Alfonso Maruccia

Mondo tablet, avanti adagio

IDC prevede una crescita decisamente ridotta per il mercato delle tavolette, un settore che soffre il prevedibile calo della domanda nelle nazioni più sviluppate e una riduzione dei profitti in quelle emergenti. E' l'era post-PC, bellezza

Roma - L'era post-PC sta per andare in pensione, almeno stando a quanto stima IDC: le ultime previsioni della società di analisi per il mercato dei tablet parla di una crescita, nel 2014, del 6,5 per cento - un dimezzamento netto rispetto al +12,1 per cento previsto inizialmente.

I tablet e i sistemi ibridi 2-in-1 (tablet+tastiera fisica) commercializzati quest'anno ammonteranno a 233,1 milioni, preconizza IDC, con un mercato che deve fare i conti con il crollo della domanda nelle economie sviluppate e una riduzione dei profitti in quelle in via di sviluppo.

Gli utenti "ricchi" hanno oramai già tutti i tablet che vogliono, suggerisce IDC, mentre quelli dei paesi meno sviluppati dimostrano ancora vivo interesse per questo genere di gadget ma non pesano altrettanto, in quanto a profitti.
Se il mercato dei tablet rallenta la crescita esplosiva degli ultimi anni, quello ancora più maturo dei PC migliora sensibilmente: il calo delle vendite per il 2014 sarà solo di 3,7 punti percentuali contro il -6 per cento previsto inizialmente, dice ancora IDC, con 303,5 milioni di unità che si stima verranno commercializzate in totale.

A spingere la ripresa nelle vendite di computer è l'aggiornamento del parco macchine basate su Windows XP, sostiene IDC, oltre alla crescente popolarità dei terminali Internet e Google-dipendenti noti come Chromebook. Un tipo di prodotto richiesto soprattutto nel settore dell'istruzione, e in continua evoluzione sia sul fronte delle prestazioni che dei consumi.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • HardwareStream, il Chromebook HP in salsa WindowsPrezzo minimo, dotazione in linea con l'omologo Chrome OS. Sarà la carta che Microsoft giocherà a Natale per rilanciare la sorte delle sue finestre?
  • TecnologiaTegra K1 ora anche su ChromebookAcer presenta il suo nuovo terminale Internet-dipendente basato sul SoC di NVIDIA. I Chromebook saranno sempre più popolari, prevedono gli analisti di Gartner, ma continueranno a rappresentare un mercato di nicchia
  • HardwareAcer ha il suo ChromeboxIl nuovo CXI è un dispositivo con hardware di tutto rispetto e un prezzo molto contenuto. Il marchio taiwanese prova a battere seriamente la strada Chrome OS
  • BusinessMercato PC, recuperano anche i laptopNuove analisi di mercato confermano il cambio di passo nelle vendite dei Personal Computer, contro un settore dei gadget che soffre la saturazione e l'inutilità percepita dell'upgrade. Per i colossi ormai affermati dell'era post-PC saranno guai?
140 Commenti alla Notizia Mondo tablet, avanti adagio
Ordina
  • Saltato totalmente il tablet che non serve a un piffero, preferisco associare ad un buon laptop leggero un Kindle Paperwhite.
    Il laptop lo uso per lavoro e programmazione e il Kindle per portare con me la mia biblioteca di libri tecnici e non...

    E su Calibre per il PC ho installato il DeDRM plugin (c'è anche per il Calibre per Ubuntu) e mi sproteggo al volo i libri comprati su Amazon per prestarli a parenti e amici in formato azw sprotetto o convertito in mobi.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 settembre 2014 23.24
    -----------------------------------------------------------
    iRoby
    6911
  • il tablet... ma poi mi son preso un laptop 12".
    (volendo lenovo faceva anche il modello con touch screen, del mio laptop, che non ho preso volutamente.)
    un tablet è un gadget e tutti quelli che ho visto che se lo sono presi è per "giochicchiarci" mentre sono a spasso.
    gente che LAVORI con un tablet non ne conosco.
    Mouse e tastiera e se LAVORI vai via veloce...
    del touch screen sul mio laptop.. non saprei cosa farmene, sinceramente.
    Se non "fare il figo con gli amici" e mostrare "il touch screen".
    Mi sembra una tecnologia per "impediti digitali". A bocca aperta
    Una sorta di "facilitazione" per gente che si spaventa di fronte a una tastiera.
    Troppo grande per sostituire uno smartphone (Anche se ho visto delle scene comiche di gente che telefonava con le tavolette...)
    Troppo piccolo per sostituire un PC. (Con risultati di gente che compra tastiere esterne e accessori vari...)
    Mi sa di quelle cose tipo il vino "rosè".
    che non è ne bianco ne rosso.
    giocattolino senza un utilizzo preciso e sostituibile ALLA GRANDE da uno smartphone + Laptop in tutte le sue funzioni.
    E perchè dovrei comprarmi UN TERZO oggetto che fa MALE cio che altri due oggetti che ho, fanno bene e in modo identico?
    Considerato poi il momento economico generale, la gente soldi da buttare in cose di dubbia utilità non ne ha.
    E' un "gadget" per fare il figo con gli "amici".
    Un professionista ad attenta analisi non sa cosa farsene.
    E oramai i PC.. anche "vecchiotti" reggono bene il tempo.
    Mica siamo ai tempi del Pentium pro 200Mhz che acquistare un 400Mhz era un abisso di differenza di prestazioni... (Anche nell'uso UFFICIO!)
    Passare da un 486 a un pentium era UN ABISSO...
    Oggi le differenze in esecuzione di programmi normali manco si vedono...
    Si ok.. numeri sui benchmark... nella pratica se affianco l'ultimo laptop al mio, i tempi di esecuzione, risposta ai comandi, ricerca, ecc.. sono identici!
    oramai la "potenza di calcolo" è sovrabbondante per le applicazioni comuni.
    The.gem
    P.sSorpresak! processiamo il file da 900Mb... schiaccio invio.
    Quanto tempo alla fine del processo? 9 ore!
    prendo le carte mentre aspettiamo!
    Che all'epoca TI DIMENTICAVI di fare altro mentre facevi un rendering di 900Mb! ;-D (un semplice Wave!)
    Gente che PREGAVA che il mendocino overclockato a 450Mhz.. non si piantasse durante i TRE GIORNI di rendering di 3dMax... per 2 minuti scarsi di video...   
    Cose che adesso fanno sorridere...
    non+autenticato
  • - Scritto da: il.gemmolog o
    ..
    > Mi sembra una tecnologia per "impediti digitali".
    > A bocca aperta
    > Una sorta di "facilitazione" per gente che si
    > spaventa di fronte a una
    > tastiera...

