Alfonso Maruccia

Esplorando il corpo umano con Google

Nuovo progetto sperimentale di Mountain View dedicato allo studio di un corpo umano "sano", un riferimento genetico-molecolare che in futuro dovrebbe aiutare a prevenire acciacchi e malattie. Sperando non faccia la fine di Health

Roma - L'ultimo progetto di ricerca di Google - divisione "X" - si chiama "Baseline Study", e si pone come obiettivo la formulazione dei parametri di un corpo umano in perfetta salute. Sul lungo periodo lo studio dovrebbe servire a migliorare la prevenzione delle malattie, anche se non è escluso che a Mountain View trovino il modo di costruirci attorno un prodotto commerciale dedicato alla salute.

Nell'ambito dello studio Baseline, Google ha in programma di estrarre informazioni molecolari e genetiche di base - rigorosamente in forma anonima, dicono da Mountain View - da un gruppo inizialmente composto da 175 persone, mentre "migliaia" di altri soggetti verranno analizzati in un momento successivo.

Lo studio sottoporrà le "cavie" a esami con la raccolta di fluidi corporali come sangue e saliva, e i primi dati estrapolati dal team di Google verranno forniti ai ricercatori della Duke University e della Stanford University per estendere ulteriormente il campione da analizzare.
Sintetizzando un modello ideale di corpo in salute privo di difetti o malattie, spiegano i ricercatori, sarà in futuro possibile identificare eventuali anomalie molto prima di quanto possibile al momento; l'industria farmaceutica potrebbe avvantaggiarsi del nuovo paradigma rivolgendo le proprie attenzioni particolari alla prevenzione piuttosto che al trattamento delle malattie quando queste sono già in corso.

Lo studio Baseline rappresenta solo l'ultimo di una serie di contatti tra Google e la salute umana protrattisi nel corso degli anni, un rapporto in cui già rientrano l'oramai abbandonato progetto Google Health, l'investimento di Larry Page in Calico e la start-up delle analisi genetiche 23andMe.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Esplorando il corpo umano con Google
Ordina