Luca Annunziata

Google e il problema dell'oblio

Il responsabile legale di Mountain View espone i dubbi e le difficoltà che la sua azienda sta affrontando per venire a capo della sentenza europea. Annunciato l'avvio dei lavori di un comitato consultivo

Roma - David Drummond, vicepresidente Google e responsabile delle questioni legali dell'azienda, interviene sul Guardian per spiegare il ruolo e le difficoltà che il motore di ricerca sta incontrando nel rispettare la sentenza della Corte di Giustizia Europea sul diritto all'oblio. Secondo l'avvocato di Mountain View, la posizione in cui l'Europa ha messo Google è piuttosto scomoda: per questo, in mancanza di indicazioni precise, l'azienda si sta attrezzando per forgiare in autonomia delle linee guida adatte a orientare la sua azione in materia.

Secondo Drummond il punto cruciale è la salvaguardia del diritto all'informazione pur mantenendo il rispetto della privacy e della dignità degli individui: se appare inutile domandarsi cosa fare nel caso di immagini che ritraggono violenze sui minori, apologie del nazismo, contenuti palesemente pirata, ci sono invece molte zone grigie che impongono una riflessione. Ci sono tutti quei casi, e Drummond ne cita alcuni, in cui la decisione è molto difficile senza conoscere appieno il contesto: è giusto rimuovere dall'indice articoli di giornali riguardanti assassini e truffatori? Quando sarebbe giusto farlo? In due mesi casi come questi non sono mancati: 70mila richieste in 60 giorni, 250mila voci segnalate. Google ha implementato un processo sperimentale, con del personale in carne e ossa, per fare fronte a questa novità: ma di certo non è ancora in possesso di una procedura ottimale per venirne a capo.

"Tuttavia - e qui scatta la polemica nelle parole di Drummond - la Corte di Giustizia Europea ha deciso che le persone hanno il diritto di richiedere che informazioni inadeguate, irrilevanti o non più pertinenti, o eccessive siano rimosse dai risultati di ricerca che includono il loro nome. Nel decidere cosa rimuovere, i motori di ricerca devono tenere in considerazione anche il pubblico interesse". Ma, conclude Drummond, "Questi sono, ovviamente, criteri molto vaghi e soggettivi": con l'aggiunta del paradosso secondo cui il motore di ricerca non rientra nella disciplina della "eccezione giornalistica" e dunque deve rimuovere i link a contenuti che, invece, le testate giornalistiche possono continuare a tenere liberamente e serenamente nel proprio archivio.
La posizione di Google è quindi chiara: nel pieno rispetto delle autorità del Vecchio Continente, Mountain View ha individuato un procedimento di richiesta e rimozione del materiale dai propri indici, ma questo non esclude che l'azienda sia in totale disaccordo con quanto stabilito. Spiega Drummond: "Gli esempi che abbiamo visto finora evidenziano i difficili giudizi di valore che i motori di ricerca e la società Europea devono ora affrontare: ex politici che vogliono far rimuovere messaggi che criticano le loro politiche quando erano in carica; criminali violenti che chiedono di cancellare articoli sui loro crimini; recensioni negative su professionisti come architetti e insegnanti; commenti che la gente ha scritto (e che ora si pente di avere scritto). In ciascun caso, qualcuno vuole che siano nascoste delle informazioni, mentre altri potrebbero volerle ben visibili".

A questo punto "La ricerca del giusto equilibrio", come ha intitolato il suo editoriale Drummond, appare un compito complesso: Google ha deciso di appoggiarsi al consiglio e alle indicazioni che verranno da un apposito comitato consultivo da lei stessa istituito per ottenere delle indicazioni utili a dipanare le matasse più ingarbugliate e trovare il modo giusto di rispettare la decisione europea senza penalizzare i cittadini UE. Sono diversi gli stakeholder coinvolti in questo processo: ci sono Google e i motori di ricerca (anche Bing si sta attrezzando), ci sono i navigatori, ci sono coloro i quali chiedono la cancellazione dall'indice delle informazioni che li riguardano, e infine ci sono anche i giornali e i siti che contengono le informazioni stesse. A ciascuno di questi Mountain View deve rendere conto del proprio operato, e Google si è posta il problema di individuare il modo più appropriato per farlo.

Inaugurato anche un sito dedicato all'iniziativa: oltre ai nomi dei componenti del comitato (Eric Schmidt e lo stesso David Drummond per Google, e poi membri di authority, giornali, personaggi noti per il loro impegno nel settore: Sylvie Kauffmann, Lidia Kolucka-Zuk, Sabine Leutheusser-Schnarrenberger, Peggy Valcke, Luciano Floridi, Frank La Rue, José-Luis Piñar e Jimmy Wales) e alla loro biografia, è messo a disposizione un modulo per inviare suggerimenti e indicazioni ai suoi membri. In autunno ci saranno anche delle sedute consultive pubbliche in Europa, nelle quali il comitato sentirà le parti interessate prima di produrre una relazione finale che fisserà il percorso definitivo che Google seguirà nel prosieguo.

