Claudio Tamburrino

Italia.it, una fine senza fine

Passaggio di consegne all'Enit per il portale del turismo italiano. Ma non ci sono soldi in cassa, neppure per pagare il lavoro già svolto dalle maestranze al lavoro. Probabile la chiusura a breve del sito

Italia.it, una fine senza fineRoma - In Parlamento sembra essersi consumato l'ultimo capitolo della costosa e travagliata vita del portale di promozione del turismo e del territorio, il famigerato Italia.it: a decretarne la fine, dopo anni di sprechi, sarebbero state proprio le spese ulteriori da sostenere.

Mentre si avvicendano le indiscrezioni circa una nuova indagine nei confronti della gestione del dominio, stavolta con al centro le collaborazioni esterne a catena, i deputati Mara Mucci ed Aris Prodani del M5S hanno presentato alla Camera un'interrogazione parlamentare sulle sorti del sito che dovrebbe servire a promuovere il turismo nazionale.

Alle loro domande circa la mancata retribuzione da febbraio scorso della redazione del sito (gestione affidata tramite appalto del 2012 ad Unicity), Stefano Ceci, braccio destro del ministro Franceschini in ordine alle faccende del turismo ha risposto che il sito è stato affidato all'Enit (l'Agenzia nazionale del turismo) con la legge 106/2014, ma che questa mossa non ha comportato anche il conferimento di un budget ad hoc. Inoltre il passaggio di consegne è avvenuto dopo che Promuovitalia, ente operativo del Ministero dei Beni Culturali, è stato messo in liquidazione ed ha smesso da tempo di pagare i servizi redazionali del portale; infine, a complicare ulteriormente la situazione, sembra essere senza contratto da diversi mesi il partner tecnologico della piattaforma, Automobil Club d'Italia che potrebbe quindi decidere di chiudere tutto.
L'ultimo appuntamento ufficiale del sito istituzionale era stato con l'allora ministro del Turismo del Governo Monti, Piero Gnudi, che nel 2012 presentò un documento in cui venivano illustrati i programmi che sarebbero dovuti passare attraverso un sostanziale "cambio di rotta". Tuttavia questo non aveva certamente calmato le acque attorno al portale, visto che poco meno di un anno prima si parlava dell'istituzione di una commissione d'inchiesta ad hoc e con il Tar del Lazio che si era già visto costretto ad intervenire bloccando l'appalto da 4 milioni e mezzo di euro che avrebbe dovuto affidare la redazione dei contenuti del sito alle aziende Monrif Net, Srl-Zeppelin group e Srl-Paesionline Srl. Con il nuovo appalto, tuttavia, la situazione non è stato affatto risolta e quella che sarebbe dovuta essere una vetrina (particolarmente importante in vista del prossimo Expo) rimane ancora un'imbarazzante sito in via di costruzione (o prossimo all'abbandono).

D'altronde, la storia del sito che avrebbe dovuto rappresentare l'Italia e i suoi luoghi turistici online è stata lunga e travagliata: i costi hanno ampiamente superato i 10 milioni di euro (si parla di 22 milioni di euro totali) ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Scarsi i contenuti e poco accattivante il design e l'interfaccia.

Come la sua vita, anche la fine di Italia.it sembra essere ingarbugliata: Promuovitalia sostiene di non avere i soldi per pagare gli ultimi sei mesi di lavoro della redazione (circa 30 mila euro al mese), ma gli vorrebbe imporre di continuare ad aggiornare il sito fino al 25 settembre con conseguente minacce di cause di lavoro da parte di redattori, traduttori e giornalisti assunti per farlo. E l'Enit è stato recentemente commissariato e dunque sembra avere le mani legate.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
33 Commenti alla Notizia Italia.it, una fine senza fine
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)