    Questa è la chiave che spiega l'ostilità degli "informatici" nei confronti dei tablet ( e di altre tecnologie).
    E' la paura di perdere potere da parte di una casta di power user nei confronti degli "impediti" , quando arriva l'amico "impedito" che fa senza sforzo con l'ultimo gadget acquistato quello che tu fino a ieri impiegavi, dopo un approfondito studio , qualche ora ad ottenere, ti senti defraudato di qualcosa, una vera sofferenza. Cose già viste in passato con l'arrivo di mouse finestre e interfacce grafiche, con internet o con i social network.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > - Scritto da: il.gemmolog o
    > ..
    > > Mi sembra una tecnologia per "impediti
    > digitali".
    > > A bocca aperta
    > > Una sorta di "facilitazione" per gente che si
    > > spaventa di fronte a una
    > > tastiera...
    >
    > Questa è la chiave che spiega l'ostilità degli
    > "informatici" nei confronti dei tablet ( e di
    > altre
    > tecnologie).
    > E' la paura di perdere potere da parte di una
    > casta di power user nei confronti degli
    > "impediti" , quando arriva l'amico "impedito" che
    > fa senza sforzo con l'ultimo gadget acquistato
    > quello che tu fino a ieri impiegavi, dopo un
    > approfondito studio , qualche ora ad ottenere, ti
    > senti defraudato di qualcosa, una vera
    > sofferenza. Cose già viste in passato con
    > l'arrivo di mouse finestre e interfacce grafiche,
    > con internet o con i social network.

    Fare le stesse cose ? Ma dove ? Coi social poi ?
    Ma te stai fuori...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > - Scritto da: il.gemmolog o
    > ..
    > > Mi sembra una tecnologia per "impediti
    > digitali".
    > > A bocca aperta
    > > Una sorta di "facilitazione" per gente che si
    > > spaventa di fronte a una
    > > tastiera...
    >
    > Questa è la chiave che spiega l'ostilità degli
    > "informatici" nei confronti dei tablet ( e di
    > altre
    > tecnologie).
    > E' la paura di perdere potere da parte di una
    > casta di power user nei confronti degli
    > "impediti" , quando arriva l'amico "impedito" che
    > fa senza sforzo con l'ultimo gadget acquistato
    > quello che tu fino a ieri impiegavi, dopo un
    > approfondito studio , qualche ora ad ottenere, ti
    > senti defraudato di qualcosa, una vera
    > sofferenza. Cose già viste in passato con
    > l'arrivo di mouse finestre e interfacce grafiche,
    > con internet o con i social
    > network.

    Guarda che l'unica cosa defraudata e' il tuo cervello, se pensi una cosa del genere sei molto molto ignorante.
    Mediamente l'informatico non apprezza i tablet perche' sono castranti rispetto a quello che si puo' fare con un pc e la sua comodita', tanto e' vero che ci vuole un'app per qualsiasi operazione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Un altro...
    > - Scritto da: Mario
    ..
    >
    > Guarda che l'unica cosa defraudata e' il tuo
    > cervello, se pensi una cosa del genere sei molto
    > molto
    > ignorante.
    > Mediamente l'informatico non apprezza i tablet
    > perche' sono castranti rispetto a quello che si
    > puo' fare con un pc e la sua comodita', tanto e'
    > vero che ci vuole un'app per qualsiasi
    > operazione.
    eh.. ma non è una cosa razionale, è nel subconscio, a livello razionale siete pronti a trovare 1000 giustificazioni per dimostrare la vostra tesi con ragionamenti logici, ma è nell'aggressività e nell'arroganza con cui lo fate che si evince la frustrazione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario

    > eh.. ma non è una cosa razionale, è nel
    > subconscio, a livello razionale siete pronti a
    > trovare 1000 giustificazioni per dimostrare la
    > vostra tesi con ragionamenti logici, ma è
    > nell'aggressività e nell'arroganza con cui lo
    > fate che si evince la
    > frustrazione.

    L'aggressivita' e l'arroganza sono l'approccio base verso l'utonto clicca clicca, a prescindere dall'argomento tablet.
    La frustrazione non c'entra.
  • - Scritto da: Mario
    > - Scritto da: Un altro...
    > > - Scritto da: Mario
    > ..
    > >
    > > Guarda che l'unica cosa defraudata e' il tuo
    > > cervello, se pensi una cosa del genere sei
    > molto
    > > molto
    > > ignorante.
    > > Mediamente l'informatico non apprezza i
    > tablet
    > > perche' sono castranti rispetto a quello che
    > si
    > > puo' fare con un pc e la sua comodita',
    > tanto
    > e'
    > > vero che ci vuole un'app per qualsiasi
    > > operazione.
    > eh.. ma non è una cosa razionale, è nel
    > subconscio, a livello razionale siete pronti a
    > trovare 1000 giustificazioni per dimostrare la
    > vostra tesi con ragionamenti logici, ma è
    > nell'aggressività e nell'arroganza con cui lo
    > fate che si evince la frustrazione.

