Alfonso Maruccia

Intel, dai gadget ai PC a 14nm

La corporation presenta un'anteprima di Skylake, la nuova architettura di CPU per PC in arrivo il prossimo anno. Conferma poi di voler dire la propria nei mercati dei gadget mobile, del wearable e della IoT. Dell, invece, difende i PC

Roma - Nel suo tradizionale appuntamento con la stampa in occasione del Developer Forum (IDF), Intel ha svelato le importanti novità tecnologiche in arrivo nei prossimi mesi e anni: c'è spazio per le nuove CPU per computer ma anche per i gadget indossabili, mentre per l'ecosistema Android c'è un design che dovrebbe fare da punto di riferimento per gli sviluppatori.

Skylake, prima di tutto: Chipzilla conferma che il debutto della prossima microarchitettura di processori x86 per PC arriverà secondo i tempi previsti entro la seconda parte del 2015, e questo nonostante il ritardo con cui ha debuttato l'architettura Broadwell. Le CPU Skylake saranno costruite con lo stesso processo produttivo di Broadwell (14nm) ma segneranno il debutto di una microarchitettura tutta nuova, e per dimostrare che i lavori sono sostanzialmente fatti Santa Clara ha mostrato, sul palco dell'IDF, un laptop con processore Skylake su cui girava un video 4K.

Un'idea già sentita in passato, e confermata da Intel all'IDF, è che l'arrivo di Skylake segnerà la diffusione di massa del personal computing senza fili: i PC portatili si potranno ricaricare a mezzo wireless senza la necessità di un trasformatore, e anche l'interfacciamento con altri dispositivi (come ad esempio una Smart TV sufficientemente avanzata) potrà avvenire a discapito dell'assenza di una connessione video HDMI.

PC a parte, Intel continua a premere per recuperare terreno nei mercati "accessori" del computing dove sin qui la britannica ARM (e i design proprietari di CPU derivati) l'ha fatta da padrona: per Android, Chipzilla ha preparato un tablet che dovrebbe rappresentare il punto di riferimento, in quanto a componenti e specifiche, per chi voglia sviluppare applicazioni per tavolette androidi con cuore x86.
Il wearable computing è un'altra fissazione della Intel dell'ultimo periodo, tanto che sul palco dell'IDF è stato annunciato uno smartwatch (immancabile, visto l'andazzo) realizzato in partnership con Fossil. Ma Intel non è Apple, evidentemente, e all'IDF non c'era alcuno smartwatch da mostrare alle folle.

Internet delle cose (IoT)? Naturalmente anche in questo (nascente) mercato Santa Clara vuole contare parecchio grazie alla piattaforma Edison, mentre tra gli esperimenti più bizzarri del colosso dei microprocessori si conta un laptop con piccolo schermo accessorio sul retro a sostituire marchi o sticker decorativi e utile per mostrare informazioni e update di stato quando il portatile è chiuso.

Invitato sul palco dell'IDF c'era anche Michael Dell, che però non ha mostrato particolare passione per il focus tutto gadget, IoT, Android e altri prodotti hi-tech alla moda che sembra animare il management di Intel: per essere un'industria che secondo i vaticini degli analisti avrebbe dovuto estinguersi già da tempo, ha spiegato Dell, i 3,6 miliardi di PC commercializzati dal 1999 (anno in cui venne coniata l'espressione "era post-PC") parlano da sé.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaCES 2014/ Intel, tutto l'hardware che c'èIl keynote di apertura tocca al CEO del chipmaker di Santa Clara. E Brian Krzanich dipinge un futuro fatto di Intel inside: wearable, mobile, naturalmente i cari vecchi PC. Intel vuole continuare a essere leader della produzione di semiconduttori
  • TecnologiaIFA2014/ Intel vuole cambiare per sempre i PCMooly Eden spiega a Punto Informatico come la tecnologia che Santa Clara sta sviluppando potrà cambiare il mondo dei Personal Computer. Rilanciando le speranze di un settore in stagnazione grazie al Perceptual Computing
  • HardwareFinalmente Broadwell, alias Intel Core MIntel è pronta a parlare della sua nuova tecnologia a 14nm. Che arriva in ritardo di parecchi mesi. Ma sulla quale in molti ripongono parecchie speranze per PC e tablet a basso consumo
  • HardwareIntel e il suo primo octa-coreSanta Clara presenta i suoi Haswell-E. Un'offerta che in un sol colpo fa debuttare nuovo standard di memoria, nuovo chipset. In attesa delle novità dei processori Core di quinta generazione
  • HardwareXeon E5 v3, la potenza di Haswell-EP sui serverIntel presenta l'ennesimo "mostro" di performance basato sull'ultimo refresh della microarchitettura Haswell, una CPU destinata esclusivamente all'uso sui server. Conta, tra le altre cose, su un numero massimo di core pari a 18
11 Commenti alla Notizia Intel, dai gadget ai PC a 14nm
Ordina
  • Prego leggere tra le righe di questa notizia:

    http://hardware.hdblog.it/2014/09/10/intel-noteboo.../

    Ed attenzione a queste tecnologie:

    "Intel sta mostrando ad IDF 2014 diverse tecnologie di connected standby, ovvero di quelle modalità a bassissimo consumo che permettono di mantenere attivo un dispositivo anche da quasi-spento."

