Alfonso Maruccia

Black-out alla conferenza Black Hat sul crack di Tor

Misteriosa cancellazione per uno degli interventi più attesi. Dietro la decisione ci sarebbe il mancato nulla osta da parte dei legali dell'università presso cui il ricercatore è impiegato

Roma - Contrariamente a quanto previsto in precedenza, Alexander Volynkin non andrà alla conferenza Black Hat per mostrare al mondo e agli altri ricercatori come si cracka Tor: l'intervento del ricercatore della Carnegie Mellon University è stato cancellato, a quanto pare perché non provvisto di adeguato via libera da parte dei consulenti legali dell'università.

Volynkin avrebbe dovuto presentare la ricerca condotta assieme Michael McCord, dimostrando praticamente la possibilità di "deanonimizzare" gli utenti e gli indirizzi IP veicolati attraverso la darknet di Tor usando un kit dal valore di appena 3.000 dollari assieme a qualche server "potente" e un paio di link di classe gigabit.

Il materiale della ricerca non è stato approvato dai legali dell'università e pertanto non può essere (ancora) reso pubblico, spiega il sito ufficiale Black Hat, una giustificazione non particolarmente articolata e che, prevedibilmente, ha alimentato una discussione sulle reali motivazioni che si celano dietro la cancellazione dell'intervento di Volynkin.
Non è certo la prima volta che i ricercatori sostengono di poter sfruttare vulnerabilità ignote per bypassare il servizio di anonimizzazione offerto dalla rete a cipola, spiegano gli sviluppatori del progetto Tor, e in passato il dialogo tra ricercatori e programmatori ha permesso di correggere i bachi senza particolari contrasti di sorta tra le due parti. Ma nell'epoca del Datagate Tor ha assunto un'importanza centrale nell'ambito delle tecnologie di comunicazione telematica, e tra le ipotesi che si fanno sul lavoro di ricerca di Volynkin c'è quella che parla di possibili violazioni delle leggi USA sulle intercettazioni e dell'intervento dei legali per evitare guai alla Carnegie Mellon University.

Il blocco della pubblicazione sul lavoro anti-Tor ricorda un evento simile accaduto qualche anno fa alla ricerca sul cracking degli ATM a opera di Barnaby Jack, ricerca prima ritirata dalla conferenza Black Hat a causa delle minacce legali di una società produttrice di ATM e poi presentata l'anno successivo. Barnaby Jack è scomparso l'anno scorso in circostanze misteriose, giusto prima di intervenire alla solita conferenza Black Hat con uno speech sull'hacking degli impianti biomedici.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • SicurezzaEcco come si cracca il BancomatPubblica dimostrazione di un esperto in sicurezza informatica. Basterebbero due semplici tool per ottenere il controllo della macchina. Tutto in remoto. Colpa di programmatori poco accorti?
  • SicurezzaGli hacker dell'automotiveEsperti di sicurezza partecipanti alla nuova conferenza Def Con metteranno in mostra il loro lavoro sull'hacking automobilistico, prendendo di mira due specifici modelli di auto marcate Ford e Toyota. Che si difendono: il rischio è basso
18 Commenti alla Notizia Black-out alla conferenza Black Hat sul crack di Tor
Ordina