Alfonso Maruccia

La NSA e il piano per mappare l'intera Internet

Le ultime rivelazioni sul Datagate descrivono un programma in grado di creare una mappa "completa" di Internet, o almeno della porzione di Internet - con tanto di utenti e router domestici - accessibile dopo la breccia delle reti nazionali

La NSA e il piano per mappare l'intera InternetRoma - Oltre a costringere le grandi corporation americane a una collaborazione forzata con i propri agenti dediti allo spionaggio digitale, la National Security Agency (NSA) è attivamente impegnata a penetrare i network delle varie nazioni del mondo per generare una mappa onnicomprensiva di utenti, router e dispositivi connessi.

L'ennesimo programma di tecnocontrollo orwelliano operato dalla NSA, emerso come tradizione dalle ultime rivelazioni fornite da Edward Snowden, si chiama Treasure Map e, diversamente da altre iniziative già note, ha l'obiettivo di creare una mappa particolareggiata di qualsiasi cosa risulti connessa alla rete delle reti.

Ogni PC, ogni gadget mobile e ogni router finisce catalogato all'interno di Treasure Map, spiegano i documenti riservati, una vera e propria "mappa del tesoro" con lo scopo di fornire informazioni particolareggiate su utenti e dispositivi interconnessi "in qualunque parte del mondo, in qualunque momento".
Questo "tesoro" di informazioni sarebbe ovviamente a disposizione degli agenti della NSA e dei colleghi del consorzio FiveEyes, vale a dire quei paesi (UK, Canada, Australia, Nuova Zelanda) attivamente impegnati a collaborare con gli USA nel tecnocontrollo sugli utenti della Rete globale.

Dai documenti di Snowden emerge in particolare una breccia di alto profilo all'interno del network di Deutsche Telekom, ex-monopolista telefonico tedesco i cui utenti possono tranquillamente considerarsi schedati da Trasure Map in ogni loro attività telematica di ieri, oggi e domani. In realtà l'azienda teutonica nega di aver scoperto un'attività in stile Treasure Map nell'indagine in corso, indagine che procede e che rivelerebbe un qualcosa di "completamente inaccettabile" qualora verificasse l'esistenza di un accesso segreto da parte di un'agenzia di intelligence straniera.

Questa settimana l'affaire Datagate si scalda più del solito, ed entra in gioco direttamente la politica soprattutto in Nuova Zelanda dove è tempo di elezioni: l'obiettivo è l'attuale primo ministro John Key, colpevole di aver mentito - dice Snowden - sull'istituzione di un piano di intercettazioni telematiche a strascico pronto all'uso. Snowden interverrà in teleconferenza assieme al giornalista Glenn Greenwald, il fondatore di Wikileaks Julian Assange e la "vittima" del sacco di Megaupload Kim Dotcom per smascherare le presunte bugie di Key.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàDatagate, PRISM forzato per Yahoo!Nuove rivelazioni dicono che Yahoo! fu di fatto costretta ad accettare la sorveglianza, pena multe milionarie. Nel frattempo per Edward Snowden potrebbe iniziare una nuova vita in Svizzera
  • AttualitàMegaupload, Dotcom riavrà i datiLe informazioni contenute sui computer e sugli hard disk sequestrati al fondatore di Megaupload saranno restituiti. In cambio, Dotcom dovrà fornire alla polizia neozelandese le password per potervi accedere
49 Commenti alla Notizia La NSA e il piano per mappare l'intera Internet
Ordina
  • Fino a quando continueremo ad usare le LORO tecnologie sarà così. Ci siamo fatti incaprettare da 'sta gente, eh va beh.

    L' UE è stata un grande fallimento, capace di mettere insieme un mostro come l' A-380, ma impossibilitata ad avere un ruolo nello sviluppo di tecnologie legate ad Internet e relativa voce in capitolo.

    In UE si parla di "agenda digitale" e di "digital champions", basta la terminologia per mettersi a ridere e chinare la testa al nuovo padrone assoluto ed indiscutibile. E la Causa? Una resa incondizionata inspiegabile.

    Se poi analizziamo la situazione dell' Italia... l' I-cosa?
    non+autenticato
  • Potrebbe anche essere un messaggio-minaccia, ovvero : stai attento perchè abbiamo tutti i mezzi per controllare il tuo comportamento ovunque tu sia; noi siamo il vero "Grande Fratello" non come trasmissione televisiva, bensì come lo concepiva George Orwell.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: lordalbert
    > > se vedono che un pacchetto parte da casa tua
    > ed
    > è
    > > destinato ad un indirizzo ip di un sito con
    > > materiale pornografico, qualcosa
    > > sanno.
    >
    > Se vedono che parte un pacchetto da casa mia ed
    > entra in un anonimizzatore sanno che un pacchetto
    > e' partito da casa mia e non sanno piu' nulla di
    > dove
    > vada.
    > E non sanno neppure chi c'era alla guida giacche'
    > IP != persona
    > fisica.
    >
    > > Ovvio, se usi delle darknet, se viene
    > garantito
    > > il corretto funzionamento di tali darknet e
    > non
    > > vengono compromesse, riesci comunque a
    > > proteggerti.
    >
    > Ecco.
    > Questo e' il messaggio da far passare: chi sa, si
    > difende; chi non sa e'
    > spacciato.