    Ok, ammettiamo che tu possa aver ragione. Mi fai tre esempi di cose che l'amico impedito può fare in pochi istanti con l'ultimo gadget, cose che fino a ieri mi richiedevano diverse ore con mouse e tastiera, come dici tu?
    Perché francamente, pensa e ripensa, a me non ne viene in mente proprio nessuna. Newbie, inesperto
    Izio01
    3896
  • - Scritto da: Mario
    > - Scritto da: il.gemmolog o
    > ..
    > > Mi sembra una tecnologia per "impediti
    > digitali".
    > > A bocca aperta
    > > Una sorta di "facilitazione" per gente che si
    > > spaventa di fronte a una
    > > tastiera...
    >
    > Questa è la chiave che spiega l'ostilità degli
    > "informatici" nei confronti dei tablet ( e di
    > altre
    > tecnologie).
    > E' la paura di perdere potere da parte di una
    > casta di power user nei confronti degli
    > "impediti" , quando arriva l'amico "impedito" che
    > fa senza sforzo con l'ultimo gadget acquistato
    > quello che tu fino a ieri impiegavi, dopo un
    > approfondito studio , qualche ora ad ottenere, ti
    > senti defraudato di qualcosa, una vera
    > sofferenza.

    Guarda che se cosi' fosse, sarebbe una vera manna dal cielo, altro che sofferenza.
    L'amico utonto finalmente autonomo che non viene piu' a scassare le balle con l'importantissomo file che ha smarrito sul disco, o con l'icona che non trova piu'.

    Fai un po' un esempio di queste operazioni che su PC hanno richiesto lungo studio e che invece su un tablet richiedono un tocco di dita, che ci facciamo quattro risate.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Mario
    > > - Scritto da: il.gemmolog o
    > > ..
    > > > Mi sembra una tecnologia per "impediti
    > > digitali".
    > > > A bocca aperta
    > > > Una sorta di "facilitazione" per gente
    > che
    > si
    > > > spaventa di fronte a una
    > > > tastiera...
    > >
    > > Questa è la chiave che spiega l'ostilità
    > degli
    > > "informatici" nei confronti dei tablet ( e di
    > > altre
    > > tecnologie).
    > > E' la paura di perdere potere da parte di una
    > > casta di power user nei confronti degli
    > > "impediti" , quando arriva l'amico
    > "impedito"
    > che
    > > fa senza sforzo con l'ultimo gadget
    > acquistato
    > > quello che tu fino a ieri impiegavi, dopo un
    > > approfondito studio , qualche ora ad
    > ottenere,
    > ti
    > > senti defraudato di qualcosa, una vera
    > > sofferenza.
    >
    > Guarda che se cosi' fosse, sarebbe una vera manna
    > dal cielo, altro che
    > sofferenza.
    > L'amico utonto finalmente autonomo che non viene
    > piu' a scassare le balle con l'importantissomo
    > file che ha smarrito sul disco, o con l'icona che
    > non trova
    > piu'.
    >
    > Fai un po' un esempio di queste operazioni che su
    > PC hanno richiesto lungo studio e che invece su
    > un tablet richiedono un tocco di dita, che ci
    > facciamo quattro
    > risate.
    http://en.wikipedia.org/wiki/Bump_(application)htt...)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Bump_(application)htt

    Ma LOL, QUESTA sarebbe una cosa che richiede a uno smanettone "diverse ore, dopo approfondito studio"? Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Guarda, ci hai sgamato, siamo qui INVIDIOSISSIMI di questa cosa, sentiamo il nostro potere che si sgretola davanti alla potenza di Bump, ormai il mondo non ha più alcun bisogno di noi! Rotola dal ridere
    Izio01
    3896
  • - Scritto da: Izio01
    > - Scritto da: Mario
    > >
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Bump_(application)htt
    >
    > Ma LOL, QUESTA sarebbe una cosa che richiede a
    > uno smanettone "diverse ore, dopo approfondito
    > studio"?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    > Guarda, ci hai sgamato, siamo qui INVIDIOSISSIMI
    > di questa cosa, sentiamo il nostro potere che si
    > sgretola davanti alla potenza di Bump, ormai il
    > mondo non ha più alcun bisogno di noi!
    > Rotola dal ridere
    era un esempio di come possono essere rese semplici le cose per portarle alla portata di chiunque, scambiare un file in quel modo lo può fare anche un bambino di 3 anni.
    prova a spiegarli come si fa con il sistema che usi tu.
    non+autenticato
  • Salve a tutti.Sorride
    Cito una frase di etype "Ma che voleva essere un pc !" in un suo commento in questo articolo... in realtà perchè credo che sia qui il punto, ma in pratica per "dissentire" XD

    Il tablet non voleva essere un pc, non può esserlo e certamente non lo diventerà.

    Il tablet è stato presentato (mi pare dalla Apple ma non vorrei dire corbellerie) ed è stato spinto dal marketing con frase tipo "era post PC" o "il nuovo personal computing" perchè volevano costruirci un business e direi che in parte ci siano riusciti in parte no intorno.

    Ma se come spesso ho detto, credo anche in queste pagine, lo si analizza solo come un fattore di forma, un form factor secondo me senza ulteriori voli pindarici si spiega la sua impennata ubriacante per alcuni e il suo rallentamento "preconizzabile" come ama sostituire il termine "ipotizzabile" l'articolista.

    Alla fine è un fattore di forma, comodo per la mobilità sia sul lavoro che casalinga... semplicemente.

    In un mercato vergine le cifre di penetrazione sono da capogiro, ma retorica a parte non rappresentano la realtà.

    Ho forti dubbi che chi abbia usato il budget per hi-tech per smatphone e poi per tablet, quindi non rinnovando il PC abbia al contempo dismesso il suo portatile/fisso.

    questo delinea la realtà (per la mia opinione) ricordando che molti che usano come unico PC un notebook, gli affiancano comunque il mouse se possibile, poichè per lunghe interazioni con le interfacce dei programmi soho o office o professional oggettivamente l'interazione mouse tastiera è tutt'ora imbattuta.

    a volte ci si sbilancia nei giusizi e poi li si difende, ma direi che si possa concordare con il mio pensiero.

