Claudio Tamburrino

Google, automatismi diffamanti

Tribunale di Hong Kong accoglie una denuncia nei confronti di Big G: avrebbe diffamato attraverso il suo servizio di completamento automatico delle parole ricercate, basato sulle ricerche pių popolari operate dai netizen

Roma - Secondo la Corte Suprema di Hong Kong Google può essere denunciata per le associazioni effettuate in automatico dal suo motore di ricerca.

Il sistema automatico di suggerimenti offerti da Mountain View al momento della digitazione nel box di ricerca della sua homepage già in passato è stato al centro di diverse azioni in diversi paesi: mentre, per esempio, il Tribunale di Milano ha ritenuto Big G non responsabile del contenuto di tali associazioni, in Giappone ed in Germania Google è stata condannata a correggere la funzione e a pagare i danni ai diretti interessati.

A portare avanti la nuova accusa per diffamazione legata al servizio di autocomplete di Google davanti ai tribunali di Hong Kong è stato l'imprenditore Albert Yeung Sau-shing: a non piacergli, il fatto che quando gli utenti usano la versione inglese o quella cinese del motore di ricerca per cercare il suo nome, Big G suggerisca parole chiave come "triade", "Sun Yee On" e "14K", nomi di bande associate alla mafia cinese.
Il magnate chiede a Mountain View di rimuovere tale suggerimento e pagare i danni; da parte sua, Google afferma che si tratta solo del risultato dell'algoritmo legato alle ricerche più frequentemente effettuate attraverso il suo servizio.

La Corte di Hong Kong - tuttavia - ha dato per il momento ragione all'accusa, ignorando l'appunto di Mountain View secondo cui non vi sarebbe alcun tipo di intervento o manipolazione umana, ed ha al contrario parlato di "dati ed aggregazioni" da parte Google, che per questo può essere considerata a tutti gli effetti un "editore", in quanto tale denunciabile per diffamazione.

Secondo gli avvocati di Google, naturalmente, questo significa minacciare "la base stessa di Internet", soprattutto se significa richiedere ai motori di ricerca di controllare i contenuti che possono essere resi accessibili.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
8 Commenti alla Notizia Google, automatismi diffamanti
Ordina
  • "La Corte di Hong Kong - tuttavia - ha dato per il momento ragione all'accusa, ignorando l'appunto di Mountain View secondo cui non vi sarebbe alcun tipo di intervento o manipolazione umana, ed ha al contrario parlato di "dati ed aggregazioni" da parte Google"".

    Da parte di Google.
    Mi piacerebbe sapere se un giorno Google associasse ai nomi Brin e Page "infanticida", "stupratore di bambini", "al Qaida" "cerebroleso", e solo termini del genere, non si affretterebbero a correggere i tanto idolatrati algoritmi.

    Molti informatici non si rendono conto che le loro macchine le consultano gli umani, non altri computer. Che importanza vorranno mai accordare al fatto che è un algoritmo automatico? Se questo algoritmo fa più danni che altro, aboliscano il completamento automatico. Un tempo nemmeno c'era, e Google funzionava benone.
  • e tu non ti rendi conto che quelle associazioni, le macchine, le imparano dagli umani che le consultano
    non+autenticato
  • > e tu non ti rendi conto che quelle associazioni,
    > le macchine, le imparano dagli umani che le
    > consultano

    Non si sa, in realtà. Google non ha mai divulgato le specifiche dei suoi algoritmi. Segreto industriale.

    Ma anche se fosse, si tratta della diffusione di un pregiudizio bello e buono, che in molti casi, non tutti, costituisce diffamazione. Se alla voce Dobermann viene fuori "abbattimento età 3 anni", è perché molti cercano conferme o smentite a quella che è una leggenda urbana (e spero che trovino le smentite). Lo scopo del completamento automatico non deve essere diffondere una leggenda urbana anche presso coloro che non la conoscevano.
    Analogamente, non deve essere quello di divulgare una diceria o un pettegolezzo su di una persona presso un pubblico che questa persona la conosce appena, e non ne aveva mai sentito parlare.
  • come fa un sistema automatico, senza capacità d'intendere e di volere, a diffamare qualcuno?
    non+autenticato
  • > come fa un sistema automatico, senza capacità
    > d'intendere e di volere, a diffamare
    > qualcuno?

