara' pure un sito controverso, ma di fatto e' uno dei pochi siti internazionali che recentemente non si sono venduti e che ha sempre avuto il coraggio di dire cio' che molti pensano, ma che nessuno osa dire.
    L'avvento di un suo mirror italiano e' cosa sicuramente da celebrare, premesso che sia in grado di mantenere lo spessore e l' originalita' del sito originale.
    non+autenticato
  • Sono anche convinto che uno che vuole fare un mestiere informatico oggi come oggi sia obbligato a sapere l'inglese...
    Non fraintendiamo: che uno poi non se la senta di faticare a tradurre e voglia leggere gli articoli in italiano, è giusto, sono contento che questa scelta possa essere fatta!!...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sono anche convinto che uno che vuole fare
    > un mestiere informatico oggi come oggi sia
    > obbligato a sapere l'inglese...
    > Non fraintendiamo: che uno poi non se la
    > senta di faticare a tradurre e voglia
    > leggere gli articoli in italiano, è
    > giusto, sono contento che questa scelta
    > possa essere fatta!!...


    eppure c'è un sacco di roba in tedesco.

    perchè adesso non diciamo che oggi come oggi il tedesco si deve sapere?

    certo che sapere le lingue è utile ...
    ma conoscere una materia non è necessariamente conoscere tutto ...

    PURTROPPO molta roba è in inglese. Pensate quanto felice può essere un russo o un arabo.

    non+autenticato