    Quoto.

    Ad oggi il 99.99% di coloro che si fanno beccare, tra i comuni cittadini, sono quelli che non si difendono per niente, o perchè non si rendono conto della necessità di farlo o perchè non sanno farlo (e non vogliono imparare) o perchè, e questa è la cosa più assurda, perchè pensano che tanto "non vale la pena, perchè se vogliono ti beccano".
    E, infatti, li beccano!A bocca aperta

    Aggiungo che l'unica cosa da correggere secondo me è la tendenza diffusa ad attribuire alla navigazione anonima il ruolo più importante per difendere la privacy.
    Non lo è, la crittografia forte e la pulizia delle tracce sul PC (meglio ancora: non lasciarle, vedi Live CD/USB e macchine virtuali) è ancora più importante.

    Se ti de-anonimizzano Tor (o se non usi Tor) puoi sempre dire che IP != persona fisica, ma ciò non ti basta se ti fai trovare del materiale "compromettente" in chiaro sul PC.
    Ma se non ti trovano niente, difficilmente possono farti qualcosa (in un paese democratico, ovviamente).
    non+autenticato
  • Da questa recente traduzione di un articolo di infowars

    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?...


    Spionaggio e sorveglianza di massa dell'NSA

    Negli anni ‘90, quando gli attivisti anti-sorveglianza e i personaggi dei media stavano mettendo in guardia sulla vasta operazione di spionaggio della NSA, vennero trattati come teorici paranoici della cospirazione.
    Ben più di un decennio prima delle rivelazioni di Snowden, la NSA era impegnata a intercettare e registrare tutte le comunicazioni elettroniche di tutto il mondo nel quadro del programma Echelon.
    Nel 1999, il governo australiano ha ammesso (13) di far parte, assieme a Stati Uniti e Gran Bretagna, di un programma di intercettazione e sorveglianza globale condotto dalla NSA denominato Echelon in grado di intercettare "ogni chiamata internazionale via telefono, fax, e-mail o trasmissione radio" del pianeta.
    Inoltre, nel 2001 un dossier del Parlamento europeo ha affermato (14) che "in Europa tutte le comunicazioni e-mail, telefono e fax sono regolarmente intercettate" dalla NSA.

    ------

    Molto interessante l'arma della CIA che causa infarti con l'estratto di molluschi velenosi.

    E se fosse che questo dottor Robert Willner che faceva cose estreme come l'iniettarsi in TV sangue infetto di siero positivi senza mai contrarre l'AIDS, ma poi morto di infarto, sia stato vittima di quest'arma?

    http://www.mednat.org/aids/inietta_sangue_s+.htm
    iRoby
    7580
  • La seconda parte...potevi evitare.
  • Perché ci sono cose che alla gente fanno male, e non ne vogliono sentire parlare almeno finché non vengono palesemente smascherate?
    iRoby
    7580
  • - Scritto da: iRoby
    > Perché ci sono cose che alla gente fanno male, e
    > non ne vogliono sentire parlare almeno finché non
    > vengono palesemente
    > smascherate?

    No, semplicemente che quando tiri fuori certe fonti, parti a nastro con mille mila complotti che non centrano nulla con il discorso.
  • Ma assolutamente no! Tutti quei complotti citati nell'articolo mirano egualmente a consolidare e perpetrare l'egemonia USA sul resto del pianeta.
    Che siano le intercettazioni NSA, gli omicidi con armi non convenzionali e l'indebitamento cronico perpetrato dall'FMI con dollari creati dal nulla.

    Solo un sempliciotto non lo vedrebbe.
    iRoby
    7580
  • Ma la NSA sarà una conseguenza delle scie chimiche (con queste trovate così "geniali")?
    Oppure le scie chimiche sono un complotto della NSA?
    A bocca apertaCon la lingua fuoriRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Perché ci sono cose che alla gente fanno male, e
    > non ne vogliono sentire parlare almeno finché non
    > vengono palesemente
    > smascherate?

    No, perché sono stupidaggini.
    Impara a distinguere le cose serie dalla marea di cretinate che ingolfa tutto.
    Funz
    12972
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)