massimo mantellini

Contrappunti/ Timida l'Europa, coraggioso Edward Snowden

di M. Mantellini - Trascorsi 12 mesi dalle rivelazioni dell'analista, il Vecchio Continente conferma la sua sudditanza nei confronto dell'alleato USA. Un'altra occasione sprecata

Roma - È passato un anno dalle prime rivelazioni di Edward Snowden e dalla sua fuga prima ad Hong Kong e poi in Russia e, in occasione della richiesta di rinnovo di asilo che l'ex-analista americano ha inviato in questi giorni al governo russo, va notata la quasi completa scomparsa della narrazione giornalistica sul tradimento e sul passaggio dell'agente americano dalla parte dei russi kattivi, comunisti e interessati a carpire i segreti americani. Si trattava del resto di una macchinazione giornalistica puerile e facilmente smontabile fin dall'inizio in un Paese nel quale, anche dopo migliaia di documenti inoppugnabili diffusi dai media, il Segretario di Stato Kerry, giusto qualche giorno fa, ha ripetuto l'invito a Snowden a comportarsi da "uomo" facendosi giudicare da un tribunale americano.

Certo, anche in USA, si sono da tempo affievolite le accuse di alto tradimento, di fatto cancellate dall'evidenza delle vaste ed imbarazzanti aree di eccessiva libertà che i servizi segreti americani avevano negli anni riservato a loro stessi. È di questi giorni la notizia (sempre basata su documenti ottenuti da Snowden) secondo la quale NSA, nell'ambito del proprio prezioso lavoro di osservazione della popolazione mondiale, non solo spiava chiunque, in special modo i cittadini americani, in contrasto con le normative vigenti, ma soprattutto catalogava con accuratezza il nulla: applicando spesso il proprio ampio occhio voyeuristico a conversazioni amorose e foto in bikini di perfetti ed ignari sconosciuti. Non solo: NSA spiava attivisti per i diritti civili, professori universitari e politici americani (come scrive Glen Greenwald in questi giorni) colpevoli solo di occuparsi per ragioni professionali di temi attinenti alla situazione medio-orientali. Insomma quella di NSA si è alla fine mostrata per quello che è: una vergogna di Stato che mina alle basi i principi stessi della democrazia statunitense, coperta da tutti, da Obama in giù, nel tentativo di evitare di peggiorare ulteriormente l'evidenza dei fatti.

Ma se le perplessità tutte americane nei confronti di Snowden sembrano essersi in parte attenuate, non è che in Europa si sia fatto molto di più per difendere reputazione e rivelazioni del whistleblower in esilio in Russia. Se si eccettua la Germania che ha affrontato la questione, pur se a fasi alterne, con un certo cipiglio (nel corso della settimana scorsa Merkel ha espulso il capo della CIA a Berlino), in Italia, Francia ed altrove (per non parlare della Gran Bretagna, legata ai servizi segreti USA da antica e solida collaborazione) le ingerenze pesantissime e continuative di NSA sulle conversazioni dei cittadini, sulle loro frequentazioni Internet e su tutto il resto sono state accolte dai governi con l'indolenza che si riserva ai piccoli problemi. Per amore di paradosso i garanti europei per la privacy si prodigano ormai quotidianamente su questioni, quelle sì marginalissime, come il diritto all'oblio mentre manifestano improvvise e continuate amnesie sulle intrusione americane nelle vite dei cittadini europei.
Ovviamente l'Europa è unita solo sulla carta e l'unione di tante differenti debolezze non ne faranno ancora per molto tempo un soggetto politico coeso. Ed è un peccato, perché una di queste possibili forme di unione che fa la forza sarebbe potuta essere quella di fare fronte comune nei confronti di un cittadino del mondo coraggioso che ha mostrato i giochi sporchi degli spioni americani, magari accogliendolo nel suo territorio senza costringerlo alla imbarazzante permanenza nella Russia del Presidente Putin, non esattamente un attivista dei diritti civili.