    I tablet hanno tecnicamente fornito uno strumento di visualizzazione/acquisizione dati realmente comodo e inesistente con queste caratteristiche prima, ma in fondo saranno un contorno nella vita informatica di una persona. credo che lo smartphone sia il vero PDA evoluto che tutti cercavano (io non lo ho ma certamente non sono cieco); il tablet resterà una comodità in più che, escluse alcune nicche, verrà sostituito solo se necessario.

    Aggiungo una piccola provocazione. (forse perchè è un mio pallino)
    é il sistema operativo desktop (windows nel caso in oggetto essendo motivi a parte il più diffuso) che avrebbe dovuto approfittore di questa deviazione improvvisa e snellirsi nel concetto, e l'unica azienda che lo ha percepito, ma forse più cercato è stata proprio google con il suo chromeOS, che diventerà lo standard futuro (concettualmente intendo) in casa e sul lavoro.
    Ne apple ne MS e tantomento le comunità linux base, hanno saputo capire chromeOS, il mio rammarico è proprio per le comunità linux che avevano gran parte del codice a disposizione.

    scusate la lunghezza XD
    non+autenticato
  • se guardiamo gli adepti di apple, molti affermavano che con il tablet si poteva soppiantare il pc, cosa non vera dai fatti, anche se consideriamo che un ipad costa quando un pc di fascia bassa, con la differenza che ci fai la metà delle cose rispetto ad un pc simile.
  • - Scritto da: Sg@bbio

    > se guardiamo gli adepti di apple, molti
    > affermavano che con il tablet si poteva
    > soppiantare il pc...

    Anche se spesso non condivido questo pensiero, per ragioni diverse, ci tengo a precisare che il punto su cui si poggia l'idea che un tablet possa sostituire un PC è che in media l'utente usa il PC per compliti semplici che possono essere svolti anche ta un tablet, per cui un tablet è sufficiente, se non più indicato per facilità di gestione.

    IMHO la questione è un attimo più complicata e non vedo ragione al momento perché i PC diventino solo strumenti per pochi esclusivi compiti. Su questo si potrebbe pure discutere, perché c'entra anche il superamento di alcuni limiti dei tablet attraverso altri strumenti di supporto...
    FDG
    10893
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > se guardiamo gli adepti di apple, molti
    > affermavano che con il tablet si poteva
    > soppiantare il pc, cosa non vera dai fatti, anche
    > se consideriamo che un ipad costa quando un pc di
    > fascia bassa, con la differenza che ci fai la
    > metà delle cose rispetto ad un pc
    > simile.
    il tablet può soppiantare il pc per tutti quelli che hanno comperato il pc ma che poi gli fanno fare solo cose che fa anche un tablet.
    Guardando quelli che conosco direi che potrebbero essere tra il 60 e il 70%
    non+autenticato
  • - Scritto da: piero
    > il tablet può soppiantare il pc per tutti quelli
    > che hanno comperato il pc ma che poi gli fanno
    > fare solo cose che fa anche un
    > tablet.
    > Guardando quelli che conosco direi che potrebbero
    > essere tra il 60 e il
    > 70%

    Sbagli dal mio punto di vista è sbagli fortemente.
    ti spiego, è vero che il tablet può soppiantare il pc nei compiti medio/base, ma pensaci; anche uno smartphone.

    Anche uno smartphone sostituisce un tablet ed un PC nei compiti semplici e di base.

    Ora appellandomi alla tua logica, qual'è il posto nella vita informatica di una persona.
    Lo smathphone lo hai sempre vicino, per via delle telefonate, sei sul divano o in sala di attesa dal medico, stai pranzando al bar oppure in aueroporto, prendi e ti vedi le mail, il tablet è stato saldamente fagocitato dai nuovi smrtphone da un lato e in alto dal sempre solido PC.

    Il problema non è il PC è il SO dei PC, troppo complesso per chi, quando ha tempo o deve agire su cose più impegnative, deve lavorarci, il tablet è un fattore di forma, semplicemente.

    Se io lavoro oppure ho un ufficio, ho una scrivania ciò implica PC o come ca---o desiderate chiamarlo, semplificando ho monitor sopra e inclusi i 24", tastiera mouse casse stampante scanner etc ect.

    Io non mi metto a lavorare sul divano o in piedi solo per usare il tablet, come vedi è il fattore di forma il punto cardine.

    fammi sapere
    non+autenticato
  • Ciao sgabbio,Sorride

    e leggendo il tuo commento pare che sia una tesi ancora sostenuta XD
    non+autenticato
  • - Scritto da: Phronesis
    > Salve a tutti.Sorride
    > Cito una frase di etype "Ma che voleva essere un
    > pc !" in un suo commento in questo articolo... in
    > realtà perchè credo che sia qui il punto, ma in
    > pratica per "dissentire"
    > XD
    >
    > Il tablet non voleva essere un pc, non può
    > esserlo e certamente non lo
    > diventerà.

    Verissimo.
    Il tablet non vuole essere un PC (se parliamo di iPad, perché gli altri vogliono invece esserlo), ma vuole essere un personal computer.

    > Il tablet è stato presentato (mi pare dalla Apple
    > ma non vorrei dire corbellerie)

    Dici bene, e prima di presentarlo lo hanno ideato e progettato.

    > ed è stato spinto
    > dal marketing con frase tipo "era post PC" o "il
    > nuovo personal computing" perchè volevano
    > costruirci un business e direi che in parte ci
    > siano riusciti in parte no
    > intorno.

    Non ricordo di marketing "era post PC".

    >
    > Ma se come spesso ho detto, credo anche in queste
    > pagine, lo si analizza solo come un fattore di
    > forma, un form factor secondo me senza ulteriori
    > voli pindarici si spiega la sua impennata
    > ubriacante per alcuni e il suo rallentamento
    > "preconizzabile" come ama sostituire il termine
    > "ipotizzabile"
    > l'articolista.
    >
    > Alla fine è un fattore di forma, comodo per la
    > mobilità sia sul lavoro che casalinga...
    > semplicemente.

