Claudio Tamburrino

Cina, il sistema operativo autarchico è quasi pronto

In autunno il China OS versione desktop dovrebbe essere pronto. Poi toccherà anche a tablet e smartphone, entro non più di un paio d'anni

Roma - La Cina potrebbe perfezionare entro il prossimo ottobre il nuovo sistema operativo dedicato ad ogni tipo di dispositivo, supportato dalle autorità ed indipendente dai produttori stranieri. L'idea che si sta concretizzando è il sogno del governo di Pechino da anni, e già a gennaio la Cina aveva parlato concretamente della volontà di diventare autarchici dal punto di vista del software.

Negli ultimi mesi era diventata sempre più un'impellenza: sempre più tesi i rapporti informatici con gli Stati Uniti - con gli hacker cinesi accusati davanti ai tribunali a stelle e strisce di spionaggio - e sempre più chiara la volontà di Pechino di ridurre al massimo la presenza e l'influenza delle aziende straniere, da Microsoft ad Apple, passando in generale per tutti i software di provenienza estera.

L'obiettivo è ora quello di rimpiazzare i sistemi operativi esistenti entro uno o due anni a livello desktop, ed entro tre-cinque anni per quanto riguarda il mobile: l'OS del governo di Pechino sarà inizialmente disponibile in versione desktop e solo successivamente arriverà anche per smartphone e altri dispositivi mobile.
Per il momento non ci sono invece nuovi dettagli sul nome e sulle caratteristiche, a parte sapere che avrà uno store di app dedicato: le ultime indiscrezioni parlavano di una presentazione all'estero con il nome China Operating System (COS), e che si tratta del frutto di un investimento del governo nella ricerca condotta dall'Accademia Cinese delle Scienze e dal partner Liantong Network Communication Technology, apparentemente con il supporto di HTC, che avrebbe prestato l'hardware necessario ai test.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
34 Commenti alla Notizia Cina, il sistema operativo autarchico è quasi pronto
Ordina
  • Anni fa, il Brasile ha fatto questo esperimento, chiudendo l'importazione per un decennio a sw stranieri inclusi tutti gli OS, office, gestionali.
    Risultato: una generazione di programmatori eccellenti, ma anche un ritardo tecnologico importante che alla fine hanno determinato la riapertura del mercato con la fuoriuscita all'estero di tutta la generazione di programmatori.
    Non c'è verso, a prescindere dell'orgoglio nazionale, l'apertura e la collaborazione sono le cose che ti tengono allineati tecnologicamente, altrimenti rimani indietro pian piano.
  • che io ricordi, il Brasile avviò un progetto per la diffusione di software opensource a partire dalla PA e dalle università

    ma non mi pare abbiano mai chiuso il loro mercato
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > che io ricordi, il Brasile avviò un progetto per
    > la diffusione di software opensource a partire
    > dalla PA e dalle università

    > ma non mi pare abbiano mai chiuso il loro mercato

    Nelle ultime elezioni il voto era elettronico su linux.
    non+autenticato
  • appunto, hanno lavorato per diffondere l'opensource, ma non hanno mai chiuso il loro mercato
    non+autenticato
  • questo ultimamente, infatti la PA pensava aprire a linux ed openoffice,
    ma nei novanta, loro erano mercato chiuso.
  • - Scritto da: claudioabad
    > questo ultimamente, infatti la PA pensava aprire
    > a linux ed
    > openoffice,
    > ma nei novanta, loro erano mercato chiuso.

    ma allora nemmeno si parlava d'informatica in Brasile, erano appena usciti da una dittatura, figurati se s'impelagavano in discussioni su open, closed, NSA
    non+autenticato
  • Uhm... mica tanto. C'erano (e ci sono tutt'ora) validi programmatori.
    Gente che ti convince di quanto ne sa con 4 righe di codice.
    non+autenticato
  • credo che solo uno stato cmunista con migliaia di programmatori possa sfornare un sistema operativo nuovo di zecca,
    dovrebbero chiudere 5000 programmatori per 5 anni finche non sfornano una cosa valida, e pure in europa dovremmo almeno tentare di fare una cosa totalmente nuova,
    non+autenticato
  • - Scritto da: get the facts

    > europa dovremmo almeno tentare di fare una cosa
    > totalmente
    > nuova,

    tipo tirare fuori le palle?

