Gaia Bottà

Play Store, Google rimborserà gli acquisti dei minori

Per placare le ire delle famiglie di figli incauti, per sopire le preoccupazioni delle autorità statunitensi, Mountain View, come Apple in precedenza, accetta di rimborsare gli acquisti in-app non autorizzati

Roma - A tutte le famiglie che hanno sborsato loro malgrado cifre più o meno cospicue per l'avventatezza dei più piccoli nello smanacciare con gli acquisti in-app, Google rimborserà gli addebiti, stanziando una cifra minima di 19 milioni di dollari.

La Federal Trade Commission statunitense ha approvato la proposta con cui Mountain View intende rimediare ai danni emersi insieme alle rimostranze di genitori sorpresi dalle spese compiute dagli infanti di casa: secondo le autorità, fin dal 2011, Big G avrebbe violato le leggi statunitensi che tutelano i consumatori dagli acquisti truffaldini, permettendo che gli acquisti in-app venissero conclusi troppo agevolmente.

Nel momento in cui Google ha introdotto gli acquisti in-app per le applicazioni del proprio app'store, acquisti dai quali trattiene per sé una percentuale, non ha previsto alcuna misura di sicurezza per permettere agli intestatari di effettuare transazioni consapevoli: nessuna autenticazione separava colui che impugnasse un dispositivo Android dall'ottenere contenuti aggiuntivi per le applicazioni installate. Solo successivamente, nel 2012, Google ha introdotto un meccansimo che richiedesse una password per concludere l'acquisto: una soluzione che avrebbe protetto i genitori dalle spese incaute dei minori, se solo l'inserimento della password non avesse spalancato una finestra temporale di 30 minuti di libero acquisto.
Google, a seguito delle lamentele degli utenti, ha poi provveduto a consentire di impostare Play Store in modo che venga richiesto l'inserimento della password per ogni acquisto in-app. Mountain View si è così allineata alle politiche adottate da Apple, che per prima era stata denunciata da genitori di figli sperperatori, si era confrontata con la FTC per poi essere costretta a rimborsare le famiglie con 32,5 milioni di dollari.

Sulle stesse orme di Apple, che avrebbe segnalato la posizione di Google allla FTC, ora Mountain View accetta di rifondere gli intestatari delle carte di credito a cui i piccoli hanno inconsapevolmente attinto: tutti gli utenti che hanno effettuato acquisti in-app verranno informati della possibilità di ottenere i rimborsi per le operazioni non autorizzate.

Un destino simile potrebbe ora attendere Amazon, anch'essa sotto la lente della FTC per il proprio sistema di acquisti in-app, che incoraggerebbe le spese inconsulte con il sistema delle finestre temporali a seguito del primo inserimento della password. Le autorità di mezzo mondo, Italia compresa, stanno studiando e tentando di regolamentare il mercato delle applicazioni freemium, un settore in fermento su cui il polverone sollevato dai pionieri sembra ancora doversi depositare, prima di lasciare spazio alla trasparenza.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessUE, come cambiano gli acquisti in-appMentre Apple cincischia e non accoglie le richieste europee per contenere gli acquisti incauti, Google ammicca e smette di chiamare "gratis" ciò che è freemium
  • BusinessAmazon, la FTC denuncia per gli acquisti in-appPoche protezioni per gli utenti, traditi da un sistema di acquisti prono alle frenesie di minori inconsapevoli. Amazon affronterà il tribunale, ma anche per Google potrebbero stagliarsi problemi all'orizzonte
  • TecnologiaGoogle contiene gli acquisti in-appGli utenti possono ora scegliere di scontrarsi con la richiesta della password prima ogni acquisto in-app. Per frenare lo shopping compulsivo, limitare i minori e placare le ire dei genitori
  • AttualitàApp freemium, indaga l'antitrustLe autorità italiane hanno avviato un'istruttoria nei confronti di Google, Apple, Amazon e Gameloft: le app di intrattenimento offerte gratuitamente potrebbero nascondere irresistibili inviti all'acquisto
3 Commenti alla Notizia Play Store, Google rimborserà gli acquisti dei minori
Ordina
  • stranamente gli androidi che accusavano Apple qualche tempo fa, se ne stanno lontani da questo articolo... buffoni!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > stranamente gli androidi che accusavano Apple
    > qualche tempo fa, se ne stanno lontani da questo
    > articolo...
    > buffoni!!!

    Io ho semrpe sostenuto che è sbagliato un approccio del genere,chiunque lo faccia.
    L'utente deve essere formato prima di giochicchiare con il web e le app,se sbaglia ne deve pagare le conseguenze.Così invece si arriva all'idea che in caso di errori c'è sempre qualcun'altro che rimedia.

    Per non parlare della tendenza dei genitori di oggi a lasciar fare ai figli tutto per poi lamentarsi.Fanno i figli e poi se ne sbattono,non sanno fare il loro ruolo.

    Un genitore serio dopo una possibile mazzata del genere avrebbe tolto il device dalle mani del bambino,invece no,è troppo comodo per tenerlo occupato,così non rompe le scatole....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    CUT
    >
    > Per non parlare della tendenza dei genitori di
    > oggi a lasciar fare ai figli tutto per poi
    > lamentarsi.Fanno i figli e poi se ne sbattono,non
    > sanno fare il loro
    > ruolo.
    >
    > Un genitore serio dopo una possibile mazzata del
    > genere avrebbe tolto il device dalle mani del
    > bambino,invece no,è troppo comodo per tenerlo
    > occupato,così non rompe le
    > scatole....

    E' l'educazione dell'Era del Web 2.0 Rotola dal ridere