    Questo è un grosso errore, il tablet non è un PC con fattore forma diverso. Anzi, detto precisamente, iPad non è un PC con fattore forma diverso.

    >
    > In un mercato vergine le cifre di penetrazione
    > sono da capogiro, ma retorica a parte non
    > rappresentano la
    > realtà.
    >
    > Ho forti dubbi che chi abbia usato il budget per
    > hi-tech per smatphone e poi per tablet, quindi
    > non rinnovando il PC abbia al contempo dismesso
    > il suo
    > portatile/fisso.

    Non lo ha dismesso perché sono due cose diverse.

    >
    > questo delinea la realtà (per la mia opinione)
    > ricordando che molti che usano come unico PC un
    > notebook, gli affiancano comunque il mouse se
    > possibile, poichè per lunghe interazioni con le
    > interfacce dei programmi soho o office o
    > professional oggettivamente l'interazione mouse
    > tastiera è tutt'ora
    > imbattuta.

    Questo vale per i PC Wintel, non certo per chi ha creduto nel "trackpad", progettandolo per rimpiazzare il mouse senza farlo rimpiangere. Personalmente ho usato per 10 anni solo portatili Apple, senza sentire mai il bisogno di un mouse. Con programmi di tutti i tipi, Photoshop compreso.

    >
    > a volte ci si sbilancia nei giusizi e poi li si
    > difende, ma direi che si possa concordare con il
    > mio
    > pensiero.

    Dipende dall'esperienza.


    > I tablet hanno tecnicamente fornito uno strumento
    > di visualizzazione/acquisizione dati realmente
    > comodo e inesistente con queste caratteristiche
    > prima, ma in fondo saranno un contorno nella vita
    > informatica di una persona.

    Dipende da cosa fa.

    > credo che lo
    > smartphone sia il vero PDA evoluto che tutti
    > cercavano (io non lo ho ma certamente non sono
    > cieco);

    Concordo.

    > il tablet resterà una comodità in più
    > che, escluse alcune nicche, verrà sostituito solo
    > se
    > necessario.

    Il tablet è migliore di qualsiasi altro dispositivo in alcune applicazioni. In altre è l'unica scelta, nel senso che il tablet ha creato nuovi modi di utilizzo del computer, improponibili prima.

    > Aggiungo una piccola provocazione. (forse perchè
    > è un mio
    > pallino)
    > é il sistema operativo desktop (windows nel caso
    > in oggetto essendo motivi a parte il più diffuso)
    > che avrebbe dovuto approfittore di questa
    > deviazione improvvisa e snellirsi nel concetto, e
    > l'unica azienda che lo ha percepito, ma forse più
    > cercato è stata proprio google con il suo
    > chromeOS, che diventerà lo standard futuro
    > (concettualmente intendo) in casa e sul
    > lavoro.

    Niente di più sbagliato, e questo lo possiamo dire col senno di poi: Windows 8 e la sua interfaccia touch-style.

    > Ne apple ne MS e tantomento le comunità linux
    > base, hanno saputo capire chromeOS, il mio
    > rammarico è proprio per le comunità linux che
    > avevano gran parte del codice a
    > disposizione.

    Chrome OS è mal implementato, perché vuol essere simile ai desktop.

    Ciò che fa la differenza, in un tablet, è che non ha e non deve avere parente col PC. Sistema operativo e applicazioni devono essere concepiti con paradigmi totalmente differenti dal PC, altrimenti otteniamo solo un PC azzoppato. Come se volessimo fare una automobile a legna.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Phronesis
    > > Salve a tutti.Sorride
    > > Cito una frase di etype "Ma che voleva
    > essere
    > un
    > > pc !" in un suo commento in questo
    > articolo...
    > in
    > > realtà perchè credo che sia qui il punto, ma
    > in
    > > pratica per "dissentire"
    > > XD
    > >
    > > Il tablet non voleva essere un pc, non può
    > > esserlo e certamente non lo
    > > diventerà.
    >
    > Verissimo.
    > Il tablet non vuole essere un PC (se parliamo di
    > iPad, perché gli altri vogliono invece esserlo),
    > ma vuole essere un personal
    > computer.

    PC è l'acronimo di "personal computer", quindi che stai dicendo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > Il tablet non vuole essere un PC (se parliamo di
    > iPad, perché gli altri vogliono invece esserlo),
    > ma vuole essere un personal
    > computer.

    Questa è da stampare, incorniciare ed appendere ..the BIG FAIL 2014
    non+autenticato
  • Ciao, scusa non ho molto tempo in questi giorni, ho tardato a rispondere.
    Come già qualcuno ha anticipato, vorrei farti notare che, anche avendo compreso le singole obiezioni, non mi è molto chiaro il tuo commento.

    Non amo spezzettare e sviscerare un intervento, cerco di capirlo nella totalità e il tuo commento, almeno per me, risulta poco chiaro; sopratutto in relazione al discorso generale che volevo cominicare.

    evidenzio citandoli i "tranci del tuo discorso"

    - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Phronesis
    > > Il tablet non voleva essere un pc, non può
    > > esserlo e certamente non lo
    > > diventerà.
    >
    > Verissimo.
    > Il tablet non vuole essere un PC (se parliamo di
    > iPad, perché gli altri vogliono invece esserlo),
    > ma vuole essere un personal
    > computer.

    > Questo è un grosso errore, il tablet non è un PC
    > con fattore forma diverso. Anzi, detto
    > precisamente, iPad non è un PC con fattore forma
    > diverso.



    > > abbia al contempo
    > dismesso
    > > il suo
    > > portatile/fisso.
    >
    > Non lo ha dismesso perché sono due cose diverse.

    In pratica o tu fai una forte distinzione tra tablet e iPad (e non capisco in base a cosa se si considera l'utilizzo) oppure non sai che PC e sinonimo di personal comuper oppure non ho compreso bene e dovresti rispiegarmelo.

    Io ti dico come la penso.
    Quando fu presentato fu fatto un paragone con l'automotive, proviamoci anche noi.