    Da quasi spento si può connettere ad Internet e scaricare news ecc.

    Ma da quasi spento può connettersi a VPN e botnet pilotate dalla NSA e rimanere in attesa di ordini.

    Da quasi spento il computer ti può essere ravanato in cerca di informazioni.

    Queste possibilità vanno valutate anche dalla strana tendenza nei laptop a fare batterie non estraibili, che spegnerebbero totalmente la macchina rendendo impossibili quelle connessioni da "quasi spento".
    iRoby
    7574
  • - Scritto da: iRoby
    > Prego leggere tra le righe di questa notizia:
    >
    > http://hardware.hdblog.it/2014/09/10/intel-noteboo
    >
    > Ed attenzione a queste tecnologie:
    >
    > "Intel sta mostrando ad IDF 2014 diverse
    > tecnologie di connected standby, ovvero di quelle
    > modalità a bassissimo consumo che permettono di
    > mantenere attivo un dispositivo anche da
    > quasi-spento."
    >
    > Da quasi spento si può connettere ad Internet e
    > scaricare news
    > ecc.
    >
    > Ma da quasi spento può connettersi a VPN e botnet
    > pilotate dalla NSA e rimanere in attesa di
    > ordini.
    >
    > Da quasi spento il computer ti può essere
    > ravanato in cerca di
    > informazioni.
    >
    > Queste possibilità vanno valutate anche dalla
    > strana tendenza nei laptop a fare batterie non
    > estraibili, che spegnerebbero totalmente la
    > macchina rendendo impossibili quelle connessioni
    > da "quasi
    > spento".
    Puoi sempre incartarli nella stagnola...A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Prego leggere tra le righe di questa notizia:
    >
    > http://hardware.hdblog.it/2014/09/10/intel-noteboo
    >
    > Ed attenzione a queste tecnologie:
    >
    > "Intel sta mostrando ad IDF 2014 diverse
    > tecnologie di connected standby, ovvero di quelle
    > modalità a bassissimo consumo che permettono di
    > mantenere attivo un dispositivo anche da
    > quasi-spento."
    >
    > Da quasi spento si può connettere ad Internet e
    > scaricare news
    > ecc.
    >
    > Ma da quasi spento può connettersi a VPN e botnet
    > pilotate dalla NSA e rimanere in attesa di
    > ordini.
    >
    > Da quasi spento il computer ti può essere
    > ravanato in cerca di
    > informazioni.
    >
    > Queste possibilità vanno valutate anche dalla
    > strana tendenza nei laptop a fare batterie non
    > estraibili, che spegnerebbero totalmente la
    > macchina rendendo impossibili quelle connessioni
    > da "quasi
    > spento".
    Queste manovre potrebbero essere facilmente rilevate tramite sniffing.
    non+autenticato
  • Vedi traffico, ma sarai in grado di distinguerlo dato che è criptato o camuffato?
    iRoby
    7574
  • - Scritto da: iRoby
    > Vedi traffico, ma sarai in grado di distinguerlo
    > dato che è criptato o camuffato?

    se il pc lo presuppongo spento (cioe' io da utente lo spengo o quanotmeno "credo" di farlo) ma poi lo sniffer vede passare traffico, qualunque esso sia si deve presupporre di natura negativa per l'utente.
    Alle balle del "stiamo scaricando le news per fartele trovare calce calde domattina" ci possono credere solo:

    A. tutti gli utenti apple (qui giocano facile)
    B. una larghissima maggioranza di utenti windows (facile pure qui)
    C. una discreta percentuale di utenti GNU/Linux (soprattutto qeulli che si fanno usare da ubuntu) (qui e' meno facile, ma non difficile)
    non+autenticato
  • Quindi Google sta lavorando con INTEL per un Android su X86?
    Microsoft non dovrebbe esserne molto felice.
    non+autenticato
  • A dire il vero Android su x86 c'è da molto tempo...
    iRoby
    7574
  • - Scritto da: iRoby
    > A dire il vero Android su x86 c'è da molto
    > tempo...
    si ma non ci stava lavorando direttamente Google, la cosa è ben diversa
    non+autenticato
  • Troppo prevedibile che si mettessero d'accordo.

    Aziende USA al top della tecnologia software ed hardware.

    In chiave tecno-controllo poi...
    iRoby
    7574
  • - Scritto da: iRoby
    > Troppo prevedibile che si mettessero d'accordo.
    >
    > Aziende USA al top della tecnologia software ed
    > hardware.
    >
    > In chiave tecno-controllo poi...

    gia'.
    ormai la strada e' una sola.
    A. ARM+GNU/Linux (come pezza temporanea)
    B. softcore su fpga +GNU/Linux (soluzione finale)

    almeno hai la possibilita' di accertati che non possa esserci merda nel PC, quindi ti puoi concentrare a difenderti da qeulla che trovi in rete e che tenta id entrare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: iRoby
    > > Troppo prevedibile che si mettessero d'accordo.
    > >
    > > Aziende USA al top della tecnologia software ed
    > > hardware.
    > >
    > > In chiave tecno-controllo poi...
    >
    > gia'.
    > ormai la strada e' una sola.
    > A. ARM+GNU/Linux (come pezza temporanea)
    > B. softcore su fpga +GNU/Linux (soluzione finale)
    Che ti sei progettato tu in cantina?
    non+autenticato