    ma non succederà mai finchè i "leader" europei saranno ricattati dalla NSA
    non+autenticato
  • possono ad esempio partire da Skyos tutto il linguaggio macchina
    tutto fatto in assembler, baste con ste schifezze fatte in c!
    i veri nerd fanno tutto in assembler !direttamente in codice esadecimale
    non+autenticato
  • - Scritto da: capitan farlock
    > possono ad esempio partire da Skyos tutto il
    > linguaggio
    > macchina
    > tutto fatto in assembler, baste con ste schifezze
    > fatte in
    > c!
    > i veri nerd fanno tutto in assembler
    > !direttamente in codice
    > esadecimale


    se si fan pure l hardware magari riescono pure Sorride , o posson rimarchiare quello apple che non ha varie tipologie
    non+autenticato
  • - Scritto da: sys64738
    > - Scritto da: capitan farlock
    > > possono ad esempio partire da Skyos tutto il
    > > linguaggio
    > > macchina
    > > tutto fatto in assembler, baste con ste
    > schifezze
    > > fatte in
    > > c!
    > > i veri nerd fanno tutto in assembler
    > > !direttamente in codice
    > > esadecimale
    >
    >
    > se si fan pure l hardware magari riescono pure
    > Sorride , o posson rimarchiare quello apple che non
    > ha varie
    > tipologie

    Essendo un minimo furbi, avranno scelto per l'evoluzione della già sviluppata Fan Linux Red Flag e ci avranno costruito sopra (questo stando a quanto avevo sentito), avendo i sorgenti di tutto quanto.

    Lato hardware credo stiano usando il Dragon, una CPU sviluppata da una specie di demo ma portata quasi agli standard odierni. Ricordo che Intel gli fece causa per questo ma, adducendo la motivazione che gli schemi del Dragon erano di fatto pubblici (usati per insegnare agli ingegneri nelle università), se ne fregarono e continuarono lo sviluppo.

    E' quello che dovremmo fare noi in UE: abbiamo la capacità di costruire CPU (Siemens, ST microelettronics, ecc.) e Linux di fatto l'abbiamo creato noi. Sarebbe il momento di sviluppare in questo senso.
    878
  • > E' quello che dovremmo fare noi in UE: abbiamo la
    > capacità di costruire CPU (Siemens, ST
    > microelettronics, ecc.) e Linux di fatto
    > l'abbiamo creato noi. Sarebbe il momento di
    > sviluppare in questo
    > senso.

    Precisiamo: l'ha creato un finlandese che oggi vive negli Usa, per lavorare alla fondazione Linux, che sta in california, chissà perché.
    E nelle classifiche internazionali del rendimento scolastico la Finlandia è sempre ai primissimi posti; chissà perché.
  • - Scritto da: capitan farlock
    > possono ad esempio partire da Skyos tutto il
    > linguaggio
    > macchina
    > tutto fatto in assembler, baste con ste schifezze
    > fatte in
    > c!
    > i veri nerd fanno tutto in assembler
    > !direttamente in codice
    > esadecimale

    skyos era scritto in c e c++

    sono menuet, kolibri e infinity ad essere scritti in assembly
    non+autenticato
  • ...o meglio ancora supportare progetti indipendenti che già esistono, come ReactOS.

    Qualche anno fa proposi addirittura di destinare i denari della multa EU a Microsoft per questo scopo...
    non+autenticato
  • Anche la Russia ha annunciato un progetto simile a quello cinese, sempre basato su Linux; ovviamente, come è stato già scritto da altri, si tratterà di SO governativi attraverso i quali sarà possibile spiare i cittadini di quei Paesi (come del resto già fanno gli USA con Windows). Ma questi sono cavoli loro; la cosa importante è che si sta parlando di mercati giganteschi, capaci di far impennare la diffusione di Linux nel mondo. Come conseguenza, i produttori di hardware e software saranno costretti finalmente ad accorgersi del Pinguino, mentre sino ad ora si erano piegati alle pratiche torbide con le quali Microsoft ha invaso il mercato mondiale, impedendo qualsiasi forma di libero mercato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > Anche la Russia ha annunciato un progetto simile
    > a quello cinese, sempre basato su Linux;

    mah, la Russia in verità annuncia si e no il 10% delle cose che fa

    hanno annunciato un progetto di OS linux-based per la PA, ma poi hanno già in produzione un OS custom per i sistemi militari

    mi sa che in Russia gli unici ad usare windows sono gli utenti privati

    > sarà possibile spiare i cittadini di quei Paesi
    > (come del resto già fanno gli USA con Windows).

    dipende, mica tutti c'hanno il patriot act che li protegge

    per esempio i bacchettoni occidentali stanno tuonando contro la legge che impone la registrazione dei blog in Russia

    ma una legge del genere sarebbe inutile, se la Russia avesse la capacità di attuare procedure di deep packet inspection come fa la NSA

    > Ma questi sono cavoli loro; la cosa importante è
    > che si sta parlando di mercati giganteschi,
    > capaci di far impennare la diffusione di Linux
    > nel mondo. Come conseguenza, i produttori di

    il vero vantaggio per linux sarebbe un miglior supporto hardware o l'ingresso sul mercato di altri produttori di hardware linux-compatibile e probabilmente con driver opensource
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > mi sa che in Russia gli unici ad usare windows
    > sono gli utenti
    > privati