    Abbiamo un PC che è la macchina, tutti hanno una macchina, nasce (o viene resa commercialmente interessante la moto -il tablet-) ora nel primo periodo tutti vogliono questo nuovo veicolo (come fu per la vespa negli anni che furono) ma con il passare del tempo, anche se la moto in mobilità è ottima, non ti fa fare lunghe code, ti permette di parcheggiare meglio, consuma meno è accessibile, dopo l'ubriacatura iniziale si vede dai dati che ha soloo un post max due, non ha un bagagliaio capiente, se piove hai problemi, può far freddo etc etc.

    Detto questo, per quanto alcuni sia sufficiente la moto (nicchie senza bambini, guidatori occassionali) oo appassionati che ci hanno dedicato la "vita" innamorandosi del prodotto... ma nella maggior parte dei casi è come minimo il secondo mezzo.

    L'idea che tu trasmetti (tornado a parlare di tablet/pc) che sarebbe diventato il computer personale è nella mia realtà, e dai dati sembra più generalizzabile che è lo smathphone il nuovo PDA personale, che mai nessuno condividerebbe con altri se non occasionalmente, non il tablet e non il PC.

    Ora mi domando, che posto ha il tablet nella vità informatica della massa se uno in tasca sul divano in treno ha uno smatphone e a casa un PC per la famiglia???

    Nessuna vera utilità, è un contorno, a meno che tu o in generale una persona, non abiti sola soletta e non abbia una famiglia quindi qualunque cosa tu acquisti e tua e solo tua perchè non hai con chi dividerla.

    tutti i miei conoscenti hanno un tablet e moltissimi un ipad, ed è relegato a fruizione occasionale dei contenuti da lasciare accanto ai telecomandi.

    certamente la tua esperienza e diversa, e non contiamo nell'ecosistema mondiale come statistica solida, ma ne facciamo parte.

    Lo smatphone è personale, il PC per chi lo "vuole" è personale, il tablet anche per chi lo "vuole" resta a disposizione di tutti.


    Ciao Ciao

    >
    >
    > > Aggiungo una piccola provocazione. (forse
    > perchè
    > > è un mio
    > > pallino)
    > > é il sistema operativo desktop (windows nel
    > caso
    > > in oggetto essendo motivi a parte il più
    > diffuso)
    > > che avrebbe dovuto approfittore di questa
    > > deviazione improvvisa e snellirsi nel
    > concetto,
    > e
    > > l'unica azienda che lo ha percepito, ma
    > forse
    > più
    > > cercato è stata proprio google con il suo
    > > chromeOS, che diventerà lo standard futuro
    > > (concettualmente intendo) in casa e sul
    > > lavoro.
    >
    > Niente di più sbagliato, e questo lo possiamo
    > dire col senno di poi: Windows 8 e la sua
    > interfaccia
    > touch-style.

    Esplicita, perchè win8 mi sembra fallimentare.
    ChromeOS sta penetrando pesantemente nei mercati trainanti come america/GB/Asia . Concettualemnete è perfetto, ma è legato a google.

    Perfetto in relazione al suo target (web/multimedia/home/soho) ed è un sistema desktop a tutti gli effetti, sempre più slegato da only online ma legato a google a doppio mandato, ed è questo ultimo punto che lo rende per me non ottimale, ma come puoi rileggere, intendevo dal punto di vista concettuale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Phronesis

    > Ne apple ne MS e tantomento le comunità linux
    > base, hanno saputo capire chromeOS, il mio
    > rammarico è proprio per le comunità linux che
    > avevano gran parte del codice a
    > disposizione.

    ChromeOS, esattamente come il tablet, è un'altra declinazione di un oggetto che sostituisce il PC per coloro che del PC in realtà non ne avevano bisogno.

    >
    > scusate la lunghezza XD
    non+autenticato
  • Un tablet è quello che era il walkman rispetto all'impianto hi-fi
    di casa e, come quello, una volta che ce l'hai e ti serve allo scopo
    (ascoltare la musica-navigare in internet) dura ed è funzionale per diversi anni.
    Certo i possibili sviluppi e migliorie sono molti, ma non da
    giustificare di cambiare la tavoletta che funziona, mentre per
    i computer la necessità spesso derivava anche dal maggiore peso
    dei programmi fatti apposta.
    Vero è che molti possibili usi dei tablet, in Italia, non si vedono applicati... ma del resto in molti posti vedo ancora gente scartabellare
    fra faldoni (citando un film "vedo la gente *morta*), quindi hanno
    pure saltato l'era del PC (che pure, magari, hanno lì in bella mostra)
    non+autenticato
  • è giusto l'esempio del walkman e dell'hi-fi.. infatti il tablet serve solo per portarlo in viaggio ,in giro e farci qualcosa di semplice come vedere foto, ma niente di più ! per tutto il resto c'è il pc fisso o notebook.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 02 settembre 2014 16.00
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: user_
    > è giusto l'esempio del walkman e dell'hi-fi..
    > infatti il tablet serve solo per portarlo in
    > viaggio ,in giro e farci qualcosa di semplice
    > come vedere foto, ma niente di più ! per tutto il
    > resto c'è il pc fisso o
    > notebook.