Anche il semestre italiano alla guida della UE sarebbe potuta essere un'occasione per rinegoziare certi rapporti di imbarazzante sudditanza nei confronti dell'amico americano, specie su temi, come quello della privacy, nei quali la supremazia culturale europea è netta da decenni. Invece, per quel poco che è dato capire, dalla Venice Declaration, manifesto del semestre digitale italiano in Europa che dovrebbe essere diffuso in questi giorni, l'unico punto con qualche attinenza alla vicenda Snowden sembrerebbe sarebbe quello riferito alla cybersecurity. Troppo tardi e troppo poco, una maniera come un'altra per confermare una sudditanza che non dovremmo accettare e che non è solo banalmente tecnologica ma anche, evidentemente, basata su vecchie tare psicologiche che noi europei preferiamo non affrontare.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo
36 Commenti alla Notizia Contrappunti/ Timida l'Europa, coraggioso Edward Snowden
Ordina
  • Spero di sbagliarmi, ma ho l'impressione che gli USA stiano diventando guerrafondai.
    non+autenticato
  • - Scritto da: silvan
    > Spero di sbagliarmi, ma ho l'impressione che gli
    > USA stiano diventando guerrafondai.

    Ma va...
    Rispetto a quando lanciavano atomiche in giro si son calmati...
    krane
    22544
  • Si son calmati perchè non hanno più the money per lanciare atomiche, altrimenti dovremmo girare tutti in tuta NBC.
    Di fatto spiare tutti costa probabilmente meno e, forse, rende di più.
    878
  • Spiegacelo. Su, dicci cosa dovrebbe fare l'UE, alle prese con una crisi economica della quale - a dispetto delle dichiarazioni ottimistiche che danno da svariati anni la ripresa come "imminente" - non si vede la fine e che condizionerà pesantemente la vita delle prossime generazioni,
    Cosa dovrebbe fare, una guerra commerciale? Non possiamo sostenerla. Una guerra vera, poi, non parliamone.
    Per quanto possa essere pessima la situazione degli USA, Obama sa di essere padrone del mondo e agiscr come tale. Bisogna rendersene conto e comportarsi di conseguenza. Si chiama realpolitik.
    non+autenticato
  • Ma che crisi c'è se le grandi aziende sono ancora lì col loro potenziale produttivo?

    Di che crisi parli, se gli scaffali di tutti i negozi, centri commerciali, supermercati sono ricolmi di prodotti?

    Parli forse della moneta che non c'è perché non circola nelle economie reali, ma solo nelle bolle speculative delle borse?

    Io non riesco a vendere un appartamento perché le banche non hanno dato il mutuo a 15 potenziali clienti. Eppure quelle stesse banche si sono dotate di nuovi apparati di trading online e speculano a tutta forza nelle borse.
    iRoby
    6848
  • - Scritto da: iRoby
    > Ma che crisi c'è se le grandi aziende sono ancora
    > lì col loro potenziale
    > produttivo?
    >
    > Di che crisi parli, se gli scaffali di tutti i
    > negozi, centri commerciali, supermercati sono
    > ricolmi di
    > prodotti?


    Che sempre meno persone possono acquistare.
    Abbiamo milioni di poveri in Italia sai?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome

    > Che sempre meno persone possono acquistare.
    > Abbiamo milioni di poveri in Italia sai?

    ma la crisi deriva da? sono andati a male i raccolti? non mi risulta

    non sarà che i dragasaccocce di Wall Street hanno semplicemente deciso di stringerci il cappio al collo?
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: collione
    >
    > > ma la crisi deriva da?
    >
    > debiti che abbiamo con paesi che ci forniscono
    > l'energia che in Italia non possiamo/non vogliamo
    > produrre?

    banche che sono pescecani?
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • E se mia nonna avesse avuto le ruote sarebbe stata una BMW.
    Il mondo é quello che é, non quello che vorremmo.
    Se il mondo fosse come vorrei io, nessuno dovrebbe soffrire per la povertà, la fame o la violenza. Ci sarebbero giustizia ed eguaglianza.
    Ma non é così.
    La legge del più forte impera, ora e sempre.
    Adattarsi o perire.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > E se mia nonna avesse avuto le ruote sarebbe
    > stata una
    > BMW.
    > Il mondo é quello che é, non quello che vorremmo.
    > Se il mondo fosse come vorrei io, nessuno
    > dovrebbe soffrire per la povertà, la fame o la
    > violenza. Ci sarebbero giustizia ed
    > eguaglianza.
    > Ma non é così.
    > La legge del più forte impera, ora e sempre.
    > Adattarsi o perire.