    Ovvio, e con il 100% di software pirata.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: collione
    > > mi sa che in Russia gli unici ad usare
    > windows
    > > sono gli utenti
    > > privati
    >
    > Ovvio, e con il 100% di software pirata.

    può darsi, ma non è che in Ita(g)lia stiamo messi molto meglio
    non+autenticato
  • Ovvio, tanto al privato nessuno va a controllare le licenze.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > Anche la Russia ha annunciato un progetto simile
    > a quello cinese, sempre basato su Linux;
    > ovviamente, come è stato già scritto da altri, si
    > tratterà di SO governativi attraverso i quali
    > sarà possibile spiare i cittadini di quei Paesi
    > (come del resto già fanno gli USA con Windows).

    Ma non è vero!
    In tutti gli articoli su queste iniziative di Russia e Cina si parla di sostituire i sistemi governativi con sistemi operativi autarchici che non abbiano backdoor.

    Non ci sono sistemi spia nei sistemi governativi, non c'è nulla da spiare. Ma anzi garantire la sicurezza degli uffici.

    Se ne faranno versioni per i cittadini con spyware governativi è un altro discorso. Starà ai cittadini decidere quale "spiatura" scegliere dato che Windows, Linux, MacOS ecc. saranno ancora in vendita e i cittadini potranno scegliere.
    iRoby
    6904
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > Anche la Russia ha annunciato un progetto simile
    > a quello cinese, sempre basato su Linux;
    > ovviamente, come è stato già scritto da altri, si
    > tratterà di SO governativi attraverso i quali
    > sarà possibile spiare i cittadini di quei Paesi
    > (come del resto già fanno gli USA con Windows).
    > Ma questi sono cavoli loro; la cosa importante è
    > che si sta parlando di mercati giganteschi,
    > capaci di far impennare la diffusione di Linux
    > nel mondo. Come conseguenza, i produttori di
    > hardware e software saranno costretti finalmente
    > ad accorgersi del Pinguino, mentre sino ad ora si
    > erano piegati alle pratiche torbide con le quali
    > Microsoft ha invaso il mercato mondiale,
    > impedendo qualsiasi forma di libero
    > mercato.

    Anche se useranno il Pinguino non ci sarà alcun ritorno per la comunità, esattamente come Amazon non fornisce alcun ritorno a Google per lo sfruttamento di Android.
    ruppolo
    33147
  • male, ogni contributo porta acqua al tuo mulino. Più contribuisci più puoi dirigere lo sviluppo di un progetto OS verso le tue esigenze.
    non+autenticato
  • fai confusione come al solito

    innanzitutto Amazon è una delle pochissime corporations che usa l'opensource ma non collabora

    in secondo luogo se Amazon fa una modifica al kernel, col cavolo che poi non deve contribuire

    il problema è, come al solito, la presenza di licenze bsd e mit, che permettono di usare ma non contribuire

    ragion per cui la gpl è la migliore licenza in circolazione se si vuole che l'ecosistema open continui a svilupparsi in maniera sana
    non+autenticato
  • La Cina se le presa tanto con MS per aver abbandonato il supporto a Windows XP poi a accusato Microsoft che Windows 8 è un S.O. spione della NSA. In compenso non hanno giudicato più' di tanto Windows 7 che comunque è in commercio ormai da 5 anni che la CINA sa qualcosa che noi non sappiamo?
    non+autenticato
  • http://arstechnica.com/gadgets/2014/08/xiaomi-mi4-.../

    Non ci vuole poi così tanto a partire da una base opensource (linux, android) e farsi una versione in casa.
  • L'interfaccia visibilmente è meglio del Flat che ha preso apple negli ultimi anni.
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > L'interfaccia visibilmente è meglio del Flat che
    > ha preso apple negli ultimi
    > anni.

    Infatti. Molto meglio
  • bah, sul design dello smartphone ok, ma sulla gui sbagliano di grosso

    la miui è sempre stata così, ovviamente l'ultima release è stata "flatizzata" e somiglia alla gui di ios 7 perchè è apple che si è "ispirata" a miui

    prendi la gui di ios 7, rendila 3d e otterrai la gui di miui 5
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacGeek
    > http://arstechnica.com/gadgets/2014/08/xiaomi-mi4-

    Bello bello. Se va avanti così il mio prossimo smartphone sarà uno Xiaomi.
    Diranno che è copiato da iphone, ma #fottesega
    Funz
    12946
  • - Scritto da: Funz

    > Diranno che è copiato da iphone, ma #fottesega

    ma pure il colore del cielo è copiato da quello dell'icona del meteo di iosA bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)