    Hai detto niente, oltre al fatto dei costi (un tablet lo trovi anche
    a 50-60 euro mentre un notebook a 5 o 6 volte tanto). Il problema
    dei tablet è che per molte cose è sostituibile con lo smartphone.
    Insomma... ci sono alcuni vantaggi e altri svantaggi, ma il punto
    è soprattutto che quando ne hai comprato uno, difficile che lo
    cambi per anni (l'utente comune), un po' lo stesos motivo per cui
    oggi i computer li tengono a lungo e cioè che anche uno vecchiotto
    fa quello che deve fare (ed in più ormai anche mio nonno saprebbe sostituire l'hard disk se si rompesse)
    non+autenticato
  • - Scritto da: surak 2.0
    > - Scritto da: user_
    > > è giusto l'esempio del walkman e dell'hi-fi..
    > > infatti il tablet serve solo per portarlo in
    > > viaggio ,in giro e farci qualcosa di semplice
    > > come vedere foto, ma niente di più ! per tutto
    > il
    > > resto c'è il pc fisso o
    > > notebook.
    >
    > Hai detto niente, oltre al fatto dei costi (un
    > tablet lo trovi anche
    >
    > a 50-60 euro mentre un notebook a 5 o 6 volte
    > tanto). Il problema
    >
    > dei tablet è che per molte cose è sostituibile
    > con lo
    > smartphone.
    > Insomma... ci sono alcuni vantaggi e altri
    > svantaggi, ma il punto
    >
    > è soprattutto che quando ne hai comprato uno,
    > difficile che lo
    >
    > cambi per anni (l'utente comune), un po' lo
    > stesos motivo per cui
    >
    > oggi i computer li tengono a lungo e cioè che
    > anche uno vecchiotto
    >
    > fa quello che deve fare (ed in più ormai anche
    > mio nonno saprebbe sostituire l'hard disk se si
    > rompesse)

    Difatti, tablet che costino più di cento euro non hanno senso: tento vale procurarsi un notebook di seconda mano, ed è tutt'altra cosa, e magari così schivi pure Win8.

    Ma non c'è problema, a brave assisteremo alla moria dei tablet, che normalmente hanno batteria non sostituibile...
    non+autenticato
  • mercato tablet 2014: +6,5%, in crescita ininterrotta dal 2010

    mercato PC 2014: -3,7%, in calo ininterrotto dal 2012

    conclusione: "L'era post-PC sta per andare in pensione"

    mah.
  • - Scritto da: bertuccia
    > mercato tablet 2014: +6,5%, in crescita
    > ininterrotta dal
    > 2010
    >
    > mercato PC 2014: -3,7%, in calo ininterrotto dal
    > 2012
    >
    > conclusione: "L'era post-PC sta per andare in
    > pensione"
    >
    > mah.
    La logica non è proprio da buttare. Quanti anni di crescita ininterrotta aveva registrato il comparto dei PC prima della flessione del 2012?

    Ci si poteva aspettare che anche lo strumento che finora si era avvicinato di più a candidato per sostituire il PC avrebbe retto un po' di più di qualche anno.

    La realtà vera è che l'avvento dei tablet, seppure imperioso, non ha per nulla modificato il modo in cui le persone lavorano nelle aziende reali.

    Il PC era stato capace di modificare il modo in cui le persone lavorano esattamente come ha fatto il cellulare. Il Tablet no: nelle aziende si continua a lavorare con Excel, Word, Outlook e altri strumenti "tradizionali". Il tablet è rimasto un bell'oggettino da sfoggiare per dimostrare il proprio status. Anche io sono stato tentato e ho comprato un ibrido Tablet/Laptop. Lo uso sempre come laptop e la funzione Tablet mi serve giusto per leggere il giornale sul cesso o le mail quando sono in una sala d'attesa. Un po' poco per costruirci sopra un intero mercato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darth Vader

    > La realtà vera è che l'avvento dei tablet,
    > seppure imperioso, non ha per nulla modificato il
    > modo in cui le persone lavorano nelle aziende
    > reali..
    non è proprio così è che per ora nelle aziende non hanno ancora capito e/o valutato le potenzialità dei tablet,un po' come per il mouse, fu introdotto sui mercati da apple nell'84 ma ha iniziato ad essere diffuso solo nel 92 con win 3.1, ben 8 anni dopo.
    Alcuni giorni fa per esempio ho visto in aereoporto sulla pista un tecnico che inseriva dei dati relativi alle verifiche che stava facendo su un tablet. Questo è solo l'inizio, probabilmente in futuro tutti gli operatori di un'azienda e che non stanno sempre diero a una scrivania saranno dotati di tablet. Bisogna dar tempo alle aziende di aggiornare i loro gestionali.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro
    > - Scritto da: Darth Vader
    >
    > > La realtà vera è che l'avvento dei tablet,
    > > seppure imperioso, non ha per nulla modificato
    > il
    > > modo in cui le persone lavorano nelle aziende
    > > reali..
    > non è proprio così è che per ora nelle aziende
    > non hanno ancora capito e/o valutato le
    > potenzialità dei tablet,

    Lo hanno capito benissimo invece: i risultati parlano chiaro.
    Le aziende schifano i tablet.
    M$ ha gia' dismesso piastrellotto.

    > un po' come per il mouse,

    Il mouse e' un accessorio da 5 euro.

    > fu introdotto sui mercati da apple nell'84 ma ha
    > iniziato ad essere diffuso solo nel 92 con win
    > 3.1, ben 8 anni
    > dopo.

    Semplicemente prima non serviva.

    > Alcuni giorni fa per esempio ho visto in
    > aereoporto sulla pista un tecnico che inseriva
    > dei dati relativi alle verifiche che stava
    > facendo su un tablet.

    Chissa' che cosa avrai visto.
    Non inseriva proprio niente.
    Tu non hai minimamente idea di che cosa significhi "data entry"

    > Questo è solo l'inizio,
    > probabilmente in futuro tutti gli operatori di
    > un'azienda e che non stanno sempre diero a una
    > scrivania saranno dotati di tablet.

    Quindi parliamo dello zero virgola quanto?

    > Bisogna dar
    > tempo alle aziende di aggiornare i loro
    > gestionali.

    E allora sediamoci qua sulla riva del fiume e vediamo quale cadavere passa per primo.
    Mentre aspettiamo, tu puoi usare il tablet, che io uso un pc, cosi' nel frattempo vediamo chi e' piu' produttivo tra noi due.
  • - Scritto da: panda rossa

    > Tu non hai minimamente idea di che cosa
    > significhi "data entry"

    E' anche vero che i computer non si usano solo per fare data entry.
    FDG
    10893
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > Tu non hai minimamente idea di che cosa
    > > significhi "data entry"
    >
    > E' anche vero che i computer non si usano solo
    > per fare data
    > entry.