    grazie per le banalità da prima elementare.
    Hai dimenticato un particolare, però: la ruota gira e a chi tocca tocca.
    non+autenticato
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: collione
    >
    > > ma la crisi deriva da?
    >
    > debiti che abbiamo con paesi che ci forniscono
    > l'energia che in Italia non possiamo/non vogliamo
    > produrre?

    certo, ma se poi vai a guardare il perchè sono state fatte certe scelte, perchè abbiamo svenduto Enel, Telecom, FS, e vai vedere chi erano i politici che l'hanno fatto, di colpo si scoprono collegamenti con oligarchi nostrani e stranieri

    senza contare che ormai ogni Stato è costretto a finanziarsi nella bisca chiamata forex, ovvero un mercato gestito truffaldinamente dai grossi conglomerati finanziari e bancari anglo-americani

    ti dò una sigla che dice tutto: HFT
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • Direi che Obama se l'è proprio meritato questo Nobel.

    A parti invertite sarebbe partita una dichiarazione di guerra. Pensate se fossero stati quelli del KGB a spiare gli ammerregani. O magari il Bundesnachrichtendienst ad ascoltare il telefono di obamino.
    non+autenticato
  • > Direi che Obama se l'è proprio meritato questo
    > Nobel.

    Il programma di intercettazione della NSA è partito molto prima che Obama diventasse presidente:

    http://www.washingtonpost.com/world/national-secur...

    " By September 2004, a new NSA technique enabled the agency to find cellphones even when they were turned off. JSOC troops called this “The Find,” and it gave them thousands of new targets, including members of a burgeoning al-Qaeda-sponsored insurgency in Iraq, according to members of the unit.

    At the same time, the NSA developed a new computer linkup called the Real Time Regional Gateway into which the military and intelligence officers could feed every bit of data or seized documents and get back a phone number or list of potential targets. It also allowed commanders to see, on a screen, every type of surveillance available in a given territory.
    "

    > A parti invertite sarebbe partita una
    > dichiarazione di guerra.

    No. Lo spionaggio non è un casus belli , e non perché sia un'accusa lieve, ma perché sotto sotto tutti vorrebbero poterlo attuare, anche se pochi ne hanno i mezzi.


    > Pensate se fossero stati
    > quelli del KGB a spiare gli ammerregani.

    Lo hanno fatto di sicuro! Rotola dal ridere
    Il KGB non esiste più dal 1991.
  • - Scritto da: Leguleio

    > Il programma di intercettazione della NSA è
    > partito molto prima che Obama diventasse
    > presidente:
    >
    > http://www.washingtonpost.com/world/national-secur
    >

    vero.
    io comunque intendevo questo, ad esempio (lo stesso si applica anche per morti in missione di "pace"):
    http://www.thebureauinvestigates.com/2014/01/23/mo.../

    > No. Lo spionaggio non è un casus belli
    >
    , e non perché sia un'accusa lieve, ma
    > perché sotto sotto tutti vorrebbero poterlo
    > attuare, anche se pochi ne hanno i
    > mezzi.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Cyberwarfare_in_the_U...


    > > Pensate se fossero stati
    > > quelli del KGB a spiare gli ammerregani.
    >
    > Lo hanno fatto di sicuro! Rotola dal ridere
    > Il KGB non esiste più dal 1991.

    ma certo che no. ma immagina se il kgb avesse ascoltato le conversazioni di ObamaOcchiolino
    che non esista dal 91 lo sappiamo, su, non guardare il dito ma la luna...
    non+autenticato
  • > > Il programma di intercettazione della NSA è
    > > partito molto prima che Obama diventasse
    > > presidente:
    > >
    > >
    > http://www.washingtonpost.com/world/national-secur
    > >
    >
    > vero.
    > io comunque intendevo questo, ad esempio

    Come posso capire cosa intendi se commenti in un articolo che parla del programma Prism dell'NSA?!?!



    > > No. Lo spionaggio non è un casus
    > belli
    > >
    , e non perché sia un'accusa
    > lieve,
    > ma
    > > perché sotto sotto tutti vorrebbero poterlo
    > > attuare, anche se pochi ne hanno i
    > > mezzi.
    >
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Cyberwarfare_in_the_U

    Boh, qui non afferro il nesso fra attacchi cibernetici dall'estero e spionaggio, due cose ben diverse. Se vuoi spiegarmelo con parole tue...