Luca Annunziata
Notizie collegate
  • AttualitàDiritto all'oblio, Google è chiamata a riscrivere la storiaDai passati torbidi alle recensioni sgradite, sono numerosissime le domande di rimozione fatte già pervenire a Google. Mountain View, nonostante il disappunto, sta approntando uno strumento apposito per gestirle
  • Diritto & InternetUE: Google sia arbitro dell'oblioI dati personali citati da siti terzi sono anche responsabilità di Google, che li rende accessibili. I cittadini potranno chiedere ai motori di ricerca di scomparire dalla Rete, i motori di ricerca avranno la responsabilità di valutare i diritti in gioco. La sentenza della corte di Giustizia dell'UE
  • AttualitàGoogle inizia a far dimenticareIl team di Mountain View inizia a vagliare le oltre 40mila richieste di rimozione e a consegnare all'oblio i risultati sgraditi ai cittadini europei
10 Commenti alla Notizia Google e il problema dell'oblio
Ordina
  • (come da titolo. c'e' poco da aggiungereCon la lingua fuori )
    non+autenticato
  • > (come da titolo. c'e' poco da aggiungereCon la lingua fuori )

    Sì, ma è il tuo odio viscerale per gli avvocati a parlare in vece tua. Non sei tu.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > (come da titolo. c'e' poco da aggiungereCon la lingua fuori )
    >
    > Sì, ma è il tuo odio viscerale per gli avvocati a
    > parlare in vece tua. Non sei
    > tu.

    Non centra nulla con quanto un legale possa fare più danno di un terrorista dinamitardo.
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Non centra nulla con quanto un legale possa fare
    > più danno di un terrorista dinamitardo.

    Ma l'aspetto peggiore è che, più è bravo a fare questi danni e più ha successo.
  • Condivido decisione è giusto che google cancelli, nasceranno pero sistemi altenrativi di ricerca per scovare quelle info che google non puo esporre in europa, primo fra tutti la navigazione su google in proxy con ip non europei, cosi facendo l'utente potra avere fra i risultati anche quelli apparentemente cancellati che in europa non sono visibili.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 luglio 2014 11.58
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 luglio 2014 11.59
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: giovannifa
    > Condivido decisione è giusto che google cancelli,
    > nasceranno pero sistemi altenrativi di ricerca
    > per scovare quelle info che google non puo
    > esporre in europa, primo fra tutti la navigazione
    > su google in proxy con ip non europei, cosi
    > facendo l'utente potra avere fra i risultati
    > anche quelli apparentemente cancellati che in
    > europa non sono
    > visibili.
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 14 luglio 2014 11.58
    > --------------------------------------------------
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 14 luglio 2014 11.59
    > --------------------------------------------------
    Ma va? Non sapevo proprio esistessero i proxy! Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • guarda che per usare google americano, cinese, russo,africano non serve il proxy basta digitare l'indirizzoA bocca aperta
  • - Scritto da: NemoTizen
    > guarda che per usare google americano, cinese,
    > russo,africano non serve il proxy basta digitare
    > l'indirizzo
    >A bocca aperta
    guarda che se vai su google americano o cinese e navighi da ip europeo i dati non li vedi perche sei in europa.

    se usi un proxy con ip cinese vedi i dati malgrado il diritto all'oblio.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 luglio 2014 15.02
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Alessio
    > - Scritto da: giovannifa
    > > Condivido decisione è giusto che google
    > cancelli,
    > > nasceranno pero sistemi altenrativi di ricerca
    > > per scovare quelle info che google non puo
    > > esporre in europa, primo fra tutti la
    > navigazione
    > > su google in proxy con ip non europei, cosi
    > > facendo l'utente potra avere fra i risultati
    > > anche quelli apparentemente cancellati che in
    > > europa non sono
    > > visibili.
    > >
    > --------------------------------------------------
    > > Modificato dall' autore il 14 luglio 2014 11.58
    > >
    > --------------------------------------------------
    > >
    > --------------------------------------------------
    > > Modificato dall' autore il 14 luglio 2014 11.59
    > >
    > --------------------------------------------------
    > Ma va? Non sapevo proprio esistessero i proxy!
    > Rotola dal ridere

    nel senso che mia nonna non sà cosa è un proxy, intendevo se si diffondesse un automatismo sul browser per navigare in proxy facile facile solo premendo un bottone senza scaricare instalare niente.

    comunque nei forum non ci scrivo piu, ogni volta arriva la zanzara.
  • nel senso che mia nonna non sà cosa è un proxy, intendevo se si diffondesse un automatismo sul browser per navigare in proxy facile facile solo premendo un bottone senza scaricare instalare niente.

    comunque nei forum non ci scrivo piu, ogni volta arriva la zanzara.