    Chiedilo ai vari qualcuno che hanno sporto querela in varie parti del globo:

    http://tinyurl.com/lytwx4j

    Loro devono solo mostrare che c'è diffamazione. La questione dell'algoritmo è cosa che interessa i commentatori di PI, non la legge, né il giudice (in genere).
  • - Scritto da: Leguleio
    > > come fa un sistema automatico, senza capacità
    > > d'intendere e di volere, a diffamare
    > > qualcuno?
    >
    > Chiedilo ai vari qualcuno che hanno sporto
    > querela in varie parti del
    > globo:
    Non ti pare un pochino tautologico chiederlo a chi ha sporto querela è evidente che credono di avere già la risposta altrimenti perchè avrebbero sporto querela?

    >
    > http://tinyurl.com/lytwx4j
    >
    > Loro devono solo mostrare che c'è diffamazione.
    No errato devono anche dimostrare che è di Google la responsabilità della diffamazione altrimenti agivano contro ignoti non contro Google.

    > La questione dell'algoritmo è cosa che interessa
    > i commentatori di PI, non la legge, né il giudice
    > (in
    > genere).
    Purtroppo invece gli interessa perchè deve trovare delle responsabilità
    sempre che ci siano il che per inciso è tutto da dimostrare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > > come fa un sistema automatico, senza capacità
    > > d'intendere e di volere, a diffamare
    > > qualcuno?
    >
    > Chiedilo ai vari qualcuno che hanno sporto
    > querela in varie parti del
    > globo:
    >
    > http://tinyurl.com/lytwx4j
    >
    > Loro devono solo mostrare che c'è diffamazione.
    > La questione dell'algoritmo è cosa che interessa
    > i commentatori di PI, non la legge, né il giudice
    > (in
    > genere).

    Purtroppo siamo abituati a leggi ottuse che si prestano a qualunque interpretazione (penso anche per alimentare gli avvocatastri) ed a giudici altrettanto ottusi e/o perseguenti interessi di parte oltre che personali.

    "come fa un sistema automatico, senza capacità d'intendere e di volere, a diffamare qualcuno?"

    Ma non eri tu cha da qualche parte affermavi che per essere colpevolizzati occorreva magari oltre alla maggiore età anche la capacità di intendere e di volere?

    Ma allora è vero che gli azzeccagarbugli nonchè gli onnipotenti giudici al di sopre di ogni cosa possono tirare dalla parte che vogliono quei guazzabugli di bizantinismi italici chiamate leggi?
    non+autenticato
  • > > Chiedilo ai vari qualcuno che hanno sporto
    > > querela in varie parti del
    > > globo:
    > >
    > > http://tinyurl.com/lytwx4j
    > >
    > > Loro devono solo mostrare che c'è diffamazione.
    > > La questione dell'algoritmo è cosa che interessa
    > > i commentatori di PI, non la legge, né il
    > giudice
    > > (in
    > > genere).
    >
    > Purtroppo siamo abituati a leggi ottuse che si
    > prestano a qualunque interpretazione (penso anche
    > per alimentare gli avvocatastri) ed a giudici
    > altrettanto ottusi e/o perseguenti interessi di
    > parte oltre che
    > personali.

    Traduzione: "non mi piace questa legge, non mi piacciono queste decisioni, e allora sparo a zero sugli avvocati e sui ricorrenti".



    > "come fa un sistema automatico, senza capacità
    > d'intendere e di volere, a diffamare qualcuno?"
    >
    >
    > Ma non eri tu cha da qualche parte affermavi che
    > per essere colpevolizzati occorreva magari oltre
    > alla maggiore età anche la capacità di intendere
    > e di volere?

    Essere colpevolizzati?????
    Ripassa l'italiano, con un buon dizionario eventualmente, perché stai scrivendo frasi senza senso.



    > Ma allora è vero che gli azzeccagarbugli nonchè
    > gli onnipotenti giudici al di sopre di ogni cosa
    > possono tirare dalla parte che vogliono quei
    > guazzabugli di bizantinismi italici chiamate
    > leggi?

    Sì, è vero.
    Le leggi c'erano quando sei nato, e ci saranno quando te ne andrai. Sputa pure il tuo fiele su questo forum e su altri: non cambierà nulla. Le leggi rimangono come sono.