    > > > Pensate se fossero stati
    > > > quelli del KGB a spiare gli
    > ammerregani.
    >
    > >
    > > Lo hanno fatto di sicuro! Rotola dal ridere
    > > Il KGB non esiste più dal 1991.
    >
    > ma certo che no. ma immagina se il kgb avesse
    > ascoltato le conversazioni di Obama
    >Occhiolino

    All'epoca uno studente universitario di Harvard e collaboratore di studi di avvocati.



    > che non esista dal 91 lo sappiamo, su, non
    > guardare il dito ma la
    > luna...

    Chiamare KGB il servizio di spionaggio della Russia odierna equivale a chiamare OVRA l'agenzia AISE.
    Non capsisco l'utilità di parlare per metafore, oppure facendo pressappochismi evidenti, quando gli argomenti sono seri.
  • - Scritto da: Leguleio

    > Chiamare KGB il servizio di spionaggio della
    > Russia odierna equivale a chiamare OVRA l'agenzia
    > AISE.
    >
    > Non capsisco l'utilità di parlare per metafore,
    > oppure facendo pressappochismi evidenti, quando
    > gli argomenti sono
    > seri.
    ma rientra nel solito fatto che "gli Usa spiano il mondo, ma i russi non fanno niente... e anche se fanno qualcosa a nessuno fregaSorride" che dicevo gg fa...
    il KGB e' ovviamente morto (come sigla) ma i pezzi sono stati shakerati e trasformati in nuove sigle : FSB principalmente (e SVR e FSO).
    Leggi per spiare a tappeto ci sono da un pezzo (da prima del 2001) ..vedansi lo SORM act (e il seguente)
    C'e' un simpatico libro scritto da un corrispondente del Guardian in russia (lo stesso guardian che scrive un articolo al gg su snowden) che ha scritto, credo 2-3 anni fa, un simpatico libretto sulla russia putiniana chiamato "mafia state"Con la lingua fuori ecc ecc..

    ( Per noi poveri occidentali allergici al cirillico c'e' per es http://agentura.ru/english/, per imparare qualcosa sui russi...
    )
    non+autenticato
  • > > Chiamare KGB il servizio di spionaggio della
    > > Russia odierna equivale a chiamare OVRA
    > l'agenzia
    > > AISE.
    > >
    > > Non capsisco l'utilità di parlare per metafore,
    > > oppure facendo pressappochismi evidenti, quando
    > > gli argomenti sono
    > > seri.
    > ma rientra nel solito fatto che "gli Usa spiano
    > il mondo, ma i russi non fanno niente... e anche
    > se fanno qualcosa a nessuno fregaSorride" che dicevo
    > gg
    > fa...

    Va anche detto che lo spionaggio fra alleati di lunga data è più grave che lo spionaggio fra blocchi contrapposti. Il vantaggio di allearsi è proprio quello di evitare problemi con la Potenza Militare di turno, e poi...
  • - Scritto da: Leguleio
    > Va anche detto che lo spionaggio fra alleati di
    > lunga data è più grave che lo spionaggio fra
    > blocchi contrapposti. Il vantaggio di allearsi è
    > proprio quello di evitare problemi con la Potenza
    > Militare di turno, e
    > poi...

    Probabilmente perchè, alla prova dei fatti, gli USA sono alleati solo di sè stessi: chiunque metta in pericolo "the american way of life" diventa nemico, anche se non necessariamente dichiarato.
    878
  • - Scritto da: Sky
    > - Scritto da: Leguleio
    > > Va anche detto che lo spionaggio fra alleati
    > di
    > > lunga data è più grave che lo spionaggio fra
    > > blocchi contrapposti. Il vantaggio di
    > allearsi
    > è
    > > proprio quello di evitare problemi con la
    > Potenza
    > > Militare di turno, e
    > > poi...
    >
    > Probabilmente perchè, alla prova dei fatti, gli
    > USA sono alleati solo di sè stessi: chiunque
    > metta in pericolo "the american way of life"
    > diventa nemico, anche se non necessariamente
    > dichiarato.

