Claudio Tamburrino

Spagna, link a pagamento

Approvata una legge che impone il pagamento di un balzello da parte di tutti i siti che linkano a contenuti editoriali giornalistici. Restano da chiarire le modalitÓ di applicazione della nuova tassa, giÓ soprannominata Google Tax

Spagna, link a pagamentoRoma - La questione della proprietà intellettuale online ha preso una strana piega in Spagna: bisognerà pagare per le citazioni delle parole altrui negli articoli online. A dirlo - spiazzando gli osservatori di tutto il mondo che restano in attesa delle modalità di applicazione della novità - una legge che introduce il cosiddetto "canone AEDE", ma che è già stata soprannominata "tassa Google" (tasa Google) dalla stampa spagnola.

Essa introduce il diritto a favore degli editori di ottenere il pagamento di royalty da qualsiasi sito che offra link a propri contenuti con "una descrizione significativa" del lavoro cui si è indirizzati. A spingere verso questa misura, in particolare, la collecting society spagnola da cui prende il nome, AEDE: a nulla sono valse le proteste degli osservatori e le osservazioni presentate da Google già a febbraio.

In generale i siti spagnoli, dai blog agli aggregatori di notizie, che conterranno link da una fonte ad aggiornamento periodico saranno sottoposti al nuovo balzello, un tentativo peraltro già fatto in Francia e Germania per far ottenere ai giornali in crisi di introiti nuova linfa da Google News e gli altri operatori online. Il Governo, infatti, ha già specificato che la misura non riguarderà tutti quei link e quei commenti ospitati da social network come Twitter e Facebook, ma per il resto non ha specificato da chi sarà dovuto tale pagamento: così com'è stato partorito il canone AEDE appare poter riguardare anche i motori di ricerca in generale e siti come Digg e Reddit (che però potrebbero rientrare nella definizione di social network).
Oltre da chi e per cosa la nuova legge pretende il pagamento, sono diverse le questioni lasciate in sospeso dal legislatore iberico: a quanto ammontano le royalty dovute? Cosa significa "descrizione significativa" del contenuto? Altre questioni che rimangono in sospeso riguardano poi le eventuali dispute relative all'applicazione della legge e la definizione dell'autorità chiamata a far applicare la nuova richiesta, con la possibilità di elargire multe fino a 300mila euro. Se, infatti, a gestire gli incassi sarà il CEDRO (Centro Espanol de Derechos Reprogrßficos), sia per gli associati che per i non associati, agli osservatori sembra improbabile possa anche fungere da arbitro nelle eventuali dispute.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
37 Commenti alla Notizia Spagna, link a pagamento
Ordina
  • Google non sarà il massimo della correttezza (per carità!), ma trova spesso l'uovo di colombo per fornire servizi (apparentemente) utili al pubblico e redditizi per sè (più o meno un trojan!).
    Le testate giornalistiche si aggregano a quelle categorie di falliti che. visto proprio il loro stato fallimentare, non sanno più a cosa aggrapparsi e cercano di ricavare sul... fumo.
    Come ci si porrà per gli URL shortener? La legge li contemplerà? Perché, per esempio, se fosse fatta in Italia sono sicuro che qualcuno dimenticherebbe tale cavillo salvo poi interpellare la "chiara volontà del legislatore". In Spagna non so come funziona l'ordinamento giuridico e non mi pronuncio, ma credo che anche lì la legge debba definire "puntualmente" e "senza essere fumosa" ogni dettaglio.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 luglio 2014 16.43
    -----------------------------------------------------------
    H5N1
    1641
  • e pagare per ogni link con annesse notizie.

    Solo per i siti che vogliono essere pagati:
    Non so, una cosa del tipo, google paga 10 euro per ogni link, solo che il titolare del link per essere inserito nel motore di ricerca deve pagarne 11.
  • sarà sufficiente che il search di google filtri tutti i contenuti editoriali giornalistici. Se uno conosce il link bene altrimenti il sito non sarà più "visibile" tramite il search di Google. A questo punto Google farà pagare chi vorà essere visibile. Non vedo il problema.
    non+autenticato
  • E' proprio vero che la madre degli imbecilli è sempre incinta... Ma si rendono conto che tale legge è inapplicabile?
    1. Quale sarebbe la "completezza" della descrizione oltre cui scatta l'obbligo di pagare?
    2. Posso a questo punto fare una descrizione molto completa (copio o quasi l'articolo) cito la fonte ma non metto il link... sono in regola?
    3. La cosa più semplice, sposto i server dell'aggregatore fuori dai confini spagnoli e tanti saluti, voglio proprio vederli a censurare DNS, abbiamo visto come funziona bene con la Baia!
    Almeno non hanno l'equo compenso!
  • Come tutti i cittadini europei sono socio finanziatore di Real Madrid e Barcellona e non hanno mai avuto la buona creanza di mandarmi almeno un bigliettoTriste
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)