    Certo che no.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Pietro
    > > - Scritto da: Darth Vader
    > >
    > > > La realtà vera è che l'avvento dei
    > tablet,
    > > > seppure imperioso, non ha per nulla
    > modificato
    > > il
    > > > modo in cui le persone lavorano nelle
    > aziende
    > > > reali..
    > > non è proprio così è che per ora nelle
    > aziende
    > > non hanno ancora capito e/o valutato le
    > > potenzialità dei tablet,
    >
    > Lo hanno capito benissimo invece: i risultati
    > parlano
    > chiaro.
    > Le aziende schifano i tablet.
    > M$ ha gia' dismesso piastrellotto.

    e da quando piastrellotto serviva per i tablet?

    > > un po' come per il mouse,
    >
    > Il mouse e' un accessorio da 5 euro.
    >
    > > fu introdotto sui mercati da apple nell'84
    > ma
    > ha
    > > iniziato ad essere diffuso solo nel 92 con
    > win
    > > 3.1, ben 8 anni
    > > dopo.
    >
    > Semplicemente prima non serviva.

    semplicemente prima non avevano capito a cosa potesse servire tanto i programmi funzionavano anche senza.

    > > Alcuni giorni fa per esempio ho visto in
    > > aereoporto sulla pista un tecnico che
    > inseriva
    > > dei dati relativi alle verifiche che stava
    > > facendo su un tablet.
    >
    > Chissa' che cosa avrai visto.
    > Non inseriva proprio niente.
    > Tu non hai minimamente idea di che cosa
    > significhi "data
    > entry"

    qualunque informazione che alla fine va in un DB è data entry.

    > > Questo è solo l'inizio,
    > > probabilmente in futuro tutti gli operatori
    > di
    > > un'azienda e che non stanno sempre diero a
    > una
    > > scrivania saranno dotati di tablet.
    >
    > Quindi parliamo dello zero virgola quanto?

    in futuro ce ne saranno sempre meno dietro a una scrivania il mondo sta cambiando e in fretta.

    > > Bisogna dar
    > > tempo alle aziende di aggiornare i loro
    > > gestionali.
    >
    > E allora sediamoci qua sulla riva del fiume e
    > vediamo quale cadavere passa per
    > primo.
    > Mentre aspettiamo, tu puoi usare il tablet, che
    > io uso un pc, cosi' nel frattempo vediamo chi e'
    > piu' produttivo tra noi
    > due.
    seduto ci stai tu tanto con un desktop dove vuoi andare, io con un tablet posso anche risalirlo il fiume
    non+autenticato
  • ma che cosa dici? quant'è peggio un tablet!
    basti pensare a come è scomodo chattare, scrivere con un tablet che è touchscreen, a come è difficile giocarci anche se avesse un gamepad incluso o da collegarcelo, è come un computer handicappato. quant'è meglio un notebook economico allora? anche di 200 euro..
    i tablet sono solo per vedere le foto tipo cornice digitale.
    è impossibile anche usarci programmi complessi per il lavoro come excel o simili, non si riesce a fare niente sul tablet.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 02 settembre 2014 15.56
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: user_
    > ma che cosa dici? quant'è peggio un tablet!
    > basti pensare a come è scomodo chattare, scrivere
    > con un tablet che è touchscreen, a come è
    > difficile giocarci anche se avesse un gamepad
    > incluso o da collegarcelo, è come un computer
    > handicappato. quant'è meglio un notebook
    > economico allora? anche di 200
    > euro..
    > i tablet sono solo per vedere le foto tipo
    > cornice
    > digitale.
    > è impossibile anche usarci programmi complessi
    > per il lavoro come excel o simili, non si riesce
    > a fare niente sul
    > tablet.
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 02 settembre 2014 15.56
    > --------------------------------------------------
    boh.. tutta sta gente che invece di un laptop si compra il tablet avrà pure dei motivi non ti pare?
    Però tu vorresti usare un tablet come un laptop, un tablet va usato da tablet. Se ti serve un laptop allora è meglio non comperare un tablet non ti pare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro

    > Però tu vorresti usare un tablet come un laptop,
    > un tablet va usato da tablet. Se ti serve un
    > laptop allora è meglio non comperare un tablet
    > non ti pare?

    Infatti s'è concentrato sulle modalità di interazione tipiche di un PC, che ovviamente non sono quelle tipiche di un tablet, cioè di uno strumento che si usa con le mani sullo schermo. Usando la sua stessa logica si potrebbe criticare il PC perché non consente, o lo consente in modo non proprio comodo, di usare liberamente le mani sullo schermo per lavorareA bocca aperta

    Comunque, qualche esempio interessante di interazione con i tablet si può trovare qui:

    http://youtu.be/guvK4hEqyKo?t=28s

    Nel video ci sono altri esempi meno interessanti, ma purtroppo non ho trovato niente di meglioTriste
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 02 settembre 2014 16.41
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10893
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: Pietro
    >
    > > Però tu vorresti usare un tablet come un
    > laptop,
    > > un tablet va usato da tablet. Se ti serve un
    > > laptop allora è meglio non comperare un
    > tablet
    > > non ti pare?
    >
    > Infatti s'è concentrato sulle modalità di
    > interazione tipiche di un PC, che ovviamente non
    > sono quelle tipiche di un tablet, cioè di uno
    > strumento che si usa con le mani sullo schermo.
    > Usando la sua stessa logica si potrebbe criticare
    > il PC perché non consente, o lo consente in modo
    > non proprio comodo, di usare liberamente le mani
    > sullo schermo per lavorare
    >A bocca aperta
    >
    > Comunque, qualche esempio interessante di
    > interazione con i tablet si può trovare qui:
    >
    >
    > http://youtu.be/guvK4hEqyKo?t=28s
    >
    > Nel video ci sono altri esempi meno interessanti,
    > ma purtroppo non ho trovato niente di meglio
    >Triste
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 02 settembre 2014 16.41
    > --------------------------------------------------


    :) Occhiolino
    non+autenticato