    ...E a quel punto non si capisce perché così tanti paesi europei debbano continuare in questa farsa della Nato, la guerra fredda è finita da un pezzo. Nessun accordo di alleanza è per sempre.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 luglio 2014 14.44
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Leguleio
    > ...E a quel punto non si capisce perché così
    > tanti paesi europei debbano continuare in questa
    > farsa della Nato, la guerra fredda è finita da un
    > pezzo. Nessun accordo di alleanza è per
    > sempre.

    Ecco... l'hai fatto... adesso devo cancellarmi l'account (e forse farmi pure frate francescano)... ma ca%%0!!!

    Son d'accordo al 100.000% con te... *bestemmia*
    878
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Sky
    > > - Scritto da: Leguleio
    > > > Va anche detto che lo spionaggio fra
    > alleati
    > > di
    > > > lunga data è più grave che lo
    > spionaggio
    > fra
    > > > blocchi contrapposti. Il vantaggio di
    > > allearsi
    > > è
    > > > proprio quello di evitare problemi con
    > la
    > > Potenza
    > > > Militare di turno, e
    > > > poi...
    > >
    > > Probabilmente perchè, alla prova dei fatti,
    > gli
    > > USA sono alleati solo di sè stessi: chiunque
    > > metta in pericolo "the american way of life"
    > > diventa nemico, anche se non necessariamente
    > > dichiarato.
    >
    > ...E a quel punto non si capisce perché così
    > tanti paesi europei debbano continuare in questa
    > farsa della Nato, la guerra fredda è finita da un
    > pezzo. Nessun accordo di alleanza è per
    > sempre.
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 17 luglio 2014 14.44
    > --------------------------------------------------

    Perchè se non fai quello che ti dicono il premio nobel per la pace eterna ti piazza un ICMB su per il...
    Capito vero?
    non+autenticato
  • > Perchè se non fai quello che ti dicono il premio
    > nobel per la pace eterna ti piazza un ICMB su per
    > il...
    > Capito vero?

    "Ti"?!? In che modo esattamente?
    I Paesi della Nato al di fuori del Nordamerica sono 26, due hanno l'arma atomica, e il numero di abitanti (e, quindi, il numero di soldati) di qua e di là dell'Atlantico è maggiore. Solo le spese militari sono decisamente sbilanciate a favore degli Usa.
    Se lo scopo di un'alleanza è quella di spiarsi a vicenda...
  • "Se si eccettua la Germania che ha affrontato la questione, pur se a fasi alterne, con un certo cipiglio (nel corso della settimana scorsa Merkel ha espulso il capo della CIA a Berlino)"

    Non è molto felice l'espressione "capo della CIA a Berlino", anche se molti quotidiani lo hanno scritto. Il capo della CIA è uno solo e si chiama John O. Brennan. La persona di cui si parla non è stata nominata nelle cronache, "chief of station" nel linguaggio della CIA indica il responsabile capo di una sede estera.
    http://en.wikipedia.org/wiki/Station_chief

    Essendo costui un diplomatico con immunità, Angela Merkel non lo ha formalmente espulso con una dichiarazione di persona non grata. Lo ha semplicemente invitato a lasciare il Paese.

    "Per amore di paradosso i garanti europei per la privacy si prodigano ormai quotidianamente su questioni, quelle sì marginalissime, come il diritto all'oblio mentre manifestano improvvise e continuate amnesie sulle intrusione americane nelle vite dei cittadini europei."

    Lo spionaggio Usa ai danni di cittadini UE è un reato bello e buono, altro che violazione della privacy. Poi è automatico, ogni atto di spionaggio viola anche la privacy, ma è il danno minore.
    Pensare che i garanti della privacy dei Paesi membri della UE possano contrastare le mosse della NSA è come aspettarsi la lotta alla criminalità organizzata da parte delle guardie forestali.
  • - Scritto da: Leguleio
    > " Se si eccettua la Germania che ha affrontato
    > la questione, pur se a fasi alterne, con un certo
    > cipiglio (nel corso della settimana scorsa Merkel
    > ha espulso il capo della CIA a
    > Berlino)
    "
    >
    > Non è molto felice l'espressione "capo della CIA
    > a Berlino", [...]

    ti concentri su un fuscello e perdi di vista la trave...
    semmai qui l'errore è un altro: la germania in realtà NON ha affrontato la questione... al di là di vacui spot (come certe dichiarazioni della gran signora e come questa espulsione-farsa) la germania era ed è il principale "maggiordomo" USA in europa, sia dal p.d.v. militare che politico e, soprattutto, economico (la cosiddetta "crisi" è stata creata dagli USA per "trasferire" in europa i "costi" dell'economia USA, e la germania fa sì che questo accada...)


    > " Per amore di paradosso i garanti europei per
    > la privacy si prodigano ormai quotidianamente su
    > questioni, quelle sì marginalissime, come il
    > diritto all'oblio mentre manifestano improvvise e
    > continuate amnesie sulle intrusione americane
    > nelle vite dei cittadini europei
    ."
    >
    > Lo spionaggio Usa ai danni di cittadini UE è un
    > reato bello e buono, altro che violazione
    > della privacy.

    questo è giustissimo
    se io (o tu) faccio un ping al sito del governo mi vengono a cercare per tentata intrusione in un sistema informatico... ma se la nsa (o qualsiasi altro schifoso spione di stato) "tampina" i backbone internet o "ascolta" in tempo reale tutte le cominicazioni informatiche dei ministeri, allora invece va tutto bene...

    > Poi è automatico, ogni atto di
    > spionaggio viola anche la privacy, ma è il danno minore.
    >
    > Pensare che i garanti della privacy dei Paesi
    > membri della UE possano contrastare le mosse
    > della NSA è come aspettarsi la lotta alla
    > criminalità organizzata da parte delle guardie
    > forestali.

    giusto anche questo...

    qui semmai va detto anche che in realtà il cosiddetto "garante" funziona solo a senso unico: a essere garantita sono la privacy dei potenti (per es. tutto il discorso sul diritto all'oblio, che se c'è sarà solo per chi ha potere e denaro) e la possibilità di legalizzare il controllo sociale...
    non+autenticato
  • > semmai qui l'errore è un altro: la germania in
    > realtà NON ha affrontato la questione... al di là
    > di vacui spot (come certe dichiarazioni della
    > gran signora e come questa espulsione-farsa)

    Farsa mica tanto: ne hanno parlato tutti i giornali del mondo occidentale. E le persone che costituivano i "contatti" di questa spia Usa sono state arrestate.


    > la
    > germania era ed è il principale "maggiordomo" USA
    > in europa, sia dal p.d.v. militare

    Ti confondi con la Gran Bretagna.
    L'esercito della Germania non è chissà che in termini di equipaggiamento e di effettivi, e la Costituzione ne limita l'uso.


    > che politico
    > e, soprattutto, economico (la cosiddetta "crisi"
    > è stata creata dagli USA per "trasferire" in
    > europa i "costi" dell'economia USA, e la germania
    > fa sì che questo
    > accada...)

    Fonti?

    > qui semmai va detto anche che in realtà il
    > cosiddetto "garante" funziona solo a senso unico:
    > a essere garantita sono la privacy dei potenti
    > (per es. tutto il discorso sul diritto all'oblio,
    > che se c'è sarà solo per chi ha potere e denaro)
    > e la possibilità di legalizzare il controllo
    > sociale...

    A essere garantita è solo la privacy dei cittadini comuni.
    Un personaggio pubblico non gode della protezione del diritto all'oblio, se non su alcune delicatissime questioni.
  • Io credo che nella remotissima e fantascientifica ipotesi di un'offerta d'asilo da parte dell'italia a Snowden, questi farebbe meglio a rifiutarla senza pensarci due volte.
    Visti i nostri precedenti avrebbe la certezza matematica di vedersi rapito o estradato all'insaputa delle istituzioni nel giro di qualche mese.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Io credo che nella remotissima e fantascientifica
    > ipotesi di un'offerta d'asilo da parte
    > dell'italia a Snowden, questi farebbe meglio a
    > rifiutarla senza pensarci due volte.
    > Visti i nostri precedenti avrebbe la certezza
    > matematica di vedersi rapito o estradato
    > all'insaputa delle istituzioni nel giro di
    > qualche mese.

    concordo in pieno
    solo che forse "spariebbe" anche prima... Occhiolino
    non+autenticato